Erotici Racconti

Il concerto di Marta

Scritto da , il 2018-01-09, genere prime esperienze

Marta aspettava quel giorno da almeno 6 mesi, aveva comprato il biglietto su internet collegandosi 3 ore prima della messa in vendita. Sapeva che i Blue Palace avrebbero fatto quell’unica data in Italia e non sarebbero tornati per molto tempo.
A 19 anni è lecito avere ancora passioni musicali così prepotenti da fare dei piccoli sacrifici.
Marta era appena approdata all’Università, alla facoltà di Matematica. Il trasferimento a Roma non era stato poco traumatico. Lei, cresciuta in una piccola provincia umbra, ancora doveva abituarsi a quel caotico mondo che la svegliava la mattina e la cullava la sera. Perché alla fine ci si abitua anche al rumore. Come quello della metropolitana che passava vicino al suo palazzo. L’appartamento era vicino alla facoltà e il prezzo non era esorbitante e Marta non ci aveva pensato due volte a prenderlo in affitto. La sua coinquilina, Veronica, non c’era quasi mai. Al contrario di Marta era drogata di feste universitarie e party erasmus. Senz’altro era una ragazza molto appariscente, non bella ma socievole e sempre vestita in maniera molto sexy e provocante. Certo la sua estrema magrezza non rendeva mai nessuno dei suoi outfit realmente erotico, visto che le sue forme erano molto limitate. “Se avessi io le tue grazie”!! diceva sempre a Marta.
Invece Marta non aveva mai amato mettere in mostra il suo corpo, per quanto sinuoso e degno di nota. Nel suo metro e settanta si racchiudeva tutto quello che poteva desiderare una ventenne: capelli castani mossi lunghi, un visetto simpatico con due occhi da cerbiatta, un fisico abbastanza tonico nonostante la poca attività fisica e a farla da padrona un bel culetto dritto e tondo e due seni grandi ,a goccia che ricordavano tanto Debora Caprioglio in Parika di Tinto Brass.
Ciò nonostante non solo non amava mostrarsi, ma a causa della sua spiccata timidezza, aveva ben pochi corteggiatori. Marta non si vergognava a dire che era ancora vergine. L’unico ragazzo che aveva avuto, al liceo, era riuscito a malapena a metterle le mani sotto il maglione.
Ma non era pudicizia, non era timore del sesso. Marta praticava costantemente l’autoerotismo e si masturbava con estrema naturalezza. Nel suo immaginario erotico però c’erano uomini più grandi, maturi, che per adesso non aveva ancora incrociato nel suo cammino. Sentimentalmente avrebbe sicuramente potuto dare affetto ad un suo coetaneo, ma sessualmente aspirava a qualcosa di più. Ed avrebbe atteso fino a che non lo avesse incontrato.

Lo zainetto era pronto, faceva freddo quel giorno di novembre ma Marta pensò che nel palazzetto dello sport, una volta entrati, avrebbe fatto molto caldo. Pensò bene quindi di vestirsi a strati. Una canottiera molto ampia, degli shorts estivi e sopra una tuta comoda che avrebbe potuto togliersi comodamente una volta dentro il palazzetto. Quella canottiera era molto usata, slargata e marcava bene i suoi seni nudi. A John Ferdinand avrebbe tirato il reggiseno, era un classico, non poteva non farlo! Ma toglierselo davanti a tutti non solo le avrebbe provocato imbarazzo ma sarebbe stato anche un po’ complicato. A quel concerto ci sarebbero state quasi esclusivamente donne e al massimo qualche gay, quindi nessuno avrebbe notato che non portava il reggiseno o meglio, a nessuno poteva importare.
Era pronta, giaccone, zaino in spalla e via verso il luogo che le avrebbe regalato una serata indimenticabile.
Davanti al palazzetto era già pieno di gente, stavano tutti intonando le canzoni più famose dei Blue Palace, tutte donne, esattamente come da copione. Tutte in trepida attesa di vedere quei ragazzotti che da ormai 2 anni comandavano le classifiche.
Marta cantava insieme alle altre ragazze, anche se non conosceva nessuna e non avrebbe stretto amicizia perché voleva essere autonoma: una volta aperti i cancelli sarebbe corsa immediatamente sotto il palco per prendere il posto migliore e non voleva dover star dietro a nessuno.
In mezzo a quel gruppo di scalmanate c’era anche una ragazzina molto piccola, sui 12/13 anni che cantava a squarciagola. In basso, seduto in terra, suo padre probabilmente. L’unico uomo davanti a quel cancello. Dall’aspetto poteva passare anche per su nonno visto che era sulla sessantina, con capelli e barba molto brizzolati, non molto giovanile e fortemente sudato. Ma la ragazzina in più di un’occasione lo aveva chiamato “papà” quindi non vi erano dubbi sulla parentela.
In quell’agglomerato di gente, pur facendo freddino, la temperatura era già alta e quel signore insofferente sembrava non avesse voglia che di arrivare alla fine della serata. Aveva uno sguardo torbido, Marta aveva notato come squadrasse ogni ragazzina vicino a sua figlia, soffermandosi sui culetti e posando gli occhi su quelle più formosette. Ciò nonostante la cosa non la disturbava, anzi, la stuzzicava il fatto che potesse essere anche lei osservata da quel signore che nonostante la sua mania per gli uomini più grandi, non poteva certo definirsi il suo tipo.

Una volta aperti i cancelli, Marta iniziò a correre più forte e veloce che poteva, vide dietro di lei la massa di gente che faceva la stessa identica cosa ma lei riuscì a prendersi quel posto in prima fila, giusto sotto il palco. Appoggiata alle ringhiere di protezione. Era al settimo cielo, ormai era solo questione di tempo ed avrebbe assistito al concerto della sua vita.
La temperatura all’interno era di almeno 30 gradi e Marta sentiva che stava iniziando a sudare.
Si tolse la giacca della tuta e chiedendo scusa alle sue “vicine”, si tolse un po’ goffamente i pantaloni. Non era l’unica, tutte si erano spogliate ed erano rimaste in abiti estivi. Si voltò per mettere la tuta nello zainetto e dietro di lei vide la ragazzina scalmanata con il padre. Ce l’avevano fatta anche loro ad arrivare in “pole position”. Il padre guardò Marta per un istante e lei si accorse immediatamente che i suoi occhi si posarono sul suo seno generoso messo in bella mostra da quella canottiera vecchia e consumata che le arrivava poco sotto la pancia. Gli shorts erano di cotone leggero, molto corti e foderavano bene il suo culetto sull’attenti.
Marta si sentiva un po’ in soggezione, un po’ eccitata per quello sguardo ma non ci fece molto caso e tornò a girarsi verso il palco.

Alle 21 in punto le luci si spensero, iniziarono a sollevarsi fumi bianchi e un giro di batteria che fece letteralmente andare in delirio il pubblico. Ed eccoli lì, i Blue Palace, belli come il sole, pronti ad iniziare il concerto. Le strilla assordanti fecero andare in visibilio Marta, che presa dall’entusiasmo, si fece trascinare e cominciò ad urlare e ad allungare le braccia per abbracciare simbolicamente i suoi idoli.
Ormai il concerto era iniziato e dopo le prime due canzoni, il cuore di Marta aveva ripreso un battito normale e cominciava a rendersi conto di quello che succedeva accanto a lei.
Quella ragazzina scalmanata era riuscita a ritagliarsi un buchetto vicino a lei, sotto il palco. Il padre da dietro la vigilava con non troppa preoccupazione.
Bring me back to your life. Il pezzo più casinaro e rockettato dei Blue Palace, non c’era persona che non stesse ballando. Marta cominciò a saltare e a dimenarsi come tutte le altre spettatrici, non curante del fatto che i suoi seni ballassero con lei e il suo culo ancheggiasse vistosamente.
Improvvisamente sentì dietro di sé lo sguardo fisso di quell’uomo che non perdeva neanche un suo movimento. Sapeva che la stava osservando con morbosità ma continuò a non farci caso.
Il pezzo seguente era una smielata da innamorati e Marta si fermò, riposandosi e appoggiandosi alla ringhiera. Mentre cantava guardando verso il palco cominciò a sentire una strana pressione da dietro, come se qualcuno la stesse spingendo, si voltò ma vide solo l’uomo che in quel momento osservava la figlia con attenzione. Si voltò di nuovo verso il palco e la spinta si fece più potente e vigorosa. Ed iniziò a sentire qualcosa che si muoveva fra l’attaccatura delle sue cosce. Si voltò di nuovo e l’uomo stavolta la guardò fissa negli occhi. Marta si trovò ad un bivio, uno di quelli che decidi in 5 secondi. Voleva spingere quell’uomo lontano da lei, urlare e dargli uno schiaffo. Ma quel movimento fra le sue cosce l’aveva inevitabilmente eccitata e sentiva i suoi slip inumiditi. Pensò in un momento che nessuno se ne sarebbe accorto e che non avrebbe mai più rivisto quell’uomo.
Immersa nella musica, nel caldo di quel Palazzetto e nel suo piacere, decise di lasciarlo fare.
Non avrebbe potuto far altro che strusciarsi un po’, pensò. Gli rioffrì il suo bel culetto e l’uomo, invece di continuare a strusciare il suo sesso contro, iniziò ad accarezzarle le cosce e incoraggiato dalla spudoratezza di Marta, le passò una mano sul pube, che seppur coperto da slip e shorts, sentì quel contatto ed iniziò a bagnarsi ancora di più. Le mani adesso erano due, che salivano da sotto la canottiera e iniziarono a massaggiare quei seni caldi, un po’ sudati. Marta vide quelle mani da sotto la canottiera che si muovevano, sentiva i suoi capezzoli indurirsi sempre di più fra le dita di quell’uomo e cominciò di nuovo a sentire quella pressione fra le cosce.
Ormai l’eccitazione era incontrollabile e Marta iniziò a tirarsi giù gli shorts nella maniera più discreta che conoscesse ma vide che nessuno le faceva caso, tutte erano assolutamente prese dal concerto. Il sesso dell’uomo iniziò ad insinuarsi e a strusciarsi contro quello di lei. Marta sentiva quell’enorme erezione invadere le sue parti intime. Una delle sue mani stimolava con passione il suo seno sinistro, mentre l’altra era scesa ormai verso il suo sesso e stava masturbando il clitoride con decisione. Marta poteva permettersi il lusso di gemere, nessuno l’avrebbe sentita. Quell’uomo la stava toccando come a lei piaceva, come lei stessa si toccava nella sua intimità. Prese il sesso di lui in mano da dietro e iniziò a masturbarlo strofinandolo sul suo culetto mentre andava in su e giù con la mano, sempre più velocemente. Da dietro sentiva i sospiri dell’uomo che ormai aveva avvicinato la sua bocca alle orecchie e riusciva a malapena ad ansimare.
Ma mentre si masturbavano a vicenda, lui riuscì a sussurrarle: “che brava puttanella sei” e a quel punto Marta venne nella mano di quell’uomo, sporcandolo di umori che mai avrebbe pensato di poter espellere. Quell’uomo non aveva bisogno di conferme, la sua mano era inondata. La leccò un po’ e sporcò il suo sesso con il suo piacere, continuando a masturbarsi da solo a contatto con la pelle del suo culo. La macchiò di tutto il suo sperma in 5 secondi. Marta sentì come colava dalle sue cosce, sembrava non finire mai. Ma finì il concerto. Le luci si accesero e Marta fece appena in tempo a tirarsi su gli shorts. Dalle sue gambe colava ancora lo sperma di quell’uomo sconosciuto che lei non pulì. Una volta arrivata a casa, prima di farsi la doccia, sentì il bisogno di masturbarsi pensando a quello che era appena successo e lo fece con il suo odore e il suo seme ancora addosso. Si mise davanti allo specchio di camera sua e ripercorse tutti i movimenti di lui, si toccò i seni da sotto la canottiera e d iniziò a stuzzicarsi l clitoride mentre guardava la sua espressione di goduria riflessa. L’eccitazione era ancora così elevata che ci mise pochissimo a venire per la seconda volta.
Marta aveva scoperto un mondo sessuale totalmente nuovo che mai avrebbe pensato potesse piacerle. Ma era lì e pur essendo ancora vergine, aveva fatto quello che molte donne non avrebbero mai fatto in vita loro. Non sarebbe stata l’ultima volta pensò. E guardò su internet tutti i concerti in programma a Roma per quell’inverno.

Questo racconto di è stato letto 4 3 8 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.