Cap: Vendesi Cagna in Calore

Scritto da , il 2019-02-02, genere dominazione

(dal diario di Pat)
All’arrivo in porto pretendo da Poirot il saldo degli extra di cui ha goduto durante la gita, e lui non batte ciglio: evidentemente la boccuccia della Roby gli è piaciuta.
I nostri ospiti salutano e si allontanano un po’ alla volta. Gli sposini toscani se ne vanno per ultimi, e Roberta naturalmente scende la battagliola gattonando sulle ginocchia come si conviene a una brava cagnetta.
Alla fine a bordo restiamo solo noialtre quattro: stanche, ma soddisfatte.
Claire mi dà una mano a ripulire in giro mentre Eva controlla internet e Jas prepara la cena, poi ci gustiamo il cuscus mentre il sole cala dietro le colline.
Mentre ceniamo, Claire ci comunica che ha finalmente fissato per l’indomani il volo per Chicago.
Ragionevole: anche noi stiamo per fare rotta sulla Sardegna.
La sorpresa è scoprire che Jasmine ha intenzione di raggiungerla in America nel giro di qualche settimana.
Le due ragazze si comportano già da un po’ come una coppia, ma non pensavo…
No, non è come credo: è più complicato.
- Il fidanzato di Jasmine viene anche lui – ci spiega Claire mentre Jas sorride contenta sorseggiando il suo succo d’arancia – Ha già prenotato il volo per due, e l’appartamentino che avevo preso ha posto per tutti e tre.
Che culo che ha Marco, penso fra me: oltre che Jasmine, adesso si scoperà anche Claire… Certa gente nasce davvero con la camicia.
Mentre Eva e Jas lavano i piatti, Claire mi spiega più nel dettaglio gli sviluppi. Come me, ha preso coscienza di preferire le donne, ma non ha neppure intenzione di rinunciare agli uomini, come l’orgia al largo ha abbondantemente dimostrato. Lei e Jas vanno molto d’accordo, sia a letto che fuori, ma la mia pupilla è tenacemente fedele a Marco e non si sogna neppure di lasciarlo; quindi…
- Quindi volete provare a essere una troppia?
Claire sorride: - A trouple, yes… Immagino che io sarò l’unicorno: quella che si unisce a una coppia preesistente per stare in tre.
Se loro due sono così decise, mi sembra difficile che Marco abbia qualcosa in contrario, visto che sa benissimo che a Jasmine piacciono anche le femmine: così lui avrà il meglio dei due mondi.
- Certo che con un oceano di mezzo… - provo a obbiettare, seccata all’dea di rimetterci la mia marinaia.
- Oh, ma saremo in America solo per poco: ho deciso di trasferirmi in Italia e andare a vivere con loro a Roma.
Non dovrei sorprendermi che Jas non ci abbia detto che sta per accasarsi con Marco nella capitale: lei non parla molto… Ma ce lo aspettavamo.
Mi congratulo con Claire e l’abbraccio, mentre la mia mente elabora la nuova situazione.
Sarà anche il caso di controllare il diario della cagna.

(dal diario di Roby)
Quando arriviamo alla villetta sono a pezzi.
Ho perso il conto di quanti mi hanno scopata, ma sicuramente ho preso nel culo tutti i cazzi più grossi che c’erano a bordo, e adesso il buco mi brucia da pazzi.
Mi butto sul letto a pancia sotto senza neanche lavarmi e mi addormento di colpo.

Il giorno dopo a colazione parliamo di quanto accaduto.
Franco è soddisfatto di essersi scopato un’altra volta la Suzie, e gongola tutto contento quando gli dico che non mi sorprende come la francesina preferisca il suo cazzo a quello del marito, visto che lui glie l’ha molto più grosso. Sono anche sicura che abbia apprezzato anche di prendere un’altra volta Nico nel culo: ancora non lo ha voluto ammettere esplicitamente, ma direi che ormai è evidente che è mezzo frocio.
Non è che mi dispiaccia poi tanto: in fondo è carino poter parlare con il proprio marito dei maschi che mi piacciono e discutere con lui sulla loro mascolinità. E’ una forma di intimità che la maggior parte delle mogli non possono provare, quindi mi ritengo fortunata.
Però è anche vero che mi riesce difficile provare orgoglio per la virilità di mio marito, e quindi in realtà non lo rispetto più. Non l’ho mai amato veramente (l’ho sposato essenzialmente per i soldi, preferendolo all’ultimo momento al maschio che mi ha scopata da quando avevo sedici anni), quindi in sostanza considero il mio matrimonio sostanzialmente già fallito; però sono affezionata a Franco e credo che con il nostro nuovo rapporto di coppia cuckold potremo restare insieme ancora a lungo.

Poi, naturalmente, c’è il fatto che sono innamorata di Pat.
Non credo affatto di essere diventata lesbica: l’attrazione che provo per la skipper veneta non è solo di tipo sessuale. In realtà io sento di appartenerle, e anelo la sua attenzione, anche se è più distruttiva che erotica.
Più Thanatos che Eros, tanto per capirci…
Non ho problemi a spiegarlo anche a mio marito: lui sa che ho perso la testa per la lesbica, e questo gli rende anche più facile accettare la sua appena scoperta passione per gli uccelli.

Stiamo appunto discorrendo delle nostre rispettive tendenze bisessuali mentre perepariamo i bagagli, quando mi squilla il cellulare.
E’ Pat.
La mia padrona mi ordina di raggiungerla immediatamente a bordo perché deve parlarmi.
Provo a obiettare che stiamo preparando i bagagli perché domani dobbiamo tornare a Empoli, ma lei mi avverte che se non sono da lei in dieci minuti mi strapperà i capezzoli con delle tenaglie roventi.
Provo un brivido all’idea: è anche più eccitante della mazza da baseball nel culo…
Chiedo se deve venire anche mio marito, ma lei mi stronca subito.
- Non voglio inutili portatori di cazzo a bordo! Tuo marito è roba tua, non mi frega un cazzo di dove lo metti, ma non sulla mia nave, chiaro?
- Va bene Pat, non ti arrabbiare – balbetto mortificata – Vengo subito…
- E sbrigati, stupida cagna!

Ordino a Franco di preparare lui i bagagli, affero la sacca da spiaggia con dentro l’essenziale e mi precipito verso la marina con addosso soltanto gli occhiali da sole e le zeppe di sughero.
Quando arrivo al molo vedo l’olandesina che mi fissa con cipiglio dal ponte.
Deglutisco umiliata, mi metto in ginocchio e gattono su per la passerella mentre una bimbetta scema ride indicandomi alla sua mammina cicciona.
Una volta a bordo rimango sulle ginocchia e lecco diligentemente i piedi abbronzati e le caviglie snelle dell’amante della mia padrona, succhiando con particolare impegno gli alluci incredibilmente lunghi…
- Va bene così, cagnetta – mi fa Eva con un sospiro soddisfatto – Pat ti aspetta a prua.
Mi tiro in piedi con un sorriso timido: l’olandesina mi piace anche se sono gelosa del suo rapporto con Pat. Abbiamo quasi la stessa età, e lei è davvero molto carina: non mi sorprende che Franco sia pazzo di lei… Ma una come Eva è pane per ben altri denti che quelli di mio marito.
Aggiro la plancia di comando e vedo la mia padrona: Pat sta lavorando al pozzo delle ancore. Non posso fare a meno di ammirare il suo fisico: avrà anche passato i quaranta, ma ha una figura snella e muscolosa che farebbe invidia a un’atleta olimpica. Osservo i suoi glutei alti e durissimi, che sembrano incoronare le sue lunghissime gambe nervose come quelle di una maratoneta.
Lo stomaco non è semplicemente piatto come il mio: è più tonico e muscoloso di quello della maggior parte degli uomini che conosco. Perfino le sue braccia mostrano bicipiti eleganti ma potenti, come mio marito non se li sogna neppure…
Se potessi scegliere fra Franco e Pat, non esiterei un secondo.
- Ah, sei qui finalmente! – mi fa, vedendomi avvicinare – Era ora… Afferra lo strofinaccio e mettiti al lavoro: olio di gomito, o ti butto in mare!
Mi prende alla sprovvista: - Vuoi che lucidi la catena delle ancore?
- Perché, cosa credevi che volessi da te?
Mi osserva con espressione sarcastica, e io mi sento sprofondare per la delusione.
- Io pensavo… Credevo che tu volessi fare l’amore con me.
Pat mi ride in faccia: - Che cosa? Non ti basta la ripassata che ti ho dato ieri? Se ho voglia di scopare ho qui Eva: perché mai dovrei perdere tempo con una troia come te quando ho a disposizione una come lei?
Apro la bocca per rispondere, poi la richiudo subito: so bene di non reggere il confronto con la sua amante olandese.
Pat mi mostra un paio di tenaglie per strappare i chiodi dal legno, e le fa schioccare rumorosamente fissandomi con cipiglio: - Devo andare ad arroventarle?
Rabbrividisco, ripensando alla sua minaccia di strapparmi i capezzoli, e me li sento indurire sotto il suo sguardo.
- Jasmine sta accompagnando Claire all’aeroporto, quindi non c’è nessuno a bordo per fare le pulizie – mi spiega con voce fredda – E’ per questo che ti ho fatta venire, scema. Adesso basta parlare, e datti da fare!
Deglutisco mortificata, e mi metto al lavoro.

Lavoro sodo tutta la mattinata. Il sole picchia, ma le lesbiche non mi danno tregua e mi trovano sempre qualcosa di nuovo da fare sul ponte… Il più delle volte si tratta di ri-fare, perché non son mai soddisfatte del mio lavoro e mi tocca spesso ricominciare da capo.
A pranzo si mettono a tavola ma non sono invitata. Eva mi raggiunge un momento a prua e mette una scodella sul ponte.
- Ecco: mangia pure qualcosa, ma non metterci troppo o Pat s’incazza.
La guardo umiliata: è una ciotola per cani, con del riso lesso dentro.
Eva coglie la mia delusione e aggiunge con stizza: - Cos’è, volevi gli spaghetti con gli scampi anche tu? Ringrazia il cielo che ci è avanzato un po’ di riso… E sbrigati a mangiare, stupida cagna!

A metà pomeriggio ho lucidato tutti gli ottoni e ripassato il ponte due volte: sono distrutta.
Eva e Pat sono di sotto e stanno facendo l’amore nel loro letto: posso sentire i loro gemiti di piacere attraverso l’oblò aperto subito sotto di me.
Cosa non darei per potermi unire a loro!
Ma non posso: prima di scendere di sotto a scopare con la sua ragazza, Pat mi ha rimesso il collare e mi ha legata con un guinzaglio a un gancio per evitare che io possa scappare…
Piango lacrime amare mentre riprendo a strofinare il mancorrente. Sottocoperta Eva sta urlando: immagino che Pat se la stia facendo con lo strap-on dildo.
Come vorrei essere al suo posto!

- Ahi!
Mi riscuoto all’improvviso quando Pat mi sferra un calcio nel costato, e balzo di nuovo in piedi: devo essermi addormentata.
- Non sei qui per dormire, troia!
Mi sento avvampare dalla vergogna: - Scusa Pat, non volevo… E’ solo che sono così stanca…
Lei mi fissa con disgusto: - Una cagna così sfaticata non mi serve a niente. Vuoi che ti cacci via?
Mi sento prendere dal panico: non voglio che Pat mi mandi via.
- No, ti prego! Prometto che starò più attenta…
Lei mi osserva scettica.
Poi sospira e mi tira un asciugamani prima di staccarmi il guinzaglio: - E va bene! Forse è il caso che tu vada a farti una doccia, che puzzi da fare schifo. Ma vedi di sbrigarti!
Quando esco dalla doccia di poppa avvolta nell’asciugamani, vedo Eva che esce dal cucinino e mi indica i fornelli: - Noi andiamo a farci una passeggiata. Vedi di farci trovare qualcosa di decente per cena se non vuoi passare un guaio: ho visto Pat cominciare a scaldare le tenaglie…
Rabbrividisco, e mi metto subito al lavoro.
Franco ha provato a chiamarmi già otto volte, ma Pat mi ha proibito di rispondere, così ho messo il cellulare su un ripiano e l’ho lasciato lì.
Quando le lesbiche tornano, butto le bistecche sulla piastra; nel giro di cinque minuti servo a tavola due splendide fiorentine.
Eva sorride contenta; Pat assaggia e mi fissa con aria seccata: - Troppo cotta, stupida idiota! Io le bistecche le mangio al sangue…
Deglutisco: conoscendola, avrei dovuto immaginarlo.
- Mi dispiace. Io posso rimediare…
- Lascia perdere. Non puoi mica farla meno cotta, scema. La mangerò così, pazienza…
Mangiano come due tigri, e alla fine mi passano le ossa avanzate.
Ho una fame nera, così sgranocchio la carne che hanno lasciato attaccata, proprio come una cagna affamata…

Quando ho finito di rigovernare in cucina sono le nove passate.
Eva e Pat si stanno agghindando per uscire: sono tutte e due splendide, e mi trovo a invidiare che se le scoperà quella notte.
- Beh, cosa ci fissi a fare? – mi riprende Pat, seccata – Lavati la faccia e preparati, che vieni con noi!
M’illumino di gioia all’idea di uscire con loro, poi mi viene un dubbio: - Ma non ho niente da mettermi…
- E da quando in qua una cagna si veste per la passeggiata serale? – mi schernisce Eva mostrandomi il guinzaglio – Vieni qui, se non vuoi che ti metta anche la museruola.

La serata è piuttosto umiliante.
Le lesbiche mi portano a spasso al giunzaglio proprio come se fossi la loro cagnetta: si fermano perfino vicino ai cespugli nella zona buia vicino al canale per farmi fare la pipì…
Poi mi mettono le manette bloccandomi le braccia dietro la schiena e mi sfoggiano nel vialetto dello struscio come un animaletto domestico.
Vorrei sprofondare per la vergogna quando incontriamo Ferd e Suzie: loro vorrebbero fermarsi a chiacchierare, ma Eva mi strattona per il guinzaglio e quasi mi spezza il collo, così devo seguirle incespicando sulle mie zeppe…

Alla fine ci ritroviamo al Melrose.
Le lesbiche entrano e prendono un tavolino – o meglio, una botte – vicino all’ingresso e ci legano il guinzaglio.
Poi Pat va a prendere da bere mentre io resto con Eva che mi accarezza i capelli dopo avermi fatta sedere nuda ai piedi del tavolino.
La serata trascorre abbastanza normalmente: Eve e Pat mi lasciano sola al tavolo un paio di volte per ballare fra loro, e io devo abbaiare per impedire a due tizi di prendere il tavolo. Quando tornano, Pat mi gratifica con una carezza sotto il mento, dicendomi che sono stata una brava cagnetta a difendere la loro proprietà…
La carezza di Pat ha l’effetto di farmi bagnare tutta in mezzo alle gambe; poiché sono nuda, il profumo di figa si sente quasi subito, e diversi maschi si girano a guardarmi.
Vedo Pat sogghignare divertita.
Poi si rivolge ai presenti scrollando le spalle: - Scusatela: la mia cagnetta è in calore. C’è per caso qualcuno disposto a montarla per calmarle i bollori?
Io rizzo le orecchie, sorpresa. Vedo che diversi uomini mi stanno fissando interessati…
Due o tre tipi si fanno avanti offrendosi di armi una ripassata.
Sono tutti e tre abbastanza ordinari, e io spero che Pat non mi dia via così…
Infatti lei scuote la testa: - Scusate, non pensavo che una bastarda come la mia cagna potesse suscitare tanto interesse. Davvero vorreste montarla?
I tipi annuiscono convinti, strappando una risatina a Eva.
- Bene – fa l’olandesina – Visto che la richiesta supera l’offerta, forse dovremmo metterla all’asta, non credi?
Pat ci pensa su un momento, poi annuisce: - Mi sembra giusto. Se davvero volete fare un giro con la mia cagna, fate un’offerta. Allora, chi offre più di cinquanta euro?
Non ci posso credere: Pat mi sta vendendo…
E’ l’esperienza più mortificante della mia vita. Pat mi costringe anche ad aprire la bocca per far vedere a tutti che ho i denti sani… Eva mi tira brutalmente i capezzoli e poi mi fa allargare le gambe per far sentire a tutti che sono davvero in calore.
Mi sorprendo a fissare con trepidazione gli acquirenti: sono in tre a fare le offerte, tutte piuttosto modeste per l’irritazione di Eva che evidentemente sperava di scucire più soldi dai puttanieri del Mel. Nessuno di loro mi piace: uno è un ragazzotto foruncoloso più giovane di me e dall’aria già brilla; gli altri due sono sulla sessantina. Uno è grasso e vestito di latex, con una moglie più grassa di lui e con ancora più latex di lui; l’altro è smilzo e peloso, con due bracciali di pelle borchiata e dei grossi tatuaggi celtici sulle braccia nude.
Alla fine mi compra lo smilzo, e io tiro un sospiro di sollievo: dei tre è quello che mi fa meno schifo…
Eva incassa duecento euro con una smorfia moderatamente soddisfatta, e Pat porge il guinzaglio al mio acquirente: - Riportacela qui fra un’ora. Falla divertire, ma non farci aspettare troppo, capito?
Il tipo annuisce; afferra il guinzaglio e mi strattona malamente dicendomi di seguirlo.
Io mi giro mugolando lamentosamente, e mi sento davvero come una cagnetta abbandonata dalla sua padrona senza cuore…
Pat, non lasciare che mi porti via!
Vorrei gridarlo, ma mi sento un groppo alla gola e non ci riesco.
Non sono mai stata così eccitata in vita mia…

Lo smilzo non mi parla.
Non capisco nemmeno di dove sia: mi tira per il guinzaglio fino alla spiaggia deserta e illuminata a sprazzi dalla luna calante.
Mi fa inginocchiare sulla sabbia fredda vicino alla battigia, e io sento nelle narici il profumo del mare mentre il rumore della risacca mi accarezza le orecchie…
Finisco in ginocchio e con la faccia vicino alla sabbia; sono ancora ammanettata con le braccia dietro alla schiena, e sono completamente nuda.
Tira un po’ di brezza; i capezzoli già duri per la voglia mi si irrigidiscono ancora di più per il freddo.
- Stai giù e non muoverti, cagna – mi fa lo smilzo, evidentemente italiano – Adesso a te ci penso io…
Lo sento che si abbassa i pantaloni dietro di me. Poi le sue mani mi prendono i fianchi e mi manovrano in posizione, e il suo membro mi preme contro la figa bagnata…
- Ahi! – guaisco io, sentendomi infilzare da un coso non molto grosso, ma durissimo.
Lo smilzo allunga le mani e mi afferra le zinne, strizzandole forte mentre mi penetra fino in fondo. Poi comincia a sbattermi con forza.
- Aah! – gemo io, fremendo di piacere mio malgrado – Aahhh… Sì, mi piace…
A lui non frega niente se mi piace o no: mi scopa velocemente tenendomi ferma per le tette, strapazzandomele con cattiveria e grugnendo come una besta a sua volta.
Sento i tonfi del suo corpo contro il mio, l’eccitazione che mi monta lentamente dentro prendendo finalmente un cazzo che placherà le mie voglie…
Poi lo smilzo mi schizza improvvisamente dentro ansimando di piacere.
- Oohhh… - rantola soddisfatto, mentre mi riempie di sborra tiepida – Ecco fatto cagna: sei soddisfatta?
Non lo sono per niente: lo stronzo ha finito prima che riuscissi a scaldarmi a sufficienza, e siccome sono ammanettata non ho nemmeno potuto masturbarmi.
Vorrei piangere per la frustrazione, ma non voglio che il tipo si lamenti di me con Pat; così mi lascio riportare fino al Melrose, con la sborra che mi cola lungo le gambe e tutti che mi guardano con divertito disgusto mentre vengo trascinata al guinzaglio dal mio cliente soddisfatto.
Sospiro di sollievo nel rivedere Pat che sorseggia una birra al tavolo, mentre Eva si strofina con un ragazzotto che le tiene già le mani sul culo.
Che gioia rivedere la mia padrona: spero che sia soddisfatta di me…
- Brava, hai fatto presto – mi fa, sbrigativa, riprendendo il guinzaglio dallo smilzo – Adesso però sbrighiamoci, che Eva ti ha trovato una altro cliente. Questo però ha pagato molto meglio, quindi dovrai andare a casa sua e fare la brava cagnetta fino a domani mattina, hai capito?
La fisso sconvolta: - Ma Pat! Io devo tornare da mio marito: domani mattina dobbiamo partire per tornare a casa…
Pat mi tira un ceffone davanti a tutti, facendomi girare la testa e fischiare le orecchie.
- Stai zitta, stupida troia! Di tuo marito non mi frega un cazzo: tu sei roba mia, e fai quello che cazzo dico io, hai capito?
La guancia mi brucia e la testa mi ronza; ho gli occhi pieni di lacrime: - Pat, ti prego…
Mi prende per il collo e stringe: non credevo avesse tanta forza nelle dita.
- Adesso tu vieni con me che ti presento al tuo cliente. Poi fai la brava troia e vai con lui: quando lo avrai soddisfatto a dovere, potrai tornartene dal tuo cornuto e andare a fare in culo dove cazzo vuoi… Va bene?
Singhiozzo: - Sì Pat. Come dici tu…
Venduta e scacciata dalla mia padrona: vorrei morire…

Questo racconto di è stato letto 3 7 5 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.