Cornuto - 20 - Una gravidanza meravigliosa ed un parto a sorpresa

Scritto da , il 2019-03-04, genere incesti

Mentre ci stavamo rivestendo per uscire,Kiara mi si è avvicinata e mi ha detto in inglese:

-Ingegnere,è tardi e domani se tu e Moussa dovete andare al lavoro per tutto il giorno,la tua bella e vogliosa mogliettina resterebbe sola per tutto il giorno.

Perché non la lasci qui con me stanotte?!

Stai sicuro,c'è una bella camera tutta per lei e puoi essere certo che me ne prenderò cura io e te la riporterò felice e soddisfatta domani sera per ora di cena.-

Come sempre accadeva,era bastata un'occhiata di assenso di mia moglie affinché accettassi la proposta senza protestare.

Con la mia macchina guidata da Moussa,eravamo tornati a casa.

Al mattino io ero uscito di buonora e lo "zio Moussa" aveva rassicurato mia figlia Licia che la mamma sarebbe tornata presto e prima di uscire anche lui per il suo lavoro,l'aveva affidate alle cure di Khalifa.

La permanenza di mia moglie in quella casa era stata da lei vissuta come in un sogno delle "mille e una notte"

Al suo risveglio al mattino una giovane ragazza di colore dai corti capelli ricci e neri,completamente nuda,le aveva servito a letto un caffè ed un infuso di erbe africane con alcuni biscotti che le avevano dato subito un senso di benessere.

Poi l'aveva aiutata ad alzarsi e porgendole una vestaglia in seta l'aveva accompagnata in bagno.

Dopo averla lasciata sola per espletare le sue funzioni organiche,era rientrata in quell'ambiente ricoperto di marmi e rubinetti d'oro e l'aveva accompagnata nella vasca da bagno con l'acque già calda e odorosa di essenze esotiche.

Con una spugna l'aveva lavata con movimenti leggeri procurandole brividi di piacere quando le sfiorava le parti sensibili dietro la schiena,sotto le ascelle e poi,il seno e tra le cosce sino a indugiare premendo sul sesso dischiuso e sulla clitoride già turgida.

Lei con la testa appoggiata alla vasca e gli occhi chiusi si lasciava fare sino a sciogliersi con un sottile gemito in un lungo e delicato orgasmo.

Mentre mia moglie si godeva quel momento di beatitudine le aveva sciolto le treccine e le aveva fatto uno shampoo.


Poi,dopo averla asciugata,l'aveva fatta sedere davanti ad una grande toilette a specchio e l'aveva pettinata formandole un'unica lunga treccia gonfia che le ricadeva sulla schiena.

L'aveva truccata accentuando con un rimmel nero i suoi magnifici occhi chiari ed esaltando con un rossetto scuro,le linee della sua bocca carnosa.

Lasciandola nuda sotto,le aveva infine fatto indossare una corta vestaglia in seta rossa decorata con fregi in oro e con dei sandali dal tacco alto e gli stessi colori della vestaglia,l'aveva accompagnata in una saletta dove l'aspettava Kiara.

-Sei bellissima!-

Le aveva detto in un italiano perfetto andandole incontro.

-Grazie...anche tu sei molto bella Kiara!-

In effetto la donna dalla pelle bruna,dagli occhi neri e profondi dalla bocca carnosa, dalle forme statuarie,dal portamento elegante e dalla statura ben oltre la media,appariva davvero bella ed inarrivabile come una principessa.

Indossava un lungo abito nero con decori in oro ed ai piedi nudi calzava sandali di corda senza tacco.

Dopo una abbondante colazione a base di frutti esotici,Kiara l'aveva presa per mano e l'aveva portata a visitare l'ampio parco che circondava la villa.

Nei suoi spostamenti mia moglie si era resa conto di quanto grande fossero la tenuta e quel palazzo e di quanto numerosa fossa la servitù formata da sole donne africane e orientali vestite secondo le tradizioni del loro paese d'origine.

L'immenso parco,aveva una vegetazione ricca e rigogliosa di fiori e piante provenienti da ogni parte del mondo.

Dopo una passeggiata di mezz'ora,erano giunte in una specie di serra piena di fiori.

Un luogo molto silenzioso ed appartato in cui neanche la vigilanza era autorizzata ad avvicinarsi.

Sedendosi entrambe su un accogliente dondolo in vimini a forma di conchiglia,Kiara aveva preso il viso di mia moglie tra le mani e l'aveva baciata appassionatamente.

Abbracciate così,si sono scambiate baci e carezze e lentamente hanno lasciato scivolare i vestiti rimanendo completamente nude.

Hanno fatto l'amore per quasi un'ora con un trasporto,una passione ed una delicatezza di cui solo due donne possono essere capaci.

Hanno goduto e...goduto ancora prima di riprendere il loro giro tenendosi per mano come fossero fidanzate.

Dopo il pranzo ed un'altra breve passeggiata,Kiara aveva portato mia moglie nel suo grande appartamento personale dove neanche suo marito era autorizzato ad entrare.

In un ambiente protetto da pesanti tendoni di velluto vi erano due lettini da massaggio.

Al suono di un campanello erano arrivate due ragazze dall'aria orientale che si erano immediatamente occupate di mia moglie.

L'avevano spogliata e fatta distendere.

L'hanno spalmata di olio ed hanno cominciato a massaggiarla secondo tecniche orientali che l'hanno trascinata in uno stato di torpore e benessere che mai aveva provato prima di allora.

Kiara era seduta accanto a lei su una grande poltrona di rami e foglie di palma intrecciate che aveva tutta l'aria di essere un trono di qualche tribù locale.

L'espressione di Kiara mutava via via che il corpo di mia moglie reagiva a quell'eccitante trattamento esclamando gioiosa nello stesso momento in cui,al culmine di una montante eccitazione,aveva avuto il primo orgasmo.

Quel primo magico massaggio che non aveva ancora neanche sfiorato i suoi genitali,l'aveva trascinata in uno stato di beatitudine simile all'orgasmo e come se stesse venendo,gemeva in un respiro profondo.

-Ti piace?-

Aveva chiesto Kiara.

-Siiiiiii....aveva sibilato mia moglie.

Pochi secondi dopo,quando le carezze si erano spostate tra le cosce e sulle lebbra della fica e la clitoride,i gemiti leggeri si erano trasformati in rantoli soffocati mentre tutto il suo corpo aveva preso a tremare come in preda a brividi di freddo.

Due battiti di mani di Kiara avevano posto fine al massaggio e quando le ragazze erano sparite,kiara si era chinata sul sesso di mia moglie ed aveva cominciato a leccarla per raccoglierne con la bocca la liquida essenza del suo godimento.

Poi,dopo averle sfiorato i capezzoli con le labbra ed avere congiunto la bocca alla sua in una danza liquida di lingue intrecciate e risucchi,l'aveva fatta scendere e distendendosi sulla conchiglia di paglia ricoperta da cuscini di seta,aveva allargano le cosce offrendosi alle labbra vogliose di mia moglie.

Quando a sera sono arrivate entrambe alla nostra casa,mia moglie aveva con se una grande valigia piena di vestiti che le aveva regalato la sua affascinante amante.

Io aveva già preparato la cena ma,il programma che aveva in mente Kiara era diverso e non appena arrivate,dopo aver salutato la bambina,mia moglie,Moussa e lei,si erano chiusi in camera da letto e ne erano usciti solo dopo tre ore.

Il maschio aveva l'aria alquanto affaticata ma soddisfatta mentre le due donne sprizzavano felicità da ogni poro.

-Se tu rimani qui con la bambina,noi andremmo a cena fuori.-

Mi aveva "ordinato" Kiara con l'assenso di mia moglie e,subito dopo,loro tre in compagnia di Khalifa erano usciti lasciandomi solo col pranzo che avevo preparato per tutti.

Dopo la cena,Moussa aveva scopato ancora con mia moglie e con Kiara mentre Khalifa aveva dovuto "accontentarsi di inculare mia moglie e di un pompino da Kiara giacché le donne non volevano rischiare di essere ingravidate da lui.

Per i restanti 3 giorni prima della partenza Moussa si era diviso tra mia moglie e Kiara e dopo 10 giorni,mia moglie era risultata positiva al test di gravidanza mentre Kiara aveva avuto la conferma qualche giorno più tardi.

Per tutto il periodo di gestazione,mia moglie veniva soddisfatta regolarmente da Khalifa e da Kiara che spesso la veniva a prendere per portarla a palazzo.

Nei nove mesi era venuto anche diverse volte Moussa ed era davvero spettacolare vedere come lui e Khalifa montavano le due donne bellissime nel loro stato interessante.

Vederle mentre venivano chiavate o inculate da uno mentre l'altro le pompava in bocca era davvero irresistibile ed io mi consumavo di seghe mentre il marito di Kiara,quando c'era anche lui,aveva solo il compito di ripulire con la bocca i cazzoni sborrati.

Quando si incontravano tutti e quattro ed intrecciavano i loro corpi dalle diverse sfumature cromatiche incastrandosi come forme perfette fatte le une per le altre,evocavano immaginifiche forme d'arte viventi liquide e musicali i cui strumenti erano le loro bocche,le mani ed i sessi mai sazi.

Un vero spettacolo!

Il giorno del parto di mia moglie,eravamo ad attendere l'esito io e la ragazza di colore che avevamo assoldato per riconoscere il bambino in attesa dell'adozione.

Era una bellissima giornata di sole ed io avevo il cuore che mi batteva a mille nel petto nell'attesa di sentire i vagiti e vedere il nostro bambino nero.

Poi,un fulmine a ciel sereno mi aveva colpito prima che scendessero le tenebre ad annebbiarmi la mente e precipitarmi in un tunnel oscuro.

Mentre dalla porta che dava in sala parto,usciva il primo vagito,mi sentivo mancare dalla gioia e poco dopo,un colpo tremendo allo stomaco mi lasciava stecchito;IL BIMBO ERA BIANCO!

Doveva essere un momento di gioia ed invece avevo cominciato a tremare ed ero caduto esanime sulla sedia.

Appena mi ero ripreso,avevo dato mille euro alla ragazza e l'avevo mandata via.

Poi,superando l'addetto che voleva impedirmi di entrare,scansandolo in modo brusco,di corsa,mi sono accostato al letto dove col viso torvo giaceva mia moglie e avvicinando la bocca al suo orecchio le avevo gridato:"PUTTANA!"ed ero fuggito via.

segue








Questo racconto di è stato letto 3 9 3 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.