Oltre il tramonto (parte 3)

Scritto da , il 2019-03-10, genere sentimentali

Dal suo fare un po' nervoso si intuisce che Benedetta, la segretaria della scuola di danza, è rimasta temibilmente colpita da Madame L. Lo si capisce da come ha stemperato i propri modi: della spocchia arrogante di poco prima, non è rimasta traccia.

I giochi di sguardi tra la mistress dal tubino nero (con stivali a mezza coscia e calze a rete a maglie larghe) e la giovane smerciatrice di mutandine usate continuano a rincorrersi anche fuori dal locale degli aperitivi, al momento di chiamare un taxi.
– Ho lasciato il carabiniere in gabbia senza vestiti per venire da te, mon cheri – mi dice la dea dai tratti nordici, con gli occhi di ghiaccio e la sua erre parigina.
– Non credo te ne pentirai – rispondo – Abbiamo bisogno dei tuoi servigi.

Benedetta, con la sua coda di cavallo e la gestualità coatta, prova a sciogliersi un po'.
– Perché ho dovuto lasciare la mia Smart in sosta vietata?
– Ti divertirai senz'altro di più sull'auto del mio amico – replica Madame L, digitando sul telefonino.

Mentre aspettiamo tutti e tre sul marciapiede, a pochi metri dallo scorrere del Tevere, la mia attenzione ritorna per un po' alla moretta. Ripenso alla sua lingua e alla densità del suo liquido vaginale testato poco prima. Dall'apertura della camicetta bianca, il reggiseno in pizzo nero emerge con maggiore prepotenza. "Benedetta"... Che nome strano, penso. È pur sempre un aggettivo... Chi sa che effetto farà chiamarsi Salvo, Immacolata o Serena. Meglio di Miley Cazzus...

Un'auto di pischelli strombazza all'indirizzo della due minigonne. Mi guardano con la coda dell'occhio come per dire: guarda 'sto sfigato stasera come tromba... Mi ricordo in quel momento che la giovane è rimasta senza mutandine, dopo il servizio orale fatto al giovane pariolino assatanato.
– La tua amichetta potrebbe prendere freddo – le dico, guardando in direzione del suo basso ventre.
– Ma adesso gliela riscaldiamo noi – interviene Madame L, mentre con il braccio alzato fa cenno a una macchina scura presidenziale che sta rallentando in doppia fila.

La segreteria si sente messa in mezzo. Non ha ancora deciso se entrare nel gioco, teme di essere lei stessa la vittima finale del piano che frulla nelle nostre teste.
– Sali in mezzo a noi, stellina – le sussurra la mistress, strizzando l'occhio all'autista muscoloso. Non senza indugio, la giovane si siede al centro dell'ampio sedile posteriore. Le portiere dell'Audi si chiudono con delicatezza attutita. I vetri neri e anti-rumore rendono l'ambiente particolarmente intimo e ovattato.
– Lui è Mike – dice Madame, sorridendo in direzione del pilota – Loro sono Piff e Benedetta. Come stai, piccolo stallone? Ti sei ripreso dalle cinquanta scudisciate della settimana scorsa?

Mike sorride nello specchietto retrovisore e allunga le braccia sul volante, facendo tendere il deltoide da sotto la maglietta scura. Si capisce che le parole non sono il suo forte. Che le sue armi sono altre.

Nel frattempo, mentre mi godo l'interno della vettura che inizia ad insinuarsi nel traffico serale capitolino, prendo consapevolezza della mia attuale situazione. Il mio cazzo in risveglio modulare è a pochi centimetri da due scoscianti minigonne: una che si affaccia su un paio di stivali da dominatrice, l'altra che ricopre le parti intime di una atleta tutta pepe, della quale custodisco ancora un po' il sapore erotico.

– All'inizio – spiego all'indirizzo delle due compagne di viaggio – avevo idea di chiedervi di tendere una trappola a un tanguero di nostra conoscenza. Ma uno poi si rende conto di sentimenti che non portano a nulla di buono... Il progetto è andato a farsi benedire e ho pensato che se la giovane studentessa dovesse mai incrociare un giorno la mia strada, dovrà trattarsi di un incontro causale e non forzato dagli eventi.
– Che cuore nobile – chiosa la mistress con il suo sarcasmo – e quindi cosa vuoi da noi? A parte, suppongo, riscaldare l'utero di questa verginella...
– Ma no dai... Benedetta mi sembra una brava ragazza, un po' ruvida ma è ciò che ci serve.

La segretaria mi squadra girandosi di tre quarti. Sta per reagire con i soliti impulsi belluini, ma la calmo subito inquadrando il discorso in modo serio.
– Ferma quella lingua e quelle mani – le dico, sorridendo e afferrandole i polsi – stiamo solo giocando con le parole. Siamo più anziani e un po' stronzetti, ma non siamo cattivi. È solo per divertirci e mantenere la sudditanza psicologica con le pischelle.
– Pischella tua sorella – riesce a sibilare Benedetta, prima che io riprenda a parlare.
– Anziana tua madre, quella maîtresse – le fa eco Madame L, con evidente solidarietà femminile.
– In verità – trattengo la risata – massimo rispetto! Da ora in poi siamo tutti e tre sulla stessa barca e allo stesso livello. Ognuno con un suo tornaconto pratico ed... erotico. Sempre che siate d'accordo anche voi.
– Se ti decidessi a spiegare qualcosa – interviene Madame L. guardando da dietro al finestrino scuro un motociclista belloccio fermo al semaforo.
– Sì ragazze, ora vi dico tutto. Scusa Mike, potresti girare qui e andare verso via della Conciliazione? Quando sei lì fermati a tre-quattrocento metri da piazza San Pietro.

Le due donne si guardano tra di loro. Iniziano a pensare di essere in macchina con uno psicopatico.
– Urbi et orbi... – sogghigna la mistress, tirando verso l'inguine un lembo dello stivale in pelle – Quindi il tuo piano è passare a prendere il Papa e invitarlo a uno scambio di mutandine?!?
– Ehehehe fino a questa non c'ero ancora arrivato... Il punto sono invece tre simpatici figuri, che dovrebbero essere iscritti alla tua scuola di danza.

La ragazza aggrotta le sopracciglia e fa una faccia perplessa.
– In realtà sono tre super manager di tre multinazionali concorrenti con la mia azienda. I loro cognomi sono questi...

Passo il cellulare a Benedetta e le faccio leggere i nomi appuntati su una pagina del blocco note. Lei replica dopo qualche secondo:
– Sì sono tutti e tre iscritti alla scuola di tango. Due di loro però hanno scelto di fare altre attività, credo qualcosa di più atletico, non ricordo...
– A me interessa sapere se sono anche loro nel giro delle mutandine bagnate...
– Direi proprio di sì. Questi due me li ricordo bene, e comprano perizoma con una certa regolarità. Il terzo è forse quello stronzetto con l'aquilotto tatuato sull'avambraccio?
– Proprio quello, un ragazzo onesto e raffinato. Quindi possiamo dire che tutti e tre sono ricattabili, giusto?

Il sarcasmo di Madame L. non riesce a stare a riposo
– Chi di noi non è ricattabile, mon petit chou... Ma perché ce l'hai tanto con questi tre maiali..??
– È una storia di sei mesi fa... Le loro tre aziende si sono messe d'accordo segretamente per farmi fuori in una gara pubblica. Noi eravamo convinti di vincere, era un progetto perfetto per noi, con una commessa milionaria. Questi tre balordi ci hanno fatto perdere solo per il gusto di schiacciarci. Un colpo durissimo per le nostre casse, abbiamo dovuto licenziare una quarantina di persone. Una storia di merda come tante in questo mestiere e in questo Paese. Loro però continuano a fare la loro porca vita... E ora scopro per caso, vedendoli uscire dalla scuola di danza, che stanno in un giro di compravendita di mutandine usate. Capitemi... La tentazione di sputtanarli è fortissima!

Mi guardano entrambi con le rotelle mentali al massimo dei giri.
– Se mi date una mano ci divertiremo. In cambio potrebbero esserci dei vantaggi notevoli, oserei dire una svolta per le vostre carriere... Oooohiii Mike, ferma, ferma qui. Accosta in doppia fila. Anzi no... Parcheggia bene che c'è posto: non vorrei che qualche vigile venisse a interromperci proprio sul più bello.

Madame L. capisce al volo le mie intenzioni. Allunga una mano verso il reggiseno della segretaria e inizia a pizzicarle un capezzolo dall'esterno del tessuto in pizzo. Io seguo il gesto della mistress e con la testa le faccio cenno di guardare attraverso il finestrino. A pochi metri da noi, inconsapevoli di ciò che accade all'interno di una berlina blu presidenziale parcheggiata, un gruppo di giovani suorine asiatiche, africane e sudamericane sta aspettando un autobus, scambiandosi pettegolezzi tra di loro. Sullo sfondo la basilica del Vaticano, maestosa e con gli obelischi belli dritti. Dietro alle suorine, un'edicola piena di giornali e con i calendari appesi, tra i quali spicca quello dei giovani sacerdoti ritratti durante la settimana santa.
– Non ti ricordavo così perverso – sussurra la mistress, soffiando nell'orecchio alla povera segretaria.

Benedetta capisce che il vortice ha preso velocità e ruota la testa all'indirizzo della padrona, iniziando a baciarla sulle labbra, in un intenso scambio di rossetti e ciglia ravvicinate che si osservano. Con la coda dell'occhio guardo Mike, abituato a questo genere di performance improvvisate, che mi restituisce un "tutto a posto" con un lieve gesto della mano.

La mia, di mano, si muove invece all'indirizzo della minigonna di Benedetta, che involontariamente si è sollevata nel turbinio delle emozioni sopraggiunte. Con le dita scorro lungo la coscia muscolosa, fino a percepire gli umori della giovane vagina. Prima mi soffermo sul clitoride, facendola sobbalzare di piacere: poi le affondo medio e anulare nella fighetta morbida, indugiando nella densità delle sue magiche secrezioni.
– Vieni stellina, fammi sentire la tua lingua qui nel punto giusto – dice quasi materna l'esperta dominatrice, allargando a sua volta le cosce e scoprendo una vulva imperiale, anche lei orfana di mutandine.

Lo spettacolo è quasi angelico, se non fosse blasfemo dirlo visto il luogo in cui ci stiamo sollazzando. Sollevato un po' il tubino nero, Madame L tiene entrambe le mani sulla testa della segretaria intenta a leccare con maestria. Le gambe della mistress, inguainate nei morbidi stivali e fasciate dalle autoreggenti a rete nera, si aprono quel tanto che basta per offrire la sua figa all'eccitata Miley.

A quel punto, con la giovane quasi messa alla pecorina, estraggo l'uccello dai miei boxer per completare il quadro estetico. Se la durezza del mio membro ha raggiunto quota cento (chi potrebbe resistere a una scena così ludica), lanciare un fuggevole sguardo all'indirizzo delle pettegole suorine mi fa oltrepassare almeno un centotrenta.

Incurante di autovelox manovrati dalla mia coscienza, immergo il cazzo turgidissimo nel ruscello del piacere. Scivolando a destra e a sinistra con movimenti parabolici, come un bob olimpico lanciato in pista a densità supersonica. Il cupolone di San Pietro sullo sfondo si illumina. La prendo come una benedizione. Anzi, come un via libera all'orgasmo più religioso che la mia memoria pelvica ricordi.

[CONTINUA / 3]

Questo racconto di è stato letto 1 2 8 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.