Erotici Racconti

La Coinquilina cap.8

Scritto da , il 2018-02-09, genere trio

“Ivan che c’è di così urgente?” rispose ancora assonato Gustavo strofinandosi gli occhi.
“Gus, cavolo, fra 10 giorni abbiamo la festa di anniversario di Francesco e Chiara, non abbiamo organizzato ancora nulla né pensato al regalo. Io la prossima settimana sarò fuori città per lavoro...dobbiamo vederci dai!”
Gustavo raccolse le idee e si rese subito conto che si era totalmente dimenticato dell’avvenimento di cui parlava Ivan.
I giorni erano trascorsi in maniera rocambolesca senza che se ne rendesse conto, ed il suo amico aveva ragione.
Francesco e Chiara erano due dei loro più grandi amici, quelli che ti porti su fin dalle scuole medie e che, vicini o lontani, erano sempre stati a loro fianco.
Anche adesso che erano sposati, non si lasciavano perdere un compleanno, una reunion, una cena.
Meritavano di essere festeggiati, con tutti i crismi dai loro due compagni di vita.
“Hai ragione...Ivan, ascolta passa domani nel tardo pomeriggio così ne parliamo ed eventualmente ceniamo insieme, ti va?”
“Ok, vengo dopo la partita”
Ivan era un tifoso sfegatato della squadra cittadina e non si perdeva neanche un match in casa. A volte era andato anche in trasferta ma da quando erano saliti in serie B, le partite fuori le vedeva con la pay tv.
Anche per lui i 40 anni si avvicinavano e nonostante fosse single e senza figli, stava attuando un piccolo piano finanziario per mettere da parte dei soldi ed assicurarsi un gruzzolo al quale attingere in caso di emergenza. Ivan e Gustavo avevano avuto, fin dal primo giorno in cui si erano conosciuti, il classico “colpo di fulmine” che erroneamente associamo solo all’emisfero amoroso/romantico. Dall’età di 13 anni avevano deciso di trascorrere parti delle loro esistenze insieme, andare in vacanza, uscire e rimorchiare ragazze all’unisono.
In questo periodo della vita si erano ritrovati entrambi senza partner fissa e senza neanche la voglia di averla.
Godevano del loro celibato e ne sembravano entrambi soddisfatti.
Certo, Ivan non si poteva dire che fosse proprio solo.
La sua fama di donnaiolo incallito si perpetrava attraverso gli anni e invece di affievolirsi, aumentava. Rimorchiava donne ovunque, online, nei locali, alla fermata dell’autobus.
La sua faccia tosta e il suo carisma facevano capitolare il gentil sesso al secondo tentativo di approccio. Non era bello e lo sapeva, ma proprio per questo aveva investito tutto sulla sua capacità di comunicare nonché sulla sua cultura smisurata che affascinava sia il sesso femminile che quello maschile.
Ultimamente aveva frequentando una ragazza di 10 anni più giovane per all’incirca un mese ma poi le cose erano precipitate quando lei gli aveva fatto discorsi un po’ troppo “seri” quali “voglio di più”. “ho bisogno di un salto di qualità” e tutte le frasi tipiche che pronunciano le donne quando vogliono marcare il territorio e definire bene una relazione.
A Ivan era parso prematuro e fuori luogo, ragione per cui aveva deciso interrompere qualsiasi rapporto. Erano quindi già una quindicina di giorni che non sapeva niente di lei e non aveva neanche avuto altre avventure, anche perché il lavoro lo aveva assorbito parecchio.

Gustavo si alzò dal letto con un terribile mal di testa e pensò subito di mangiare qualcosa per poter prendere un analgesico. Guardò l’orologio, era quasi ora di pranzo e pensò che forse sarebbe stato meglio cucinare subito un bel piatto di pasta. Solo dopo aver pensato all’esigenza imminente, cioè il cibo, si ricordò di quello che era successo la sera prima.
Rivide Sara oscena muoversi nell’enoteca, il suo collega molestarla, rivide con una punta di orgoglio il pugno sferrato a quell’insolente e con due dita si sfiorò le labbra. Non si era dimenticato di quel bacio. Era stato affettuoso e quasi innocente. L’innocenza era qualcosa che mal congegnava con la sua coinquilina. Forse proprio per quello lo aveva destabilizzato. La destabilizzazione con quella donna era all’ordine del giorno, non c’era momento in cui non fosse colto da sentimenti contrastanti, dal nervosismo all’eccitazione, dalla disapprovazione al desiderio più sfrenato.
Si diresse in cucina e trovò un post-it sul frigorifero.

“Vado a casa dei miei questi due giorni, torno lunedì mattina presto per andare direttamente in ufficio”.

Sara non gliene aveva parlato. Probabilmente era una scelta che aveva maturato durante la notte.
La sua famiglia viveva a 150 km, una distanza sostenibile da poter colmare anche all’ultimo momento senza particolare organizzazione.
Gustavo fu un po' inquietato dal non poter verificare la sua reazione dopo i fatti della sera precedente, poi realizzò che il giorno dopo sarebbe venuto Ivan e si sentì stranamente sollevato.

Sulla carrozza numero quattro di quell’Intercity, due soldati dell’esercito stavano controllando i documenti di alcuni passeggeri in maniera aleatoria.
Arrivati al posto 58, furono catturati dalla presenza di una donna sulla trentina.
Indossava un vestito di lana grigio annodato in vita da una cinta come se fosse una vestaglia o un accappatoio. Le spalle erano quasi totalmente scoperte e non si intravedevano tracce di reggiseno o canottiere. La lunghezza dell’abito non superava i due quarti delle cosce che non erano avvolte da collant ma da parigine fin sopra il ginocchio.
I due militari si avvicinarono, complici dello sguardo che si erano appena scambiati vedendo quella donna.
“Documenti signorina”
Sara li guardò e si tolse le cuffie con le quali stava ascoltando una delle sue playlist di Spotify.
“Come scusate?”
“Documenti, stiamo facendo controlli a campione”
Sara, con fare piuttosto annoiato, si alzò in piedi per prendere la borsa che era appoggiata sul portapacchi sopra il suo sedile. La appoggiò e si chinò su di essa per frugarvi dentro alla ricerca della carta d’identità. I militari, dalla loro posizione laterale, poterono osservare il suo vestito distaccarsi pericolosamente dal suo petto, facendo vedere un'abbondante porzione del seno sinistro di Sara. Tuttavia, i movimenti sussultori del convoglio e la posizione poco stabile la convinsero a cambiare posizione, facendola sedere di sbieco sul sedile.
La sua posizione, con una gamba accovacciata sul sedile e l'altra a perpendicolo, fece aprire pericolosamente il suo vestito fino al pube, che fece capolino tra i lembi della lana.
Finalmente Sara trovò il suo documento e lo porse a uno dei due, che era rimasto ipnotizzato da quella visione quasi onirica. Dopo poco si sentì sgomitare dal braccio del collega che lo fece ritornare alla realtà e richiamandolo all'ordine.

Sara aveva lo sguardo distratto, rivolto verso il finestrino. Una delle sue mani era stata inghiottita dalle sue cosce quasi all’altezza del suo sesso. Nonostante la lana abbastanza spessa di cui era fatto il suo vestito, si potevano intravedere i suoi capezzoli eretti puntare verso i due agenti.
La sua mano era ferma fra le sue gambe, era evidente che non si stesse toccando ma quel movimento istintivo e malizioso era riuscito ad eccitare ulteriormente i due ragazzi, i quali si guardarono prima di restituire i documenti.
“Registriamo il controllo e le ridiamo subito la carta d’identità”
“Certo, fate pure”.
Non ce ne era alcun bisogno, ma era l’unica escamotage per rimanere ad osservare Sara qualche minuto in più e lei non deluse le loro aspettative.
Si alzò, sciolse il nodo della cintura per risistemarlo meglio e più stretto. Per una piccolissima frazione di secondo la pelle del suo busto prosperoso fece capolino e poi scomparve di nuovo sotto le maglie di quel vestito.
Dopo si sedette ed accavallò le gambe lasciando una delle cosce quasi totalmente scoperta.
Per i militari poteva bastare così.
“Ecco a lei….grazie per la collaborazione”
“Di niente, dovere”
Sara li guardò entrambi negli occhi e vide i loro sguardi increduli. Si eccitò e sentì bagnarsi il suo interno cosce.
Uno dei due militari, oramai allontanatosi, prese il suo smartphone e scrisse un whatsapp alla sua fidanzata “Ho voglia di leccarti”.

Gustavo passò quel sabato a cerare di smaltire il trambusto emotivo che gli frullava in testa. Andò a fare la spesa e passò diverso tempo al telefono con un paio di amici.
La serata si concluse senza troppi colpi di scena guardando l’anticipo di serie A.
Si addormentò sul divano al settantacinquesimo del secondo tempo quando le due squadre erano ancora sullo 0-0. Riuscì a svegliarsi solo a causa di una dichiarazione sopra le righe di uno dei due allenatori che, intervistato nel dopo partita, recriminava ad alta voce un rigore non dato.
Si spostò in camera sua e nel dormiveglia pensò ancora a lei.
Voleva scriverle un messaggio per sapere se fosse andato bene il viaggio, ma gli parse inopportuno e alquanto sdolcinato. Spense telefono e luce e si lasciò pervadere da un sonno profondo.
Si alzò alle 9 in punto, senza bisogno di sveglie. Non ci pensò due volte e si preparò per andare a correre. La giornata era fredda ma soleggiata e non voleva perdere l’occasione di fare un po’ di sport e liberare tutte le sue energie e tensioni accumulate.
Tornato a casa, pranzò guardando il tg delle 13 e decise di riassettare un po’ il salotto.
Ivan aveva visto quell’appartamento in tutte le salse, ma nei limiti del possibile, voleva accogliere i suoi amici nel migliore dei modi.

Alle 17.40 Ivan si presentò con un cartone di birre.
“Mettile in frigo, dopo ordiniamo una pizza”
“Grande campione, sempre sul pezzo, mitico Ivan!”
I due amici si abbracciarono e si accomodarono in salotto. Si aggiornarono sulle rispettive situazioni lavorative e familiari. Gli acciacchi della madre di Ivan lo stavano preoccupando e la sorella stava frequentando un poco di buono. Si alzò dal divano per cercare il posacenere che Gustavo indicò vicino alla tv. Nel prenderlo, Ivan notò un paio di orecchini color avorio.
“Chi ti sei fatto vecchio marpione?” chiese Ivan mostrando gli orecchini a Gustavo.
“Oh devono essere di Sara, la mia coinquilina”
Ivan rimase a bocca aperta per qualche secondo.
“Coinquilina?? Chi è? Da quanto c’è? Perché non me lo hai detto??”
Gustavo sorrise e cominciò a raccontare all’amico tutte le vicissitudini economiche che lo avevano spinto a cercare un ulteriore introito.
Ma a Ivan interessava sapere di lei.
“Com’è? Bonazza? Te la sei già portata a letto?”
Gustavo si sentì infastidito da quelle domande impertinenti. A dire il vero era la prima volta che succedeva perché i due si erano sempre confessati tutto, in particolar modo le avventure sessuali. Ebbe la percezione di essere violato nella sua intimità, vide Sara come una cosa solo sua, una situazione che non aveva voglia di descrivere, forse perché neanche lui sapeva spiegarla a se stesso.
“Beh sai, non sta molto in casa, ci vediamo appena….”
“Ora vuoi dirmi che hai una manza in casa e non ne parli con il tuo migliore amico??”
I due scoppiarono a ridere e l’argomento Sara fu messo da parte quando Ivan si ricordò che era lì per organizzare un evento.
Parlarono a lungo del regalo e delle sorprese da fare durante la festa. Senza accorgersene arrivarono all’ora di cena. Se ne resero conto perché entrambi sentirono i loro rispettivi stomaci brontolare.
“Ordiniamo un paio di pizze Gus?”
“Sì, dai come la vuoi? Chiamo subito”
“Salsiccia e funghi”
“Buonasera, vorrei ordinare due pizze, una salsiccia e funghi e una capperi e olive….Grazie”
I due sistemarono il tavolino del salotto e presero le posate. Pensarono di vedersi il posticipo assieme che prometteva bene.
Non passarono neanche 5 minuti che suonò il campanello.
“Questa sì che è una consegna pizze con i controcoglioni!” Rise Ivan guardando l’orologio e dubitando fortemente che potesse essere la loro cena.
“Ma chi è? Aspetta vado a sentire” sbuffò Gustavo
“Si’?”
“Guuussss sono Sara, ho dimenticato le chiavi a casa, menomale ci sei, altrimenti rimanevo fuori. Aprimi per favore”
Gustavo prese fuoco. Era già tornata, era la seconda volta che faceva di questi “scherzetti” e non poteva rimproverarla per questo. Alla fine pagava un affitto e poteva entrare e uscire da quella casa quando e come volesse. Si immaginò la faccia che avrebbe fatto Ivan. Pregò, senza molta fiducia, che fosse vestita decentemente.
Entrò con cappotto e sciarpa e salutò Gus con uno dei suoi soliti sorrisetti e guardandolo negli occhi.
“Mi sono ricordata che domattina devo essere in ufficio prestissimo e ho preferito tornare prima. Non volevo fare una levataccia e prendere il treno delle 6 del mattino”.
“C..certo..hai fatto bene….senti ho un ospite di là”
“Un’altra povera malcapitata??” chiese Sara ridendo.
“No...è Ivan, un amico”
Sara si precipitò in salotto e vide quell’uomo girato di spalle. Era alto più o meno come Gustavo ma era molto più magro. Il suo aspetto era caucasico, con la pelle bianca e i capelli biondo scuro...pochi, visto che era evidente stesse rimanendo senza. Non le sembrò attraente ma vide un entusiasmo immotivato quando si rivolse per presentarsi.
“Ciao, tu devi essere Sara! Piacere, Ivan...Gus mi ha parlato un po’ di te…”
“Ciao Ivan...ah si?? Beh spero non si sia lamentato troppo!”
Risero entrambi guardando Gustavo che già aveva capito le mezze intenzioni di Ivan.
“Vado in camera, vi lascio soli” si congedò Sara
“Nooo, perché? Senti noi abbiamo ordinato due pizze, mangia con noi, ho portato anche delle birre...”
Gustavo stava per prendere la parola ma fu interrotto subito da Sara
“Oh grazie, se non disturbo mi aggrego volentieri. Vado a cambiarmi e arrivo”
Ivan guardò il suo amico e fece la classica faccia che aveva sempre fatto quando gli piaceva una ragazza.
“Bella femmina…...ma è fidanzata? E’ una di quelle che non ci sta?”
“Non direi….” Gustavo non riusciva a pensare ad altro a come sarebbe uscita Sara da camera sua. Sperò che, vista la circostanza, si mettesse una tuta o un capo comunque molto comodo.
Le sue aspettative vennero presto deluse.
Sara uscì dalla stanza vestita solo da una canottiera di cotone marroncina che le arrivava poco sotto il culo. La parte finale era rifinita da una striscia di 10 cm di pizzo trasparente che lasciava intravedere le sue parti intime. Il resto della canottiera la avvolgeva come una seconda pelle. Tutte le sue forme, sebbene coperte, sembravano nude.
Gustavo abbassò lo sguardo appena la vide, mentre Ivan non le tolse gli occhi di dosso mentre la guardava attraversare il salotto per andare in cucina.
“Prendo già un paio di birre vi va?” chiese Sara con estrema normalità
Ricevette il Sì convinto di Ivan, mentre Gustavo la seguì in cucina.
“Saretta per favore, mettiti qualcosa sopra...Non siamo in estate, non fa caldo, non c’è bisogno che tu vada in giro così”
Sara lo guardò un po’ indispettita
“Ancora??? Pensavo che avessimo superato questa fase. Sono accaldata e sto bene così. Se mi viene freddo prenderò un golfino”
“Sara ti si vede di tutto….Ivan è un mio amico, eterosessuale….insomma non è di ferro. Cerca di comprend….”
“E quindi?” lo interruppe seccamente
“Dov’è il problema? Il mio corpo gli darà una gioia, mica un dolore!”
Gustavo non sapeva come controbatterla, sembrava inutile discutere con lei di questo tema. Si rassegnò a vedere Ivan sbavare per tutta la serata, pensando, ingenuo, che la cosa sarebbe finita così.
Arrivate le pizze i tre mangiarono e bevvero parlando del più e del meno. Sembrava quasi un’atmosfera rilassata. Gli occhi di Ivan non si staccavano da Sara ma non sembrava ci fosse particolare tensione.
Sara si offrì di sparecchiare il tavolino e lavare posate e bicchieri. Decisero che avrebbero bevuto il resto delle birre dalla bottiglia. Ivan ne aprì un’altra che probabilmente era stata scossa visto che la schiuma fuoriuscì con violenza, macchiando il pavimento.
“Oh non ti preoccupare, prendo uno straccio” disse Sara andando di nuovo in cucina.
Ivan e Gustavo si erano ormai riaccomodati sui divani e stavano cercando il canale in tv per vedere la partita. Nei pochi secondi di assenza di Sara, Ivan non si lasciò scappare un commento scontato e che stava tardando ad arrivare.
“Ma lei circola sempre così per casa? Le si vede tutto…..porca miseria ce l’ho duro come il marmo….ma come fai a non saltarle addosso?”
Gustavo lo guardò pensando che il suo amico avesse ragione. Sara era disinibita, esibizionista, sicuramente avrebbe ceduto se solo ci avesse provato. Ciò nonostante temeva quella donna come si teme un professore al liceo. Non riusciva a spiegarsi il perché di questa sudditanza psicologica.
Sara arrivò con uno straccetto bagnato e senza nessuna remora si accucciò per pulire la macchia di birra.
Gustavo vide il suo amico sgranare gli occhi dritti verso quel sesso aperto fra le sue gambe divaricate mentre ripuliva il pavimento. Si alzò con una certa agilità e si voltò per andare a posare lo straccio. Nell’accucciarsi, la canottiera di era alzata e il suo culo che prima già si intravedeva attraverso il pizzo, adesso era quasi completamente scoperto.
Ivan guardò Gustavo e gli indicò il cavallo dei suoi pantaloni.
“Senti, io non ce la faccio….questa è un’esibizionista...non la lascio a bocca asciutta”
“Ivan….non credo sia opportuno, sì insomma non farci ca...”
Sara rientrò in salotto e si fermò un secondo in piedi rivolta verso la tv. La canottiera ancora nella posizione precedente, lasciava passare la luce del grande schermo attraverso il pizzo, illuminando il suo sesso.
“Bella canottiera…. Ti sta proprio bene” Ivan iniziò il suo attacco.
Sara si girò di scatto e sorrise.
“Ti piace? Pensa che Gus mi dice che sono oscena e dovrei coprirmi. Tu credi che dovrei farlo?” rispose in maniera pacata Sara
“Oscena?? Ce ne fossero di donne che mostrano il loro corpo come fai tu. L’anatomia femminile è meravigliosa e va fatta vedere. Poi tu con le tue forme fai davvero girare la testa...non ti nascondo che non riesco a non guardarti”
Gustavo iniziò a sentirsi molto a disagio, aveva già capito le intenzioni di Ivan e tutto stava andando come da copione. Ebbe la mezza intenzione di andarsene in camera con una scusa ma non voleva lasciarli soli.
Sara si avvicinò a Ivan e fece una piroetta su se stessa.
“Non sto male vero? L'ho comprata ieri in saldo, pensavo fosse un po' più lunga e meno aderente..ma se mi dici che sto bene, allora la uso anche quest'estate per uscire..”
Da seduto, Ivan poteva ammirare tutta quella morbidezza invitarlo a fare un passo in più. Prese coraggio e disse:
“Beh, corta è corta, bisogna essere piuttosto disinvolti ad indossarla fuori. Però è molto carina la parte di pizzo che fa un gioco di vedo/non vedo con il tuo perizoma..”
Sara fece uno sguardo interrogativo. Si rivolse verso Gustavo, che nel frattempo aveva abbassato lo sguardo scrollando la testa, ben conscio di come sarebbe stata l'evoluzione della situazione.
“Perizoma? No, guarda, Ivan, ti sbagli. Io odio i perizomi, diglielo tu Gus!”
Ci fu un attimo di silenzio.
Ivan realizzò definitivamente che quella macchia nera che vedeva attraverso il pizzo era il pube di Sara e sentì il cuore che accelerava i battiti. Gustavo voleva solo scomparire dentro al divano, ma sapeva che tutto sarebbe stato inutile. Ebbe solo la forza di dire: “Eh, Ivan, Sara non ama molto la biancheria intima”
Ivan a quel punto non capì più niente. Le vene erano piene di sangue e l'unica cosa che il suo corpo gli stava dicendo era di lanciarsi sul quel frutto succoso e goderne di tutti i suoi aromi.
“Non ci credo” disse, con aria di sfida.
Sara si avvicinò, ed accarezzandosi i fianchi disse: “ Perché non dovrei? Sto bene senza costrizioni, penso che il mio corpo sia bello così com'è. Eppoi ti sembra che ci sia traccia di elastici, qui? Disse indicando la linea di congiunzione tra i suoi fianchi ed il pube.
Ivan toccò quella zona, come a voler confutare quello che Sara aveva appena detto.
Poi scese giù, ed iniziò a toccare il pizzo della canottiera come se stesse verificando che fosse di buona fattura. Nel farlo sfiorò con i due mignoli le cosce di Sara che non oppose resistenza.
Fu quindi incoraggiato ad andare oltre. Sollevò leggermente il pizzo e con molta delicatezza e lentezza scoprì il sesso di quella donna sconosciuta. Gustavo accanto a lui era letteralmente impietrito, non riusciva a muovere un muscolo del suo corpo. Solo uno stava cominciando a muoversi nei suoi pantaloni, ma senza la sua approvazione.
“Che bella visione…..fatti toccare”.
Sara si lasciò andare alle mani di Ivan senza proferire parola. Divaricò leggermente le gambe e si fece accarezzare l’interno cosce. Sentì un dito sfiorarle le labbra che erano già umide e gonfie. Il suo respiro si intensificò come tacito permesso a continuare con quel gioco erotico.
Ivan vide il suo sguardo di desiderio e non tergiversò oltre. Si slacciò i pantaloni e tirò fuori il suo sesso duro iniziando a masturbarsi con la mano destra mentre con la sinistra aveva ormai iniziato a massaggiare con una certa intensità il clitoride di Sara.
Gustavo continuava a non credere ai suoi occhi. Queste cose le aveva viste solo nei film porno. Si sentiva inadeguato e imbranato. Non sapeva cosa fare. Andarsene, guardare, sbatterli fuori da casa sua. Non aveva nessuna certezza in quel momento tranne quella di sentire esplodere i pantaloni. Il suo grado di eccitazione era ormai insostenibile.
Sentiva i sospiri di Sara che ansimava di piacere mentre guardava Ivan masturbarsi. Il suo amico, d’altro canto, non smetteva di toccarla mentre la guardava godere.
“Libera i tuoi seni, fammeli vedere, dai”. Chiese Ivan, quasi incurante della presenza di Gustavo.
Sara guardò Gustavo inerme sul divano. Notò la sua erezione ma non espresse nessuna reazione.
Si chinò leggermente e gli prese la mano.
“Fallo tu”
Gustavo la guardò incredulo, non era sicuro di aver capito bene.
“Dai alzati”, gli ordinò Sara
Gustavo si alzò e Sara gli prese le due mani collocandole sui suoi due grandi seni duri e caldi per l’eccitazione. Le mani di Gustavo tremarono per qualche secondo, fino a quando Sara non pronunciò quelle parole magiche che lo fecero definitivamente disinibire.
“Lasciati andare, fammi godere anche tu”.
Gustavo si liberò dei suoi pregiudizi e preconcetti che molto probabilmente sarebbero riaffiorati di lì a breve. Non sopportava l’idea di dividere Sara con un altro, men che meno con Ivan. Ma si lasciò trascinare in quel gioco torbido confidando in un amnesia collettiva che avrebbe potuto cogliere tutti e tre il giorno dopo.
Massaggiò i seni di Sara attraverso la canottiera e con un dito sfiorò l’areola dei suoi capezzoli per farli indurire ancora di più. Sara si inarcò leggermente emettendo un mugolio di approvazione.
Ivan guardava entrambi compiaciuti senza smettere di toccarsi.
Delicatamente, Gustavo abbassò le spalline della canottiera di Sara lasciando scoprire i suoi seni davanti all’amico che li guardò estasiato.
Si abbassò leggermente ed iniziò a leccare uno dei suoi capezzoli. Sentiva finalmente il loro sapore.
Sentendo Sara ansimare ancora di più per quel gesto iniziò a succhiarlo con più foga e con una mano iniziò a toccarle il culo da dietro.
Con una mano Sara cercò di abbassare i pantaloni della tuta di Gustavo. Lui l’aiutò rimanendo nudo dalla pancia in giù in pochi secondi. Vide lo sguardo di Sara concentrato sul suo sesso duro e notò la sua voglia crescere nei suoi occhi. Collocò una delle gambe sul divano per aprire di più le sue labbra. Ivan la afferrò per il culo e iniziò a leccarla. Una volta posizionata, ricominciò a masturbarsi. A quel gesto, Sara perse ogni tipo di controllo e prese in mano il sesso di Gustavo. Con la sua mano andava in su e giù guardando come cresceva con il suo calore.
La scena era quasi bucolica, Gustavo non riusciva a credere che stesse realmente accadendo ma sapeva anche che non aveva mai provato niente di simile, non aveva mai raggiunto quel grado di eccitazione. Sara lo stava solo masturbando, lui aveva solo assaporato i suoi seni e toccato le sue natiche, non era neanche un vero e proprio rapporto sessuale. Eppure gli sembrava la miglior esperienza che avesse mai avuto.
Sara gli accarezzò il viso e con gli occhi semi chiusi per il piacere che stava provando, gli disse a bassa voce
“mettiti dietro e masturbati sul mio culo”
A quella frase Gustavo pensò che avrebbe fatto una figuraccia perché sentì incombere il suo orgasmo. Ciò nonostante riuscì a trattenerlo.
Si collocò dietro di lei e iniziò a passare il suo sesso fra le sue natiche, nella loro insenatura. Iniziò a masturbarsi su quella pelle bianca e con la mano sinistra cercò uno dei suoi seni per massaggiarlo.
Sara aveva ancora la faccia di Ivan immersa fra le sue cosce e appena sentì i mugolii di Gustavo dietro di lei, esplose in un orgasmo lungo e rumoroso.
Vederla godere così, eccitò all’inverosimile sia Ivan che Gustavo. Il primo dopo pochi secondi le venne sulle cosce. Gustavo, preso ormai solo dai suoi sensi, colpì Sara con paio di schiaffi sul culo che poco dopo macchiò con una copiosa quantità di sperma.
Ci misero qualche minuto a riprendersi. Seduti sul divano non proferirono parola.
Il primo a muoversi fu Ivan. Si tirò su i pantaloni e con fare un po’ impacciato prese il suo giaccone.
“Questa partita fa abbastanza schifo. Gus ci sentiamo in questi giorni, mi è presa la botta di sonno. Sara...ci vediamo presto” la salutò strizzandole un occhio.
I due coinquilini salutarono Ivan e rimasero seduti senza parlare per altri 5 minuti.
Sara si girò verso Gustavo e i loro occhi si incrociarono. Notò che era imbarazzato, quasi scioccato.
Gli sfiorò le labbra con le dita e lo baciò. Gustavo si lasciò andare. Non era lo stesso bacio tenero ricevuto due sere prima. In questo c’era passione e complicità.
“Benvenuto nel mio mondo...” le sussurrò Sara mentre ancora lo baciava.
“S….sarà sempre così con te?” Chiese Gustavo.
“No...spero sia ancora meglio”

Si baciarono ancora per qualche istante fino a che Sara non si appoggiò sulla sua spalla. Entrambi si addormentarono poco dopo.

Gustavo si svegliò alle 4 del mattino. Era ancora sul divano, con una coperta di pile che sicuramente Sara aveva collocato su di lui. Era solo, lei era già in camera sua a dormire.
Si mise nel letto con la sensazione che niente sarebbe stato più come prima, non sarebbe stato meglio o peggio. Sarebbe stato diverso. Non sapeva cosa lo attendesse ma decise di non preoccuparsene.

La mattina dopo si recò in cucina alle 8. Trovò la macchinetta del caffè sul fornello e un pezzo di carta con un messaggio di Sara.
“Sono pronta, accendimi….”

Continua………..


Questo racconto di è stato letto 6 1 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.