La segretaria e le sue prime volte Cap. 11

Scritto da , il 2020-01-03, genere etero


La Segretaria e le sue prime volte Cap. 11

Venne la sera della vigilia di Natale, l’Hotel organizzava una cena a lume di candela con orchestra e serata danzante…
Sandra mi disse che le sarebbe piaciuto partecipare, mi chiese il pomeriggio perché voleva fare shopping e farmi una sorpresa per la serata..
Le dissi che ne avrei approfittato pure io per recuperarmi un’abito elegante in quanto nel trolley non lo avevo stipato..
Ci salutammo e ci demmo appuntamento per le 19.
Al mio ritorno notai che sandra non era ancora tornata e quindi mi feci una doccia veloce per poi vestirmi con il mio nuovo abito nero lucido..
Appena pronto mentre mi guardavo allo specchio sentii aprirsi la porta della suite e sandra entrò accompagnata da due ragazze con un paio di scatole e sporte..
Ormai avevo capito questa donna è una tempesta in fatto di shopping!
Congedate le ragazze sandra mi guardò e sorridendo mi disse:
Roby mi son fatta prendere la mano…
Poi trascinò le borse in bagno e si richiuse la porta dietro.
Passarono le 20 e finalmente la porta del bagno si aprì.. Rimasi con la bocca aperta..
Sandra incedette nella stanza.. I capelli erano sciolti sulle spalle..Aveva un rossetto color grigio bronzo ..
Il vestito era fantastico..Aveva le spalle scoperte..Un corpetto che fasciava i seni lasciandone visibile il solco fra essi.. La pancia era coperta da un velo semi trasparente con perline..
Dalla cintura partiva una serie di campane di raso e tulle molto ampie che arrivavano quasi ai piedi..Scusate il vestito era un grigio fumo..Ai piedi aveva un paio di scarpette ovviamente con tacco 10 color argento..
Mi guardò e fece un giro e mi fece vedere il dietro..
La schiena era nuda a parte un laccio tipo reggiseno che teneva su il vestito nella parte del seno..Alla base del culettto vi era una fascia grigia che sporgeva dalla gonna..
Si rigirò e le dissi che era stupenda…
Dissi che era bellissima e le proposi di saltare la cena..
Disse che il dolce si gusta meglio dopo l’attesa..
Andammo a cena e dopo aver mangiato benissimo e sorseggiato un buon vinello concludemmo la cena con una musse di panna e cioccolata.
La musica era già iniziata e alcune coppie ballavano..Chiesi a sandra se volesse ballare..
Sorrise e mi disse che gradiva..
La presi fra le braccia e iniziammo a ballare un lento..
Avevo il suo viso vicino al mio e ne aspiravo il profumo..La mia mano era appoggiata alla base del suo culetto e la pelle nuda mi faceva già eccitare..
Sandra mi si avvicinò all’orecchio e mi disse:
Roby andiamo su ho voglia di prendertelo in bocca..
Non mi feci pregare e la trascinai verso gli ascensori..
Entrati nella cabina mi lanciai a baciare Sandra che rispose con passione..
Il Diavoletto biondo mi accarezzava la mia erezione che spingeva nei pantaloni..
Arrivati in suite Sandra si avvicinò e come una gatta iniziò a spogliarmi lasciandomi in boxer.. Fece due passi in dietro e con una mano si slacciò la fibia dietro al vestito..Con un fruscio il vestito le finì ai piedi..Lo scavalcò e rimase difronte a me con i seni nudi..I capezzoli dritti e turgidi
Il mio sguardo scese e trovato il suo pancino tondo vidi la fascia che si scorgeva dal vestito nella parte dietro.. Era un reggicalze in seta grigio prlato con delle bretelline in pizzo che agganciavano delle calze velate color fumo , le calze avevano una balza in raso bellissima..La porteccellina non aveva il perizoma! Le feci notare che era venuta al ristorante con la patatina al vento..
Lei leccandosi le labbra mi disse che era stato difficile guardandomi non infilarsi due dita dentro per darsi piacere…
Si voltò e andò a sedersi sul letto allargò le coscie e iniziò a massaggiarsi il clitoride.. il suo sguardo era fisso sul mio e la sua lingua leccava le labbra..
Vidi che le dita scendevano a intingersi nella patatina che perdeva umori per poi giocare con il suo cazzetto che nel frattempo era diventato gonfio e bello pronuncente..
Stavo per raggiungerla quando lei si alzò e con mosse feline si sfilò le scarpette e si stese sul letto invitandomi a leccarle la passerina..
Spalancò le coscie e io mi ci fiondai conledita le apriì le grandi labbra e vidi le piccole che erano piene di succhi brillanti .. La lappai e poi le infilai tutta la lingua dentro succhiando i succhi..
Sandra gemeva e mi spingeva la testa dentro..
Le accarezzavo le coscie..Sandra era stupenda dolce ..La mia lingua si infilava anche in culo lei me la stringeva..Il suo culetto era sensibilissimo..La parte del perineo era molto morbido e la mia lingua passava fra i suoi buchi..
Sentivo che stava per orgasmare e accellerai con la lingua..
Sandra urlò e venne…
Mi portai da lei e la baciai..Le mie mani le massaggiavano i seni e la mia bocca si mangiava la sua lingua ..Stavo per penetrarla ma lei mi fermò.
Si sfilò e mi fece stendere.. Si mise a fianco e iniziò a succhiarmi il cazzo..Andava su e giù.. Con la mano si massaggiava le palle.. Poi vidi che si bagnò una mano mettendesola in figa e poi iniziò a penetrarmi il culo con un dito..
Mi disse di rilassarmi che voleva massaggiarmi la prostata..
Aggiunse un altro dito e mi diede tempo di adattarmi a questa intrusione.. Iniziai a sentire le dita di Sandra muoversi dentro e iniziai ad avere scariche di piacere al cazzo..Lei muoveva e il cazzo si impennava ..Sandra succhiava forte e io non ce la feci più e iniziai a sborrarle in bocca..Lei ingoiava e continuava a muovere le dita nel mio culo..
Il cazzo era ancora dritto e duro ..Sandra si mise sopra di me a cavalcioni voltata però verso i miei piedi e si impalò..
Il cazzo sparì dentro la sua figa e iniziò a scoparmi tenendosi sulle mie gambe…
Vedevo il suo culo e il forellino un po gonfio con il cazzo che entrava e usciva..Mi bagnai due dita e le infilai in culo a Sandra che iniziò a gemere forte…In quella posizione non sarei mai veuto..Sandra cavalcava forte forte…Me la portai a stendersi su di me con i seni supini e il mio cazzzo dentro alla figa che la scopava..Le massaggiavo le tette..Stringevo i capezzoli..Ragazzi Sandra per avere 54 anni ha delle tette fantastiche!
Le stimolavo il clito con due dita e sentii Sandra che venne per la ennesima volta..
La misi sotto e le feci portare le ginocchia al petto poi le puntai il cazzo al culo e iniziai a entrare…
Fece una smorfia di dolore..Forse la posizione non era semplice..Mi fermai feci pulsare la cappella poi spinsi tutto il cazzo dentro il culo di sandra che iniziò a gemere…
Continuai a scopargli il culo e sentivo che stavo per godere..Le allargai le coscie e sfilato il cazzo iniziai a sborrarle sulla pancia…
Sandra sorrideva…Aveva gli occhi chiusi…Raccolse la sborra e iniziò a leccarsi le dita..
La presi in braccio e la portai in bagno Le sfilai le calze e la portai con me dentro la doccia..Aprii il soffione e ci bagnammo tutti..
Presi il bagno schiuma e iniziai a insaponare quel corpo di donna che mi faceva impazzire..Le mie dita scivolavano sullla schiena..Scendevo fra le chiappe..Indugiavo sui forellini..
Davanti giocavo con le tette..Le dita scivolavano fra i capezzoli turgidi..
Il mio cazzo si era indurito e allora feci appoggiare Sandra con le mani alle piastrelle e iniziai a penetrarla..
Spingevo forte dentro quel centro di fuoco…
Sandra venne ancora…Sentii che squirtava forte…Si sfilò e si mise in ginocchio..Prese il bagno schiuma e massaggiandomi le palle iniziò un pompino da favola…
La sua testa andava su e giù aveva i capelli tutti bagnati…Vedevo le sue punte rosee dritte e con quella visione mi scaricai dentro la bocca di Sandra…
Finimmo la doccia e nudi come mamma ci aveva fatto ci addormentammo abbracciati…

Questo racconto di è stato letto 1 9 9 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.