In viaggio con mio padre

Scritto da , il 2019-04-15, genere incesti

Non era mai successo prima che facessi un viaggio in treno in un vagon-lit con mio padre.

Solitamente ci spostavamo in aereo per poi trasferirci in alberghi in cui avevamo prenotato le rispettive camere matrimoniali.

Quella volta non so neanch'io com'era successo ma non avevamo trovato posto in aereo per Parigi e per di più,sul vagon-lit della compagnia francese,avevano disponibile solo una cabina cuccette di 2° classe con 2 letti a castello.

Il mattino successivo si inaugurava la fiera dove già da alcuni anni esponevamo i nostri prodotti e proprio nelle prime ore dall'apertura,avevamo già fissato degli appuntamenti con importanti clienti stranieri.

Per essere chiari,si tratta di quei clienti che vogliono vedere in anteprima le novità per accaparrarsene subito l'esclusiva.

Nell'azienda di mio padre,mio marito si occupa(con successo direi)della parte amministrativa mentre io,istruita ad arte da mio padre,seguo la parte commerciale.

Dunque sono io che tengo i rapporti con i clienti ed i rappresentanti sparsi in ogni paese del mondo.

Quel giorno dunque,eravamo diretti a Parigi e il disguido dell'aereo,ci avrebbe fatti arrivare alla gare de Lion giusto in tempo per scaricare i bagagli in un hotel in Rue de Rivoli e,senza neanche una doccia,trasferirci in fiera in metrò per non subire ulteriori ritardi.

Lo spazio disponibile nelle cabine cuccette è quello che è e dunque,io e mio padre ci siamo preparati per il letto senza particolari imbarazzi ma,soprattutto per me,senza alcuna intimità.

I preparativi per quel viaggio erano cominciati di buon'ora ed erano stati alquanto faticosi per via delle cose che ti vengono in mente all'ultimo minuto in certe importanti circostanze.

Non posso certo dire che ci mancasse l'aiuto di bravi e solerti collaboratori mio padre però,particolarmente attento,trovava sempre qualche mancanza o miglioria da fare prima di partire.

Fortunatamente,avevamo un ragazzo eccezionale che si occupava dell'allestimento dello stand ed alla bisogna,anche della soddisfazione di certe esigenze erotiche del direttore commerciale:La sottoscritta!

Tra sobbalzi,risa e spintoni,ero riuscita a spogliarmi completamente ed indossare il pigiama per la notte.

Mio padre,borbottando per l'insolita e scomoda situazione,si era tolto solo il soprabito,la giacca e le scarpe e si era coricato praticamente vestito sulla branda.

Personalmente,ero meno contrariata di lui da quella situazione che,comunque,sarebbe durata solo il tempo di poche ore e poi finalmente Parigi cogli impegni che ci aspettavano ma anche con le sue luci,i colori,i locali,le brasserie ad ostriche e champagne di Montparnasse e soprattutto gli incontri che prevedevo di fare.

Mentre nel mio sacrificato lettino in alto,cercando di prendere sonno nel rullio del treno,mi toccavo pensando ai giorni(e le notti)che mi aspettavano,da sotto sentivo il respiro pesante di mio padre.

Quella era la prima volta da quando ero bambina,che dormivo nello stesso ambiente e nello stesso letto di mio padre.

Praticamente non sapevo quasi nulla dei suoi comportamenti notturni.

Certo,mia madre ogni tanto si lamentava del fatto che russasse ma niente di più e,soprattutto,se ne lamentava quando lui aveva avuto una giornata particolarmente faticosa.

In quella circostanza in treno mio padre non russava ed aveva un respiro pesante intercalato da suoni che parevano gemiti.

In quel momento,mi stavo toccando cercando di soffocare i miei sospiri mentre la mia mente,si animava di pensieri alquanto trasgressivi e rumorosi.

Per quanto cercassi di allontanare dalla mia mente certi pensieri perversi,non riuscivo ad impedirmi di pensare che mio padre si stesse masturbando dopo avermi vista nuda e che si fosse sdraiato vestito proprio per non mostrarmi la sua eccitazione.

Avevo dovuto mordere quello schifoso cuscino sintetico per evitare che i gemiti esplosi insieme al mio orgasmo,potessero essere sentiti da lui che continuava a respirare in modo sempre più pesante.

Io giacevo tremante e spossata dal godimento e dall'enorme sforzo fatto per soffocare i miei rantoli quando mio padre,emettendo un suono sordo come di chi sta espellendo un groppo alla gola,si era scosso mettendosi a sedere sul bordo del giaciglio.

Io avevo continuato a fingere di dormire quando lui si era messo in piedi e prendendo un fazzoletto dalla sua giacca,aveva cominciato ad armeggiare sulla patta dei suoi pantaloni.

Sicuramente aveva goduto e l'aveva fatto senza pensare che avrebbe sporcato anche i pantaloni.

L'avevo fatto eccitare ed invece di provarne vergogna,ne ero incredibilmente fiera!

Al mattino,immaginando la sua difficoltà a mostrarsi coi pantaloni sporchi "proprio lì",mi ero vestita in fretta e con la scusa che dovevo correre al cesso,l'avevo lasciato solo.

Al mio ritorno,lui era vestito con già indosso il soprabito.

Mentre lui era in corridoio ad aspettarmi,ripensando alla notte trascorsa,mi ero masturbata ancora prima di fare un complicato bidet e lavarmi alla meno peggio.

Li fuori c'era Parigi ad aspettarci insieme ad un nuovo giorno ed a nuove esperienze che,forse,un destino generoso e trasgressivo mi stava preparando.

segue

Questo racconto di è stato letto 5 7 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.