La segretaria e le sue prime volte Cap 7

Scritto da , il 2019-12-27, genere etero


La segretaria e le sue prime volte Cap. 7

La settimana riniziò e la mia vita e quella di Sandra iniziarono a correre parallele, entrambi comunicammo ai nostri rispettivi coniugi l’intenzione di lasciarli… Nessuno fece scene melodrammatiche, come si poteva immaginare io rimasi senza casa mentre Sandra rimase la sua visto che ne era anche la proprietaria…
Per quanto mi riguarda presi casa in un residence in attesa di capire dove mi avrebbe portato la mia vita…
Il venerdì chiamai Sandra in Ufficio e quando arrivò le chiesi se mi poteva ospitare da lei nel week end in quanto ero un senza tetto e avrei avuto bisogno di conforto…
Lei rimase pensierosa e poi mi disse:
Non so… Ci devo pensare… Poi cosa potrebbe fare per me questo senza tetto?
Le dissi che avevo ordinato una serie di sorprese per lei che le avrebbero stravolto il week end.
Mi disse che mi aspettava da lei il sabato mattina…
Venne la mattina del sabato e verso le 10 ero da Sandra, appena salito la trovai vestita di tutto punto con scarponcini lucidi, pantaloni in velluto neri e un pellicciotto sintetico anch’esso nero, appena mi vide mi disse:
Perfetto! Mi piace la puntualità! Adesso andiamo a far la spesa al centro commerciale…
Le sorrisi, appoggiai un paio di mie borse nell’ingresso di casa e prendendola sotto braccio ci avviammo.
Appena in strada le aprii la portiera della mia Porsche e l’aiutai a scivolare nel posto del passeggiero, mi abbassai per mettergli la cintura di sicurezza ma fu una scusa per prendergli le labbra e baciarla… Mi ricambiò ma poi sbuffando mi disse che le avevo tolto il rossetto…
Entrai al posto di guida e prima di partire aspettai che Sandra si fosse rimessa il rossetto… Appena fatto feci ruggire la mia Porsche e mi infilai nel traffico.
Al centro commerciale fu divertente far spese con sandra, ovviamente era metodica, selettiva, e tutto sommato avevamo gusti simili.
Non potevo non notare gli sguardi degli uomini su Sandra che con la sua bellezza e il suo charme conquistava gli sguardi, le donne la guardavano con invidia…
Arrivati alla cassa pagai con il mio Iphone fra le proteste di Sandra che per cinque minuti mi tenne il muso come se avesse subito un torto capitale…
Me la strinsi a me e la baciai con passione .. La fissai negli occhi azzurri e le dissi che se intendeva stare con me c’erano delle cose che non potevo delegare…
Passò una mamma con un binbo che disse:
Perché quel DADO mangia la sua mamma?
La Signora sorrise a noi due imbarazzata e scompigliò i capelli del bimbo..
Arrivati a casa di Sandra riponemmo laspesa ovviamente sotto il vigile controllo di Sandra, dopo di chè le dissi di lasciarmi la cucina e di svagarsi perché avrei cucinato io..
Provò a protestare ma poi desistì ..
Quando fu pronto la chiamai e quando arrivò in cucina rimasi folgorato…Sandra si era cambiata…
Il mio Angelo si era trasformato in una monella…
Capelli con codini..
Pantacollant bianchi e un vestitino rosso con fiori.
Le dissi che era bellissima, le spostai la sedia e la feci accomodare…
Servii il pranzo che per l’occasione prevedeva risotto di verdure, insalata mista e per finire un bel budino al crem caramello.
Sandra si alzò e mi venne in braccio dicendo che il dolce lo si mangiava meglio in braccio da me.
Iniziai a imboccarla , lei gradiva e ogni tanto si passava la lingua sulle labbra , il mio cazzo iniziava a muoversi sotto di lei…
Se ne accorse e disse:
Povero cucciolo stai soffrendo..Si mosse su di lui e poi si mise a cavalcioni facendo aderire lo spacco della sua patatina su di lui…
Sandra prese un po’ di budino e mi baciò.. Le nostre lingue giocavano assieme con il budino..Le mie mani iniziarono ad accarezzare le coscie di Sandra per poi arrivare sulle chiappette…
Le stringevo e la premevo su di me..
Le dissi che la volevo…
La stesi sul tavolo e le strappai i panta collant a morsi, la porcellina non aveva le mutandine…
Iniziai a leccarle la passerina…Presi il budino e iniziai a inserirlo dentro Sandra che iniziò a gemere rumorosamente..
La mia bocca iniziò a succhiare tutto quel ben di Dio…
Le sue grandi labbra si gonfiarono di sangue pulsante e io le leccavo avidamente.
La mia lingua iniziò a prendere il budino dalla patatina che con il suo calore me lo riversava in bocca.
La mia bocca si attaccò a ventosa e la lingua inizio a scoparla… Veloce veloce.. Sandra iniziò a godere e fra un gemito e l’altro venne scaricandomi in bocca i suoi succhi e il resto del budino….
Alzai lo sguardo e le sorrisi.. Sandra mi disse che era la prima volta che si prestava come coppa da budino! Però era stato bellissimo…
Il pomeriggio lo passammo a passeggiiare al parco, parlammo a lungo delle nostre vite e ci rendemmo conto che eravamo molto simili, entrambi un po’ solitari ma amanti delle cose concrete e delle cose belle..
La sera rientrammo e ci gustammo un’insalata di gamberi con frutta e agrumi.
Finita la cena mi alzai e le consegnai un pacchetto infiocchettato, Sandra spalancò gli occhi e sorridendo mi disse che amava le sorprese.
Scoppiai a ridere e le dissi di giudicare dopo averlo aperto.
L’alzai e le dissi di andare in camera e aprirlo con calma mentre io avrei rimesso a posto la cucina…
La casa era avvolta in una musica soft, si sentiva solo il rumore dei piatti che lavavo, poi dopo aver terminato mi recai in salotto aspettando Sandra.
Mi annunciò che stava per arrivare ma si vergognava parecchio.. Le dissi che molto probabilmente a me sarebbe piaciuta.
Sandra fece il suo ingresso..Pur sapendo cosa indossava la visione che mi si parò davanti fu superiore alle attese..
Sandra aveva raccolto i capelli in una coda fermata da un fiocco nero..Indosava una cat suite nera che la copriva tutta, il materiale era finissimo nelle gambe con disegnate le balze delle autoreggienti, nell’inguine vi era una unica apertura per la patatina, sopra in vita aveva dei fiori arabeschi in rilievo per poi coprire i seni sempre con il tessuto trasparente, Sandra fece una piroletta sulle sue decoltè nere svelando la schiena quasi nuda e il culetto fasciato da quel tessuto trasparente.
Per l’occasione aveva messo un rossetto quasi nero, era bellissima…
Si avvicinò e prese un cuscino si mise in ginocchio mi slacciò i pantaloni , me li tolse sfilando anche i boxer.. Si avvicinò con le sue manine coperte da guanti di licra impugnò il mio cazzo e fissandomi negli occhi se lo fece scivolare fra le labbra turgide.
Iniziò a scoparmi con la bocca le dita accarezzavano le palle, ogni tanto le stringeva, leccava la cappella, per poi affondarselo fino in gola.
Le provai a toccare il seno ma mi diede uno schiaffo sulla mano.. Guardandomi torba , continuò ad andare su e giù e pensai che non sarei durato a lungo con questi affondi.
Le dissi di fermarsi perché le volevo dare un altro pacchetto. Si fermò e con l’agilità di una gatta si alzò e andò alla mia borsa estraendo un altro pacchetto..


Questo racconto di è stato letto 2 5 4 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.