Mio padre

Scritto da , il 2017-03-31, genere incesti

Sono nato 22 anni fa' a Roma,all'eta' di 18 anni,la mia natura era omosessuale,anche se non avevo praticato sesso con uomini,i miei movimenti e la mia voce erano molto femminili,con mio padre che vedendomi e capito della mia situazione,era sempre incazzato con me,fino a quando appena dopo essere diventato maggiorenne,decisi di andare a vivere a Londra.
Londra per me e' stata una liberazione,non potevo vivere con i miei,e poi finalmente ho scoperto i piaceri del sesso,di prendere tanti cazzoni,anche di colore......
Mi mantenevo facendo il cameriere di sera e il commesso da Prada il giorno,non potevo lamentarmi.
Tornai in Italia per la morte di mio nonno,l'unico che mi aveva capito e voleva bene,ormai mi muovevo come una donna,e parlavo da perfetto effemminato.
Mio padre era sconvolto,mentre mia madre cercava di non capire e mostrava tutto il suo affetto.
Poi un pomeriggio,qualche giorno prima di ripartire per Londra,mentre ero sotto la doccia,mi accorsi che mio padre mi guardava!
Subito mi coprii con un asciugamano,lui mi guardava in silenzio,poi finalmente esclamo',sei bellissimo,sembri proprio una donna,vieni che ti abbraccio......
Sembrava un abbraccio paterno,ma subito mi accorsi che il suo cazzo era duro,lo sentivo appoggiare ,e quando si libero' dei pantaloni,vidi mio padre nudo con un cazzo divino,duro,enorme e bello come non avevo mai visto. Mi prende la mano,la porta sul suo cazzone e mi invita a segarlo,iniziai un lento movimento,sentivo pulsare il suo cazzo nella mano,era bello,almeno 22 cm,il piu' grosso cazzo che avessi mai visto,mi abbassai per prenderlo in bocca,mio padre godeva e urlava di piacere,fino a sborrarmi in bocca un fiume di sperma,che prontamente ingoiai.......
Mi bacio' teneramente,e mi chiese se volevo prenderlo in culo!
Ormai era fatta,dopo quel fantastico pompino come potevo rifiutare,mia madre era dalla nonna,noi eravamo soli,e mio padre mi cavalco' da farmi gridare di piacere,godevo e mentre sentivo il cazzo di lui scoparmi il culo,provavo un vero godimento.
Fino alla mia partenza per Londra,scopammo da matti,e quando tornai a Londra,lui mi chiamava tutti i giorni,fino a vederlo arrivare a casa,moriva dalla voglia di scoparmi!
Mio padre si era innamorato di me,e non riusciva a non pensarmi,sapevo che la cosa era schifosa,e orribile,ma era bello,e lo pensavo anche io tutti i giorni,credo che presto torno in Italia,questa volta per sempre......

Questo racconto di è stato letto 9 8 9 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.