In viaggio con mio padre - 2°

Scritto da , il 2019-04-15, genere incesti

Il treno era in lieve ritardo e comunque,avendo i bagagli da ritirare,era impossibile passare in albergo e poi andare entrambi in fiera visto la situazione dei pantaloni di mio padre.

Abbiamo deciso dunque che io,già in ordine vestita casual com'ero partita e ben truccata avrei subito preso il metrò mentre lui sarebbe andato col taxi in albergo a depositare i bagagli e mettersi un po in ordine.

Come sempre facevamo in quelle occasioni,le nostre camere erano su piani diversi in maniera che ognuno di noi potesse mantenere la propria privacy.

Tra noi vi era un tacito accordo secondo il quale,l'uno non sapeva nulla di quello che faceva l'altro,chi frequentasse dopo il lavoro o le eventuali riunioni di rito al ristorante coi clienti e rappresentanti o gli impegni mondani organizzati dalla fiera stessa.

Al termine di quegli obblighi di routine,comunque,sempre prima della mezzanotte,ognuno di noi era libero di scegliersi come e con chi concludere la serata.

La prima sera a tavola con noi al bistrot c'era il nostro rappresentante per la zona nord della Francia,un ragazzo siciliano bello,loquace,intelligente e colto come certa borghesia isolana sa essere dal nome tipicamente siculo;Saro.

Era da un po di tempo che non andavo a letto con lui ed anche in occasione della riunione pre-fiera fatta a Milano,a causa di problemi con mio marito non ero riuscita ad appartarmi con lui che per un breve momento durante il quale,ero solo riuscita a fargli un pompino poco prima che ripartisse.

Dunque per tutta la durata della cena,non avevamo fatto altro che smaniare dalla voglia che avevamo di andarcene.

Io tra le gambe ero un lago ed ero certa che anche lui,avesse una incontenibile erezione che gli leggevo nei profondi occhi neri e le carnose labbra vogliosamente sensuali.

C'era anche la signora tedesca con la quale se la faceva mio padre.

Era insieme al marito ma sapevo che quello non sarebbe stato un problema in quanto già una volta a Francoforte se l'era portata a letto in albergo per tutta la notte mentre il marito era tornato a casa sua.

Quella sera però,stranamente mio padre prima che finissimo di cenare,con la scusa che era stanco,si era alzato e dopo aver salutato tutti se n'era andato.

La cosa mi era parsa subito strana.

Non era mai successo che si alzasse prima degli altri in quelle occasioni ed era rarissimo che se ne tornasse in hotel da solo.

Quella sera a tavola era seduto di fronte a me e Saro gli sedeva accanto.

Entrambi parevano interessati a parlare di lavoro mentre i loro occhi,seppur in modo diverso,erano puntati su di me.

Quella doppia attenzione mi metteva una certa inquietitudine addosso anche se la mia mente e la mia "cosina" erano concentrati sul dopo cena tra le braccia dell'affascinante maschio della magna Grecia.

Quando mio padre se n'era andato,avevo notato un non so che nel suo atteggiamento e nel suo sguardo.

Mentre usciva,la signora tedesca gli era corsa dietro e dalla vetrina del ristorante avevo notato che avevano avuto una conversazione alquanto animata.

Sicuramente lei aveva insistito per farsi accompagnare dal marito nel suo albergo ma dall'atteggiamento di mio padre,era chiaro che quella non era la serata giusta per stare insieme.

Quando mio padre era salita sul taxi,lei era rientrata nel locale ed era furiosa.

Con fare spiccio aveva preso il marito per mano e salutando nervosamente se n'era andata.

Non riuscivo neanch'io a capire il perché ma,in qualche modo mi sentivo parte in causa per quella burrascosa chiusura di serata.

Fortunatamente,ci aveva pensato Saro a farmi dimenticare quello spiacevole episodio.

Eravamo tornati nel mio albergo a piedi ed il solo fatto di percorrere le strade di Parigi mano nella mano con quello stupendo esemplare di maschio,mi aveva fatto riempire il perizoma di umori.

In ascensore mi ero sfilata le mutande e poggiandogliele sul viso,lo avevo baciato con un voluttuoso ed osceno lingua in bocca.

-Hai visto che effetto mi fai...maiale!-

Gli avevo detto staccandomi dal bacio e strofinandogli sulle labbra la parte bagnata del perizoma.

Per tutta risposta lui aveva bloccato l'ascensore e spingendomi verso il basso,si era slacciata la patta dei pantaloni e sfilandosi il cazzo lo aveva esibito come un trofeo davanti al mio viso:

-...e guarda tu che effetto mi fai troia!-

Che maschio!

Che montone!

Che voglia di succhiarglielo e farmi vedere da qualcuno quando l'ascensore si fosse aperto!

Mi ha chiavata in tutti i modi sino alle tre del mattino.

Quando è andato via,dopo avermi regalato una infinità di orgasmi ed avermi riempito col suo bollente seme ogni buco,ero sfinita.

Al mattino non avevo sentito neanche la sveglia e se non fosse passato mio padre a bussare,avrei dormito sino a mezzogiorno.

-Ciao papà!-

-Ciao Sandra...che fai ancora a letto?-

-Ma che ore sono?-

-Sono quasi le otto è tardi...preparati dai che andiamo a lavorare.-

-Oddio com'è tardi..scusami papà...mi preparo subito!-

Non era mai accaduto che mio padre stesse in camera con me mentre mi preparavo.

Incurante del fatto che fossi completamente nuda,ero scesa dal letto e mi ero precipitata in bagno.

Quando ne ero uscita,sul tavolo del salottino vi era la colazione che mio padre aveva fatto portare in camera.

-Cos'è successo ieri sera papà...perché sei andato via così?-

-Non lo so neanch'io Sandra.

Ero nervoso.

Non sopportavo tutta quella gente.

Non sopportavo Saro,la sua voce petulante che continuava a parlare di lavoro e.....non sopportavo il fatto che non ti togliesse gli occhi di dosso.

Mi veniva voglia di prenderlo a pugni e....lo avrei fatto se non fossi andato via.-

-Ma papà....eri geloso!?

Eri geloso di Saro?

Lo sai che io e lui ci divertiamo insieme,non c'è niente tra noi....solo un po di sesso e nient'altro!-

-Come solo un po di sesso e nient'altro?

Ti pare questo il modo di parlare a tuo padre?-

Mi aveva risposto con tono adirato.

In effetti,anche se lui sapeva delle mie abitudini libertine e conosceva molti degli uomini coi quali avevo tradito mio marito,non ne avevamo mai parlato ne lui,aveva mai accennato alle sue avventure extraconiugali che pure,io,conoscevo molto bene.

-Papà....sei geloso...papàààààààà-

Gli avevo gridato a mezza voce gettandomi tra le sue braccia ed offrendo la bocca alle sue labbra che voracemente mi hanno risucchiato la lingua,la saliva e l'anima.

segue



Questo racconto di è stato letto 1 1 3 2 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.