Lo voglio ancora

Scritto da , il 2020-03-03, genere etero

C’è gente fuori ma il vociferare continuo, che fa da sottofondo all’angosciante silenzio che ci hai imposto, copre a malapena gli accelerati respiri. Mi muovo irrequieta sulla panca dove sono sguaiatamente seduta, i gomiti sono sulle cosce e le mani sotto il mento. Ti guardo e ancora mi sconvolgo di quanto tu riesca ad essere stronzo.
Non dici una cazzo di parola, una. E io ti seguo, facendo lo sforzo enorme di non alzarmi e urlarti contro tutto il mio disappunto. L’agitazione che mi pervade smuovendo ogni centimetro di questo corpo inquieto, la conosci bene. E sfogarla qui, ora e subito, significherebbe non darti neanche il tempo necessario a negarti e succhiarti il cazzo direttamente. Perché, forse, così, cambieresti quell’espressione fredda e distaccata per rilassarti finalmente nella mia bocca. Perché, forse, a mio modo, risolverei tutto e niente ma ti avrei ancora.
Le dita picchiettano sul legno, sono ferma come mai pensavo di riuscire ad essere.
Sono davvero confusa. Perdermi nei pensieri che fai, cercare di carpirli, farli miei ad ogni costo, e poi trovarmi di fronte al solito fottuto muro che alzi, mi toglie ogni energia, mentale e fisica e mi fa perdere il senso.
Eppure sorrido per le emozioni contrastanti di cui sono preda e di cui non posso fare a meno. È un continuo susseguirsi tra la voglia di prenderti a schiaffi e il desiderio malato di leccarti la pelle arrossata dagli stessi schiaffi. E così, viceversa e senza sosta, in un testa coda che mi manda fuori di senno. Sei a torso nudo, indossi solo i pantaloni della tuta neri e i tuoi piedi scalzi mi fanno pensare a tutte le volte che li ho afferrati, mentre seduta e dandoti le spalle, mi spingevo in avanti, impalata sul tuo cazzo duro.
Non ho altri mezzi, non li ho. Qualsiasi cosa tentassi di dire ora non riuscirei a spiegarla come vorrei. E allora ti accordo il silenzio, a me solitamente sconosciuto. Il silenzio, che voglio rompere solo con il suono bellissimo del tuo orgasmo.
Farmi stare sulle spine è ciò che ti riesce meglio dopo il piacere che sai darmi. Farmi spingere al limite della donna che non sono mi rende consapevole del fatto che mi metti sempre e più a dura prova. Perché io non sono questa, non lo sono. Io fremo.
Riponi le cose in borsa e ancora mi sbatti in faccia il tuo petto nudo. Potrebbe entrare qualcuno, lo sappiamo entrambi come entrambi sappiamo che quel qualcuno non mi dovrebbe trovare qui, in uno spogliatoio maschile, ma non è per questo che ancora non ti metto le mani addosso. La mia reticenza, altro non è, che il fasullo tentativo di mostrare a te e a me stessa per prima, che sono capace di rispettare le regole. “Rispettare” quando sarei già vicina alla porta a farti un pompino serio facendo sentire alle persone fuori, perse nei loro discorsi leggeri e nei loro esercizi impegnati, che rumore fa un cazzo duro che esce ed entra da una bocca devota.
“Rispettare” quando con le mani, sulla stessa porta, mi farei scopare ogni buco, ansimando e gemendo, lasciando arrivare fuori la mia voce rotta dal tanto bramato piacere, senza spazio ad equivoci o a fraintendimenti.
E invece queste spalle larghe, per ora, le guardo solo.
Ti seguo con lo sguardo, ti fermi davanti allo specchio. Mi alzo, ti raggiungo, sono dietro di te. Ti tocco le braccia piano e sollevandomi sulle punte lo faccio, infrango il tuo fottuto silenzio.
“Mi parli, cazzo!?”
Ti chiedo con tono deciso.
Non fai resistenza. Lasci che ti accarezzi, che le mani bollenti risalgano la carne fino al collo, alla nuca e che traccino i contorni scolpiti e definiti dei tuoi
pettorali.
“Mi parli o no! Mi dici che cazzo hai?”
Eccola qui. La sensazione che ben conosco. Quella che avverto ancora una volta e che mi spinge a pensare che non succederà nulla se a fare e a disfare non sarò la sola!
“Usciamo da qui, dai. Non puoi stare qui.”
Poggio i talloni a terra anche se la tua voce sicura rende il mio equilibrio più precario di prima. È un attimo, hai già messo maglia, felpa e la borsa in spalla.
Saluti le poche persone in sala, saliamo le scale in fretta, siamo finalmente fuori.
“Sai che giorni sono questi, te li ricordi?”
Cerco di allentare la tensione ma la verità è che non so da dove cominciare.
“Che giorni? No, di che parli?”
I primi di marzo cazzo, i primi di marzo. Impressi nella mente come i giorni di febbraio. Ma meglio tacere su questo, meglio non aggiungere cose a cose.
“Allora ascoltami bene. Vorrei non dir nulla, alla tua maniera, come fai tu.”
Mi fermo piombandoti davanti e tagliandoti la strada.
“Allora non dire nulla.” Ribatti sorridendo.
“Eh no, una cosa sola devi ascoltarla. Sono giorni che cerco di dirtela! Ho capito quanto grande sia quel poco che avevo..e lo voglio ancora.” Si, lo voglio ancora! La tua espressione non cambia. Ancora non capisco cosa ti passi per la testa.
Non fai una piega, mi superi, lasciandomi così, ancora con le parole in bocca.
“Non sei brava a far discorsi seri.”
Blateri mentre ti giri per capire se sono ancora lì, ferma.
“E sei poco credibile sai nella parte di quella comprensiva, rispettosa..perché piuttosto non esci allo scoperto e mi dici di che cosa hai voglia invece?”
Ora sei divertito, disteso. Ora si che ti riconosco.
Riprendi a camminare e so già dove stiamo andando, me lo fanno capire i tuoi occhi accesi.
Perché lo sai anche tu, che parlare e parlare non ci ha mai portati da nessuna parte se non nel vivo dei problemi che sempre abbiamo avuto.
Apri la porta e la richiudi alle mie spalle lasciando cadere la borsa a terra, così, come ogni inutile riserva. Mi sei davanti e blocchi ogni mia avanzata. Sfilo via il maglione, la canotta, il reggiseno e con le mani afferro le tette calde invitandoti a prenderle in bocca e a succhiarle. Te le passo sul viso mentre ci affondi il naso, le labbra, la lingua. Mi
bagno oscenamente mentre le tocchi, le mordi e le torturi con abilità insieme ai capezzoli turgidi e provati.
La fica sbatte nelle mutande fradicie e istintivamente la mia mano sui tuoi pantaloni morbidi e leggeri, ti stringe il cazzo duro. Quanto lo sento, grande, vivo e anche le palle piene.
Ci spostiamo davanti al tavolo fra cucina e salone. Ti siedi a cosce aperte e ti abbassi ogni stoffa perché possa prenderti finalmente in bocca. Mi inginocchio e la tua mano sulla nuca, fra i capelli, mi spinge a te e lo ingoio tutto.
Poggi la testa sullo schienale offrendomi un immagine che mi obbliga a non distogliere gli occhi dal tuo viso. Con la mano accompagno i movimenti, la lingua sulla cappella liscia e viola spinge sul buchino allargandolo.
Lecco tutto il cazzo arrivando alla base per poi risalire, ti bacio le palle e ti fai più avanti, sulla sedia, perché possa imboccartele per bene.
Succhio a mestiere e quando spingi fino in gola, stringi così forte i capezzoli fra le dita che sussulto per il dolore lancinante. Sei gonfio, pulsante, stai per venire. Aumento il ritmo e ti sento enorme tanto da spezzarmi il fiato. Un ultimo colpo e il tuo rantolo risuona nell’aria. Lo sperma m’inonda la bocca e la apro, lasciandolo scivolare fuori e tornare, così, a respirare. Lo assaporo, è il tuo sapore, sei tu.
Rimango a terra, con la guancia sporca poggiata sulla tua coscia soda. L’odore del tuo sesso mi riempie le narici. Mi sento svuotata ora. Leggera.
La mente si sfolla e torno piano piano alla convinzione di sempre. Parlare, parlare, ma poi per cosa?
Ma parlami, cazzo! Parlami.

Questo racconto di è stato letto 3 2 9 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.