Erotici Racconti

La sirena va al centro commerciale?

Scritto da , il 2017-08-10, genere prime esperienze

Lunedì 7 agosto 2107
Ore 14:00

Dopo un'intera giornata di viaggio siamo arrivati a casa.
È sempre bello tornarci dopo le vacanze. Ti senti a tuo agio e felice; un po' come quando incontri una vecchia amica dopo tanto tempo.
All'arrivo dovetti aiutare i miei a scaricare tutto dal camper. È la parte che più odio dell'andare in vacanza.
Alla fine, dopo un'ora e mezza, sono riuscito a chiudermi in camera mia.
"Eccoci qui! Non è granché ma..."
"Spero tu voglia scherzare!" disse Galaphis ritornando alla sua vera forma.
"È stupenda. Ci sono un sacco di cose che non conosco... Questo cos'è?" disse indicando un oggetto sulla scrivania.
"È il mio computer"
"Computer... e che cosa fa?"
"Un sacco di cose! Ma sono troppe per dirtele adesso".
"Ehhh... uffa! Non è giusto..." esclamò sdraiandosi supina sul mio letto. Nonostante fosse ormai immobile le sue tette continuavano ad ondeggiare.
"Sarà il caso che ti compri un costume!"
"Eh? Perché?"
"Beh... non puoi continuare ad andare in giro col seno al vento"
"Ma è così comodo..."
Era davvero bella. Sdraiata sul mio letto coi capelli dorati sparsi sul cuscino e la coda che ondeggiava nell'aria.
"Senti Leo... tua sorella dorme con te?"
"No, lei occupa la camera accanto. Perché me lo chiedi?"
"Perché, senza nessun'altra qui dentro, questa stanza diventerà il nostro nido d'amore..." sussurrò accarezzando il lenzuolo.
"Già... chi l'avrebbe mai detto che un giorno avrei condiviso il mio letto con una sirena?!"
"Eppure è successo... e sono felicissima di essere quella sirena..."
"Leo, vieni giù ad apparecchiare la tavola, forza!"
"Dai su, dobbiamo andare. Oggi pomeriggio ti porto a scegliere il bikini, ok?"



Lunedì 7 agosto 2107
Ore 19:00

Andai al centro commerciale vicino casa.
"Cerca qualcosa in particolare, signore? Oh ciao Leo!"
"Ciao Marta! Da quanto lavori qui?"
"Oh è un piccolo lavoro che ho trovato a giugno. Sai, per pagarmi l'università!"
"Certo, capisco"
Marta era una mia compagna di classe delle superiori e dopo la maturità scelse il mio stesso corso di laurea. Simpatica e intelligente, più bassa di me, capelli castani e occhi azzurri, mi era piaciuta dal primo giorno.
"Allora che ti serve?"
"Cercavo dei bikini per la mia ragazza, mi aspetta nel camerino"
"Da quando hai la ragazza, scusa?"
"Da quest'estate. L'ho conosciuta al mare e coincidenza vuole che abiti nel paesino qui affianco"
"Capisco..." dal tono di voce mi sembrò un po' triste. "Che taglia porta la tua amica?"
"Una quarta abbondante penso"
"Ahhh..." forse fu solo una mia impressione ma mi parve che avesse inarcato le spalle mostrando la sua sesta con orgoglio.
"Allora... le potrebbero andare bene questi... i colori mi piacciono molto ma non ci sono della mia taglia"
"È la maledizione di avere il seno enorme!"
"Eh già. Siamo rare come l'oro noi! Comunque se hai bisogno di qualcos'altro io sono qui in giro"
"D'accordo. Grazie!"
Mi diressi verso i camerini ed entrai. Appena chiusa la tenda Galaphis si materializzò.
"Aspetta un centinaio d'anni cara Marta e ti faccio vedere io!"
"Dai Galaphis non fare scenate"
"E tu non fissare le sue tette allora" disse torcendomi il naso. "Ok, ok, scusami, scusami"
"Dannazione! Tutti uguali voi maschi"
"Eccoti i costumi. Dai provateli, io esco"
"Leo, ho fatto vieni!" spostai la tenda. "Allora? Come mi sta?"
“Da favola! Ti dona tantissimo"
Il costume era di un azzurro cielo con sfumature blu scuro; si intonava perfettamente coi suoi occhi e faceva un bel contrasto coi capelli e la coda.
"Ti piacciono le mie tettone, vero Leo?"
Si avvicinò, chiuse la tenda e mi baciò.
Sentii i suoi capezzoli diventare turgidi sotto il costume.
Iniziai a palparla stuzzicando quei chiodi di carne. Galaphis emise dei gridolini mentre i nostri membri iniziarono a baciarsi.
"Non possiamo farlo qui, Leo..."
"E chi è che ha iniziato scusa?"
"Allora prendo questo!" disse baciandomi sulla guancia.
Mi diede il bikini e ritornò conchiglia.
Mi avviai verso la cassa.

"Allora Leo? Le andavano bene?"
"Si. Ha deciso di prendere questo"
"Con l'esame come sei messo? Sei pronto?"
"Non tanto. In vacanza non ho fatto granché. Domani parto per la montagna con mia sorella per una full immersion"
"Riparti di già..."
"Eh si... Lo so che ti avevo promesso che avremmo ripreso a correre. Mi dispiace..."
"Non fa niente. Impegnati nello studio, è più importante. Però al tuo ritorno dobbiamo darci dentro, ok?"
"Ok! Ci sarò sicuramente"
"Allora buona montagna! Ci sentiamo su WhatsApp!"
"Ok. Grazie" mi diressi alla cassa. "Ciao!"

Ritornammo a casa, eccitati come due sposini la prima notte dopo le nozze.
"Cavolo Leo! Ma dove se stato? Puzzi come un bidone della spazzatura!"
"Non è colpa mia se qualcuno ha rotto l'aria condizionata della macchina prima delle vacanze!"
"È stato un incidente! E va a farti una doccia per l'amor di dio!"
Salii in camera, mi spogliai, appoggiai le mie cose sul lavandino ed entrai in doccia.
"Come mai non mi porti con te? Voglio testare il costume!"
"Scusa Galaphis ma devo farmi una doccia seria. Ti dispiace usare la vasca?"
"Uffa. Così non c'è divertimento!"
Mi insaponai mentre Galaphis entrava in vasca.
"Certo che quelle tette erano proprio belle... mi piacerebbe palparla e vedere la sua reazione..."
Mi girai verso di lei. "Probabilmente sarebbe" non finii la frase. Galaphis aveva estratto il suo membro e iniziato a segarsi. Lo vidi diventare turgido, mostrandosi in tutti i suoi 42cm di lunghezza. Stentavo ancora a credere che quel pilastro di carne e sangue mi avesse penetrato la gola e lo stomaco solo qualche giorno fa.
"Marta... ti voglio... voglio distruggere il tuo piccolo utero col mio gigantesco pene..."
Uscii dalla doccia e mi diressi verso la vasca. Ormai anch'io ero completamente arrapato. "Ehi, guarda che mi ingelosisco!"
"Non riesci proprio a resistere al richiamo della mia spada, eh? Vuoi essere infilzato di nuovo?"
"No, stavolta sarò io a infilzare te!"
"Beh, per tua informazione io non ho ancora un utero da sfondare! Comparirà al posto del pene tra quattro secoli!"
Quelle parole mi folgorarono facendomi ricordare una lezione di zoologia di Dicembre. Le sirene erano ermafroditi sequenziali!
"Dovrai pur avere un culo, no?"
"Non ti scoraggi mai, eh? Si ce l'ho. Ma se mi inculi la prossima volta toccherà a te!" minacciò accarezzandosi il membro. "Sicuro di volerlo fare, Leo?"
Rimasi nuovamente ipnotizzato sotto il potere della sua voce melodica. "Certo!"
"Allora vieni qui!"
Si sollevò mettendosi a 90 gradi. Da lì potei vedere una fessura nella sua coda, più o meno all'altezza di dove avrebbe dovuto esserci il sedere. Era rosea e iniziò a contrarsi ritmicamente.
Mi avvicinai. Pulsava davvero.
Iniziai baciare le scaglie attorno. Erano dure, bagnate dall'acqua della vasca, e sapevano di pesca.
Risalii verso quella caverna che conduceva all'interno del misterioso corpo di quella meravigliosa sirena.
Lo baciai ripetutamente per poi infilarci la lingua. Galaphis sembrava apprezzare.
"Si... così... leccami tutta..."
La muovevo tastando ogni micrometro di quel paradiso. Si contraeva cercando di trattenere la mia lingua.
La estrassi e sovrastai Galaphis.
"Baciami e assaggia il tuo culo!"
"Siii..." mugugnò ricambiando quel bacio proibito "Amo il mio culo... è buonissimo..."
Stavamo ancora baciandoci quando poggiai la cappella su quel buco rovente e spinsi.
Promemoria: mai baciare mentre fai sesso anale per la prima volta.
Pensavo mi si fosse staccata la lingua.
Iniziai a muovermi mentre il mio pene veniva stritolato dai due sfinteri non abituati ad essere invasi.
"È fantastico... Scopami... Più a fondo... "
Aumentai il ritmo e notai che Galaphis aveva iniziato a masturbasi.
Era una sensazione bellissima. Una pressione mai provata cercava di stritolare il mio pene invasore mentre le dure scaglie mi ferivano ad ogni contatto.
"Si... Così... Continua..."
La sua asta era più grande, dura e bella di quando l'avevo accolta nella mia bocca.
I suoi capelli bagnati ondeggiavano insieme ai seni contenuti nel nuovo bikini. Lo afferrai da dietro e tirai.
"Ti piace Galaphis eh? Ti piace?"
"No, non le mie tettone. Così esploderanno..."
Vidi il suo pene pulsare ed anch'io ormai ero al limite.
Si voltò verso di me, di nuovo tempesta nei suoi occhi.
"Sto per venire..."
"Anch'io... Vienimi dentro... Vieni... Vieni! Vieni!"
L'orgasmo liberatorio parve fluire dal mio corpo a quello di Galaphis. Le sue interiora si contrassero ancora di più mentre il suo pene rilasciava il suo nettare nell'acqua ormai tiepida.
Mi baciò in bocca.
"È stato bellissimo Leo... divino..."
"Anche per me..."
Feci per uscire ma mi bloccò. "Rimani dentro! Mi piace sentirti dentro di me!"
Mi sdraiai sulla sua schiena mentre lei rimase a mollo nella vasca.
"Il mio costume... Si è sporcato tutto..."
"Secondo te di chi è la colpa?"
"Ops!" esclamò ridendo.
"Ti amo Galaphis..."
"Ti amo anch'io Leo..."
Nei suoi occhi la tempesta era finita e aveva ceduto il posto a un variopinto arcobaleno.
"Ricordati il nostro accordo. La prossima volta questo pene che ti piace tanto ti infilzerà da parte a parte"
Un brivido corse lungo la mia schiena.

Questo racconto di è stato letto 3 9 4 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.