Vedova e vergine

Scritto da , il 2011-09-16, genere sentimentali

Avevo un piccolo studio da commercialista e una segretaria di 50 anni. Lei era vedova da anni, piacente e dolce, sbrigava il suo lavoro con serietà e cspacità. Mi piaceva e cominciai a costruire la mia tela su di lei. Era una donna pudica,seria, non volevo urtarla, dovevo quindi procedere con delicatezza e prudenza, senza attacchi diretti. Cominciai a corteggiarla offrendole i cioccolatini, che le piacevano tanto, li accettava e sorrideva, Le facevo complimenti per gli abiti, per il lavoro che svolgeva. Non sapeva usare il computer mi offrii di istruirla, accettò con entusiasmo. Quando non avevamo molto da fare veniva a sedersi vicino a me e le spiegavo il funzionamento del computer e lei mi seguiva contenta, la vicinanza mi stuzzicava e spesso giravo il viso per sentire l'odore della sua bocca, mi tratttenevo dal baciarla per non urtarla. Nello stanzino dell'archivio c'era un vecchio computer davanti ad un divano in pelle, lo spazio di manovra era ridotto, quando qualcuno sedeva al computer non si poteva passare. Le dissi di esercitarsi su quel computer e lei quando poteva andava a smanettare, le piaceva tanto e si tratteneva spesso fuori orario per esercitarsi. Io quando era al computer mi mettevo in piedi dietro a lei per correggere i suoi errori, le sfioravo le spalle con il corpo, la lancia si alzava e andava a battere contro la sua schiena. Mi sorrideva senza dire nulla. Mi accorsi che stava cambiando l'allegria che aveva sempre avuta era quasi scomparsa, cercava di non incrociare il mio sguardo, abbassava gli occhi. Mi chiedevo che cosa le fosse successo, finchè una mattina mentre attraversamo il corridoio che portava all'ingresso, provenendo da direzioni opposte ci scontrammo involontariamente, mi cadde letteralmente trà le braccia. La baciai, rispose caldamente al mio bacio la presi in braccio, era molto leggera, non feci sforzi e la depositai sul divano che era molto ampio. Mi sdrai accanto a lei carezzandola dolcemente, sospirava e il suo respiro diventava affannnoso, affondava la mano nei miei capelli stringendomi la testa con la bocca mi dava baci sempre più caldi. Ti sei finalmente accorto che ti amo alla follia, disse con un filo di voce. Le misi una mano sotto la gonna carezzai le cosce vellutate, arrivai agli slip, li scansai e presi a carezzarla sulla passera, lei era in estasi, gemiti di piacere uscivano dalle sue labbra, mentre la passera si riempiva dei suoi umori. Restammo così finchè squillò il telefono, si alzò da brava segretaria e andò a rispondere, era un cliente, prese diligentemente appunti e tornò da me. La presi in braccio e la riportai nella stanza grande, dove c'era spazio. Sentendola così leggera la facevo volare, piroettando, la mandavo su e giù, felice di quel trattamento, mi dava baci sul collo , si stringeva dicendomi che si sentiva in paradiso, e non sarebbe scesa mai, era troppo bello. Si era trasformata, gli occhi brillavano e le labbra davano baci di fuoco. La riportai sul divano e cercai di toglierle gli slip, mi fermò. Non è che mon voglio ma sono vergine, fai attenzione. Dire che rimasi allibito è riduttivo, ero inebetito e non riuscivo a pronunciare parola, quando mi ripresi chiesi come mai una vedova era ancora vergine. Mi disse che 3 giorni prima del matrimonio il suo futuro marito fu colpito da un ictus, che lo rese impotente, lei lo sapeva, ma volle sposarlo ugualmente, la notte spesso restavano abbracciati avvicinando i genitali, queste erano le sue esperienze sessuali. Da quando morì il marito non aveva avuto altri uomini.

Questo racconto di è stato letto 2 0 5 7 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.