Il maschio vince ancora

Scritto da , il 2019-04-13, genere incesti

Era ancora passato poco più di un mesetto da quando mia cognata Daniela mi aveva aperto le cosce allorchè mi giunse un suo messaggio che diceva solo " sei morto ? "
Non potevo credere quanto fossi stato stupido tralasciando una femmina che era uno schianto e che mi aveva fatto godere da matti.
La chiamai al cellulare e dopo averle inventato mille scuse legate al mio lavoro le dissi come la desideravo e mi scusai di averla trascurata e le chiesi quando la potevo trovare da sola a casa sua.
Mi disse che sua figlia era un periodo che se ne stava in casa a studiare anche perché le aveva confessato di aver lasciato il suo ragazzo e quindi aveva paura di far qualcosa con lei in camera sua ; quella notizia mi fece uno strano effetto un lampo a ciel sereno mi mostro mamma e figlia disponibili ai miei desideri di averle entrambe.
Era una idea da pazzi e subito cercai di tornare serio e dissi a Daniela che sua figlia se era presa dallo studio certo non sarebbe venuta in camera sua e quindi potevamo, pur con cautela, incontrarci; lei era titubante ma poi si convinse a vederci il giovedì di quella settimana.
Mi disse che sarebbe tornata a casa verso le 17 ed io buttai là quello che mi balenò per la testa in quel momento chiedendogli se potevo arrivare prima dato che non sapevo come giustificare a sua sorella la mia presenza a casa e lei accettò la cosa dicendo che avrebbe avvertito sua figlia Roberta che venivo per portarle un preventivo e che mi aprisse e mi facesse aspettare in salotto fino al suo arrivo.
Ero già eccitato da quello che avevo ottenuto anche se sapevo benissimo che sua figlia mi avrebbe appena salutato, essendo molto timida e riservata, e realisticamente quel sogno o desiderio era tanto vago e strambo che nemmeno io lo credevo realizzabile.
Il giovedì, fatta la doccia e vestito il più possibile giovanile , mi presento alle 14,40 a casa di Daniela pensando che avrei di certo fatto ancora cornuto mio cognato che quando parlavamo di donne si dipingeva come uno che ne portava a letto una nuova per sera.
Suono e mi viene ad aprire Roberta; " entra zio " mi dice e me la trovo davanti con un maglione lungo che le arriva ai ginocchi ma si intuisce che sotto ha ben poco altro che la copra.
Sento una scossa come quella di quando la avevo sognata sotto di me mentre parlavo con sua mamma ; ciao roby, le dico, sei sempre più bella, esuberante e assomigli sempre più a tua madre e lei compiaciuta mi ringrazia e mi sorride con la faccia eguale a quella che ha sua madre e sua zia, mia moglie, quando sono eccitate.
So che è il momento decisivo e non posso sbagliare nessuna mossa o parola se voglio veramente averla ma devo comunque dirle qualche cosa.
" A voi giovani basta una bel maglione per essere perfetti e desiderabili e noi maschi vi cadiamo ai vostri piedi " le dico e poi penso fra di me che ho esagerato e magari ho rovinato tutto il castello creato per poterla montare come avevo fatto un mese fa con sua madre.
Trattengo il respiro ma lei gradisce e mi dice che sono troppo buono perché non si vede così bella e desiderabile e mi dice di andare in camera sua, se voglio, mentre aspetto sua madre così lei finisce di fare i compiti.
Lei ha tutti i libri sul letto e si mette supina e mi mostra il più bel culo che abbia mai visto e capisco che il mio pensiero che era quasi nuda sotto si avvalora vedendo solo un piccolo tanga trabalenare tra quelle due chiappe imperiose e sode. Roberta posso sedermi sul tuo letto le dico e proseguo chiedendogli quanti ragazzi ha di certo che le fanno una corte spietata;" nessuno zio almeno ora" risponde lei.
E' il momento del mio affondo e le dico " accidenti ma devono essere tutti gay i ragazzi adesso " ed il suo sorriso mi da la certezza che ho rotto il ghiaccio e allora ecco la mia mano che le si posa sul culetto e la tasta per bene; " certo tu zio non lo sei gay ma lo sai che io sono tua nipote ? " mi dice lei ma sento anche il suo sospiro affannoso intanto che si gira lasciando le sue cosce aperte e facendomi vedere un gran pelo che le esce dal tanga.
" Roberta sei mia nipote ma anche un gran pezzo di fica ed io ti voglio avere sul tuo letto " le dico e lei lasciandomi senza parole mi risponde " vuoi scopare me come mia madre zio? sai che vi ho sentito quella sera che la hai presa e vi ho spiati dalla serratura della porta mentre tu la facevi tua".
Si Roberta voglio averti come ho goduto tua madre ma tu sei più appetitosa e mentre dicevo questo le ho messo la faccia tra le cosce e appena scostato il tanga ho iniziato a leccarmela tutta e lei si è subito bagnata e mi ha preso la testa e me la ha spinta per sentirla attaccata alla sua fica piena di umori.
Dopo poco lei ha iniziato a godere e contorcersi e la sua sborra mi riempiva la bocca ed allora , appena spogliato e denudata la mia preda, le ho appoggiato la cappella sulle sue grandi labbra e le ho detto " ora sai che sarai mia e tu adesso fatti entrare la mia cappella poi io penserò a montarti come meriti ". 
Lei iniziò a gemere e sospirare e quando entrai nel suo paradiso il mio cazzo non fece nessuna pressione e sparì subito dentro la sua fica; capii che era già stata aperta da più uomini anche da come si comportava e mi eccitava con rantoli e sospiri e mi incitava a possederla e poi riempirla; " non posso " le dissi ma lei mi rassicurò dicendo che prendeva la pillola.
Ero tanto eccitato a sentire quella carne giovane e liscia che ero allo stremo e sentivo prepotente la voglia di darle tutto il mio seme e lei da giovane troia mi portò all'orgasmo più potente che abbia mai avuto dentro le cosce spalancate di una femmina. Spinsi con tutte le mie forze e iniziai a rantolare e sborrare mentre lei si avvinghiava a me ed io finii di svuotare tutto il mio seme e mi accasciai sopra di lei esausto ma incredibilmente orgoglioso di aver montato una splendida femmina diciannovenne.
Mi ripresi dopo un po' e le promisi di volerla ancora se a lei era piaciuto e lei sorrise come conferma ma poi divenni cosciente che erano le 16,30 e tra poco sarebbe giunta sua madre.
A quel punto chiesi a Roberta di dire che non mi aveva visto e che pensavo io a telefonare a sua madre e dirle che un contrattempo mi aveva impedito di venire da lei.
Roberta ridendo mi disse di si e poi mi salutò dicendomi " sono contenta che ti ho preso tutte le forze e che tu hai voluto oggi scopare solo me e darmi tutto quello che avevi dentro di te ma forse una volta potrai, se mia madre lo accetta, anche averci assieme ".
Fuggii da quella casa sapendo che sua madre stava arrivando pronta per essere montata ma sarà per la prossima volta...............

Questo racconto di è stato letto 6 8 5 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.