Erotici Racconti

La coinquilina cap.1

Scritto da , il 2018-01-15, genere esibizionismo

“Se non faccio così non ne uscirò vivo”, pensò Gustavo mentre con il suo incerto indice destro stava per cliccare sul bottone di Invio. Non era qualcosa che avesse preventivato, ma le spese per quell’enorme appartamento erano diventate esorbitanti e se voleva continuare a condurre un certo stile di vita non c’erano altre alternative: trovarsi un coinquilino. Gustavo aveva un lavoro fisso e abbastanza ben retribuito ma la sua passione per i viaggi e le belle cose lo avevano fatto ritrovare più di una volta con il conto in rosso. D’altronde quella casa era così grande che l’interazione con il futuro “intruso” sarebbe stata minima, pensò autoconvincendosi per non esitare ulteriormente.
L’annuncio fu caricato nella bacheca di TrovaUnTetto alle 22.30 di un lunedì sera qualsiasi, dopo che Gustavo aveva controllato, tremante, la sua situazione economica sull’homebanking. Non era tragica ma un introito di 300 euro al mese, lo avrebbe senz’altro fatto stare più tranquillo.
Avrebbe preferito un uomo, magari pendolare, uno di quelli che durante i fine settimana torna dalla famiglia. Ma Gustavo viveva in una piccola città senza grosse fabbriche o aziende vicino e totalmente priva di centri universitari, quindi non poteva permettersi il lusso di scegliere. Donna o uomo che sia va bene, basta che non sia un serial killer. Certo, se si fosse presentata una donna avrebbe dovuto rinunciare a quelle piccole libertà che uno si concede, come girare seminudo per casa o lasciare la tavola del water alzata. Ma non era il momento di fare l’esigente. Prima trovo una persona compatibile, meglio è. Certo non avrebbe fatto entrare chiunque nella sua vita, non avrebbe per esempio accettato una persona troppo anziana o una senza lavoro e situazione precaria. No, non bastava soltanto che non fosse un serial killer...ritrattò fra se e se.
“Vediamo che succede”… bevve l’ultimo goccio di vino rimasto nel calice e se ne andò a dormire.
Il giorno dopo, a lavoro, Gustavo si sentì come una trottola, su e giù per risolvere problemi. In pausa pranzo pensò che i quarant’anni erano vicini e che per il compleanno si sarebbe sicuramente regalato un viaggio stellare, con dei soldi che ancora non aveva, ma fantasticare era lecito e soprattutto gratis. Alle 18.30 baciò il pavimento di casa sua, non gli sembrava vero di aver concluso quella giornata lavorativa. Neanche il tempo di togliersi le scarpe che squillò il cellulare: Ivan...Non aveva molta voglia di parlarci, era un carissimo amico, ma la stanchezza lo aveva reso irritabile quel giorno. Rispose solo dopo 4 squilli: “Ciao Ivan dimmi”. Cominciò a ricordargli che fra poco meno di un mese ci sarebbe stato l’anniversario di matrimonio di una loro coppia di amici, i quali avevano organizzato una festa in un resort di lusso, con tanto di aperitivo e cena buffet. Loro, insieme ad altri amici avrebbero dovuto comprare il regalo e organizzare qualcosa di divertente, una sorpresa per i festeggiati, qualche scherzo come si usa fare in certe occasioni. Dovevano vedersi per parlarne e Gustavo annuendo senza troppa voglia gli disse che sicuramente avrebbero trovato una mezza giornata per parlarne. Mentre Ivan azzardava già qualche idea per il regalo, Gustavo sentì al telefono un’altra chiamata in entrata, guardò lo schermo e vide un numero che non aveva in memoria. “Ivan devo riagganciare, mi chiamano dall’ufficio”, si inventò per chiudere in fretta.
“Pronto chi parla”? All’altro lato sentì un po’ di frastuono, clacson e rumori di motorini sfrecciare.
“Chiamo per l’annuncio dell’appartamento”, disse una voce femminile dopo pochi secondi.
Cavolo, una donna…..pensò subito Gustavo. Ma si ricordò del viaggio fantasticato all’ora di pranzo e cercò di rispondere nella maniera più educata possibile. “Dimmi tutto, vuoi venire a vederlo? Sei interessata?” “Sì”, rispose la donna. “Quando potrei venire?” “Io sarei in zona se lei fosse in casa…”.
Togliamoci il dente pensò subito Gustavo, prima inizio con i colloqui, prima lo trovo.
“Sì guardi sono appena rientrato, se vuol passare adesso..”
“Arrivo fra 10 minuti.”
Gustavo si affrettò a sgombrare il pavimento del bagno dai vestiti sporchi lanciati frettolosamente la mattina per non fare tardi a lavoro. Aprì le finestre per areare l’ambiente ma subito dopo accese il riscaldamento. Non badò a nient’altro: chiunque venga a vivere con me deve capire che questa casa non è un museo, quindi niente ordine e pulizia maniacali.
Il campanello suonò alle 19 esatte di quel martedì:” sali al secondo piano”, disse Gustavo al citofono. Aprì la porta per accogliere quella donna. Dalla voce era abbastanza incuriosito, ma non si era fatto un’idea precisa.
Sara salì quelle scale guardandosi intorno, l’atrio era ampio, avrebbe potuto collocarci la bicicletta pensò, non essendoci molte famiglie in quello stabile, non avrebbero avuto un regolamento di condominio così ferreo.
Gustavo vide Sara per la prima volta dirigersi verso di lui, avvolta in un cappotto grigio. Lo guardò per 10 millesimi di secondo negli occhi e subito allungò il suo braccio destro per presentarsi.
“Accomodati”, disse Gustavo. Sentì subito la presenza di quella donna come invadere casa sua e non riusciva a spiegarsi perché quella sensazione non lo infastidisse. Di primo impatto era sicuramente una donna abbastanza giovane e di bella presenza ma più di ogni altra cosa gli piacque il suo atteggiamento molto informale e amichevole nell’interagire con lui.
“Mi chiamo Sara, possiamo darci del tu vero?”
“Certo, piacere, Gustavo.”
Si tolse il cappotto che Gustavo appese subito nel corridoio.
Quella donna estranea ma stranamente familiare davanti a lui aveva addosso un golfino a strisce viola e fucsia, una minigonna elasticizzata nera sopra a delle calze che potevano essere collant o autoreggenti. Ai piedi delle scarpe con i lacci che avranno avuto un tacco di circa 6/7 centimetri.
Si sistemava i capelli color rosso molto acceso passandoci le mani in mezzo.
Notò subito che era una donna dalla forme generose ma che non doveva essere un problema per lei da come si muoveva con disinvoltura.
“Accomodati pure, posso offrirti qualcosa?”
“No grazie.”
Il colloquio iniziale senza far vedere prima l’appartamento era l’unica regola che Gustavo si era imposto. Devo cercare di captare bene chi mi metto in casa.
Sara si sedette sul divano incrociando le gambe, Gustavo non si fece distrarre troppo da quelle gambe lunghe e chiese subito a Sara perché cercasse un appartamento da condividere e quanto avesse intenzione di rimanerci.
Sara lavorava in uno studio di commercialisti non molto lontano da lì. Veniva da un’altra città e non voleva spendere troppi soldi affittando un appartamento solo per lei, avrebbe buttato soldi per qualcosa che non sarebbe mai stato suo. In quella città era sola, ci stava da solo due mesi e ancora non aveva troppi amici. Un compagno o compagna di casa avrebbe sicuramente facilitato anche il suo inserimento sociale.
“Sara guarda devo avvisarti che ho molti amici che mi fanno visita e che invito spesso a cena. Con la tua presenza non vorrei cambiare questa abitudine anche se cercherò di non andare troppo oltre con gli orari notturni e non disturbarti se vuoi coricarti ma sappi che se ci troviamo bene, sarai invitata tutte le volte che vuoi e così potrai conoscere anche nuove persone”.
A Sara non parse vero di sentire quelle parole, era proprio quello di cui aveva bisogno. Sentì una piccola gioia dentro di lei che la rese molto a suo agio e più disinibita.
“Ok dai ti faccio vedere la casa”, disse Gustavo che percepì la totale buona volontà di Sara di inserirsi nel suo mondo.
Il salone era abbastanza grande con due divani collocati a L e un paio di librerie.
“Fa abbastanza caldo qua”, disse Sara sbottonandosi il golfino
“Sì, la casa è molto calda ma d’estate è fresca”.
Gustavo si girò verso Sara e la vide con il golfino sbottonato, sotto aveva una canottiera viola scuro a costine fini lievemente trasparente ed attillata dalle spalline molto sottili.
L'assenza di ulteriori spalline visibili e la morbida curva dei suoi seni grandi, ad occhio almeno una 5a, fece pensare a Gustavo che Sara non portasse il reggiseno.
Cercò subito di distogliere lo sguardo ma Sara se ne accorse e accennò un sorriso.
Gustavo pensò che probabilmente aveva avuto qualche problema, un intralcio, magari le si era rotto il reggiseno durante il giorno. Non poteva andare in giro senza reggiseno con quelle misure, sicuramente c’era una spiegazione.
“Questa è la cucina, come vedi c’è lo spazio cottura e lo spazio per mangiare.”
“C’è anche l’isolotto!!” Esclamò Sara.
“Sì…. Giusto per quando si mangia qualcosa in fretta o per la colazione.”
“Che bello!! Con gli sgabelli!! Posso??” Chiese Sara facendo cenno di sedersi
“Sì certo”, rispose Gustavo.
Sara si sedette su uno degli sgabelli e iniziò a girare un po’ su di esso. La minigonna che aveva addosso era notevolmente salita su scoprendo un elastico nero di pizzo che le fasciava le cosce. Gustavo si tolse il dubbio sulle calze: erano autoreggenti.
Si sedette davanti a lei su una delle sedie del tavolo da pranzo, notevolmente più bassa dello sgabello. Iniziò a guardarsi intorno spiegandole alcune cose sulle finestre e le porte che avrebbe voluto cambiare.
Sentiva lo sguardo di Sara perennemente su di lui mentre divagava sui lavoretti da fare.
Lo stava mettendo in soggezione e non riusciva a guardarla negli occhi senza imbarazzo.
Sullo sgabello, Sara aveva leggermente aperto le gambe, fra la gonna e le autoreggenti c’era uno stacco di almeno 10 centimetri che mostrava parte delle sue cosce. Lo sguardo gli finì lì in mezzo e si maledì subito per quella malizia che non era insita in lui.
D’improvviso sentì un calore avvolgere il suo corpo e decise di alzarsi. Si avvicinò all’isolotto dove Sara era appoggiata. Le mostrò da quell’angolazione il reparto cottura, con i fornelli a induzione.
Lei si voltò verso Gustavo e gli chiese dove si trovasse la caldaia.
Lui si girò cercando di sopportare quello sguardo insistente, ma ancora una volta venne distratto dal suo golfino aperto. La canottiera viola adesso era spinta leggermente in avanti dai capezzoli duri di quella donna che sembrava non se ne fosse minimamente accorta.
Stavolta Gustavo sentì il suo sesso gonfiarsi dentro i pantaloni che ancora non si era cambiato da quella mattina.
“Ti faccio vedere quale sarebbe la tua camera”!!
Non sapeva come mascherare quell’erezione che cercava di placare in ogni modo ma adesso Sara sarebbe stata distratta da altro e sicuramente non lo avrebbe notato.
Pensava che averla in casa ogni giorno non sarebbe stato per niente facile, non si sarebbe abituato a quelle forme sinuose che avrebbero circolato intorno a lui. Ciò nonostante non riusciva nella sua mente a scartarla categoricamente come possibile coinquilina.
“Il letto a soppalco!!” Esclamò Sara con un gridolino infantile e battendo un po’ le mani.
Di nuovo, questo movimento fece muovere in maniera sussultoria i suoi seni liberi, attirando l'inconsapevole sguardo di Gustavo.
“Sì….ti piace? Magari non sembra ma è molto comodo, comunque prova il materasso, se non ti piace ne ho un altro in garage”.
“Va bene, basta che mi sdrai un secondo e ti so già dire, posso salire?”
“Sì certo”
Sara cominciò a salire le scalette per raggiungere il letto rialzato.
Gustavo, da sotto, si sforzava di non guardarle il culo, poi pensò che non c’era niente di male, anzi, doveva prenderlo come un gesto normale che avrebbe dovuto rivedere milioni di volte vivendo con lei o qualsiasi altra donna.
Ma non credeva ai suoi occhi. Quasi sull’ultimo gradino emersero, da quella gonna, parte delle natiche di Sara. Erano bianche, nude.
Non vide traccia di slip e pensò che Sara indossasse un perizoma piuttosto striminzito.
Si voltò d’istinto per non guardare più. Si sentiva ardere la faccia.
“Ma è comodissimo!! Non vedo l’ora di dormirci”!!
“S..sì..è comodo...io dormo di là, in una stanza fra la tua e il salotto”.
“Questo è l’armadio e lì c’è una scrivania per il pc, libri o quello che vuoi..”
Sara fece per scendere dalla scaletta, e per farlo si sedette sul bordo del materasso con le gambe a penzoloni, indecisa se scendere a faccia rivolta verso il letto o no.
Di nuovo, da questa posizione Gustavo non poteva esimersi dal notare che la gonna di Sara era risalita pericolosamente lasciando di nuovo quella porzione di pelle sopra le calze scoperta.
Sara si accorse che lo sguardo di Gustavo era scivolato lì e con un gesto veloce tirò giù la sua stretta minigonna.
“Ops, scusa, questa gonna tende un po' a salire..forse non avrei dovuto metterla con le autoreggenti”
Questa frase fece quasi sussultare Gustavo, che quasi non si era accorto di quanto il suo sguardo si fosse imbambolato lì, tra le sue cosce, riportandolo alla realtà.
“ No, Sara, scusami tu, non avrei dovuto guardare..”
“Beh, non ti preoccupare, mi piace essere guardata”
“In ogni caso, ti consiglio di scendere a faccia rivolta verso il letto, è più sicuro, a maggior ragione con le scarpe con il tacco”
“Ah si ecco, te lo volevo chiedere, sai, non sono abituata ai letti a soppalco”
Dicendo questa frase, Sara si indietreggiò sul materasso e con un colpo di reni ruotò il suo corpo per mettersi in ginocchio sul materasso, con il sedere rivolto verso Gustavo.
Di nuovo, questa mossa fece risalire la sua gonna e la sua posizione a carponi diede un'altra risposta sull'abbigliamento intimo di Sara: le sue labbra comparvero tra le natiche e le cosce, dimostrando a Gustavo che no, non c'era neppure un piccolo perizoma a proteggere il suo sesso dal mondo.
Gustavo, a quel punto andò in totale confusione: il suo cuore prese a battere veloce, sentiva il suo viso paonazzo e pensò che mai si era trovato al cospetto di una ragazza così disinibita.
Dopo che finì di scendere le scale, Sara si girò un po’ intorno nella stanza, cercando di familiarizzare con quell’ambiente.
Si voltò verso Gustavo, si mise le mani sui fianchi come a voler emettere la sua sentenza sull’appartamento.
Lui non riusciva a togliere lo sguardo dai suoi seni e da quei capezzoli incredibilmente ancora turgidi e invitanti.
Un altro uomo le sarebbe già saltato addosso ma non lui. Non era quel tipo di persona. Gustavo era vecchio stampo e un po’ timido, difficilmente si approcciava in modo diretto alle donne. Aveva avuto diverse storie, alcune importanti altre meno, ma non amava il sesso usa e getta. Le sue donne erano state sempre persone molto semplici e poco appariscenti, Sara non aveva nulla a che spartire con i suoi gusti verso il genere femminile, eppure non riusciva a far rilassare il suo sesso ormai costretto in uno spazio troppo ridotto.
Le fece vedere il resto della casa, il bagno, lo sgabuzzino, tutte le volte che lei camminava davanti a lui, il suo culo ondeggiava e Gustavo non riusciva a pensare ad altro che infilare una delle sue mani lì in mezzo e iniziare a toccarla.
“Mi piace molto, sono davvero interessata ma ho un po’ di premura. Questa è l’ultima settimana nel mio attuale appartamento e non vorrei dover pagare un altro mese per poi trasferirmi dopo 15 giorni...quindi avrei bisogno di sapere se per te va bene. Sono abbastanza ordinata e mi piace anche fare le pulizie, mi rilassa….per il resto..beh dovrai scoprirlo poco a poco, non puoi sapere subito se sono o meno un’inquilina adatta. Ma questo non puoi saperlo di nessuno”.
Gustavo stavolta riuscì a guardarla negli occhi, sembrava quasi tenera. In pochi secondi pensò a quanto aveva bisogno di concludere quella faccenda e di incamerare subito un po’ di denaro. Per un momento la sua mente si ricordò di Ivan, che lo aveva chiamato poco tempo prima: lui non ci avrebbe pensato due volte...”una così la pago io per stare in casa mia” avrebbe sicuramente detto.
Riuscì a rilassarsi e accettò la proposta.
“Per me va bene Sara, il prezzo è di 300€ per camera e uso completo della casa. Internet è incluso ma le bollette vanno a parte, le dividiamo. Comunque non essendo spesso a casa dovrebbero essere basse. Il condominio corre a mie spese”
“Va benissimo! Lunedì trasloco, ho poche cose, con 3 valigie dovrei cavarmela”
“Bene Sara, allora stiamo in contatto”
“Ok, chiamami pure Saretta, mi chiamano tutti così”
“Ah, tu puoi chiamarmi Gus”
“Ciao Gus, ci sentiamo presto”
“Ciao”
Sara varcò quella porta visibilmente entusiasta, si voltò e gli strizzò un occhio. Gustavo chiuse e andò in cucina. Si versò un calice di Brunello e si adagiò sul divano. Nella sua testa frullavano mille pensieri, non aveva la minima idea se quella fosse stata la scelta giusta ma al secondo sorso riuscì a non pensarci. Pensava solo a lei, a quel corpo così sfacciato ed eccessivamente esposto. Non aveva biancheria intima, non la indossava mai? Come faceva a lavoro a non attrarre gli occhi indiscreti degli altri su di lei? ….Ripensò al suo sesso intravisto fra quelle natiche e sentì il bisogno impellente di masturbarsi. Iniziò ad accarezzarsi piano immaginando di averla ancora davanti. Rivide quello stacco delle sue cosce fra la gonna e le autoreggenti e da quello che aveva visto attraverso la sua canottiera pensò che doveva avere dei capezzoli grandi e rosa. Avrebbe voluto toccarli e succhiarli mentre le stimolava il clitoride.
Il suo orgasmo copioso gli fece sporcare un po’ la maglietta. Si sentì in colpa per quei pensieri impuri, ma dette la colpa alla giornata stressante e a quella conoscenza un po’ troppo rocambolesca. Non sarebbe più successo, si ripromise convinto. Rilassato, riprese il suo calice di vino.
Non poteva immaginare che quello sarebbe stato solo il pallido inizio di una presenza che avrebbe sconvolto il suo mondo chiuso e ancora inesperto.
Si addormentò sul divano e si risvegliò solo alle 22. 30 di quel lunedì. Guardò distrattamente il telefono. C’era un messaggio di Sara
“Non vedo l’ora di trasferirmi, grazie!! Saretta”
Gustavo rispose con una faccina sorridente.
Si alzò dal divano: “che fame che ho”. Pensò mentre si dirigeva in cucina.

CONTINUA….

Questo racconto di è stato letto 5 6 3 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.