Erotici Racconti

Le corna di Cristo, parte 1

Scritto da , il 2017-08-02, genere etero

Quella sera, era il caso di dirlo, pioveva come Dio la mandava. Ero in macchina e stavo attraversando quel temporale per rientrare a casa. Per coprire il rumore della pioggia alzai il volume della radio.
A un certo punto, mentre ascoltavo Hells Bells degli AC/DC, i fari illuminarono una figura a lato della strada. Accostai e vidi che era una suora, giovane e completamente fradicia.
"Ha bisogno di un passaggio, sorella?"
"Si grazie! Devo andare al convento di Malk".
Salì a bordo e partimmo.
La pioggia continuò ad aumentare. Stavo per chiederle il suo nome quando la ragazza alla radio disse: "A causa della pioggia in continuo aumento il fiume Cum è straripato in vari punti. Consigliamo agli automobilisti di interrompere il viaggio e aspettare che il tempo migliori".
"Direi che conviene fermarci"
"Si, direi di si".
Arrivammo a una cittadina e parcheggiammo. Nel raggiungere il motel la suora mi precedette e, nonostante l'abito, notai che Dio le aveva donato un corpo niente male.
Fummo accolti da una donna di nome Debora. "Purtroppo mi è rimasta solo una camera con letto matrimoniale. Con questo tempo tutti gli automobilisti si sono fermati qui. Se per voi non è un problema..." "Nessun problema, siamo adulti e vaccinati, giusto?"
Col rumore del temporale non mi ero accorto che voce dolce e suadente avesse.
"Mi servirebbe un nominativo e un documento".
"Suor Lucia, tenga"
Grazie, ecco la vostra chiave, stanza 666".
Lucia, anche il nome era bellissimo...
Raggiungemmo l'ascensore, troppo stretto per contenere due persone e le valige. Nell'ascesa sentii un seno che si appoggiava sulla mia spalla. "Mi scusi ma è molto stretto qui dentro" disse Suor Lucia con un sorrisetto dipinto sul volto. Da parte mia, decisi di godere appieno di quella fortunata situazione sbilanciandomi all'indietro. Era morbido e nonostante la veste mi parve di percepire una superficie dura in quel mondo soffice.
Purtroppo arrivammo al nostro piano ed entrammo in camera.
"666" dissi, "Bello scherzo del destino, eh?"
"Non esiste il destino, solo la volontà del nostro Signore!"
La camera era molto grande, gli interni in legno abbelliti con cinque quadri raffiguranti vari paesaggi e un crocifisso.
"Sarà meglio che vada a farmi una doccia; con tutta l'acqua che ho preso rischio seriamente di ammalarmi".
Mentre lei si dirigeva verso il bagno, io iniziai a sistemarmi... Nonostante il temporale faceva un caldo terribile e mi tolsi la maglietta per poi sdraiarmi sul letto a pensare. Stavo riassumendo i fatti accaduti questa sera, in particolar modo in ascensore, quando sentii Suor Lucia che mi chiamava "Scusa... scusa... ".
Entrai in bagno e davanti a me si rivelò in tutta la sua bellezza. Un angelo, pensai. Era avvolta in un accappatoio bianco, con i capelli rosso fuoco che incorniciavano un viso pallido nel quale splendevano due occhi azzurri come diamanti. Rimasi esterrefatto e quando mi ripresi sentii quella voce suadente chiedere il mio nome. "A-a-andrea, Suor Lucia" "Chiamami pure Lucia, ho appena preso i voti e non mi pare abbiamo tanta differenza di età!"
"Giusto" Riuscii a dire e pensandoci bene, io avevo 20 anni mentre lei... 25? 27 al massimo. "E perché mi hai chiamato?"
"Per la doccia, non scende l'acqua". Entrai in doccia e girai la manopola. L'acqua iniziò a scorrere e dopo pochi secondi divenne calda. "A me sembra funzionare perfettamente" dissi e voltandomi vidi che l'angelo aveva perduto le ali per diventare una dea. Avanzò verso di me completamente nuda, con le gambe leggermente aperte mentre i capelli ondeggiavano nel vapore e i suoi seni rimbalzavano a ogni passo. Mi appoggiò un dito sul petto e mi spinse sotto l'acqua bollente. Emisi un grido di dolore mentre Lucia chiudeva la porta e si leccava le labbra. "Che stai facendo?" esclamai scostandomi dal getto d'acqua. "Dovrò pur ringraziare il mio salvatore, no?" disse con una voce da gattina mentre i suoi occhi risplendevano. Mi spinse nuovamente bloccandomi la testa con le mani e iniziando a penetrare la mia bocca con la sua lingua. Ero completamente alla sua mercé. La sua lingua morbida e calda si muoveva con voracità nella mia bocca mentre il mio petto veniva trafitto dai suoi capezzoli duri come chiodi. I suoi occhi azzurri continuarono a fissarmi facendomi sentire impotente.
Ero al settimo cielo e il mio membro sembrava volerlo raggiungere.
Dopo un tempo che mi sembrò infinito, Lucia mi liberò dalla sua morsa. "Ancora... continua... ti prego..." "Se vuoi che continui devi impegnati di più..." mi disse trafiggendomi con quello sguardo gelido. "Padrona... no... mia dea... la supplico... conceda la sua benedizione a questo peccatore..."
"Ottima risposta!" Non ebbi neanche il tempo di rallegrarmi che mi tolse i pantaloni e prese il mio membro in bocca. Il pensiero che quella bocca, destinata a recitare preghiere, mi stava mungendo unito alla sua maestria mi fecero venire immediatamente. Lucia inghiottì tutto e, dopo aver ringraziato il Signore per il pasto, riprese a baciarmi con la stessa foga di prima.
Venni altre due volte tra quelle labbra carnose prima di iniziare a lavarci e goderci l'acqua ormai fredda rispetto al calore emanato dai nostri corpi.
"Sei fantastica Lucia. Non avrei mai immaginato..." "Che una suora fosse così brava?" "Già..." "Nessuno lo pensa ed è questo che lo rende ancora più eccitante. Riguardo ciò che hai detto prima... vorresti davvero essere il mio schiavo?" "Si, sei splendida e sogno da sempre di avere una mistress... peccato che ciò non accadrà, vero?" "Infatti... sarebbe stato stupendo... però domani entrerò in convento..." "Non farlo allora!" "Non posso... mio padre mi ha obbligata e con lui non si discute..."
"Posso almeno accompagnarti fino al convento, Lucia?" "Certo. Te ne sarei eternamente grata, Andre!"
Quella notte, nonostante la splendida giornata, nei miei sogni ci furono solo demoni... Nessun angelo e soprattutto nessuna dea...
°
°
°
Questo è il primo racconto che scrivo, spero vi sia piaciuto e perdonatemi se ho fatto qualche errore di grammatica.
PS. Ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti è puramente casuale.

Questo racconto di è stato letto 1 9 3 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.