La mia nuova vita (seguito 3/??)

Scritto da , il 2020-04-11, genere zoofilia

A LETTO CON I NOSTRI CANI

Si fece sera, preparammo da mangiare per i nostri cani.
Li alimentavamo 2 volte al giorno:
la mattina croccantini e la sera cibo fatto in casa,
il menu del giorno prevedeva per loro petto di pollo, mezza banana e pezzetti di uovo sodo.
Claudia aggiunse anche alcuni croccantini, “questi se li sono proprio meritati!”

Mentre preparavamo il cibo i nostri cuccioloni se ne stavano in cucina seduti seguendo con lo sguardo ogni nostro gesto, avevano l’aria di essere affamati, non potevi non provare per loro una profonda tenerezza.

Anche noi consumammo una cena leggera e ci sedemmo in veranda a sorseggiare un bicchiere di vino, Rocky e Scheggia se ne stavano sdraiati quieti ai nostri piedi.

Claudia chiese: “Bea, amore, come ti senti? sicuramente avrai ancora la patata indolenzita, il nodo di Scheggia è molto grosso e sicuramente la tua vagina sarà ancora tumefatta; considerato che anche il pene di Rocky non scherza pensavo sia opportuno far riposare la tua fica.
Lunedì sera passerò da casa tua, mi offrirai la cena e dopo aiuterò Rocky a montarti, se necessario mi tratterrò a dormire da te ... che ne pensi?”.

“Farò come vuoi, anche se non vedo l’ora di essere posseduta da Rocky, l’esperienza che ho vissuto oggi pomeriggio è stata meravigliosamente sconvolgente.
Se penso alle leccate di Scheggia, al vigore delle sue martellate parossistiche, al suo enorme pene che lievitando dentro la mia vagina mi ha fatto godere come una troia ninfomane, vorrei essere scopata anche adesso, spero solo che Rocky sia bravo come Scheggia”.

Claudia con un tono di voce inaspettatamente serio mi domandò: “ma tu vuoi bene al tuo cane? ... che sentimento provi per lui?”;
“Certo che si!!” risposi: “ma che domande mi fai?!!”;
lei incalzò: “che faresti se Rocky non nutrisse alcun interesse sessuale per te?. Queste domande ti sembreranno strane, forse anche offensive, ma conosco molte donne che vedono nel cane semplicemente un sex toy vivo e palpitante, non nutrono per lui il ben che minimo affetto, vogliono solo essere scopate e riempite di sborra e se qualcosa non va secondo i loro desideri se ne disfano all’istante, magari abbandonandolo in mezzo alla strada; sappi che odio profondamente questa sottospecie di troie miserabili, non avranno mai il mio aiuto.

Ricordati che il cane è il migliore amico che si possa desiderare, sempre presente, instancabile, fedele si farebbe uccidere per difendere il suo padrone, il suo è un affetto assoluto, senza limiti è un essere vivente degno della nostra stima e del massimo rispetto.

Se una donna si sente attratta sessualmente da lui, se sente nascere un desiderio zoofilo ha il diritto di soddisfare la sua voglia senza tabù ma ha anche il dovere di rispettare il suo volere.

La donna ha il diritto di insistere, se è il caso a dar fondo a tutte le arti di seduzione per cercare di svegliare in lui il desiderio di possederla.
Talvolta è un impresa ardua, faticosa specialmente se l’amato è un giovane cucciolone.

All’inizio può apparire indifferente, completamente disinteressato ma in realtà è semplicemente confuso non riesce a capire quello che tu vuoi che faccia, dopotutto bisogna capirlo magari fino a due minuti prima a sentito solo: “a cuccia!! ... scendi dal letto!! ... giù le zampe!!”.
Non bisogna arrendersi, bisogna sommergerlo di carezze e coccole, farlo sentire amato e desiderato, nella totalità dei casi, come tutti i maschi, anche lui non vede l’ora di infilare il cazzo in una fica calda e accogliente.

Se riesci a convincerlo, a farti accettare come cagna, diventerà un amante instancabile pronto a soddisfare sempre le voglie della sua padrona.

Qualche volta sarai tu a dover sottostare al suo desiderio, non ti lascerà in pace fino a quando non ti avrà messa a quattro zampe, ma lo farà con dolcezza, ti sedurrà con lo sguardo supplichevole, con le leccate sulla faccia, ti farà sentire la sua cagna in calore e non potrai fare a meno di desiderare che il suo nodo ti leghi a lui.
Tuttavia una minoranza di circa il 10 percento non avrà mai rapporti sessuali con gli esseri umani.
Qualunque cosa tu possa escogitare non riuscirai mai a convincerlo a montarti, a fargli fare una cosa alla quale non è interessato; in tal caso bisogna rassegnarsi, insistere all’infinito potrebbe compromettere la sua salute fisica e mentale, sarebbe un violenza, un deprecabile abuso da condannare senza mezzi termini”.

Il suo discorso mi aveva fatto riflettere: “Perdonami Claudia non avevo pensato a questo aspetto, mi auguro che Rocky possa contraccambiare le mie voglie ma ti giuro che comunque vada sarà sempre il “mio” cane, lo amerò come ho sempre fatto fino ad ora; ti ricordo che fino a stamattina per me lui era solo il mio fedele compagno di vita, mai avrei pensato di fare sesso con un animale, ma l’esperienza con Scheggia ha portato alla luce un aspetto della mia indole che non mi sarei mai sognato di avere.
Si!! ... mi sento una lesbica zoofila amante dei cani e ne sono felice!.
Si!! ... adoro perdutamente il loro nodo e il loro pene !! …. , la scopata possente loro coito!! ... si!! mi sento follemente attratta dal loro cazzo almeno quanto mi sento affascinata dalla patata bollente e succulenta delle donne”

Claudia mi prese il viso fra le mani e mi baciò con passione.
“Stasera comincerai a lavorarti il tuo Rocky cercando di sedurlo, faremo salire sul letto i nostri cucciolotti e giocheremo con loro.
Si, ... so bene che al tuo cane questo non è permesso, ... almeno finora” aggiunse ridendo maliziosamente; “ma stasera faremo un eccezione, ci metteremo a letto nude senza niente addosso, ne collane ne anelli, niente che possa far loro del male, ...ah dimenticavo ...ci laveremo i denti con più cura del solito!”

Non capivo, ... chissà cosa passava per la testa di Claudia, ma non gli chiesi nulla, volevo gustarmi le sorprese che la mia compagna tentatrice stava escogitando per me.

Ci preparammo e ci mettemmo a letto :
“Scheggia salta su, vieni da mamma!” il cane scodinzolando felice con un balzo saltò sul letto accovacciandosi accanto a lei e cominciò a leccarla sul viso, Claudia la intercettò e cominciò a lambirlo con la lingua, si stavano baciando!”.

“Chiamalo ma usa un tono di voce fermo e deciso, se si accosta subito a te, lascialo fare e riempilo di coccole parlandogli dolcemente altrimenti digli di avvicinarsi e accarezzalo”.
“Rocky qua!” lo chiamai battendo sul letto con il palmo della mano dopo un attimo di esitazione salì sul letto ma rimase ritto sulle zampe era evidente che era nervoso, lo accennai a Claudia: “non è nervoso e solo disorientato ... chiamalo dolcemente e accarezzalo vedrai che si rilasserà subito”.

Lo chiamai teneramente: “vieni da mamma! ... che bravo ragazzo sei!! ... vieni qua la tua mamma ha bisogno di te!!”, e accarezzandolo ripetutamente sui fianchi col dorso della mano aggiunsi “E’ tutto ok ... sei proprio un bravo ragazzo!!”, abbassò la testa guardandomi con gli occhi spalancati e cominciò a leccarmi; istintivamente avvicinai la mia lingua alla sua, era umida e rugosa mi piaceva e cominciai a limonarlo, stavo baciando per la prima volta il mio cane!!.

Lo abbracciai e intrufolando le dita nel suo mantello cominciai massaggiarlo e ad accarezzarlo dietro la testa parlandogli con un tono di voce acuto e dolce proprio come fanno le mamme rivolgendosi ai loro bambini: “ma com’è bravo questo ragazzo!! ... bravo!! ... sei tanto bravo!!” .

Rocky si era rilassato si distese sul letto con il corpo attaccato al mio, il contatto fisico con il suo pelo mi eccitava terribilmente avevo la fica in fiamme, sbrodolavo come una fontana.

Sentii Claudia gemere di piacere mi voltai e la vidi, aveva le cosce oscenamente spalancate e Scheggia la stava spennellando voracemente.
Mi ero sollevata a sedere per guardare meglio, Rocky approfittò di quella posizione e inizio a leccarmi i seni, la sua lingua si insinuava fra le mammelle sollecitandoli entrambe contemporaneamente, mi sentivo morire .
La sua lingua ruvida passando sui capezzoli mi provocava una scarica elettrica che attraversava tutto il mio corpo, ad ogni tocco corrispondeva un pugno sferrato nel mio basso ventre mentre uno strano languore si impossessava della mia fica che continuava a secernere un fiume di miele.
“siii!! ... bravo!! ... continua !! ... bravo!!! ... mi fai morire !!“
Rocky allargo le narici annusando e si precipitò fra le cosce intrufolando la lingua fra le grandi labbra.
Leccava con foga il clitoride come un invasato. Urlando senza freni precipitai in un orgasmo che mi fece quasi perdere i sensi.
Sentii la voce di Claudia, mi destai dal torpore che mi aveva sopraffatta, si era avvicinata a me e accarezzandomi teneramente disse: “amore vedo che sta andando tutto bene, il tuo Rocky ha fatto il suo dovere ora è giunto il momento che tu faccia la tua parte ricambiando le sue effusioni, avrai un incontro ravvicinato col cazzo del tuo cane, ti insegnerò a masturbarlo e se vorrai, anche a leccarlo e spompinarlo”.

Annuii, mi sentivo eccitata all’idea di imparare come fare per farlo godere, avrei fatto tesoro degli insegnamenti di Claudia eseguendole diligentemente.

“Coccolalo un po e comincia piano piano ad accarezzarlo sul petto, ... si brava così!! ... continua senza fretta vedrai che fra un po per agevolarti il compito si sdraierà sul dorso a pancia in alto, tu continua ad accarezzarlo piano piano”.

Passo un minuto e Rocky, come se avesse compreso le parole di Claudia, si distese completamente rilassato con la pancia esposta, le zampe in aria, la testa e la coda immobili adagiate sul letto.
“Questo sporcaccione si sta godendo le tue carezze, il suo istinto gli dice che sta arrivando anche per lui il momento di appagare le sue voglie, continua ad accarezzarlo con il palmo della mano aperta con un movimento rotatorio e piano piano allarga l’area interessata coinvolgendo la pancia, se si irrigidisce fermati e torna indietro, ma credo che ti lascerà fare, ... bene sei bravissima!, ora mentre continui il movimento rotatorio sfioragli il cazzo col dorso della mano deve essere un tocco lieve come se fosse stato dato per caso, se non reagisce toccaglielo ad ogni giro colpendolo sempre con più forza”.
Rocky non si mosse di un millimetro se ne stava beato con gli occhi socchiusi, “Bravissima! ... ora col palmo della mano a dita unite accarezzalo con entrambi le mani parallelamente al pisello, fino a toccare con le punta delle dita l’inguine ... ora allarga il pollice e mentre lo accarezzi fallo scivolare lungo tutto il cazzo, ... bravissima!! ... vedi non si muove. si sta godendo le carezze della sua padrona!.
Ora toccagli i testicoli ... prendile nel palmo della mano e stringili un po, piano mi raccomando ricordati che sono le sue palle, fai piano o ti becchi un morso!”.

Rocky si mosse leggermente sollevò la testa e mi leccò il viso.
“Mia cara lo hai completamente sedotto, ora puoi fare di lui ciò che vuoi, penso sia giunto il momento della prima sega al tuo cane, in futuro farai infinite seghe ai cani, ma questa la ricorderai per tutta la vita, metti la mano sul suo uccello e stringilo”.
“Claudia!! ma Rocky è già arrapato!! lo sento duro dentro il fodero!!”
“Quante cose devi ancora imparare amore mio! Lui, ‘è’!, sempre duro!, il suo pene è in realtà un osso, per la verità nemmeno tanto grosso.
Ovviamente la dimensione dipende dalla razza.
Nei nostri cani che sono di taglia medio-grande ha più o meno lo spessore di un dito medio ricoperto da una membrana carnosa molto delicata e morbida al tatto, ... un po come il glande di quelle teste di cazzo degli uomini!!.

Ora accarezzalo con un po più di energia muovendo la mano verso le sue palle.
Claudia mi aveva preso la mano guidandola ... “ora stringi un po e dimmi cosa senti”
“mi sembra di percepire due piccoli ingrossamenti e come se avesse un altro paia di palle!!”: esclamai.
“Sono le protuberanze del bulbo, si ingrossano rapidamente quando il pene è nella vagina della sua cagna formando il nodo che li bloccherà per tutta la durata della monta; fra un po vedrai che il tuo Rocky ce lo mostrerà in tutta la sua magnificenza!.
Ma ora continua a massaggiargli il fodero e le palle, vedrai che comincerà ad eccitarsi e la punta del suo pene farà capolino dal fodero”.

Mentre lo massaggiavo un turbine di pensieri si affollavano nella mia mente, il contatto con il suo membro mi procurava un eccitazione indescrivibile, che mi stava succedendo?.
Fino ad allora non avrei mai immaginato che fosse possibile fare sesso con una bestia, ma non era tanto quello che mi scioccava.
Quello che non capivo era il desiderio irrazionale di essere sua.
Una voglia irrefrenabile di essere la sua cagna pronta a ricevere il suo membro e e il suo sperma per farlo felice.

“Come sei bravo bambino mio!! ... che bel cazzone che hai!! ... è vero che riempirai la tua mamma di sborra bollente!!?".

Gli dicevo queste parole con dolcezza mentre continuavo ad accarezzare il suo pisello e le sue palle.

“Sei brava Bea le tue carezze lo stanno eccitando vedi il suo pene che sta uscendo dal fodero? Toccalo è morbido, liscio , umido non ti viene voglia di leccarglielo!!?”.

La punta del pene, svettava fiammeggiante aveva un colore rosso appariva umido, aveva proprio un aspetto invitante, mi chinai gli leccai la punta e lo presi in bocca per spompinarlo.

Ma Claudia mi bloccò con un tono di voce allarmato: “ No amore!! ... ferma!! ... che fai!!? ... non devi mai prendere il suo membro in bocca in questa fase ... mai!! ... è pericoloso per lui ma anche per te, puoi leccarlo all’esterno quanto vuoi ma mai in bocca!!;.
Fra qualche secondo inarcherà la schiena e comincerà a spingere il pene in avanti con colpi veloci e poderosi, sono movimenti istintivi incontrollati sicuramente andrebbe a sbattere contro i denti ferendosi, questo e da evitare assolutamente, per lui è molto doloroso, la lacerazione si infetterebbe a causa dei batteri che si trovano nella nostra bocca
Malgrado l’accurata pulizia che ogni padrona diligente dovrebbe sempre fare prima di cominciare il sesso orale, l'infezione sarebbe inevitabile, seguirebbero giorni di sofferenze e di duro lavoro per il veterinario che dovrà curarlo.

Hai poi pensato cosa ti succederebbe se in uno di questi affondi la punta del suo pene ti arrivasse in gola?!. Ricorda che sotto quel salsicciotto caldo ed invitante si cela un duro osso!”.

Ripensai ai colpi poderosi, violenti di Scheggia quando mi aveva penetrata, agli affondi portati avanti con una forza tale da far sobbalzare tutto il mio corpo.

Compresi quello che Claudia mi stava dicendo, la baciai con affetto. “Grazie tesoro, sei una maestra eccezionale, ringrazio la mia buona stella che ti ha messo sul mio cammino, non riesco a comprendere l’incoscienza di quelle donne che iniziano un rapporto sessuale con il proprio cane senza una guida che li accompagni nelle fasi iniziali”.

“Bando alle ciance, questo cagnolone sta aspettando impaziente ... per cominciare premi ritmicamente dietro al bulbo vedrai che cominceranno i movimenti in avanti del bacino, con l’altra mano fai scivolare indietro la guaina per esporre l’oggetto del nostro desiderio, è ciò che avviene durante la penetrazione, il davanti della guaina sbatte contro l’apertura della vagina spostandosi sempre di più all’indietro fino a quando non è tutta raccolta dietro il bulbo.
Il bozzo viene così a trovarsi completamente nella fica della cagna in quell’istante ha inizio la sua erezione.

Il bulbo si gonfia velocemente ancorandosi e rimanendo imprigionato nella fica, trattenuto dai muscoli della vagina che lo serrano contraendosi; cessano tutti i movimenti coitali; il maschio rimane immobile e comincia a riempire di sperma la sua femmina.
Bravissima!! ... scapocchialo ancora un po e fermati prima che la guaina superi il bulbo così diamo un occhiata da vicino al suo cazzo e perché no anche una leccatina per lubrificarlo, ricordati che il suo pene vermiglio quando è esposto deve essere sempre mantenuto umido”.

II pene di Rocky era fuoriuscito per una decina di centimetri, aveva una forma affusolata che si ingrossava leggermente verso dietro.

“Ma è sottile!! ... me lo aspettavo più grosso!”.

“Sottile!!? ... dici!!?” disse Claudia ridacchiando :“te ne accorgerai fra un po!!”.
Intanto con la lingua stava raccogliendo le gocce che copiose uscivano dalla punta del pene, ingoiandole.

“Questo nettare mi fa andare fuori di testa!!, mi calma, mi rilassa mi fa sentire bene, assaggialo tesoro ne vale la pena, ma avvicina la lingua di fianco, mi raccomando non disporre la bocca in direzione dei suoi movimenti”.

Mi fece spazio, lasciandomi campo libero, continuando a leccare la verga di Rocky più in basso, succhiando e baciando anche le sue palle.

Iniziai a leccare e a raccogliere con la lingua il liquido trasparente e molto fluido che fuoriusciva dalla sua punta a piccoli fiotti, ingoiavo ingorda mai sazia alternandomi con Claudia, scendeva giù facilmente era caldo ed aveva un buon sapore, il liquido pre-coito del mio Rocky sarebbe diventato la mia tisana preferita.

Ora lo faremo godere, lo spomperemo fino a togliergli l’ultima goccia di sborra poi lo lasceremo tranquillo fino a lunedì”.

“Ma se ti ha riempito di sperma infarcendo la tua vagina non più di un paio d’ore fa!!, poverino sarà a secco, non credo che gliene sia rimasta molto di sborra!!”.

“Alla sua età , recuperano molto velocemente, se gli tira possono montarti quattro cinque volte in un giorno!! ... ok non ce ne sarà tantissima ma basterà per il mio trattamento idratante serale!” e anticipando l’ovvia domanda che stavo per fargli, continuò:
“no non chiedermelo!! ... abbi un po di pazienza e vedrai da te!! ... piuttosto è ora di provocare la sua erezione e farlo godere!! ... per stavolta ti guiderò io, dopo quando sarà il turno di Scheggia dovrai fare tutto da sola e ti assicuro che sarò una maestra inflessibile nel giudicarti!!”.

Mi prese la mano e me la portò sul bulbo, ancora ricoperto dal suo fodero, stringendolo ritmicamente, Rocky iniziò a spostare il bacino in avanti menando colpi sempre più violenti che scostando la guaina sempre più indietro provocarono la fuoriuscita del bulbo.
Claudia mi scostò la mano, introdusse la parte esposta del pene dietro il bulbo nell’incavo tra indice e medio, abbracciando con il palmo della mano quel rigonfiamento rosso fuoco e cominciò a stringerlo,
fu un attimo … il bulbo gonfiandosi si trasformò in un enorme malloppo di carne e il pene in un salsiccione grosso e duro.

“Bea ti presento il cazzo del tuo cane!! ... che te ne pare, non è meraviglioso?!! ... ti sembra ancora piccolo?!!”: disse ridendo.

Ero esterrefatta, guardavo imbambolata, come avrei potuto ricevere in fica quel bozzo enorme e quel cazzo massiccio pieno di vene pulsanti, scolpite a rilievo sulla sua superficie !!?, ero si intimorita ma nello stesso orgogliosa dalla grandezza degli attributi del mio Rocky.

La voce di Claudia mi distolse dai miei pensieri:
“Amore vedi ha smesso i suoi movimenti scomposti è ora di spompinarlo e leccarlo fino allo sfinimento, fa lavorare bene la lingua e le labbra è importante inumidire tutto la sua banana, nodo compreso .... ma mi raccomando fa attenzione ai denti!!.

Ero infoiata in preda ad un eccitazione irrefrenabile, l’odore animale che emanava dal suo pene mi stordiva, glielo presi in bocca e comincia a leccarlo e succhiarlo ... come era buono!!.
Di tanto in tanto leccavo tutta la sua superficie insalivandola e ricominciavo a pomparlo.

“Ha cominciato a sborrare??”, feci cenno di si con la testa senza interrompere il mio pompino, mi stava schizzando sperma bollente ne avevo la bocca piena ma non riuscivo ad ingoiarlo era troppo vischioso.

“Amore lo so che le prime volte è difficile da mandare giù, non ti sforzare svuota la bocca nell’incavo della tua mano e inizia il mio trattamento di bellezza!! spalmamelo sui seni e sul viso; il succo delle sue palle è una crema rivitalizzante portentosa!” disse Claudia con la voce rotta dalla lussuria.

“Sei una troia di cagna in calore, ma ti amo per questo!!”:dissi e cominciai a leccargli e mordicchiargli i capezzoli induriti prima di spalmarli con cura con lo sperma di Rocky.

Tornai ad abbeverarmi alla fonte del piacere che continuava a zampillare e finii la maschera di bellezza al mio amore spalmandole, come mi aveva richiesto, il collo, il viso e la fronte facendo attenzione a non sporcargli gli occhi.

“Bea prendi il mio posto, acchiappagli il nodo come sto facendo io fra un po comincerà a sgonfiarsi” e cominciò a sua volta a leccarlo e spompinarlo.

Dopo un po si sollevò e si avvicinò a cosce larghe, ”infilamelo in fica che voglio scoparlo a smorza candela!!”.

Lo infilai nella sua vagina, rimasi meravigliata per la facilità con la quale potevo muovere il pene di Rocky era come se fosse fissato su un supporto snodato.

Claudia cominciò a cavalcarlo con impeto mugolando di piacere.

“Si sta ammosciando, si è ridotto di volume”: dissi.
Lei si sollevò e si lascio cadere di colpo; il nodo, che si era notevolmente ridotto, sparì dentro la sua vagina.
Si abbandono urlando in preda ad un potente orgasmo.

Rocky estrasse il suo pene e cominciò a leccarsi aiutato da Scheggia che nel frattempo si era avvicinato.

Lo abbracciai “Bravo ragazzo!! ... bravo!! ... che bel cazzone ha il mio Rocky!!!” gli dissi scuotendolo per la testa, vidi il suo pene sparire piano piano dentro il suo fodero peloso e si sdraiò esausto.

Era giunto il momento di dedicarmi alla cagna che se ne stava con gli occhi socchiusi, gli allargai le cosce e cominciai a pulire la sua conchiglia piena di sperma.

Lei con la mano trai capelli mi teneva la testa tirandola verso di se, si lamentava come una gatta in calore, la pulii ben bene.
La sborra mista al miele della sua patata era molto meno vischiosa e l’ingoiai tutta fino all’ultima goccia.

Intanto Scheggia si era avvicinato da dietro e approfittando della mia posizione aveva cominciato a leccarmi in mezzo alle chiappe sollevai un po il bacino e cominciò a lapparmi la fica, probabilmente si preparava a montarmi.

Gliela avrei data con tutta l’anima tanta era il fuoco che sentivo dentro di me, ma mi ricordai delle parole di Claudia, mi voltai e mi sottrassi a malincuore a quelle leccate.

Il pene di Scheggia fuoriusciva dal fodero per circa 5 centimetri, povero caro si vedeva che moriva di voglia, lo abbraccia coccolandolo, mi guardava con due occhioni disarmanti:
“Si bambino ora Bea penserà a te!! ... non ti preoccupare!!“, mi abbassai e cominciai a leccarlo bagnandolo abbondantemente con la saliva, mi ringraziò con una interminabile slinguata sul viso.
Si adagiò con il ventre in aria in attesa.

Non servivano molti preliminari era già abbastanza eccitato di suo, gli strinsi il bulbo e iniziò a menare colpi poderosi inarcando la schiena sfoderandosi in un attimo.
Come aveva fatto Claudia inserii il tratto dietro al bulbo nell‘incavo fra indice e medio e cominciai a stringere col palmo della mano il suo bozzo, si gonfiò in un lampo divenne enorme non smetteva più di crescere!!.

Il pene di Scheggia era bellissimo! ... enorme! ... svettava nella sua magnificenza!.

Il suo sesso era anatomicamente leggermente diverso da quello di Rocky, i due lobi del bulbo erano nettamente visibili, a differenza di quelli del mio cane che sembravano fondersi formando un cipollone unico.
Il fusto era più grosso e più corto, leggermente arcuato sembrava più tozzo, più spesso, ... incuteva quasi paura. La lunghezza, dall’attaccatura dietro il nodo alla punta sarà stata di un 25 centimetri, la punta terminava con una protuberanza dal quale fuoriusciva il suo liquido d'amore, sembrava uno zufolo.
Una fitta rete di vene pulsanti lo ricoprivano interamente irrorando e conferendo alla sua pelle morbida un colore rosa. Appariva umido, lucido, pulito, invitante.

Ripensando alla mattina Non riuscivo a credere che la mia vagina era riuscita ad contenere quella cosa enorme.

Campassi cent’anni non dimenticherò mai Scheggia. Era stato il mio primo amante
Il suo cazzone fantastico mi aveva iniziato al meraviglioso mondo del sesso con i cani rendendomi schiava per sempre.

Iniziai a tempestarlo con bacetti e leccatine, lappavo on la lingua il liquido delizioso che sgorgava dalla sua punta bevendolo avidamente, era buono come quello di Rocky.

Scheggi continuava con colpi poderosi a scopare nel vuoto ogni tanto guaiva “che peccato!! ... che spreco!!” pensai tra di me mentre gli stritolavo il nodo con il palmo della mano.

Dopo un po smise di muovere il bacino presi il suo pene in bocca e iniziai un pompino interminabile, lo succhiavo con passione, con amore, ero come impazzita desideravo farlo felice.

Le mie labbra scorrevano veloci lungo tutto il suo pene cacciandomelo in bocca più che potevo, iniziò a sborrare; il suo sperma stava diventano sempre più denso fui costretta a svuotarmi la bocca facendolo scorrere via dalle labbra, mossi il suo pene in maniera che i suoi schizzi cadessero sul mio seno e con l’altra mano comincia a spalmarmelo sulle mammelle, sul tronco, sul collo, sulla faccia, dappertutto!!
“Sei diventata una cagna più troiona di me!!: disse Claudia che si era ripresa dai postumi del suo orgasmo.

“ti sei svegliata!! ... finalmente!! ... era ora!! ... ti prego aiutami!! infilami questo cazzo dentro la fica!! ... non ce la faccio più!! ... lo voglio lo desidero!!”.
“Ma Bea ... il tuo fiorellino??!!”
“la mia fregna un corno!! ... sto morendo di voglia!! ... desidero questo salame dentro!! ... al massimo fa che non mi infili il nodo dentro!!”: risposi invasata con la voce rotta dalla libidine.

Claudia prese il mio posto afferrò il nodo di Scheggia, recuperò un po di sperma e lubrificò il pene con cura.

“Accostati un po!“ disse, mi avvicinai più che potei con le cosce bene aperte e me lo infilò in fica con un colpo netto.
Sentii il clitoride sbattere contro il nodo e rabbrividii, cominciai a scoparmi come una forsennata.

Scheggia aveva smesso di lamentarsi e mi stava riempiendo di sperma bollente.
“siii!! ... che bello!! ... riempimi!! ... Che bravo !! ... vero che non vedevi l’ora che la tua cagna avvolgesse il tuo cazzo !!?? :... sborrami dentro bambino mio!! ... sborra tanto!!”
Urlavo come un indemoniata, mi stavo godendo quel membro possente, sentivo la sua punta sbattere contro l’utero non avevo provato nessun dolore solo puro godimento.
Seguirono una serie infinita di orgasmi sincronizzati con gli schizzi di lava bollente del mio amante.
Chiusi gli occhi e mi abbandonai sfinita.

Sentii in lontananza la voce di Claudia: “Amore te lo lascio dentro fino a quando il suo nodo non si sarà sgonfiato , riposati!”.

Aprii gli occhi che erano le due di notte, eravamo coperti da un lenzuolo, avevo accanto Claudia, i nostri cani sul letto accostati a noi riposavano placidamente. Abbassai le palpebre e ritornai a dormire.

Un invitante profumo di caffè, mi svegliò, era piuttosto tardi, avevo dormito profondamente, ero riposata mi sentivo proprio bene, stranamente euforica.

Mi sollevai stiracchiando le braccia, con un sospiro profondo, Rocky che mi era rimasto accanto si sollevò stampandomi una leccata sul viso, ai miei occhi appariva felice è rilassato.

“Buooon giornoooo!! ... Ragazzo mio!!! ... dormito bene!!?” gli dissi abbracciandolo e scuotendolo per il collo.

Indossai una vestaglietta trasparente e mi avviai in cucina.
“Era ora!!! ... buongiorno dormigliona!! ... bene alzata!! Ti ho preparato la colazione”.

Claudia mi porse una tazzina di caffè fumante, era ancora nuda.

“Sei radiosa tesoro mio, hai un viso luminoso e rilassato si vede che hai riposato bene ... stamane quando mi sono svegliata e ti ho vista rannicchiata abbracciata a Rocky sembravi un angioletto, facevi una tale tenerezza! ... guarda ti ho fatto una foto!” mi disse porgendomi il cellulare.

“E’ vero non dormivo così profondamente da diverso tempo, la giornata di ieri è stata un susseguirsi di emozioni che devono avermi sfinita”.

“Dici!? ... penso invece che sia l’effetto del succo dei nostri cani che hai tracannato golosa”: disse ridendo.

“Ora do da mangiare a questi due e poi andiamo a controllare
l’effeto del trattamento di bellezza!!”.

Mise un abbondante porzione di croccantini nelle ciotole di Scheggia e Rocky e una bacinella con l'acqua fresca.
Mi prese per mano e ritornammo in camera.
Mi avvicino verso l’anta a specchio dell’armadio, mi tolse la vestaglietta e mi esortò a specchiarmi.

Non credevo ai miei occhi!! avevo il corpo imbrattato dallo sperma, ormai essiccato, il ventre era piatto e levigato come se avessi di colpo perso due chili, i seni apparivano turgidi e sodi così come il collo e il viso, non c’era la minima traccia di rughe la pelle appariva più luminosa del solito.

“Non è possibile!! ... non credo ai miei occhi!!! ... questa storia coi cani mi ha fatto impazzire!! ... è incredibile!! ... non ci posso credere!!!”.

“lascia stare la salute mentale ... ammetti semplicemente che quando ti decantavo le virtù del succo delle loro palle, non esageravo!!, anzi vedrai dopo una doccetta che laverà via quella patina di sborra secca come sarà ancora più luminosa la pelle!! ... sei bellissima, radiosa nei tuoi occhi ce la stessa luce che hanno le donne incinte ... non è che Scheggia con tutta quella sborra ti ha ingravidato?”: disse ridendo e aggiunse: “ma dimmi ... ti da fastidio quell’odore di animale che emana dalla nostra pelle??”.

“Nooo! , non mi fa affatto schifo anzi questo odore pungente, simile al profumo che sentivo vicino all’inguine di Rocky mentre lo spompinavo, eccita i miei sensi, se fosse per me non mi leverei mai questo sperma di dosso“.
“Questa è la riprova che la mia bambina è una cagna nata, altro che pazza! .. sii te stessa e goditi con gioia questi tuoi impulsi senza farti inutili seghe mentali!!.
Ti accorgerai ben presto che quel nodo in fica è in grado di renderti infinitamente felce, rendere sopportabili anche le giornate più tristi della tua vita”-

Nel frattempo i due cani erano entrati in camera, Scheggia si era seduto tranquillo in un angolo, mentre Rocky si aggirava irrequieto girandomi attorno, ad un tratto sollevo una zampa e me l’appoggio su una coscia, un tizzone rosso fuoriusciva dalla guaina.

Claudia disse: “Questo è eccitato ed ha voglia di scopare! ... lo stronzetto ha preso coraggio, la tua fica deve piacergli molto e si sente già un maschio alfa dominante ... devi metterlo subito in riga ho avremo problemi con la sua educazione.

Ora, ... anche se magari vorresti metterti a quattro zampe e farti stuprare; con un tono di voce duro senza tentennamenti intimagli di mettersi a cuccia indicando il pavimento con il braccio teso, poi dagli un scappellotto dicendogli di non farlo più.

Mi raccomando devi essere dura, deve ficcarsi in testa che il sesso fatto assieme non ha cambiato nulla, che tu sei e sarai sempre la cagna alfa dominante!”.

Feci come aveva detto Claudia, si andò ad accucciare accanto a Scheggia con la testa e le orecchie basse guardandomi con due occhioni tristi, mi faceva una infinita tenerezza avrei voluto abbracciarlo e coccolarlo.

“Vedi come sono figli di puttana!! ... ti ammaliano con quello sguardo triste e supplichevole che non puoi fare a meno di accontentarli, ma mi raccomando non farlo mai immediatamente fai passare una diecina di minuti fa finta di fare altre cose e guardalo con indifferenza poi chiamalo e concediti a lui, ma dovrà credere che è una tua richiesta e che sei tu a volerlo”.

Poi indicando il letto: “Guarda che casino!! ... è il caso di lavare queste lenzuola!!”.
Erano imbrattate di sborra dappertutto, meno male che il materasso era protetto da una spessa traversa.
Li infilammo in lavatrice e poi le stendemmo al sole.

In attesa che si asciugassero, ci sedemmo in veranda godendoci quei caldi raggi primaverili, parlavamo dei nostri cani lei mi disse che era molto soddisfatta di come stava evolvendo l’addestramento di Rocky mi assicurò che da li a poco sarei stato in grado di gestire da sola la sua educazione anche e sopratutto quella sessuale.

“Rocky ha dimostrato ieri sera di essere molto attratto da te, ti considera già la sua cagna vedrai che essere montata da lui sarà meraviglioso, ti aiuterò per le prime volte in modo che tu ti senta sicura e possa godere appieno le sue sborrate, ti insegnerò le tecniche migliori per sopportare il suo peso e come fare per sollecitarlo a mettersi culo contro culo per la gioia della tua povera schiena.

Sappi che specialmente all’inizio la monta può durare anche più di un ora è importante mettersi comoda in attesa che il nodo si allenti.
”.
Quel sabato trascorse calmo e tranquillo, facemmo il bagno in piscina, e coccolammo i nostri cani per tutto il giorno senza staccarci mai da loro.

La sera andammo a letto presto facemmo, entrare in camera anche loro, ma non gli consentimmo di salire sul letto.
Anche se per la verità avevamo entrambe una voglia pazzesca di essere trapanate da loro, desistemmo.

Fu comunque una notte stupenda, lesbicammo fino alle ore piccole godendo come non mai, finché non ci addormentammo sfinite.

La mattina seguente ci svegliammo di buon ora ci prendemmo cura dei nostri cani, servimmo loro un abbondante pasto, condito con coccole e abbracci , che apprezzarono festosamente e li lasciammo liberi di correre per il prato.

Claudia si avvicinò e mi sussurrò con dolcezza “Non sono ancora sazia ho voglia di prenderti a morsi ...ti desidero da morire! ... tra un po dovremo prepararci per il rientro in città ti prego non perdiamo nemmeno un minuto!”.

Mi prese per mano e mi attirò a se, fece cadere la vestaglia che avevo indosso, avvertii un leggero morso sulle labbra e la punta della sua lingua fremente intrufolarsi nella mia bocca alla ricerca della mia, gli venni incontro attorcigliando la mia alla sua in un interminabile bacio sensuale.

Con una mano mi teneva stretta a se massaggiando delicatamente con la punta delle dita la mia nuca e con l’altra tormentava i miei seni titillando i miei capezzoli ormai duri come il marmo.

Mi stavo bagnando come una fontana. Fece scivolare le dita lungo la mia schiena sentivo le sue unghia tastare la spina dorsale provocandomi dei brividi su tutto il corpo.

Le sua mani si impossessarono dei miei glutei stringendoli e strizzandoli fino a farmi male, percepii per un istante il suo dito indugiare ed accarezzare il bocciolo del mio ano, che sensazione meravigliosa! desiderai ardentemente che me lo infilasse dentro!.

Stavo per chiederglielo ma Claudia, che aveva infilato 2 dita nella mia vagina, esclamo!: “ma sei più fradicia di me! ... E giunta l’ora di appagare questa due passerine affamate ”, mi prese per mano e ci avviammo in camera.

Claudia mi spinse delicatamente sul letto allargò le mie cosce ed iniziò a leccarmi tutta. Sentivo la lingua passare dalle grandi labbra all’orifizio del culo, producendo delle sensazioni per me del tutto sconosciute.
Poi cambiò posizione mettendosi a 69 affinché potessi anch’io usare la mia lingua per appagare la sua fica che sbrodolava per ogni dove.

I gemiti di piacere andavano crescendo con il passare dei minuti, ogni bacio che ci davamo era carico di un desiderio irrefrenabile che aumentava a dismisura quando le dita e la lingua affondavano nel corpo dell’altra.

Sentivamo entrambe che un orgasmo potente stava per arrivare ed ciascuna di noi dava il meglio di se per far si che quell’atto d’amore accrescesse a dismisura il godimento dell’altra.

Cominciò a rantolare, il suo corpo tremava come una foglia squassata da un orgasmo irrefrenabile: “arrivo!! ... Bea amore mio ... sto godendo come una troia !!! godooo!! ... arriva assieme a me!!!” affondai la mia lingua dentro la sua vagina e cominciai a rotearla vorticosamente succhiando i suoi umori.

Continuava a tremare come un indemoniata farfugliando parole incomprensibili, ad un tratto sentii il viso bagnato, mi stava squirtando in faccia ... due ... tre schizzi di liquido afrodisiaco mi irrorano il viso e le tette quel contatto scatenò in me un orgasmo infinito che mi lasciò senza fiato.

“Che vergogna! ... anima mia ... mi è scappata un po di pipì!! sicuramente ti ho bagnato|!! perdonami!!”.
“Ma di quale pipì parli?! ... mi hai spruzzato con il nettare della tua farfallina, non era pipì,...mi hai squirtato in faccia!! ... è stato meraviglioso!!”, risposi con voce tremante ancora in preda al mio orgasmo. “ora pulisco per bene la mia porcellina sbrodolosa” le allargai le grandi labbra e cominciai a leccare e ciucciare i suoi umori, le pulii il perineo , il bocciolo del suo ano , l’interno delle sue cosce.
Un profumo inebriante di femmina colpi il mio olfatto esplodendomi nel cervello.

Claudia mi chiamò a se “non mi era mai successo, sei tutta bagnata!!, avvicinati! voglio asciugarti!! e cominciò a leccare ogni millimetro del mio viso continuando con il mio seno soffermandosi a mordicchiare i capezzoli induriti dal desiderio.

Ci abbracciammo languidamente fondendoci in un corpo unico e sopraffatte dalla stanchezza chiudemmo gli occhi per riposare.
Dopo una mezz’oretta sentimmo il cellulare di Claudia squillare in salotto, “chi può essere a quest’ora di domenica!?” disse Claudia brontolando seccata.

La sentii parlottare per alcuni minuti e rientrando in camera disse:
“ci sono delle novità, al telefono era Anna mi ha detto che sarebbe tornata da lì a poco e mi ha chiesto se potevo dare un passaggio a Giulia che doveva andare in città per risolvere alcuni problemi con la banca e se potevo ospitarla a casa per un paio di giorni.
Mi ha anche chiesto di domandarti e se fosse possibile che tu ti trattenga in villa fino al suo ritorno perché detestava rimanere da sola la notte.

Gli ho già risposto che Claudia poteva rimanere a casa mia per tutto il tempo che desiderava ma che dovevo parlare con te per sondare la tua disponibilità a trattenerti in villa perché non conoscevo i tuoi impegni di lavoro”.

“Tu che ne pensi?” gli chiesi, “Ho sicuramente una video conferenza giovedì pomeriggio con alcuni industriali francesi per il resto non credo di avere altri impegni importanti”.

“In questo caso tesoro ti consiglio di accettare, Anna ti tratterà come una regina e sicuramente vivrai nuove indimenticabili esperienze. Il discorso sulla compagnia e solo una scusa perché con lei c’è sempre la sua segretaria, evidentemente si è incuriosita e vuole fare la tua conoscenza gli ho raccontato che sei molto bella e questo deve aver stuzzicato la sua curiosità; io nel frattempo mi prenderò cura di Giulia, con lei ho già avuto dei rapporti mooolto mooolto appaganti!!” aggiunse strizzandomi l’occhio e sorridendo maliziosamente.

“C’è una cosa però che mi dispiace, speravo che tu mi aiutassi già da domani con Rocky e invece dovrò aspettare ancora ... uffa!”
“ma che dici! stupidina?! ... con Anna non dovrai aspettare nemmeno un secondo, gli ho già raccontato tutto e ti assisterà lei, non dimenticarti che è stata la mia maestra!”.

“Allora mando subito una mail in ufficio e chiamo il mio boss per essere autorizzata ad assentarmi per qualche giorno, gli dirò che non mi sento bene e che ho qualche linea di febbre, così appena arriva Anna gli confermiamo che posso rimanere a fargli compagnia”.

“Forza diamoci da fare, fa questa telefonata e poi mettiamoci in ordine per ricevere degnamente la padrona di casa mi raccomando mettiti in tiro fatti bella sono certa che rimarrà folgorata dalle forme del tuo corpo”.

Verso mezzogiorno udimmo il rumore di un auto che entrava nel patio e un clacson suonare ripetutamente ..... erano arrivate!

(continua ...)


Questo racconto di è stato letto 2 9 3 8 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.