La Segretaria e le sue prime volte

Scritto da , il 2019-12-22, genere etero


La Segretaria e le sue prime volte Cap 2

I giorni passavano e io e Sandra eravamo come due giocatori di poker che si osservano, si studiano e ognuno aveva pensieri verso l’altro.
Da parte mia il pensiero fisso era come poter avere Sandra…
Lei mi accorgevo che ogni tanto mi scrutava ma appena i nostri occhi si agganciavano lei arrossiva e abbassava lo sguardo.
Un giorno a fine pomeriggio la convocai nel mio ufficio e appena entrò le dissi:
Chiudi la porta e avvicinati.
Lei diligente lo fece… Sandra oggi indossava un maglioncino bordeau e una gonna pantalone con ovviamente sotto calze nere e scarpette alte lucide, i capelli erano raccolti in una coda sbarazzina.
Le dissi che avevamo un problema, lei disse:
Cosa ho dimenticato di fare?
Le sorrisi e le dissi che il suo lavoro era ottimo, il problema era il suo comportamento verso di me.
Lei avvampò e disse:
Come?
Mi stai evitando, cerchi di far finta che fra di noi non sia successo nulla…
Lei abbassò gli occhi e disse:
Scusami ma sono in difficoltà.. La mente segue la ragione ma il desiderio mi stà distruggendo…
Le dissi allora che era ora che si liberasse delle responsabilità e iniziasse a vivere.
Lei mi guardò e mi disse:
Ci proverò ma se riesco a ritagliare un momento per noi dovrà rimanere un segreto.
Le sorrisi e le dissi che potevo avere tanti difetti ma la riservatezza era un mio principio.
Ci salutammo e anche se provai a baciarla lei girò il viso e se ne andò.
L’indomani mattina appena arrivato in ufficio, accesi il pc e vidi che vi era una mail di Sandra,lessi attentamente e mi venne da ridere..
Caro Dott. Ho preso lunedì prossimo di ferie, la vorrei incontrare a casa mia.
Se accetterà l’aspetto alle 10 presso la mia dimora in via XX Settembre 12.
Con affetto
Sandra

Le risposi che accettavo il suo invito.

Il week end passò lentamente e non vedevo il momento in cui avrei avuto Sandra tutta per me…
Il lunedì raggiunsi il suo indirizzo e dopo aver parcheggiato la mia Porsche suonai il campanello, rispose e con la sua voce dolce mi disse secondo piano.
Appena arrivai alla porta lei l’aprì ma stando scostata mi fece entrare e richiuse velocemente la stessa.
Lei a quel punto mi disse:
Eccoci.. Ci siamo…
Le presi le mani e le dissi che per me era stato lungo il week end e ora che ero li la volevo tutta per me.
Mi portò in soggiorno dove vidi che l’arredamento era molto classico con mobili antichi, le pareti erano abbellite da quadri e tendaggi vari.
Arrivati alla luce non potei far meno di ammirare Sandra.
Lei era vestita in modo divino!
Aveva ovviamente un paio di scarpette decoltè lucide, calze velate e un chimono in seta nera lucido.
I capelli erano tirati indietro e fermati in una coda da un fiocco di velluto anch’esso nero.
Mi chiese se gradivo un caffè che accettai, ci spostammo in cucina dove mi fece accomodare al tavolo.
La cucina era una perfezione , sandra si portò alla macchina dell’espresso, da dietro il suo culetto era fasciato dalla seta del chimono che ne disegnava le rotondita, il mio amico li sotto iniziò a scalpitare.
Mi alzai e raggiunsi sandra da dietro e le misi le mani sul pancino iniziando a baciarle il collo, mi impossessai del lobo di un’orecchia giocando con l’orecchino usando la lingua.
Sandra apprezzò questo mio assalto iniziando a tremare, il caffè fù pronto e ci permise di non consumare lì in cucina.
Finimmo il caffè in tempo di record, Sandra mi portò nella sua stanza da letto, Rimasi incantato… Tutto era rosa e oro, il letto era coperto di cuscinie in mezzo campeggiava un cuscino enorme, le chiesi perché vi era solo un cuscino.
Lei mi disse che suo marito oltre a non toccarla da dieci anni era anche da quel giorno che non dormiva più nel suo letto.
Eravamo uno difronte all’altro, le dissi di spogliarmi, lei un po’stranita iniziò togliendomi camicia, cravatta , le sue mani erano delicate, piccole,si abbassò e iniziò a calarmi i pantaloni, si era inginocchiata e dall’apertura del chimono vedevo i suoi seni muoversi, i capezzoli erano grossi e rosei,turgidi ,mi sfilò i boxer e impugnò il mio cazzo iniziando a scappellarlo…
Avvicinò le labbra e iniziò a succhiarlo.. Muoveva la testa avanti e indietro, la lingua mulinava …
Pensai che era meglio fermarla, per essere una principiante del pompino stava apprendendo velocemente…
La feci alzare le slacciai il chimono e lo feci scivolare dalle spalle, cadde a terra rivelando Sandra….
Dio santissimo! Sandra aveva un reggicalze in pizzo con monetine color oro in vita come pendenti, la sua patatina era coperta da un perizoma trasparente nero…
Le dissi che era stupenda, lei arrossii e mi ringraziò.
La feci stendere sul letto, le sfilai le scarpette e mi misi in ginocchio a fianco di lei, iniziai a baciarla , le presi la bocca e le iniziai a mordere le labbra, le nostre lingue iniziarono una danza amorosa….
La mia mano percorreva le coscie di Sandra fino ai laccetti del reggicalze.
Portai la bocca sui seni iniziando a leccare i capezzoli, la lingua cigiocava ci giravo attorno, li prendevo fra le labbra succhiandoli e modendoli…
Sandra mi accarezzava il cazzo con una manina, la mia mano arrivò alla patatina, le scansai il perizoma e iniziai a massaggiare il clito.
Mi stavo gustando le tettine di Sandra e decisi che era ora di farla godere… Le dita iniziarono a entrare nella vulva, era bagnatissima, stretta , stretta, un dito entrò e finalmente Sandra iniziò a gemere come veramente volevo.
Il ditalino che le facevo mi riportò la mente alle mie prime esperienze di quattordicenne e mi venne da sorridere.
La mia bocca scese sul pancino, giocai un po’ con la serie di monetine del reggicalze continuando a muovere il dito dentro Sandra, poi le mie labbra trovarono il clito e iniziai a massacrarlo di succhiate, leccate morsi..
Sandra gemeva, mi stringeva il cazzo che ormai era vicino alla sua bocca, poi le leccai le grandi labbra passandomele fra le mie…
Le strappai anche questo perizoma e iniziai a leccarla tutta, la mia lingua era famelica entravo dentro la patatina e ne riuscivo scendendo fino al buchino del culo dove provai a forzarlo… Sandra gemeva e mi diceva:
Roby sei terribileee.. Continuaaa
A questo punto le allargai le coscie, presi il mio e lo avvicinai alla porta del suo piacere, pennellavo con il glande il clito e poi una volta bagnato tutto il tronco iniziai la penetrazione.
La cappella scavava quel cunicolo stretto, Sandra gemeva,si vedeva che era in difficoltà ad accogliere il mio cazzzo.
Mi fermai e lo facevo pulsare per dar modo alle pareti di adattarsi, poi un po’ alla volta fui dentro.
Rimasi fermo..La baciai intensamente e poi iniziai a fare l’amore con questo mio Angelo Biondo..
Il mio cazzo scorreva forte dentro Sandra, lei ansimava, mi diceva che era in paradiso, vedeva le stelle, si aggrappava con le coscie ai miei fianchi.
Iniziai a spingere forte, le presi in bocca i capezoli che erano diventati enormi, li succhiavo,ad un certo punto sentii le pareti della patatina che iniziavano a pulsare come impazzite e Sandra che si mise a urlare in modo quasi posseduto…. Spinsi dentro fino all’utero e con poche spinte iniziai a venirle dentro … Sandra gemeva e mi diceva che era fantastico, rallentai e a poco a poco mi sfilai da lei andando a baciarla e a stringerla a me.

Le dissi che era stato stupendo, lei mi guardò e mi disse che si sentiva sverginata per la seconda volta…Sorrise e mi baciò il naso,si alzò e si andò a lavare.


Vi rimando ai prossimi capitoli, aspetto commenti!

Questo racconto di è stato letto 6 8 2 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.