Genoveffa la racchia

Scritto da , il 2011-09-14, genere prime esperienze

Si chiamava Marta, era proprio un cesso, con le trecce che incorniciavano un viso smunto, appesantito da occhiali grandi e tondi, naso arcuato, labbra leporino che scoprivano denti grandi,storti e gialli, le avevamo messo il nome di Genoveffa, per queste caratteristiche. Quando passava davanti al nostro bar con gli amici le facevamo le boccacce, lei si stringeva nelle spalle e si allontanava con sussiego ancheggiando. Era venuta da un paese vicino e abitava dalla nonna, perchè la madre era in ospedale per un intervento. La nonna, Cesira, faceva impazzire me e i miei amici. Grande amica di mia madre, veniva spesso in casa mia a prendere il te con mia madre. si accomodava sul divano e io cercavo di scrutare le sue gambe, quando le accavallava, sperando di vederle le mutande. Il seno non avevo bisogno di fantasticarlo era praticamente scoperto, dall' ampia scollatura emergevano due poppe fantastiche, almeno una sesta pensavo, deglutendo. Spesso mi carezzava il viso avvolgendolo con tutta la mano mi chiedeva se avessi già fatto esperienze con qualche ragazzina, ingenuamente chiesi quali? E lei dandomi un buffetto ma se hai fatto l'amore, mi sentii salire il sangue sulla testa, mentre cominciavo ad avere una erezione. Confuso farfugliai che non sentivo ancora il bisogno, intervenne mia madre dicendo si stai fresca sono io quella che lava le lenzuola e vedo cosa ti perdi la notte, Ci fu una gran risata, Cesira mi carezzò nuovamente con tutta la sua dolcezza e strizzando l'occhio mi disse verrà il momento. Sebbene fossi rimasto sbalordito da quella scena non ci pensai più, dicendomi che era stato solo lo scherzo di una burlona, a volte le donne si divertono a sfottere i ragazzi e far credere loro chissà che cosa. Un giorno venne e mia madre non c'era, la feci entrare e lei accomodandosi sul divano fece svolazzare la gonna, così vedi bene diceva. Arrossii ma lei mi trasse vicino e carezzandomi, diceva mi sono accorta come guardi il mio seno e le mie gambe, vorresti scoparmi? Per poco non svenni, che mi stava chiedendo, non riuscivo a crederci, termino' il discorso invitandomi a casa sua domenica pomeriggio, quando la nipote sarebbe andata a trovare la madre in ospedale. Venne mia madre e i nostri discorsi terminarono. La domenica mentre andavo da Cesira, fantasticavo su quello che stava per succedere, agli amici non avevo niente per evitare i loro sfottò in caso di fallimento, Non riuscivo proprio a crederci si stava avverando il mio sogno, avrei avuto Cesira trà le braccia. L'eccitazione mi faceva avere una erezione continua, sentivo l'asta battere sui pantaloni ero al settimo cielo. Giunsi alla casa, mi apri con indosso una vestaglia leggera e vaporosa, mi fece sedere su un divano e si mise accanto a me, mi carezzava dolcemente, come era solita fare e mi tranquillizzava, finalmente avrai una donna, diceva, baciandomi sulla bocca. La sua lingua saettò e avvinghiò la mia, ero già eccitato e feci un bello schizzo, senza alcun ritegno. Lei disse che dovevo calmarmi, apri i pantaloni e si chino a succhiare il cazzo, che era di nuovo duro, leccava e succhiava facendolo uscire e rientrare, sottoposto a quel trattamento mi eccitavo sempre di più e godevo come mai avevo goduto con un urlo le riempii la bocca di sperma, tranquillamente ingoiò tutto e si alzò. Con la vestaglia svolazzante si avviò al bagno dicendomi di spogliarmi e andare a letto. Non ci furono repliche in attimo ero nudo nel letto e aspettavo fantasticando. L'attesa non fu lunga, venne completamente nuda e si pose vicino alla sponda dalla mia parte. Magnifica visione, aveva un corpo stupendo,la schiena faceva una curva sinuosa, che mi ricordava il quadro di Guttuso "La Vucciria" ma più sensuale e delicata, terminava su un culo tondo e sodo, la pelle bianchissima, le enorme poppe ciondolavano dolcemente. Si avvicinò prese la mia testa ficcandosela trà le gambe, si era lavata e profumata e il profumo mi inebriava mandandomi in visibilio, allargai leggermente le sue gambe e cominciai a baciare e succhiare la passera, che si bagnava. Mi spinse sul letto e venendomi sopra cavalcò con foga, sentivo l'utero che si torceva e gonfiava facendomi ansimare. Ci bagnammo quasi contemporaneamente, dopo diverse sgroppate ci accasciammo, restando vicini mano nella mano. Mi invito a tornare il giorno dopo, mi rivestii ed ero ancora eccitato le presi una mammella e lei a domani. Mi spinse fuori della porta. Non dormii avevo avuto una donna e che donna, tutto di lei mi affascinava e mi faceva alzare l'uccello, non mancai l'appuntamento. Giunto a casa sua mi fece accomodare sul divano, si allontanò dicendo aspetta. Pensavo che come il giorno prima fosse andata in bagno a spogliarsi, invece tornò completamente vestita, prendendomi per mano mi trascino verso la sua camera, apri la porta e vidi Genoveffa che mi sorrideva. Se vuoi ancora venire con me devi andare anche con lei, ne ha bisogno, mi spinse dentro e chiuse a chiave dall'esterno. Genoveffa era in piedi ma si stava sciogliendo i capelli che non costretti dalle trecce le cadevano dolcemente sulle spalle, si spogliò tutta, non era male senza occhiali e con i capelli sciolti si era trasformata, anche il corpo era appetibile. Quelle poppe che mi sembravano mozzarelle sotto il vestito erano in realtà due belle e morbide pere. Le toccai e la vidi trasalire, mi vuoi disse ed io l'abbracciai forte. Cademmo sul letto abbracciati le infilai la mano trà le gambe e cominciai ad esplorare la sentivo già bagnata ma la sorpresa fu il clitoride lungo almeno 4 cm non ne ho più visti di quelle dimensioni.LO stimolai con la bocca succhiando e con le mani, divenne ancora più grande. Restai aggrappato a quell'arnese finchè non si bagno, fu lei a tirarmi per le braccia e sistemarmi su di se, allargo la fica e lo introdusse spinsi emise un urlo, eta la sua prima volta.

Questo racconto di è stato letto 1 1 9 6 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.