Erotici Racconti

I giochi di Serena e Simone Seconda Parte

Scritto da , il 2018-01-11, genere esibizionismo

Com’è difficile truccarsi quando fa caldo. Serena si stava spazientendo cercando di rendere il suo sguardo ancora più penetrante. Simone adorava sentire quegli occhi dentro i suoi quando le parlava e vederla assorta, ascoltare le sue parole replicando solo a discorso finito. Quegli stessi occhi che rimanevano perennemente socchiusi durante ogni loro rapporto e che palesavano tutto il suo piacere . Serena esternava tutto quando faceva sesso con lui. Non aveva nessun timore di essere giudicata o incompresa. Simone dal canto suo assecondava ogni suo desiderio, sapeva bene cosa le piaceva e non si tirava mai indietro. In cambio, Serena, lo lasciava usufruire del suo corpo prosperoso in pubblico, destando spesso la curiosità e morbosità degli altri. Si ricordò di quella volta, qualche mese prima, quando decisero di andare in una piscina termale. Non fecero in tempo ad entrare in acqua che lei sentì subito le sue mani addosso. Coperti dalle bolle dell’idromassaggio, le mani di Simone avevano subito tirato fuori i suoi seni dal costume e sentendola gemere lievemente all’orecchio, non aveva esitato ad iniziare a masturbarla sotto l’acqua. Intorno a loro poche persone, ma tutte coscienti del fatto che lei stesse evidentemente godendo immersa in quelle acque. Più la sottometteva alla sua stessa lussuria, più si eccitava. Simone odiava gli uomini che pretendevano di possedere una donna, era un fervente sostenitore della libertà individuale ma vederla simbolicamente supplicare per arrivare all’orgasmo, gli lasciava quel retrogusto dolce che solo il potere sa lasciare. Nella loro vasca era rimasto solo un signore, che da molti minuti seguiva i loro movimenti. Girati, dammi le spalle e mostragli i seni. A quella richiesta, Serena non acconsentì subito. Si ritirò su il costume, si girò dando le spalle a Simone e sentì come il suo sesso duro si appoggiava sul suo sedere. Avanti, tirale fuori, insistette, tanto l’idromassaggio le coprirà in buona parte. Serena, ormai persa in quel gioco sempre più spinto, si tirò giù le spalline ed effettivamente si rese conto che immersa in quelle bolle si poteva vedere ben poco. Simone, accorgendosi della non curanza di Serena, alzò il tiro. Spostò di forza il suo costume e con un movimento deciso iniziò a penetrarla. Sentì il suo sussulto come se non se lo aspettasse e pochi secondi dopo sentì i suoi lamenti che si perdevano nel rumore dell’acqua. L’uomo, di fronte a loro, ad una distanza di un paio di metri, appoggiato alla vasca vide spuntare dall’acqua le mani di Simone che non lasciavano spazio a molti dubbi. Lui le stava stimolando i seni e vedendo i movimenti di lei era molto probabile che sotto stesse succedendo qualcosa. Per quanto cercasse di rimanere impassibile, era percettibile il piacere che lei stava provando. Si inarcava ogni tanto e quando lo faceva, sorgevano dall’acqua i suoi capezzoli dolcemente torturati dalle dita di Simone. L’uomo sentì un forte bisogno di toccarsi e non ci pensò due volte, visto che era sommerso fino al torace.
Simone si accorse subito che quel tizio si stava toccando, oramai si appoggiava da quasi 3 minuti alla piscina solo con un braccio. Si sta masturbando guardando come godi...E lo farà anche da solo, a casa, ripensando a questo momento. A quelle parole Serena ebbe uno degli orgasmi più forti mai provati. Si immerse totalmente nell’acqua e si tirò su il costume. Tornata a galla baciò intensamente Simone e gli sussurrò: Grazie….
Al ricordo di quell’esperienza, Serena sentì inumidirsi gli slip, incosciente del fatto che quell’esperienza avrebbe avuto un forte seguito, proprio quella sera. Come fossero arrivati a spingersi così oltre con le loro fantasie era qualcosa che Serena faceva fatica a ricordare, il che la sollevava e la faceva sentire bene. Voleva dire che tutto era successo in maniera naturale e che i loro desideri erano semplicemente sfociati nei giochi che mettevano in pratica. Ma non c’era tempo per fantasticare o riflettere, era tardi. In fretta e furia si dette l’ultima passata di rimmel e corse in salotto per mettersi il vestito.
Se lo infilò dalla testa, era molto elastico e si adagiava bene sul suo corpo. Si sentì subito comoda, poi andò a guardarsi allo specchio. Mio Dio pensò…..si vede tutto!!!
La parte di sopra aveva davvero una scollatura profondissima, i suoi seni erano appena appena coperti ma muovendosi c’era il rischio che rimanessero all’aria. Ma non era tutto. La parte di sotto le arrivava appena sotto il sedere, chinarsi o accucciarsi sarebbe stato praticamente impossibile.
Ciò nonostante, guardandosi così, allo specchio, pensò che non fosse semplicemente sexy ma assolutamente spudorata. La cosa la eccitò e la preoccupò allo stesso tempo.
Ma non ebbe il tempo di pensarci. Le chiavi si mossero nel portone, Simone entrò esausto e sudato. La guardò intensamente da lontano. Ti sta bene, disse. Si avvicinò, la baciò e si tuffò sotto la doccia.
Non era di troppi complimenti Simone. Non amava lusingare se non era strettamente necessario. Ma bastava un suo sguardo per far capire se approvasse o meno. Sotto la doccia, la schiuma bianca del sapone contrastava la sua pelle scura. Anche Serena era bianca come quel sapone, così bianca che una volta, mettendo i loro corpi nudi a confronto, gli disse che avrebbero potuto fare uno spot per l’ integrazione interrazziale. Simone sorrise ripensando a quella frase, uscì dalla doccia e si asciugò.
Indossò una camicia bianca con le maniche tirate su a tre quarti e un paio di pantaloni di cotone blu.
Mi metto le scarpe e sono pronto.
Varcato il portone, Serena si sentì immediatamente al centro dell’attenzione. Non c’era persona, sia donna che uomo, che non potesse notarla. Pensò che quell’abito era probabilmente adatto per un night club e non per un aperitivo in spiaggia. Ma si sa che all’imbarazzo ci si abitua in pochi minuti.
Il tempo di arrivare alla macchina e già Serena camminava con disinvoltura. Salirono e Simone mise in moto.
Il suo sguardo era fisso sui suoi seni nudi e liberi sotto quella misera stoffa di lycra.
Bene, deduco quindi che avrai gli slip. Solo uno, ricordi?
Da mesi avevano stipulato un patto giocoso: tutte le volte che si fossero visti, Serena avrebbe potuto indossare solo un indumento intimo, quindi o slip o reggiseno.
Serena allargò leggermente le gambe, prese la mano di lui e la portò sul suo sesso nudo. Lui la guardò un po’ sorpreso: brava la mia zozza. Adesso preparati…
Serena sapeva benissimo che non l’avrebbe masturbata in macchina né lo avrebbe fatto lui. Si notava già una bella erezione attraverso quei pantaloni blu ma avrebbe saputo gestirla bene.
Lungo la darsena c’erano almeno 10 locali fra cui diversi bar. Alcuni un po’ più alla moda, altri più spartani. Simone che li conosceva uno per uno prese per la mano Serena e la trascinò in uno di quelli dove ti servono i cocktail dei baristi acrobatici. Elegante ma non troppo come posto.
Si sedettero entrambi al bancone su due sgabelli. La gonna di Serena si alzò vertiginosamente una volta salita sullo sgabello. Incrociò subito le gambe ma aveva le cosce totalmente scoperte. Simone sorrise e ne accarezzò una, sorridendole maliziosamente. Bevvero entrambi due vodka martini con dei piccoli stuzzichini salati. Ci mise poco l’alcol a fare il suo effetto.
Ti piace allora questo vestito? Simone la guardò serio e le disse: beh fammi un po’ vedere. Sollevò un lembo della parte di sopra e spiò uno dei suoi seni, lei fece il gesto istintivo di coprirsi.
Lui si mise a ridere e cominciarono a parlare un po’. Stamattina ti sei sbizzarrita con gli operai….Lei annuì e gli sussurrò all’orecchio che dopo la sua performance si era masturbata sotto la doccia. Lui la afferrò con un pochino di forza per i capelli e le disse a sua volta: stasera non ne avrai bisogno.
Gli occhi del locale erano tutti per lei, per quel vestito scandaloso ma nessuno osava avvicinarsi, anche perché era in compagnia di un uomo che dal comportamento poteva essere il marito.
Quegli sguardi indiscreti ormai non bastavano più a Simone. Voglio vederti muovere.
Uscirono dal locale ed entrarono in quello accanto. La diversità era abissale: c’erano 3 biliardini, due tavoli da ping pong e uno da biliardo. La concentrazione era quasi totalmente maschile. Un’unica signora, sulla settantina, leggeva una rivista di gossip, seduta al tavolo, sorseggiando una birra. Giochiamo? Chiese Simone. Serena annuì. Simone tirò fuori dalla tasca delle monete e ne inserì una in uno dei biliardini. Avanti, ti sfido. Serena sapeva benissimo dove voleva arrivare e non esitò a farsi trascinare. Iniziarono la partita, Serena era molto competitiva e iniziò a giocare in maniera quasi seria. I suoi movimenti a volte bruschi, in più di un’occasione avevano scoperto i suoi seni, facendo distrarre Simone e facendogli prendere diversi gol.
Quello però che Serena non aveva visto ma che Simone stava apprezzando, erano i due tizi seduti dietro di lei che si godevano il panorama di quella svergognata. La gonna, alzata ormai quasi a metà culo e le sue gambe divaricate, in quella posizione quasi a 90 gradi, avevano richiamato l’attenzione di quei due guardoni che non le toglievano gli occhi di dosso. Uno era sulla quarantina, l’altro forse più in là. Sorseggiavano una moretti e si commentavano cose sotto voce. Avevano ormai potuto apprezzare tutto il suo sesso in bella vista, le sue labbra aperte, il suo culo prosperoso.
Una delle palline schizzò via dal biliardino e si fermò verso i due uomini, Serena si voltò e li vide per la prima volta. I due tizi videro anch’essi per la prima volta il volto di Serena. Si accucciò per prendere la pallina e i guardoni non ci misero molto ad intravedere i suoi grossi seni fare capolino da quel vestito che li stava facendo impazzire. Non dissero niente, ma la guardarono e lei posò gli occhi sui loro pantaloncini corti, che erano ormai gonfi, a punto di esplodere.
Non avrebbero resistito a lungo, pensò Serena. Si avvicinò a Simone e disse: basta, sono stanca… lo abbracciò e lo baciò. Lui, capendo l’antifona le posò una mano sul culo lo strinse e disse: ok riposiamoci nella saletta.
Dietro la sala del bar dedicata ai giochi, c’era una saletta con molte sedie ed un grande schermo piatto. Era la sala per vedere le partite. Quella sera, non essendoci match, la sala era completamente vuota, spenta, ma dalla sala giochi entrava un po’ di luce. Simone si sedette su una delle sedie senza appoggia gomiti. Dalla sala giochi nessuno poteva vedere dove fossero a meno che non entrassero.
Serena si sedette su di lui alzandosi la gonna. Gli slacciò i pantaloni mentre lui le accarezzava i seni e iniziò a masturbarlo molto piano. Entrambi speravano che almeno uno dei due guardoni facesse capolino. Ma non ci pensarono più di tanto e si lasciarono andare al loro piacere privato. Si stavano ancora massaggiando reciprocamente quando Simone vide entrare quei due tizi di prima. Non disse niente a Serena, non voleva che si inibisse. Fece cenno con la mano perché si avvicinassero nella penombra e con la stessa mano fece capire di fermarsi. Da quell’angolazione avrebbero visto tutto. Simone sistemò bene il suo membro e iniziò a penetrare Serena. Era bagnatissima e calda e accolse il suo sesso con un gemito. Iniziò a muoversi dentro di lei e i due tizi ormai incoraggiati, si tirarono giù i pantaloncini, gli slip ed iniziarono a toccarsi.
Potevano ampiamente vedere come lei balzava su e giù per ricevere il sesso del compagno e come lui succhiasse avidamente i suoi capezzoli afferrandole con forza il culo.
Dai girati, cambiamo posizione. Disse ansimando Simone.
Serena si voltò, e vide quei due uomini, mentre si masturbavano. Inizialmente tirò un mezzo urlo cercando di coprirsi, poi guardò Simone e vide che era complice. Si fece trascinare in quel gioco limite. Si sedette sul membro di Simone che iniziò di nuovo a penetrarla. Davanti a lei quei due uomini che la guardavano e si toccavano, eccitati all’inverosimile. C’era dentro e le stava piacendo.
Si leccò due dita e iniziò a strofinarsi il clitoride mentre guardava i due uomini.
Simone non voleva che si avvicinassero troppo, non voleva che la cosa degenerasse. La sua eccitazione scaturiva dal voyeurismo, non dal sesso fine a se stesso.
Quando uno dei due chiese: dai, faccela toccare un po’ anche a noi...solo toccare!! Simone guardò Serena, vide che annuì. Va bene, ma solo accarezzare. I due si avvicinarono e con le due mani libere iniziarono a palpare i seni di Serena, prima con estrema delicatezza, quasi solo sfiorandoli, dopodiché, vedendo che nessuno dei due protestava, uno dei due uomini iniziò a giocare con uno dei suoi capezzoli tirandolo con le dita. L’altro, si abbassò e iniziò a succhiarle l’altro. Serena iniziò a gemere ad un volume piuttosto alto tanto che Simone dovette tapparle la bocca con la mano. Lei gliela morse, inarcandosi su di lui. Movimento che fu fatale a Simone che le venne copiosamente sulle cosce. Sentendo l’orgasmo di lui, i due sconosciuti iniziarono a masturbarsi velocemente, uno si azzardò a mettere due dita sul suo clitoride e Serena, con quel gesto inaspettato riempì quelle dita con tutto il suo piacere. L’uomo a sua volta le venne sul seno sporcando tutto il vestito. L’altro che era al culmine si avvicinò al volto sconvolto di lei e le inondò il viso.
Passarono pochi secondi, il tempo di rendersi conto di cosa avessero appena fatto. I due tizi si ricomposero immediatamente e uscirono dalla sala con un tiepido Ciao ragazzi.
Serena e Simone rimasero nella stessa posizione, esausti, accarezzandosi reciprocamente i capelli. Dopodiché si alzò, si sistemò il vestito e fece cenno di uscire. Guarda che ti sta colando sperma dappertutto, disse Simone. Aha, quindi? Rispose Serena.
Brava, è così che ti voglio, disse lui. E’ così che sono. Disse lei.

Questo racconto di è stato letto 2 3 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.