Erotici Racconti

I giochi di Serena e Simone Prima Parte

Scritto da , il 2018-01-10, genere esibizionismo

Il rumore del montacarichi si stava facendo sempre più insistente e molesto. Ci vollero solo altri due minuti di quell’incessante frastuono per far svegliare Serena.
Ci mise qualche secondo a capire dove fosse. Quello non era il suo letto, non era la sua camera, non era la sua città. Il letto, la camera e la città erano quelle di Simone. Era lì da due giorni ma ancora non aveva realizzato di essere da lui. Pensò che era un bel segno, che si trovava a suo agio e che dormire bene e fino a tardi in quella circostanza voleva dire che si sentiva sicura e protetta.
Non era la prima volta che Serena faceva visita a Simone ma fin dall’inizio aveva sentito un legame naturale con quelle pareti, come se fossero state decorate ed arredate da lei.
Si svegliò un po’ scocciata per quel rumore fastidioso, ma era estate e non avrebbe potuto chiudere le finestre. Si alzò sbadigliando, scivolò subito in bagno per fare pipì e si precipitò in cucina alla disperata ricerca della macchina del caffè. La trovò già pronta con un post it attaccato: “Devi solo accendere il fuoco”. Grata per il gesto di Simone, Serena non fece altro che accendere il fornello e iniziò a prendere tazza e tovaglia per prepararsi la colazione.
Avvicinatasi al tavolo, trovò un altro post it, stavolta più lungo: “ cercherò di non fare tardi, comunque stasera usciamo, fatti trovare pronta per le 19 e mettiti quello che ho lasciato sul divano”.
Era venerdì e Simone era dovuto andare a lavoro, aveva cercato di prendersi un giorno di ferie ma avevano bisogno di lui in ufficio. A Serena non importò molto, amava stare da sola e familiarizzare con l’ambiente circostante. Sarebbe uscita a fare un giro, a vedere qualche museo e a sbirciare fra i negozi di quella città a lei estranea ma molto accogliente.
Si precipitò in salotto e vide subito un pacchetto sul divano. Lo aprì con frenesia e appena vide il contenuto si mise a ridere di gusto. Era solo l’ennesimo capo ricevuto in dono da Simone. Si sedette sul divano e continuando a sorridere ripercorse tutta quella storia che l’aveva portata fino a quel giorno. Serena amava essere guardata, Simone amava guardare. Ma Serena amava essere guardata in un certo modo e Simone amava guardare in un certo modo. Ed era forse quella sottile ma potente linea di intesa che aveva fatto scatenare nei due un gioco delle parti nel quale ambedue recitavano senza copione. E pur senza copione, non sbagliavano mai una battuta. Simone aveva il gusto maniacale per gli abiti succinti, dentro i quali il corpo di Serena sarebbe potuto esplodere da un momento all’altro. Le sue forme generose in quei pochi centimetri di stoffa non solo eccitavano lui ma tutti gli uomini che la vedessero per strada. Vedere lo sguardo degli uomini su quel corpo faceva sfogare a Simone la sua passione per il voyeurismo, appagava quella sua pulsione e la utilizzava nella sua intimità con Serena. Serena non era così eccitata dallo sguardo degli sconosciuti, ma da quello di Simone che si rendeva conto di non essere l’unico a guardarla.
Amava essere guardato anche lui soprattutto negli atteggiamenti più intimi. Non era infatti inusuale sorprenderli a toccarsi e stuzzicarsi in luoghi pubblici. Essere beccati in situazioni poco consone era una delle loro fantasie preferite.
Quando vide il vestito capì che quella sera avrebbe provato forte imbarazzo, ma molto probabilmente anche una forte eccitazione: si trattava di un miniabito nero con una scollatura morbida ma profondissima che arrivava quasi fino all’ombelico e la parte della gonna arrivava appena sotto il culo. Non ci pensò molto e decise di non provarselo, prima voleva farsi una doccia. Era ancora sporca di Simone, della notte appena trascorsa e le piaceva dormire con quell’odore di sesso sulla pelle, la faceva sentire viziosa ed edonista e adorava quella sensazione.
Addosso aveva solo un vestito rosso molto ampio, dalle spalline sottilissime con il quale la notte prima avevano ampiamente giocato e non si era cambiata per dormire, tanto avrebbe dovuto lavarlo.
“Cazzzoooo ti ho detto di fare attenzione con quellooooo” , Serena sentì urlare così forte che si fiondò subito alla finestra per vedere cosa stesse succedendo: era la ditta di traslochi, quella che l’aveva svegliata…Davanti al palazzo di Simone ve ne era un altro, a meno di 5 metri di distanza e avevano venduto l’appartamento al terzo piano, giusto di fronte al suo. Avrai nuovi dirimpettai...pensò Serena.
Gli operai non facevano che salire e scendere dal montacarichi e dalle scale. Con quel caldo ci voleva un gran bel coraggio. Serena li osservò per un paio di minuti e si accorse del fatto che tutti avevano notato la sua presenza alla finestra. Quel vestitino rosso le arrivava sotto il ginocchio è vero, ma marcava in maniera molto provocante i suoi grossi seni lasciando ben poco spazio all’immaginazione. Per un momento Serena pensò che se Simone fosse stato lì, quegli operai non si sarebbero certo annoiati...Peccato pensò...Poi le ritornarono in mente tutti i giochi erotici fatti con Simone quando erano lontani, le foto mandate sul telefono, le videochiamate, video di autoerotismo...E pensò che anche se per poche ore, anche in quel momento Simone era lontano, nel suo ufficio. Bastarono 5 minuti per montare il “set”: una scala, una cintura, dei guanti, fogli di giornale e un liquido per pulire i vetri.
Serena prese una cintura dalla sua valigia, se la strinse sui fianchi e si alzò il vestito il più possibile. Riuscì a farlo arrivare all’inizio delle cosce. Si guardò allo specchio e da dietro notò come appena appena le copriva il culo. Collocò la scala vicino alla finestra e prese il suo smartphone per scattare una foto. Il telefono di Simone vibrò, c’era un’immagine da aprire. Simone pensò subito ad un selfie di Serena con il vestito nuovo e invece si ritrovò con l’istantanea di lei con quel vestito rosso tirato su e sullo sfondo la finestra aperta dalla quale si intravedevano, dall’altra parte, degli uomini affaccendati con mobili e scatoloni. Sotto la foto un’unica parola: “Giochiamo?”
Simone sorrise e sentì subito quell’eccitazione che Simona era capace di provocargli con quelle piccole sfide e rispose immediatamente: “Giochiamo”.
Serena prese tutto l’occorrente per pulire i vetri e pensò bene di indossare un unico guanto. Con l’altro avrebbe fatto degli scatti da mandare a Simone. Salì 3 gradini della scala. In quel modo gli operai di fronte avrebbero avuto un’ottima visuale sul suo corpo. Iniziò a pulire un vetro della finestra muovendo energeticamente il braccio destro in maniera circolare. Notò subito come i suoi seni iniziarono a ballonzolare sotto quel sottile strato di cotone. E lo notarono anche i due ragazzi che al terzo piano stavano caricando mobili su dal terrazzo. Serena si sentì subito gli occhi addosso e pensò di immortalare la scena con un video. Prese lo smartphone in mano e finse una chiamata per non destare sospetti. Attivò il video e riprese se stessa mentre puliva il vetro e subito dopo i due ragazzi che la guardavano e sghignazzavano. Il video di pochi secondi arrivò subito a Simone. Ci mise qualche minuto ad aprirlo, non voleva essere beccato dai suoi colleghi. Si diresse in bagno e lo vide. Sentì subito gonfiare il suo sesso dentro i pantaloni. Quella stronzetta ci riesce sempre, pensò fra se e se sorridendo. Rispose in maniera secca e severa, in quella forma un po’ autoritaria che tanto faceva eccitare Serena: “fai scendere quelle spalline….fai vedere di più”.
Quando ricevette il messaggio, razionalmente, Serena pensò che non sarebbe potuta arrivare a tanto. Ma poco dopo il telefono squillò di nuovo e l’immagine dell’erezione di Simone la fece disinibire totalmente. Aveva ricevuto centinaia di quelle foto, eppure ogni volta era una gratificazione, un’ascesa inarrestabile di autostima e di erotismo che la faceva sentire desiderata e desiderosa.
Scese un scalino e si mise a pulire in posizione parallela alla finestra. Una delle spalline del vestito scese da sola. Con la mano continuò a pulire scendendo verso il basso e in breve tempo si rese conto che il suo seno destro era quasi totalmente scoperto. Non fece nulla per nasconderlo. Anzi, si premurò di capire se fosse nella posizione corretta per essere vista. Dallo sguardo fisso dei due ragazzi sembrò di sì. Non sghignazzavano più, erano immobili appoggiati al terrazzo che godevano di quello spettacolo. Serena sentì come il suo basso ventre iniziava a scaldarsi, notò quel pizzicorio tipico nel suo sesso, preludio di una forte eccitazione. Notò il formicolio invaderle tutto il corpo e rendere i suoi capezzoli duri e turgidi. Fece di tutto per far scendere ulteriormente la spallina. Ormai il suo seno destro era totalmente scoperto mentre lei ancora lavava quel vetro.
Finse un’altra chiamata per riprendersi di nuovo. Per riprendere lei e quei due guardoni.
Quando Simone ricevette quel secondo video, decise che avrebbe rischiato e se lo sarebbe visto in maniera discreta vicino ad i suoi colleghi. Male pensò…. Sarei dovuto andare in bagno….Stavolta l’erezione era molto più prepotente e si mise una cartella porta documenti sulle gambe per nasconderla. Quel gioco gli stava piacendo, era forse il punto più alto dove fosse arrivata Serena fino a quel giorno. “Adesso sali fino su, voglio che vedano tutto di te”. Serena soffriva un po’ di vertigini ma la sua libidine aveva preso il sopravvento. Non ci pensò due volte. Salì sullo scalino più alto e sollevò le braccia per pulire. Si sollevò ulteriormente anche il suo vestito. I due operai alle prese con il montaggio di una libreria si fermarono di scatto: davanti a loro era ben visibile il sesso di Serena che sporgeva da quel vestito rosso. Una peluria leggera in mezzo a due cosce tornite fece andare nel panico quei due ragazzi. Un panico godereccio ma imprevedibile. Da sotto, il terzo operaio che gestiva il montacarichi esclamò: “ragazzi vado a prendere due bottiglie d’acqua che qua si muore!! Prendetevi una pausa anche voi”. Mai parole furono più opportune.
I due operai si affacciarono alla ringhiera per apprezzare meglio quello che Serena stava loro mostrando. Si guardarono a vicenda e annuirono. Le loro mani iniziarono a strofinarsi le enormi erezioni che Serena aveva loro provocato. Uno dei due, senza troppe remore, aprì la cerniera della tuta da lavoro e tirò fuori il suo sesso, iniziando a masturbarsi vistosamente. Serena inizialmente si imbarazzò, la sua parte razionale pensò che stesse esagerando e che era un comportamento da esibizionista. Poi pensò che lei era effettivamente un’esibizionista e che a Simone questa cosa piaceva, lui aveva tirato fuori quella parte di lei nascosta per troppo tempo. E adesso era il momento di accettarla, a 40 anni non posso più avere nessun timore sessuale pensò. Si lasciò andare e continuò a dimenarsi su quella scala facendo ormai solo finta di pulire. Si sollevava e si accucciava per alternare la vista a quei due fortunati che per alcuni secondi potevano concentrarsi suoi suoi enormi seni e per altri sul suo sesso che ormai era fradicio per l’eccitazione raggiunta.
Il primo ragazzo continuò a toccarsi attraverso la tuta e dopo poco scappò per andare in bagno. Il secondo, più impavido, vedendo che Serena non batteva ciglio, continuò a masturbarsi. Serena prese subito il telefono, quell’immagine avrebbe fatto impazzire Simone anche se si trattava di un uomo. Quell’uomo si stava masturbando davanti a lei, per lei. Il terzo video arrivò a Simone mentre era realmente in bagno a fare pipì. Fortunatamente l’aveva già fatta perché la vista di quel video provocò l’ennesima e definitiva erezione che non poté contenere. Quell’uomo, che si stava masturbando guardando Serena, quella Serena con cui fare l’amore la prima volta era quasi stato cauto e dolce ma che poco a poco si era trasformato in un gioco erotico che ascendeva sempre di più senza trovare mai un limite se non quello del rispetto reciproco, ebbene quello era il culmine del suo desiderio sessuale, quantomeno virtuale e non vissuto in diretta. Iniziò a toccarsi e a scorrere avanti e indietro i video che le aveva mandato durante la mattinata. Non riuscì a contenere il suo orgasmo e venne subito, copiosamente. Fece uno scatto immortalando il suo piacere e lo mandò subito a Serena.
Lei lo vide, sorrise, guardò il ragazzo, posò guanti e carta e decise che era il caso di finirla anche con lui. Si palpò un po’ i seni, indugiando sui suoi capezzoli ormai duri come chiodi, dopodiché si sfiorò il sesso, aprendo la bocca per far notare il suo piacere. Il ragazzo venne immediatamente, Serena da quella distanza misera vide quello schizzo fiondarsi sulla ringhiera del terrazzo. Sorrise, spostò le scale, si allontanò dalla finestra e decise che era giunto il momento di farsi una doccia.
Prese il soffione della doccia e senza pensarci due volte lo collocò in modo che gli schizzi arrivassero diretti sul suo clitoride. Aveva resistito abbastanza. Quel giorno ebbe il suo primo orgasmo alle 12 del mattino. Pensò bene di prepararsi qualcosa da mangiare e andare a riposare. Simone sarebbe passato alle 19 e lei voleva mettersi in tiro. Per sorprenderlo. Ancora una volta.

CONTINUA….

Questo racconto di è stato letto 2 2 9 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.