Erotici Racconti

Il treno al binario 9 e 3/4 (Capitolo I)

Scritto da , il 2017-10-08, genere etero

"Signor Nick si sbrighi! Rischia di perdere il suo treno!"
"Sono pronto! Adesso scendo, grazie!"
Presi le valigie, la bacchetta e il mio gatto Doctor e scesi al pianterreno.
Dopo aver pagato il conto attraversai la strada per prendere il treno.
Controllai di avere il biglietto in tasca e mi avviai deciso ai binari 9 e 10.
Lì trovai una ragazzina con la stessa mole di bagagli che avevo io e una civetta. Doveva essere al primo anno dato che non sapeva bene come fare.
"Anche tu al 3/4?" le chiesi avvicinandomi.
Mi guardò un po' spaesata da dietro gli occhiali. "Si... sai come si fa?"
"Certo! Devi prendere la rincorsa e fiondarti contro il muro, tra i due binari. Guarda!"
Iniziai a correre sperando con tutto me stesso che fosse il muro giusto. Quando riaprii gli occhi mi ritrovai davanti l'espresso per Hogwarts.
Rimasi incantato ad osservarlo.
PS. Mai fermarsi davanti all'uscita di un passaggio magico. Mi ritrovai il carrello della ragazzina tra incastrato tra le vertebre!
"O mio dio! Scusa!" disse in preda al panico. "Stai bene?"
"S-si... colpa mia, mi sarei dovuto spostare"
"Comunque grazie per avermi aiutata! Mia madre si è dimenticata di dirmi come fare a raggiungere il binario! Io mi chiamo Sybil!"
"Nick! Dovere aiutare una collega, no?"
Era davvero carina. Un po' bassina, capelli rossi, occhi castani, un paio di occhiali dalla montatura spessa e una spruzzata di lentiggini.
"Ti dispiace se sto nella tua stessa cabina sul treno?"
"No, nessun problema!"
Ci avviammo verso il treno. "Ehi, Nick! Sono qui!" urlò una ragazza dal finestrino.
"Dai andiamo!" dissi iniziando a correre. "Aspettami, Nick!"

"Ciao Elizabeth! Come va?" esclamai entrando nella cabina.
"Ciao Nick!" disse abbracciandomi. "Sono eccitatissima! Ma ci credi? Hogwarts! Stiamo andando ad Hogwarts!" esclamò con gli occhi colmi di felicità.
Elizabeth. Come me è una strega nata babbana. E come me non ha mai ricevuto la sua lettera fino ad ora a causa di Voldemort.
Ci sedemmo sui sedili mentre un fischio segnalava la partenza dell'Espresso.
"Elizabeth, questa è Sybil" dissi presentandole. "L'ho incontrata al varco"
"P-piacere!" esclamò la maghetta. "Voi in che casa siete? Siete all'ultimo anno?"
Ci scambiammo un'occhiata e scoppiando a ridere. "No..." riuscii a dire tra le lacrime. "Siamo anche noi al primo anno!"
"Come al primo? Avrete minimo diciott'anni!"
"Io ne ho 21" disse Elizabeth un po' offesa. "E Nick 20. Siamo al primo anno perché gli elenchi dei nati babbani dei nostri anni sono stati distrutti da Voldemort"
"N-non pronunciare quel nome!" esclamò Sybil. Elizabeth non l'ascoltò.
"E quindi dopo essere riusciti a trovarne una decina ci hanno mandato la lettera"
"Purtroppo però" mi intromisi "in molti hanno rinunciato dato che a quest'età ci si è creati una vita. Alla fine siamo rimasti solo noi due!" dissi alzando le spalle.
"Oh... quindi saremo nella stessa classe! Ma prima cosa..."
"Io lavoravo in un centro commerciale mentre Nick studiava all'università!"

Il viaggio proseguì normalmente e a volte fu anche un po' noioso. Sybil si era addormentata poco dopo la partenza.
Avevo tirato Doctor fuori dal suo "rifugio" ed ora sonnecchiava sulle gambe di Elizabeth. Gatto ingrato! Sono io che ti do da mangiare! D'altra parte non potevo che capirlo. Elizabeth aveva due gambe fantastiche e anche il sedere non doveva essere niente male.
"Il tuo gatto è proprio un tenerone!" disse continuando ad accarezzarlo. "Come mai si chiama Doctor?"
"A causa di Doctor Who. Amo quella serie tv. Si chiama Doctor perché ha il pelo rosso e il Dottore non è mai stato rosso di capelli. E si, è davvero un cucciolone ma solo con le belle ragazze. Con me mai!"
Elizabeth iniziò a ridere. "E così ti piaccio, eh Doctor?" disse accarezzandolo mentre lui le faceva le fusa. "Io ho portato il mio pitone" indicò la teca poggiata sul sedile. "Si chiama Ser Vis. Come il serpente nel cartone di Robin Hood!"
"Io adoro quel cartone!" esclamai urlando.
"Anche io!" mi fece eco Elizabeth.

"Ci pensi..." mi disse dopo un attimo di silenzio "a quante magie potremo fare... solo l'idea mi fa eccitare!"
Si alzò di scatto facendo cadere Doctor che le lanciò un'occhiata omicida. Salì sul sedile e prese lo zaino. Essendo di fronte a me, potei godermi lo spettacolo del suo fondoschiena cercare la libertà attraverso gli stretti jeans.
"Eccola! Questa è la mia bacchetta!" disse con orgoglio. "Contiene al suo interno una scaglia di drago!"
"Wow! La mia il pelo di un metalupo!" dissi estraendo la mia bacchetta dalla tasca della felpa. "Tu hai già fatto alcune magie?" le chiesi.
"Certo! Per adesso le più classiche. Non vedo l'ora di impararne altre a lezione!"
"Anch'io ne ho fatte alcune. Ieri ne ho trovata una molto interessante. La vuoi vedere?" "Certo!"
Puntai la bacchetta sul suo petto e pronunciai: Bombalicus Maxima!
Il seno di Elizabeth incominciò ad espandersi cercando di distruggere la camicia che si opponeva ad esso. Elizabeth urlò quando la camicia fu vinta ed il seno esplose all'estero in tutta la sua bellezza. Doctor scappò sotto il sedile per lo spavento.
"Nick! Questo è... questo è..."
Non riusciva a finire la frase dall'emozione mentre si copriva i capezzoli con le mani.
"Fantastico, vero?" dissi posando la bacchetta sul cestino accanto al finestrino.
"È grandioso! Ho sempre desiderato un seno più grande! Addio tavola! Benvenute montagne!" esclamò baciandosi i seni.

Bombalicus Maxima. Un incantesimo erotico che aumenta le dimensioni del seno del bersaglio. Purtroppo ha anche un effetto afrodisiaco.

"Tutto grazie a te, Nick! Devo sdebitarmi in qualche-" si fermò all'improvviso.
Si inginocchiò e iniziò a calare la zip dei miei pantaloni. Il mio membro uscì all'aria aperta colpendola in faccia. "È grandissimo..."
Elizabeth avvolse la mia asta tra le sue nuove tettone, grosse e soffici. Vidi il mio pene scomparire.
"Scusa se non sono molto brava ma questa è la mia prima volta"
"Sei bravissima, Elizabeth..." riuscii a dire mentre inclinavo la testa all'indietro e chiudevo gli occhi per gustarmi al massimo quelle montagne.
Incominciò ad usare anche la bocca. Quella si, quella la sapeva usare benissimo. Era fantastico.
Non riuscivo più a resistere.
"Elizabeth... non ce la faccio... sto per-"
Venni come mai prima. Un fiume bianco ricoprì di neve le montagne. Riaprii gli occhi giusto in tempo per vedere Elizabeth leccare gli ultimi getti.

"Davvero buona!" esclamò aprendo la bocca ormai vuota.
"Sei stata fenomenale, Elizabeth..." riuscii a dire, ancora scosso dall'esperienza.
Lei si alzò in piedi, il seno che sobbalzava.
"Chiamami Izzy" disse rivestendosi. "La maglietta mi va strettissima..."
"Farai un figurone stasera!" dissi ammirando il suo corpo.
"Davvero?" disse ridendo. "Grazie ancora Nick!" esclamò baciandomi sulla guancia. "Forza, sveglia Sybil. Siamo quasi arrivati!"
Prese la sua uniforme dalla valigia ed uscì con un sorriso dalla cabina.

Aprii il finestrino e mi sporsi all'esterno. Nel buio della notte potei vedere le luci della stazione e, sullo sfondo, aggrappato alla scogliera, il castello che imponente sovrastava il Lago Nero.
Hogwarts. La mia nuova casa. La mia nuova vita.

Questo racconto di è stato letto 1 2 2 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.