Erotici Racconti

La mia prima ragazza è una sirena? (Parte 2)

Scritto da , il 2017-08-08, genere dominazione

Sabato 5 agosto 2107
Ore 9:00

Finalmente stanotte ho dormito bene e mi sono svegliato alle 8.
Nel camper faceva un caldo incredibile nonostante i finestrini spalancati.
Io dormo nel letto di sotto mentre mia sorella Laura, essendo la maggiore, utilizza quello di sopra.
"Fa un caldo terribile!" pensai. Ormai ero abituato a non parlare e a usare il pensiero.
"Chiudi la tendina. Ti posso aiutare io!"
Chiusi la tendina che separava il mio letto dal resto del camper.
Mi rimisi sdraiato supino. La conchiglia iniziò a brillare e mi ritrovai schiacciato da Galaphis.
"Siamo sempre stetti. Che sia una maledizione?" disse premendo il suo indice sulla mia guancia.
Mi spostai sdraiandomi di lato. Lo stesso fece Galaphis.
Nella doccia di stamattina aveva perduto l'alga ed ora le sue tette erano finalmente libere e potevo sentire i suoi capezzoli contro il mio petto.
"Si, sto già meglio!"
"Stupido" disse ridendo. "A differenza di voi umani io posso regolare a piacimento la mia temperatura corporea. Quindi.. se ci abbracciamo..."
La sua pelle divenne davvero più fredda.
Mi strinse forte a sé, i nostri occhi erano a un palmo di distanza; avvolse la sua coda attorno alle mie gambe mentre i nostri respiri si facevano più pesanti.
Era una sensazione fantastica e la salvai immediatamente nella memoria a lungo termine.
"Molto meglio, no?"
"Decisamente..."
Iniziò ad accarezzarmi i capelli sussurrando una canzone e in quel paradiso mi addormentai.
Fu un sonno bellissimo... Amo questa sirena.

La mattina seguente non mi svegliai per colpa del sole ma a causa di mia sorella. Nello scendere dal letto usò la mia gamba come gradino al posto del letto.
Nottata fantastica, sveglia terribile.



Sabato 5 agosto 2107
Ore 15:00

Oggi pomeriggio, durante la mia solita nuotata, sono andato al largo, oltre le boe, e mi sono seduto sugli scogli al riparo da occhi indiscreti.
"Finalmente di nuovo al mare!"
Galaphis riprese la sua vera forma e iniziò a nuotare. Era felice come una bambina a Natale.
Dopo qualche minuto di acrobazie salì anch'essa sullo scoglio, la coda immersa nell'acqua cristallina.
"È davvero bello qui, vero?"
"Già... Se ti va, un giorno posso farti vedere il mio mondo..."
"Certo, sarebbe grandioso!"
"Comunque non sono ancora soddisfatta. Ho imparato un sacco di cose ma è ancora poco. Ieri a pranzo parlavate di partire, giusto?"
"Si. Torniamo a casa e poi andrò con mia sorella in montagna. Io devo dare un esame a Settembre e lei due e qui non siamo riusciti a studiare molto".
"La montagna... Non vedo l'ora di vederla!
Ma scusa tu quanti anni hai?"
"Io 20 e mia sorella 24"
"20? Ma sei giovanissimo! Un neonato praticamente!"
"Scusa? Guarda che gli uomini vivono 80-90 anni, 100 al massimo!"
"Così poco?"
"Perché voi sirene quanto vivete?"
"900-1000 anni. Il record è di 2000!"
Rimasi sbalordito e balzai in piedi.
"1000 anni?! Davvero? E tu quanti anni hai?"
"Non lo sai che è maleducazione chiedere gli anni a una ragazza? Comunque ho 200 anni. Sono ancora un adolescente all'inizio della pubertà!"
"200 anni..." crollai e picchiai il sedere sulla dura roccia "All'inizio della pubertà..." ripetei fissando il mare. "Aspetta un minuto! Quindi diventerai ancora più bella?! E quelle tettone e il tuo pene gigante cresceranno ancora?!" esclamai indicandoli.
"Lo spero proprio..." disse con un sorriso.
Rimanemmo qualche secondo a fissare le onde.
"S-s-senti Leo... ieri hai visto e succhiato il mio pene ed è stato fantastico... oggi vorrei poterti ripagare..."
"D-d-dici sul serio?"
Si tuffò in acqua e riemerse tra le mie gambe rimaste a mollo. Mi tolse il costume e iniziò subito a segare il mio membro. Divenne duro un poche mosse.
"È davvero duro... anche il mio era così?"
"S-si..." riuscii a mormorare.
"Adesso ti farò vedere una cosa che tu non potrai mai fare..." e dicendo ciò accolse il mio membro tra le sue tette.
"Oh mio dio... è bellissimo..."
Iniziò a muoverle alternando movimenti bruschi a più gentili. Ero inerme davanti a lei; rimasi immobile mentre vedevo il mio pene scomparire tra quei soffici e bagnati cuscini.
"Ti piacciono così tanto le mie tette, Leo?"
Disse iniziando a parlare.
Ormai ho capito che quando inizia a parlare io rimango ipnotizzato alla sua completa mercé.
Continuò a muoverle. La pressione che esercitavano era tale da poter sentire la mia cartilagine scricchiolare.
"Sono belle vero? Grosse e morbide, cosa c'è di meglio?"
Smise di muoverle e cominciò a torturare la mia cappella coi suoi capezzoli. Erano duri come chiodi. "Ahh... stupendo..."
Lo prese in bocca ricominciando a muoversi. Era bellissimo... La sua lunga lingua lo avvolse mentre le sue labbra carnose tastavano ogni millimetro di pelle.
Ebbi un brivido lungo la schiena. Sentii il suo seno diventare freddo, gelato, e il contrasto con la bocca calda mi fece impazzire.
All'improvviso la sua lingua mi penetrò raggiungendo la base del mio pene. Urlai dal dolore ma Galaphis mi bloccò invadendo la mia bocca con la pinna della coda.
Ormai ero sdraiato con il pene rosso, gonfio, ustionato dal freddo e provavo un dolore tale da sciogliermi il cervello. Trovai la forza per alzare la testa e la guardai negli occhi. Erano di un blu scuro come il mare in tempesta.
"Basta... Ti prego... Non ce la faccio..."
Un bagliore di onnipotenza rischiarò il suo volto. La lingua andò ancora più a fondo cercando di sfondare l'accesso alla vescica. Stavo impazzendo. "Adesso preparati a rilasciare tutto ciò che hai!"
Penetrò nella vescica. Quando il dolore raggiunse il mio cervello tutto si trasformò in piacere. Sentii i miei testicoli svuotarsi ma la lingua bloccava il passaggio e la base del mio pene iniziò a gonfiarsi paurosamente. Stavo impazzendo.
"Ti prego... Fammi venire... Ti supplico..."
Tolse la lingua in un unico fluido movimento. "Vengo! Vengo! Vengooo!" Sentii lo sperma e l'urina esplodere all'interno della bocca di Galaphis mentre venivo squassato da un orgasmo che fece tremare ogni muscolo del mio corpo.
Bevve tutto quel miscuglio e infine si sdraiò sul mio corpo ancora tremante.
"Allora? Non hai mai provato nulla di simile, vero?" disse mentre mi baciava il collo lasciando segni e residui di nettare.
Rimasi in quello stato per un'eternità, schiacciato dalla sirena che amavo.
Così come era apparsa, Galaphis riprese le fattezze di conchiglia.
"Leo? Leo, sei qui? Oh mio dio! Che ti è successo?"

A volte penso che Galaphis sia esattamente come il mare. Bello e pacifico, ma allo stesso tempo inquietante e distruttivo. Riuscirò a guidare la mia barca attraverso la tempesta che alberga nei suoi occhi o finirò per perdermici ed infine affogare?

Questo racconto di è stato letto 2 4 3 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.