Erotici Racconti

La sirena ama la montagna

Scritto da , il 2017-08-13, genere incesti

Martedì 8 agosto 2107
Ore 17:00

Stamattina io e mia sorella Laura siamo andati in montagna.
Quel luogo per me è speciale dato che ho trascorso lì le estati della mia infanzia in compagnia del nonno Gigi e della nonna Elena.
Arrivammo a destinazione dopo 2 ore di viaggio durante le quali descrissi a Galaphis la casa.
Era un appartamento composto da un ampio soggiorno, la cucina, due camere da letto e un bagno.
Durante il viaggio litigai con mia sorella per stabilire chi avrebbe usato la camera più grande, quella col letto matrimoniale e uno a castello. Ci sfidammo a carta-forbice-sasso al meglio dei tre e vinsi io.

Dopo aver sistemato le nostre cose, Laura propose di andare a un lago alpino poco distante.
Durante il pecorso sul sentiero rimasi indietro per potermi godere il sedere sodo e sculettante di mia sorella.
"Goditi il panorama finché puoi!" mi disse. "Tanto lo so che appena torneremo a casa ti fionderai in bagno a segarti su di me!"
Non obbiettai. In effetti, prima di conoscere Galaphis, mi ero masturbato un sacco fantasticando sulla mia sorellona.
E come avrei potuto resistere?
Alta 1.80, lunghi capelli castani, occhi verdi, fisico magro, un culo grosso e sodo e due tettone alle quali ho dedicato parecchi litri di liquido fabbrica-bambini.

Arrivammo al lago sudati e stanchi.
Laura era ancora più bella col sudore che faceva risplendere la sua pelle abbronzata.
"Vieni a farti un bagno, Leo?"
"Ma non abbiamo i costumi!"
"E allora? Rimaniamo in intimo! Tanto non penso sia un problema per te, vero?"
"No! Per nulla!"
Ci spogliammo ed entrammo in acqua.
Avevo già visto mia sorella in bikini al mare ma vederla in intimo fu totalmente diverso. Il mio membro reagì immediatamente ma per fortuna riuscii a nasconderlo sotto l'acqua.
Il lago era gelido; talmente gelido che, nonostante il caldo, mi venne la pelle d'oca. Non feci in tempo a raggiungere mia sorella che lei si era già immersa.
"Ti piace proprio tua sorella, eh?" mi disse Galaphis nella testa.
"Si, ma solo quando è gentile e quindi solo il 25% delle volte!"
"Dovremmo organizzare una cosa a tre... che ne dici?"
"Sarebbe molto bello ma prima dovrei riuscire ad organizzare una cosa tra me e lei, non credi?"
"A quello posso pensarci io!"
"Eh? E come scusa?" esclamai portandomi la conchiglia vicino agli occhi.
"Se vuoi che te lo dica dovrai mantenere la promessa dell'altra volta e farti penetrare!"
"Leo! Vieni qui! È fantastico!" era mia sorella che mi chiamava dal centro del lago.
La raggiunsi in un paio di bracciate.
"Cosa c'è? Visto qualcosa?"
"Ci sono un sacco di pesci ed è bellissimo stare li sotto... Fai così tanta fatica a stare a galla?"
"Sei tu che sei facilitata coi galleggianti che ti ritrovi!"
"Che ci vuoi fare!" disse alzando le spalle. "Non è colpa mia se sono cresciuta così bene al contrario di qualcuno! Dai andiamo!"
Ci immergemmo. Era davvero bello sott'acqua. Andammo a sederci sul fondale. Lo spettacolo migliore era però offerto da mia sorella.
Seduta a gambe incrociate, in intimo, ad ammirare il fondale con quegli occhi verde smeraldo che risplendevano di meraviglia.
Non resistetti più ed emersi per poi dirigermi a riva.
Mia sorella mi raggiunse e si sdraiò sui sassi della riva ad asciugarsi. Era un angelo. Nel momento in cui si slacciò il reggiseno mostrando il segno del l'abbronzatura il mio membro iniziò a fare invidia alle rocce delle montagne.
"Io vado a esplorare un po' il bosco!"
"Non dipingerlo tutto di bianco, mi raccomando!" mi urlò mia sorella mentre mi allontanavo.

"Posso trasformarmi ora?"
"Certo, siamo abbastanza lontani!"
"Finalmente! Ehi, guarda che divento gelosa! Il tuo pene è più duro che mai" esclamò toccandomi da sopra il boxer.
"Ti eccita così tanto tua sorella?"
"Leo? Hai finito di segarti?"
Galaphis non fece in tempo a trasformarsi e si nascose dietro una quercia mentre io cercai di deviare mia sorella.
"Sono qui Laura!" dissi urlando.
"Non urlare idiota! Ti ho visto!"
Rimasi a bocca aperta. Mia sorella non si era rimessa il reggiseno e ora le sue tette bianche ballavano ad ogni movimento.
"Che cazzo fai Laura! Rimettiti il reggiseno!" esclamai voltandomi.
"Allora, ti sei segato?" disse abbracciandomi da dietro. "Allora?"
"N-non ancora!"
Era più alta di me (io sono alto 1.70) e la sua voce suadente entrava direttamente nelle mie orecchie.
"Dai segati su di me, fratellino..." sussurrò premendosi contro la mia schiena. Potevo sentire le sue tette sode! E anche lo sguardo gelido di Galaphis che mi pugnalava da dietro l'albero.
"Sai fratellino... non mi ero mai resa conto di quanto fossi dotato e affascinante fino a quando non ti ho trovato su quello scoglio col cazzo in tiro, lo sguardo perso nel vuoto e un'espressione di soddisfazione completa sul volto... Masturbati... Ti prego... "
Mi estrasse Excalibur dai boxer.
"Ti ho fatto eccitare tantissimo, eh fratellino? Ti piacciono così tanto le mie tette sode e bianche?"
"Si... le ho sempre amate..."
"E allora cosa aspetti... segati pensando a loro..."
Presi il fodero della spada e iniziai a segarmi.
"Si bravo così... hai davvero un bel cazzone Leo... si vede che siamo fratelli..." disse facendo muovere le tette sulla mia schiena nuda e leccandomi un orecchio.
"Dai vieni... innaffia il cespuglio con la tua calda sborra..."
Tra la stimolazione di mia sorella, le mie fantastie e lo sguardo di Galaphis aumentai il ritmo.
"Bravo così... ti do una mano io..."
Mi prese e partì a una velocità mostruosa.
"Rallenta! Così mi fai male!"
"No! Devi venire! Voglio vederti! Da quel giorno mi sono masturbata pensando solamente al tuo cazzo! Vieni! Vieni! Vieni!"
Venni grazie a quella mano che da piccolo avevo stretto mentre camminavamo per i sentieri.
"Hai inondato il cespuglio! Fantastico!"
Mi accasciai ginocchia al suolo esausto. "Aspetta! Ne è rimasta ancora un po'!" disse prendendo il mio membro in bocca e pompando fuori i residui del mio seme.
"Sei stato bravissimo, fratellino!" disse accarezzandomi la testa. "Dai, andiamo a farci un altro bagno!" esclamò allontanandosi.
La vidi uscire dal bosco mentre metteva in mostra il suo magnifico posteriore.
La osservai per qualche minuto ancora incredulo.
"Galaphis!" esclamai. "Tutto ok?"
La trovai dietro alla quercia, sdraiata per terra col suo gigantesco membro ancora pulsante e il terreno tutt'attorno imbevuto di sborra.
"Ti sei divertita, eh Galaphis?"
"È stato bellissimo! Adoro quella donna!"
Ritornò conchiglia ed io uscii dal bosco pronto per la nuova avventura che mi aspettava.



Martedì 8 agosto 2107
Ore 22:00

Caro Diario,
Quando siamo rientrati a casa, mia sorella era al settimo cielo.
"Questa casa è tutta nostra! Non c'è nessun altro!" esclamò voltandosi e facendomi l'occhiolino.
"Da ora in poi" disse "finché siamo qui rimarremo nudi, ok? Niente intimo né tanto meno indumenti, chiaro?"
"Ne sei sicura?"
"Certo! Voglio vedere il tuo cazzo il maggior numero di volte possibile!"

Dopo cena (ormai già nudi) ci mettemmo sul divano a guardare la tv.
Mi voltai a guardare mia sorella e rimasi pietrificato. Era a gambe aperte con le mani poggiate sull'interno coscia a pochi centimetri dal suo pube coperto da una spruzzata di ciuffi marroni ben curati. I seni erano strizzati tra gli avambracci e mi parvero enormi coi capezzoli gonfi e di un rosa scuro.
La sua pelle, abbronzata dalla vacanza al mare, era bianca latte sulle parti intime e ciò non fece altro che aumentare la sua bellezza.
"Sei bellissima sorellona!" sussurrai.
Lei si volse e mi sorrise. "Anche tu fratellino. Però frena i bollenti spiriti. Oggi non mi avrai percui... vai pure in bagno a segarti!" esclamò con un ghigno malefico stampato in volto.
A volte la odio proprio!
Mi avviai mestamente verso il bagno.
Mi sentii afferrare il braccio.
"Ho messo una bottiglia in bagno. Vieni là dentro. La tua sborra da oggi è solo mia!"
Entrai in bagno e Galaphis riprese le fattezze originali.
"Ormai Leo è cambiato e mi dispiace per te Laura!
Ora ha una fidanzata e la sua sborra appartiene soltanto a me!"

Questo racconto di è stato letto 6 1 5 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.