Ricordi di un inconsolabile

Scritto da , il 2020-11-20, genere orge

Rieccomi qui. Io, l’Inconsolabile. Quando quasi due anni fa scrissi per la prima volta la storia mia e della “troia della mia vita” confesso che lo feci nella speranza che il raccontare, il “buttar fuori” mi alleviasse il dolore della perdita di mia moglie. Per un po’ mi è sembrato che le cose andassero come sperato, ma poi il pensiero fisso è ritornato, ossessivo. La mente è tornata a essere continuamente aggredita dai ricordi, ricordi di dolcezze e di sesso, i due volti della mia troia rossa.
Senza un filo conduttore cronologico i ricordi arrivano improvvisi con pretesti imprevedibili. Una foto, una musica, un luogo, un incontro. L’altro giorno, per esempio, appena uscito di casa la mattina, mi sono imbattuto in un ex collega d’ospedale di mia moglie che era stato tra i primi a scoprire quanto a lei piacesse essere corteggiata e desiderata (già a quei tempi mi aveva racconato che era sufficiente che si sfregassero contro di lei facendole sentire il cazzo che non capiva più niente e se non lo faceva l’interessato era lei a spingerlo in qualche stanzetta, qualche sgabuzzino…). Essere desiderata era un piacere che la portava a non lasciare deluso nessuno.
Ho fermato quell’uomo con due chiacchiere banali, per poi portarlo sul discorso di mia moglie, semplicemente dicendogli che mi mancava tanto e chiedendogli di parlarmi un po’ di lei. Ovviamente le prime parole furono sulla sua gentilezza, sul suo impegno nel lavoro, su quanto fosse carina con tutti, e tutto quanto si dice sempre di chi non c’è più. Sono stato io a forzare il discorso.
«Mi manca troppo. Ho sempre saputo che la dava a tutti, ma mi piaceva così e mi piaceva farmi raccontare» ho detto guardandolo negli occhi che avevano assunto uno sguardo stupito e incredulo. Poi, quando ha cominciato a parlare dicendo «ma io non so…» l’ho interrotto sorridendo e andando nei particolari.
«Tranquillo, so tutto. Tu venivi a prenderla al mattino presto sotto casa, quando facevate il turno mattutino, che cominciava alle 6, poi prima di andare al lavoro andavate sul lungomare e come minimo era un pompino. Qualche volta una scopata. A volte la cosa era particolarmente intensa e alla sera, a letto, mi diceva, “stamattina abbiamo timbrato in ritardo; mi ha fatto godere tanto”».
L’anziano collega ha cercato di negare e io l’ho tranquillizzato, dicendogli che non era questione di gelosia postuma, ma di desiderio di parlare di lei. Devo essere stato convincente, perché all’ex collega gli si sono illuminati gli occhi e quasi sottovoce ha sussurrato “che bella che era; aveva il pelo più bello che abbia mai visto, rosso, morbido…”.
A quel punto ho insistito.
«E non si tirava mai indietro, vero? Come quella volta che siete andati a pranzo fuori in quel paesino, in quella trattoria che aveva anche le camere. C’era un’altra collega, tu e altri due maschi. Mi aveva raccontato che dopo aver chiavato con uno degli altri due con cui scopava regolarmente si era si era trovata con un uno per parte, tu e il terzo. Mi aveva detto che vi eravate scambiati le posizioni un paio di volte poi tu le eri venuto in bocca e l’altro nella figa».
La risposta è stata proprio come la desideravo: «non aveva voluto prenderlo nel culo». A che io ho risposto che in effetti aveva iniziato più tardi. Che era stata un crescendo di disponibilità.
Devo averlo incuriosito, perché l’amico collega mi ha chiesto se io sapevo tutto già allora o se mi aveva raccontato tutto successivamente.
«Mi raccontava tutto alla sera. A me piaceva sentire quei racconti, mi eccitava. La spingevo a scopare con gli altri. L’ho anche vista scopare, mentre io li guardavo seduto su una poltrona in fondo al letto».

Era successo parecchi anni dopo. Una sera a letto dopo aver chiavato e goduto entrambi, le avevo detto che mi sarebbe piaciuto vederla scopare. La risposta era stata semplice “portamelo”. Io avevo cercato di convincerla a farlo con uno dei suoi numerosi amanti, ma non aveva voluto. Doveva essere uno sconosciuto per lei, dovevo essere io a portarlo. Le chiesi perché; mi rispose che così si sentiva più troia. Che l’eccitava.
Mi sembrava una cosa difficile da realizzarsi, poi un giorno in una azienda dove andavo a fare una collaborazione sentii delle chiacchiere neanche tanto velate su uno che lavorava lì. Dicevano che con la sua ragazza erano scambisti. Nei giorni successivi lo seguii un po’ tastando il terreno con qualche battuta allusiva e mi convinsi che poteva essere vero.
Un giorno feci in modo che sullo schermo del mio computer portatile apparisse, fintamente per caso, una foto di mia moglie.
«Figa mia moglie, eh?» dissi.
«Davvero bella».
«Te la faresti, eh?»
Non rispose. Io rimasi un po’ incerto. Poi azzardai, sostenuto dall’eccitazione che mi era nata al solo pensiero di quello che stavo tentando.
«Non ti interessa? Eppure credo che saresti il suo tipo».
A quel punto il colloquio si fece meno allusivo.
«È rossa dappertutto?» chiese sorridendo.
Indovina.
«Potrei venire a trovarvi una sera. Così mi fai verificare? Cosa dici?».
«Ci vuole la sera giusta».

Io sapevo quando sarebbe stata la sera giusta: dopo qualche giorno, quando il figlio aveva in programma una gita scolastica e io e mia moglie saremmo rimasti soli in casa.
Il giorno che il ragazzo partì, sul lavoro chiesi all’amico se quella sera voleva a prendere un buon caffè. Non ci fu bisogno di insistere, e io davanti a lui chiamai mia moglie chiedendole se alla sera avrebbe preso volentieri un caffè anche lei. Fu un po’ titubante, ma quando le dissi “me l’hai detto tu di portartelo…” disse sì. Un sì flebile, ma un sì.

Io e l’amico arrivammo a casa nostra assieme. Li presentai e lei esibì uno dei suoi sorrisi più osceni che avessi mai visto. Io non stavo nella pelle e non resistetti.
«Fagli vedere la casa, no?» dissi a mia moglie.
Salirono al piano di sopra dove c’è la camera da letto. Dopo pochi minuti salii anch’io. Aveva accostato la porta della stanza, e io l’aprii leggermente. C’era la luce soffusa di una sola abatjour.
Vidi subito la scena: entrambi nudi, con lei a gambe larghe e lui con il volto sul pelo, a leccare. Guardai mia moglie e vidi nei suoi occhi lo sguardo già perso del godimento.
Mi sedetti sulla poltrona e cominciai a godermi lo spettacolo.
Lui si tirò su e le andò sopra. La prese con un colpo secco, tirandole su le gambe in modo che lo “cinturasse” attirandolo a sé. Lei cominciò a gemere, io a segarmi.
Poi mi spogliai anch’io e andai sul letto, portandomi in ginocchio sulla faccia di lei. Non ci fu bisogno di chiedere nulla, lo prese in bocca subito e cominciò a succhiarlo con una certa forza. L’amico intanto continuava a dargliene.
A un bel momento lei si liberò e lì per lì non capii che cosa volesse fare. Ma fu solo un attimo. Si girò e mentre lo faceva disse perentoria, come un ordine: “Mettimelo nel culo”. E così fu.
Lei aveva il volto sul cuscino così potei fare segno all’amico, senza dire nulla, che poteva dare sberle. Lei non se la aspettava e la reazione fu quella che conoscevo: un urlo di piacere e tanti movimenti come per divincolarsi. Lui le dette un’altra sberla mentre io assentivo e a lei offrivo l’alternativa: “vuoi che smetta di incularti?”.
“No, ancora”.
“Dicci bene dove lo vuoi”
“Nel culo”.
“Dillo bene, non ho capito”.
“Datemelo nel culo, lo voglio nel culo”.
L’amico dette una lunga serie di colpi poderosi e altre due sberle. Alla seconda lei godette in maniera forte, rumorosa come era solita fare.
Mi trovai a pensare che l’amico aveva una bella resistenza, visto che non era ancora venuto. Io avevo sborrato alla grande già quando ero seduto in poltrona. Il cazzo mi stava tornando al massimo dell’erezione.
A quel punto fu l’amico che prese l’iniziativa.
“Visto che sei così troia dobbiamo trattarti da vera troia” disse mentre si levava da addosso a lei e si coricava al suo fianco dopo avermi fatto spostare.
“Vieni sopra, bagasciona”.
Ma moglie obbedì docile. Io sapevo che le piaceva molto stare sopra e immaginai subito che cosa avrebbe fatto. Quando si fu impalata da sola, prese le mani di lui e se le portò sulle tette poi cominciò a dimenarsi. Per me lo spettacolo era esaltante. Mi tirai su e le detti un bacio sulla bocca.
L’amico non aveva però ancora completato la sua manovra. Prese lei per le spalle e se la tirò sul petto, abbracciandola completamente e cercando la sua bocca. Lei si fece baciare, poi gli leccò il volto senza rendersi conto che lui con la mano mi aveva fatto un segno chiaro, a indicare di incularla.
Mi misi in posizione e glielo puntai nel culo. Lei ebbe una leggera reazione come se non ci avesse pensato, poi mugolò un leggero “sì”. Io spinsi più brutalmente che potei. Pensavo “le piace” ma in realtà lo feci perché piaceva tantissimo a me.
Non so quanto andammo avanti. Capii che l’amico era venuto una volta e cercava la seconda mentre mia moglie aveva goduto altre due volte. Io nel culo ormai entravo e uscivo con gran facilità. Quando uscivo il culo rimaneva largo, pulsava come se chiedesse di averne ancora.
Finimmo con gran piacere di tutti tre, con i due cazzi che sborarono praticamente nello stesso momento. Io uscii e mi spostai vicino alla sua bocca e glielo presentai sulle labbra. Si voltò dall’altra parte e questa volta la sberla gliela detti io, tirandole anche i capelli. Urlò e si voltò a pigliarlo in bocca e a leccare lo sbora che era sulla cappella.
Lei si alzò per andare in bagno e l’amico la trattenne per un braccio. “Guarda che abbiamo appena cominciato”. Lei rise.
Mentre eravamo soli l’amico mi chiese se poteva fare quello che voleva. “Fai pure” risposi, anche se non capivo che cosa poteva ancora fare.
Quando lei ritornò lui non le lasciò neanche il tempo per dire bè. Con un colpo secco la attrasse a sè su letto, le salì addosso bloccandole le gambe con le sue e accarezzandole le tette. Lei si lasciava fare. A quel punto lui le dette una sberla molto forte e le urlò “troia adesso succhia, che poi ti inculo”. E così fece, durando anche parecchio e mettendola in tutte le posizioni possibili.
Io mi ero messo di nuovo sulla poltrona ed ero eccitatissimo. Non capivo più niente. A un bel momento lo vidi uscire dal culo e spostarsi davanti al volto di mia moglie, prendendola per i capelli con la mano sinistra e puntandole il cazzo sulla faccia mentre con la mano destra si segava con la cappella vicino alle labbra. “Apri la bocca, zoccola» disse, e lei l’aprì. Giusto in tempo per ricevere un bel fiotto di sbora che in parte le colò sul mento. Ma solo in parte, perché lui le infilo subito il cazzo in bocca quasi urlando “bevi”.

La festa era finita. Quando lui se ne fu andato lei mi chiese se mi era piaciuto. “Tu cosa dici?” fu la mia risposta. Poi le chiesi se voleva farlo ancora, che a me era piaciuto tanto.
“Sì, sì, magari anche in quattro”.
“Gli dico di portare la sua ragazza?”.
“Noo, un amico. Anche due”.
Era davvero una gran troia. La troia della mia vita.

Questo racconto di è stato letto 2 0 8 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.