>Dopo la madre anche la figlia

Scritto da , il 2011-09-11, genere prime esperienze

Avevo una casa in campagna, accanto a me viveva una donna separata da anni con una figlia di 8 anni circa. Mi sbattevo regoralarmente la madre, bella donna di circa 30 anni. Quando ero in giardino seduto su una sedia spesso la bambina veniva a giocare da me e mi chiedeva di fare il cavalluccio. Acconsentivo volentieri e lei si metteva a cavalcioni sulle mie gambe facendo finta di cavalcare, nel movimento gridava cado e si abbracciava a me stringendo forte. Così facendo strofinava la sua fichetta sul cazzo, la sculacciavo dicendo non si fa così bambina cattiva e lei ridendo continuava a strofinare. Mi alzavo e prendendola per le treccine la scacciavo, sempre a sculaccioni.Dopo un po' la madre trovò lavoro in una città lontana e per diversi anni non le vidi più, un giorno vidi arrivare una macchina,scesero la donna e una splendida ragazza. MI salutavano cordialmente e sorridevano erano tornate, la madre mi diede un bacio sulle guance e io le chiesi chi fosse quella splendida ragazza. Ma è mia figlia non la riconosci è veramente così cressciuta? La mia meraviglia fu tanta ero totalmente sbalordito da tanta bellezza, un fiore di ragazza viso dolce,labbra carnose,seno minuto ma grazioso,gambe affusolate,culetto veramente ben fatto ed emanava freschezza da tutti i pori. Quando mi ripresi andai a sedermi sulla solita sedia, la madre era rientrata, la ragazza mi venne vicino, aveva una minigonna che a mala pena copriva le mutandine, emanava un profumo di gioventù, che mi inebriava. Mi disse se facevamo il cavalluccio, le risposi che ora era una donna e non si poteva, per niente dissuasa si mise a cavalcioni mostrandomi le mutandine bianche da dove uscivano dei peletti neri. Cominciò il solito gioco strofinandosi sul cazzo che mi si induriva sempre di più, sentivo quella calda fichetta che si contraeva e si allargava in un gioco delizioso. I miei ormoni ribollivano arrivò a darmi un bacio in bocca e mi disse che dovevo sverginarla. Trasecolavo pensando alla sua giovane età e poi l'avevo quasi cresciuta non mi sembrava il caso di accontentarla. Riuscii a svincolarmi e dissi che se non si fsosse fermata avrei chiamato sua madre.Quella troia? ma se sbava solo se pensa di venire a letto con te. Nom ne potevo più mi alzai e chiamai la madre, venne e quando le dissi quello che mi aveva chiesto la figlia tacendo su quanto riferito a lei, mi rispose ebbene ha sempre detto di avere voglia di te, e poi sta tranquillo non è tua figlia, quelli che mi avresti procurato non li ho fatti nascere, vai tranquillo. La sera bussarono alla porta, mi trovai davanti la ragazza che spingendo la madre diceva adesso tocca lei, dopo vengo io.E cominciò una storia inebriante, madre e figlia non lo avrei mai pensato.

Questo racconto di è stato letto 2 1 6 1 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.