Un incontro nato bene

Scritto da , il 2018-03-14, genere gay

Mi chiamo Saverio, sono un gay quarantenne non dichiarato, una persona molto comune fisicamente; ho fatto coppia per quasi venti anni con Nicola un gay trentottenne anche lui non dichiarato e come me una persona fisicamente molto comune. Non abbiamo basato la nostra unione sul sesso ma sulle nostre affinità elettive che ci univano e ci uniscono ancora e che mano a mano hanno prodotto una fusione delle nostre personalità quasi da renderle interdipendenti.
Circa un anno fa Nicola ebbe una proposta di lavoro molto migliorativa rispetto alla professione che stava svolgendo, l’unico problema era la sede di lavoro: Montreal (Canada). La sua risposta immediata ed irriflessiva fu: rifiuto! Non parto! Non ti lascio. Questa dichiarazione di affetto se non proprio di amore mi commosse fino alle lacrime ma una volta asciugatele gli parlai con estrema sincerità: Nicola tu non puoi non accettare questa proposta, questa è la scelta fondamentale della tua vita e non puoi ignorarla.
Bene, dopo giornate intere di discussioni, convinsi Nicola con la morte nel cuore, ad accettare. Da due anni noi continuiamo a chiamarci per telefono più volte al giorno, facciamo quotidianamente i report delle nostre giornate e come se non bastasse abbiamo una connessione Skype aperta quasi 24 h 24; adesso che siamo lontani ci sentiamo e viviamo come se fossimo più vicini di prima, sembra assurdo ma è vero. Nicola da oltre sei mesi ha aperto una relazione con un suo collega di lavoro, un bell’uomo di colore, ma lui continua a dirmi: Saverio non c’è tra noi quella unione che abbiamo io e te, io e lui potremo lasciarci in qualsiasi momento ed io non sentirei la sua mancanza, se tu mi lasci è come se io perdessi l’altra metà di me. Per alleggerire queste dichiarazioni che lui mi fa lo prendo in giro: senti ma almeno ti sei messo con un mandingo? Ma che mandingo e mandingo è un bravo uomo ma poco più che normale! Alla fine ci facciamo delle grandi risate e tutto finisce in allegria. Qualche fa mese ci fu un blackout energetico ed il mio “pc” non si accese più: andai in panico; avrei potuto staccare tutto e portarlo in qualche laboratorio di informatica ma preferivo che un esperto venisse a casa me lo sistemasse sul posto. Dopo un estenuante ricerca scoprii che quello di cui avevo bisogno era a portata di mano; il portiere dello stabile in cui abito mi segnalò una persona meno che trentenne professionalmente brava ed affidabile. Lasciai il mio recapito telefonico al portiere e nella stessa giornata fui contattato. Pronto buongiorno sono Edu, il portiere mi ha riferito di un suo problema informatico se lei è disponibile ne possiamo parlare mi dica quando? sono libero nel pomeriggio dalle 18 in poi; possiamo fissare anche ora il giorno? Se passo questa sera prima delle 20 le va bene? Si l’aspetto io abito alla scala A - ultimo piano. Puntualmente poco prima delle 20 questo Edu citofonò e poi salì a casa mia. Fatte le presentazioni lo portai dinanzi al mio pc e la sua diagnosi ipotizzava un collasso della scheda madre e/o dell’alimentatore, se mi da l’incarico mi procuro i pezzi e faccio la riparazione concluse Edu. Non avevo altra scelta che accettare però premisi che avrei preventivamente voluto sapere il costo e quale fosse la sua preparazione professionale. Ovvio! le farò il preventivo di spesa mi rispose e le farò anche avere il curriculum completo della mia vita aggiunse sorridendo; non esageriamo! basta che lei mi esponga dettagliatamente gli ultimi 25 anni,le allungai la mano ridendo; vuole che tralasci gli anni dell’asilo?. Mi deve scusare Edu se non sono stato un bravo ospite nel non offrirle nulla da bere ma posso recuperare a meno che lei non abbia fretta di tornare a casa ed alla sua famiglia? Perché no! non devo tornare a casa, allora le posso offrire un vino bianco fresco o un rosso oppure un wisky? vada per il bianco. Ci sedemmo al tavolo e cominciammo, come si dice, “a cazzeggiare” così scoprii che era di origine brasiliana, del Brasile interno – Campo Grande do Mato Grosso del Sul – i suoi avi erano portoghesi e nella sua linea di sangue c’erano anche femmine indigene del Pantanal. Rimasi affascinato e glielo dissi: sono affascinato per il luogo dove è nato e vissuto perché io amo in maniera viscerale il Brasile. Il Brasile affascina, mi rispose lui, coinvolge, come esiste il mal d’Africa esiste la “saudade brasileira” . Naturalmente misi al corrente Nicola dell’incontro con il tecnico e lui subito mi chiese: se lui ci sta ci vai a letto? appena ci sarà la storia saprai tutto va bene ?
Edu venne il sabato mattina. Dunque sono riuscito a recuperare sia la scheda madre che l’alimentatore praticamente sono prodotti nuovi ma non coperti da garanzia perché sono riuscito a farli passare come materiale da rottamare, quindi lei non li pagherà, resta quindi solo la mano d’opera. Avrei preferito che lei non si assumesse questi rischi, comunque visto che l’ha fatto non posso che ringraziarla,alla spesa della mano d’opera aggiungerò 200€ per il disturbo qual è il totale? 35€ all’ora Iva inclusa faccia due ore le va bene?, allora chiudiamo a 300€ OK? ma no è troppo! Va bene così. Effettivamente non ci vollero più di due ore. Tutto a posto adesso lo vuole provare? Funzionava bene, anche meglio di prima. Le spiego perché stava cominciando col dire ma lo fermai non mi spieghi niente per ché non capirei niente, piuttosto beviamo qualche cosa? Si, se ha ancora di quel vinello bianco? Certo! Mi piace e lo gradisco; eravamo seduti al tavolo e mi chiede: le posso fare qualche domanda? Dipende ci provi a domanda precisa risposta secca; Lei vive da solo? Si, Ha figli? No, non è sposato, non convive? No da due anni solo, è stato mollato o lei che ha mollato? siamo divisi per ragioni di lavoro lui vive e lavora in Canada, Lui? Si, significa che eravate una coppia gay? si siamo una coppia gay perché la lontananza non divide, non si direbbe che è un gay, attivo o passivo? passivo la maggioranza dei gay caro mio non portano le stimmate della “frocitudo”. Edu rimase in silenzio. È ancora choccato? Si riprenda, se essere gay è un problema allora il problema è mio. Ora le domande le faccio io va bene? etero o etero con qualche variante? SI etero senza variante fissa, cioè? Solo qualche trasgressione ogni tanto, fa uso di stupefacenti? No solo qualche canna, sposato, convivente con figli? Sposato e non vedo mio figlio da anni e mi manca, come è arrivato in Italia? Via Los Angeles - Madrid con regolare permesso di soggiorno.
Ho finito grazie, tutte qui le domande? Si vuole raccontarmi tutta la sua vita? Allora si segga, prima mangiamo e poi parliamo. Stravaccati sul divano, lui sulla chaise-longue, parlavamo. Certo che la tua vita vale la pena di trascriverla su carta ed a me hai lasciato molte curiosità, tipo? Sono mie curiosità personali e basta OK? per esempio questa curiosità? mi prese la mano e se la porta sulla patta dei pantaloni e me la teneva ferma. Avrei voluta ritirarla ma l’ho lasciata dove era perché mi eccitava sentire la misura del suo cazzo moscio; Savi adesso non chiedermi di andare oltre tocca a te farmi trasgredire. Creai una penombra fitta intorno a noi, mi spogliai e restai in slip, mi abbassai verso di lui e gli passai le dita tra i capelli crespi, gli carezzai il volto coperto dal filo di barba non fatta, feci scorrere il dito sulla sue labbra leggermente carnose che lui schiuse come un invito. Cominciai a slacciare lentamente i bottoni della camicia e misi in bella mostra il petto asciutto e tonico con una leggera peluria sui pettorali ed una striscia di piccoli peli morbidi che scendeva fino al pube: arrapante!!! poggiai le labbra appena inumidite sull’areola, lasciai che la lingua corresse lungo i suoi bordi e poi leccasse il capezzolo che ebbe un inturgidimento; glielo strinsi leggerissimamente tra i denti e continuai a leccarlo ci fu un sospiro ed un contorcimento non di fastidio ma di piacere. Riuscii a togliergli la camicia ed il pantalone: era nudo.
Partendo dal piede cominciai massaggiare la parte centrale della pianta prima delicatamente e poi, quando cominciai a notare un suo gradimento, sempre più rapidamente e con forza finché non sentii il suo respiro accelerare, il corpo tendersi e vidi il pene sussultare. Gli slargai leggermente le gambe e cominciai a far scivolare le mani lungo l'una e l'altra gamba per risalire fino alla coscia con una pressione sempre crescente, massaggiai abbastanza fino a che non vidi il suo membro indurirsi allora lo presi tra le mani; era un cazzo non circonciso, ben fatto e pastoso, ancora barzotto lo scappellai: Haaaa!!, slinguai rapido il frenulo e poi inghiottii il glande fino al palato, huahhaaaa!!!!. cercò le mie mani e le strinse. Lo tenevo fermo in bocca mentre giocavo con i suoi testicoli pendenti nello scroto ancora moscio; cominciai a succhiarlo con avidità e presto divenne duro, le palle cominciavano a salire su nella sacca, le sue mani poggiate sulla testa guidavano il movimento ed il tempo; non volevo che venisse subito, doveva resistere ancora per diverso tempo e poi mi piaceva farmi scopare in la gola. Era ben eccitato e con il cazzo duro, pensai allora di provare e perciò quando lui lo spinse io chinai di colpo la testa, sentii slargarmi la gola ed il suo cazzo scivolare oltre il palato: lo tenevo quasi tutto in bocca ed olte mentre lui sospirava “Minha Nossa, o que fizeste!”(mamma mia che hai fatto). Ribaltò la sua posizione e mi trovai sotto con la testa poggiata sul bordo del divano ora lui, con la strada fatta mi scopava vivacemente in gola. Era eccitato perché in quella posizione dominante riusciva a spingerlo quasi tutto dentro, mentre io gli cingevo i fianchi con le mie gambe le mie unghie artigliavano le sue natiche contratte. Ti affogo, ti affogo di sperma; haaa…hah!!!! vengo,vengo!!! e infatti il suo sperma, particolarmente dolciastro mi scese buona parte in gola, parte in bocca e parte in viso. Basta! basta!! ma quanto stai sborrando!, succhiamelo, continua succhiarmelo c’è ancora sperma nelle palle,si così! Dai!…dai! non fermarti succhialo ancora “Minha Nossa isso que um goduria grande!”. Alla fine cadde sul divano sudato come un cavallo: “Você em garganta tem um cona” che cosa? Tu in gola hai una figa. Andai in bagno per una doccia tornai e vidi che stava sbracato sul divano, con le gambe aperte, il bel cazzo che gli cadeva moscio sulle palle e beveva il vinello che si era preso dal frigo; lo guardavo bene e mi accorgevo che era un bell’uomo bianco ma guardandolo bene c’erano molte caratteristiche meticcie, alto, con un fisico atletico ed asciutto, un viso regolare, un paio di labbra ben disegnate, capelli neri tendenti al crespo e occhi chiari. Mi hai fatto venire veramente come un cavallo, e ti dispiace? No anzi ti dirò che… Ummm!!! ti è piaciuto… e che non pensavi di poter godere tanto…. con uomo giusto? Hai detto tutto tu è inutile che io parli no? ti sei offeso? ti chiedo scusa va bene? volevo dire non è la prima volta che ho fatto sesso con uomo ma è una delle poche volte che ho goduto e sborrato con piacere. Ahhhh! Grazie!. Il bagno è in fondo a destra, i soldi sul tavolo non dimenticarli va bene? perché devo andare via o devi uscire? né l’uno né l’altro puoi restare quanto vuoi anzi puoi venire quanto vuoi e non è un invito per fare sesso. Nooooooo? NO! puoi venire e potresti anche dormire nel mio stesso letto senza fare sesso non ci credi?
Hoooooo!! e come NOOOOOOOOOOOOOOO!! ma se io volessi tu non vorresti ? ma tu veramente lo vorresti? puttana miseria ma mi stai prendendo per il culo? Io a te mai! se ti strofinassi “o pau” sotto il naso tu diresti no a 22 cmt e forse più? o forse sono troppo pochi per il tuo culo? e perché tu ti possa regolare io il culo non lo uso tutti i giorni! ma tu vuoi il mio culo stretto? adesso no! ma tu vorresti il mio culo? “Minha Nossa” si..si..si…voglio il tuo culo!!! ma dammi il tempo di ricaricare le palle e ti sventro porca miseria. Vai a farti una bella doccia mentre preparo la cena, ahh… Edu mi senti? Si ? non girare nudo per casa va bene? perché? con le finestre aperte potrebbero vederti i vicini capito?
Oh…. cazzo!!! e me lo dici adesso.
Eduardinho detto Edu ha passato il week-end a casa mia e non siamo usciti fino a lunedì mattina.

Questo racconto di è stato letto 2 4 7 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.