Erotici Racconti

Il cappello parlante è matto? (Capitolo II)

Scritto da , il 2018-01-02, genere masturbazione

Arrivammo sulla sommità delle scale dove trovammo ad attenderci una donna, la professoressa Vane.
"Bene, siamo pronti a ricevervi. Seguitemi!" disse spalancando la porta della Sala Grande con un gesto della mano.
Attraversammo l'intera sala e non potei fare a meno di meravigliarmi davanti a quella vista sublime.
No, non la sala, il sedere grosso e sodo della professoressa Vane che si trovava davanti a me.
Mentre mi stavo gustando lo spettacolo percepii gli sguardi degli altri ragazzi puntati addosso. Era una mia impressione o guardavano proprio me? Si erano accorti delle mie occhiate?

"Bene, fermatevi qui" disse la professoressa salendo le scale. "Ora chiamerò il vostro nome, vi siederete e il cappello deciderà in quale casa smistarvi".
Potevo sentire lo sguardo dei professori e della preside McGranitt su di me.
"Vane Sybil"
Eccola. Lei è la prima. Ma in che cavolo di ordine chiamano?
Il cappello le venne posato in testa. "Oh, un'altra Vane. So esattamente dove metterti" disse il cappello muovendosi sulla sua testa. "Tassorosso!" gridò, mentre applausi e urla si levarono dal tavolo dei Tassorosso.
"Levi Edward"
Altre urla e applausi seguirono al grido di "Serpeverde!"
"Stark Nicolas"
Eccomi. È il mio turno. Sento Elizabeth dammi un colpetto sulla spalla.
Esco dalla folla e mi siedo. Mentre mi veniva posato il cappello sulla testa iniziai a pensare a quanti pidocchi ci potessero essere al suo interno.
"Ohhhh... Interessante... molto interessante... non ne vedevo uno come te da secoli, e non ho mai smistato un ragazzo di vent'anni..." disse mentre si muoveva sulla mia testa. "Non so se rallegrarmi o meno... però... eheheh... non vedo l'ora di vedere le loro facce... Lupobianco!"
La sala rimase in silenzio per qualche secondo come se stesse ancora decifrando quella parola. Poi, all'improvviso, le voci invasero i tavoli.
Mi volsi verso la professoressa per capire. Aveva il volto invaso dalla sorpresa e dalla confusione, le labbra carnose serrate e gli occhi pieni di stupore.

La sala venne attraversata dal suono di una posata contro un bicchiere. Mi girai verso il tavolo dei professori. La preside McGranitt era in piedi.
"Molto bene. Fate preparare un tavolo per il signor Stark, di certo non può rimanere in piedi per tutta la serata!"
"Preside che cosa significa?" chiese un giovane professore seduto in fondo alla lunga tavola.
"Semplice professor York. Hogwarts ha di nuovo uno stregone dopo 300 anni!"
"Uno stregone? Ma non erano stati tutti-"
"È quello che dovremo verificare" lo interruppe la preside. "Signor Stark, si sieda al temporaneo tavolo dei Lupobianco. Riprendiamo lo smistamento professoressa Vane!"
" D'accordo... allora... William Compton"

Lo smistamento procedette regolarmente. Ormai mancava solo Izzy.
"Elizabeth House"
"Eccomi!" esclamò con emozione. La vidi salire le scale. Gli occhi di tutti erano fissi sul suo seno che veniva trattenuto a stento dalla sua uniforme.
"Questa serata è piena di sorprese..." disse il cappello quando gli venne posato in testa. "Lupobianco!"
Stavolta la sala non esplose ma fu percorsa da mille domande e dai miei applausi.
Izzy scese dalla scala e venne a sedersi al mio tavolo.

"Lo so che avete mille domande ragazzi" disse la preside appena Izzy si fu seduta. "E vi prometto che riceverete delle adeguate risposte. Tuttavia non è questo il momento. Adesso è tempo di cenare!"
Al termine di quelle parole i tavoli furono invasi da una moltitudine di portate e le domande passarono in secondo piano rispetto alla fame e all'ingordigia di migliaia di giovani studenti.

"Forza ragazzi, seguitemi!" disse la professoressa Vane dopo che tutti gli altri studenti furono andati via. "Vi mostro li vostro dormitorio".
La seguimmo fuori dalla Sala Grande e in fondo ai sotterranei. Io non riuscivo a staccare gli occhi dal suo sedere.
"Smettila!" mi sussurrò Izzy dandomi una gomitata nel fianco.
"Allora... avrete un sacco di domande da farmi, giusto?"
"Si prof." le rispose Izzy. "Come mai non abbiamo mai sentito parlare di Lupobianco?"
"Dorian Lupobianco. Fu un mago, anzi uno stregone, molto potente che arrivò ad Hogwarts qualche anno dopo che Salazar Serpeverde lasciò la scuola. Venne accolto dagli altri fondatori e gli venne assegnata una casa dopo che espresse il suo desiderio di collaborare al miglioramento la scuola.
Lupobianco, la casa degli stregoni e delle streghe. Secondo alcune voci avrebbe dovuto sostituire Serpeverde".
"E come mai noi siamo gli unici ad appartenervi?" le chiesi interrompendola.
"Vedete... circa cinquecento anni fa ci fu un genocidio di massa di stregoni e streghe operato dai maghi e dalle maghe dato che essi possedevano poteri straordinari e illimitati. Ovviamente oggi nessuno porta rancore verso streghe e stregoni. Il genocidio è stato commesso in tutta Europa e solamente in pochissimi riuscirono a salvarsi"
"Ora capisco..." dissi a bassa voce.
"E che tipo di poteri abbiamo?" chiese Izzy tutta eccitata.
"Questo ve lo spiegheremo domani. Eccoci arrivati!"

Avevamo percorso un lungo corridoio sotterraneo privo di deviazioni o intersezioni di alcun tipo e adesso eravamo fermi davanti a un quadro posto alla fine di quel tunnel.
"Che bello..." sussurrò Izzy.
"Grazie signorina! Erano secoli che nessuno veniva a farmi visita e tantomeno un complimento!" esclamò il personaggio raffigurato nel quadro. "Se siete qui vuol dire che siete dei Lupobianco, giusto?"
"Si signore..." gli risposi.
"Questo si che è un avvenimento raro!" disse l'uomo tutto eccitato. "Parola d'ordine?"
"Edelweiss" disse la professoressa Vane.
"Prego, entrate pure" rispose il personaggio mentre il quadro, girando sui cardini, rivelava un corto corridoio dietro di sé.

"Bene ragazzi!" disse la professoressa Vane dopo qualche minuto. "Ho restaurato il dormitorio. Questa è la sala comune e lungo quel corridoio ci sono le vostre camere e il bagno. Siccome siete adulti e vaccinati non ho messo misure di sicurezza". Ci fulminò con lo sguardo. "Vedete di non fare cavolate, ok?"
"Si prof!" esclamai mettendomi sull'attenti.
"Bene. I bagagli sono già nelle vostre camere mentre qui" si avvicinò al tavolo presente nella sala "c'è la mappa della scuola e il vostro orario scolastico. Vedete di non perdervi e di arrivare puntuali a lezione. Buonanotte!" disse uscendo dal quadro.
"Notte!" le risposi.

"Allora Nick, io vado a farmi una doccia! Se scopro che mi spii ti strozzo, ok?"
"Signor si signora!"

Esplorai un po' il salotto o, come l'aveva chiamato la prof, la sala comune. Era molto spaziosa e accogliente e provvista di una piccola cucina, un frigorifero, un tavolo di quercia e un camino con un grosso divano posto davanti ad esso. Le pareti erano piene di mobili, scaffali e quadri.

Quando finalmente Izzy entrò in bagno mi fiondai nella mia camera e presi dalla valigia il libro "Incantesimi utili che nessuno vi ha mai insegnato", lo stesso da cui avevo imparato Bombalicus Maxima.
Sfogliai velocemente le pagine e lo trovai.
"Tacite Exploratorem!" La vista della mia camera venne sostituita da quella di un luogo luminoso e pieno di vapore.

"Speravo davvero di essere smistata insieme a Nick ma addirittura in una casa composta da solo noi due non me lo sarei mai aspettata!".
Era Izzy, immersa nella vasca da bagno, circondata da mille bolle di sapone.
"Il lavoretto che gli ho fatto oggi pomeriggio gli è piaciuto un sacco... forse gliene farò un'altro domani mattina..." disse iniziando a toccarsi con una mano e a tormentarsi un capezzolo con l'altra.
"Queste tettone sono bellissime... e anche molto più sensibili... Ahhhhhh!"
Iniziai a segarmi senza smettere di gustarmi quella splendida vista.
"E il suo cazzone... solo a prenderlo in bocca mi ero infradiciata... Chissà come sarà metterlo dentro... Oh siiii... Lo voglio... Tutto per me... In questo appartamento isolato da tutti... Siiii..."
Aveva aumentato il ritmo portandosi il capezzolo tra le labbra e immergendo la mano libera nell'acqua bollente.
"Oh si Nick..." adesso pronunciava male le parole dato che si stava distruggendo il capezzolo coi denti. "Scoperemo ogni giorno, imparando e usando incantesimi sempre più erotici e proibiti fino a quando mi metterai incinta... Oh siiii... il bambino di Nick! Un bambino! Lo voglio! Lo voglio! Lo voglio! Lo vogliooooooh!"
Venni mentre il suo corpo era attraversato dall'orgasmo, ogni membra tesa dal piacere, dilaniata da scariche elettriche di pura estasi.
All'improvviso cadde nella vasca, lasciando libero il capezzolo ormai gonfio, rosso e pulsante, mentre si esauriva la scarica di lussuria che l'aveva travolta.
Potevo sentire il suo respiro farsi più regalare mentre il suo petto diminuiva pian piano il volume di aria inspirata.
Io, in camera mia, mi ero ormai ripreso e interruppi l'incantesimo seppur controvoglia.

"Nick, io ho finito. Vai tu adesso?"
"Si grazie. Adesso mi spoglio e vado"
"Aspetta... ecco ora puoi cambiarti" disse appoggiandosi allo stipite della mia camera. Era in accappatoio, un accappatoio molto stretto che le comprimeva il seno che sembrava sul punto di uscire all'aria aperta. Riuscivo a vedere il capezzolo tormentato premere contro il tessuto.
"Come scusa?"
"Dai cambiati, voglio vederti"
"Guarda che non sarà un bello spettacolo"
"Lascia decidere a me. Al massimo si può correggere con una magia!" disse palpandosi il seno.
Ora, io non sono grasso ma neanche un modello o un palestrato, diciamo nella norma. Mi spogliai.
"Sai, non servirà un incantesimo. Qualche flessione e addominali al giorno, niente schifezze e pochi dolci e sarai perfetto! Anche perché a me i palestrati non mi piacciono, meglio i comuni mortali! Comunque mi sono dimenticata di scaricare l'acqua della vasca, puoi farlo tu?" disse avvicinandosi.
"Certo, nessun problema Izzy!"
"Bene!" disse baciandomi.

"OK, io vado a cambiarmi. Ti aspetto in salotto davanti al camino" disse uscendo in corridoio. "Ti va una tazza di cioccolata calda dopo?"
"Certo, grazie Izzy!"
Andai in bagno. Acqua calda usata da Izzy e nella quale si era masturbata. Cambiarla? Non ci penso proprio! Entrai nella vasca.
"Ahhh..." dissi godendomi l'acqua ancora bollente. "Adoro questa nuova vita. Sono ad Hogwarts, ho scoperto di essere uno stregone e condivido un casa con una splendida ragazza! What else?"

Questo racconto di è stato letto 1 1 2 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.