Erotici Racconti

Le corna di Cristo, parte 2

Scritto da , il 2017-08-04, genere masturbazione

Il sole rischiarò le tenebre svegliandomi. Mi alzai dal letto e rimasi seduta a guardare quel ragazzo che la sera prima mi aveva salvato dalla pioggia.
Di ragazzi ne avevo visti di più carini, questo è sicuro, e anche di più adatti alla selezione naturale. Andrea non era il tipo di ragazzo che ero solita frequentare. Poco muscoloso ma comunque in forma, gentile e sicuramente estraneo a drink, fumo e discoteche.
I ragazzi che lei conosceva sarebbero entrati nel bagno mentre quella sera con suo stupore fu lei a doverlo invitare con una blanda scusa. E lo stupore fu ancora più incredibile quando, dopo averla supplicata chiamandola padrona e dea con quegli occhi da cerbiatto offuscati dagli occhiali appannati, si era chinata per assaggiarlo. Non credette ai suoi occhi, quell'asta grossa e lunga come mai aveva visto esprimeva virilità da ogni poro e la forma ad uncino mai provata la invogliò a prenderlo in un'unica mossa...
Si tastò il fondo della gola ricordando quanto era andato in profondità.
"Padrona..." mormorò il ragazzo nel sonno riportando Lucia alla realtà.
"Devo smetterla di pensare a ieri! Oggi entrerò in convento e non lo rivedrò mai più..." dicendo ciò iniziò a scuotere la testa "se solo ci fosse un modo... Dio aiutami tu!".
"Buongiorno..." Lucia trasalì sperando non l'avesse sentita. "Buongiorno Andre... dormito bene?" "Non molto... ho fatto un incubo..." "Oh! Scendiamo a fare colazione?".
Durante la colazione, composta da un caffè nero e profumato, pane e marmellata discussero del più e del meno. Dopo aver finito pagarono Debora e ripartirono per Malk.
"E quindi oggi entri, ne sei sicura? Non puoi proprio rifiutare?"
"Te l'ho già detto, non posso...".

Arrivammo a Malk e ci salutammo nella piazza di fronte al convento.
"É stato bello conoscerti e... anche se per poco... essere il tuo schiavo!"
"Anche per me è stato bello... il bagno più bello che abbia mai fatto... adesso che farai?"
"Visto che sono qua pensavo di visitare la città... dicono abbia un museo d'arte molto bello e un belvedere sulla valle del Cum da mozzare il fiato... Non so se te lo lasceranno usare ma... posso darti il mio numero? Qualsiasi cosa ti serva Padrona!". Quel suo sorriso incerto mi fece commuovere. "Certo!" disse Lucia mentre il volto veniva illuminato da un asorriso.

Entrai nel convento e venni accompagnata dalla madre superiora. L'avevo immaginata vecchia e scorbutica invece era una giovane donna ancora molto bella. Dopo aver sbrigato le varie pratiche burocratiche mi accompagnò alla mia cella. Da essa si aveva una bella vista sul parco del monastero. "Quello laggiù è un'orto, vero?" "Esatto. Se ne occupa una signora ma adesso è anziana e non ha più la forza. Stiamo cercando qualche ragazza da assumere ma finora nulla... conosci qualcuno disposto a lavorare per noi?" "Di ragazze non credo e i ragazzi sono fuori discussione, giusto?" "Ovviamente! Non vogliamo che la vostra giovane anima venga tentata. Se ti viene in mente qualcuno avvisami. Adesso devo andare". "Lo farò sicuramente. Grazie".

Misi i pochi oggetti personali nei mobili e mi affacciai alla finestra. "Se solo tu fossi una donna... però non avresti quel meraviglioso attrezzo...".
La giornata trascorse tranquilla, conobbi le altre sorelle, eravamo nove ragazze e la più grande aveva circa trent'anni... mi mostrarono il convento e l'orario delle varie giornate.

Quella sera, dopo cena, nel riserbo della mia cella, non riuscii più a trattenermi e mi masturbai con foga pensando ad Andre e alla sua verga.
Presi il crocifisso in metallo appeso al muro e iniziai a lubrificarlo con la lingua; baciai il Cristo mentre con l'altra mano mi palpavo le mie tettone... "Andrea amava le mie labbra..."
A queste parole la mia seconda bocca iniziò ad ardere come il fuoco dell'Inferno... presi il crocifisso e in un'unica mossa sfondai l'entrata... un orgasmo liberatorio squassò il mio corpo... Iniziai ad ansimare cercando di portare quel dildo sacro più in profondità mentre mi torturavo il capezzolo sinistro... "Scopami! Fammi tua! Mettiamo un bel paio di corna a Cristo! Più forte! Più a fondo!". Venní una seconda volta urlando a squarciagola...
"Suor Lucia? Tutto bene? L'ho sentita urlare..."
Cazzo! Cazzo! Cazzo! Estrai la spada dalla roccia nascondendola sotto il letto, cercai di ricompormi e andai ad aprire. "Suor Miya! Sto bene, mi era caduta la valigia sul piede! Scusami se ti ho disturbato"
"Sicura? Sei rossa come un peperone e stai sudando..."
"È che fa un caldo terribile qui dentro..." "Vero? È dall'inizio dell'estate che lo dico alla madre superiora ma niente... comunque se hai bisogno di qualcosa dimmelo, sono nella cella accanto" "Grazie, lo farò!" dissi chiudendo la porta.

"Finalmente se n'è andata. Non ne potevo più!"
"Chi è? Chi c'è qui dentro?"
"Calmati gattina... sei tu che mi hai chiamato... e hai bisogno del mio aiuto, giusto?"
Lucia si appoggiò alla porta, il rossore in viso era scomparso... al suo posto era comparso il terrore allo stato puro!

Questo racconto di è stato letto 1 2 9 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.