Un Inglese a Roma

Scritto da , il 2017-03-18, genere gay

E' una bella giornata di sole,mi trovo a Roma,Largo di Torre Argentina,sono a spasso e senza impegni,mi godo la bella giornata,quando un bel ragazzo Inglese sui 35 anni mi ferma per chiedermi informazioni.
Vuol sapere come fare per raggiungere piazza di Spagna e poi piazza del Popolo,intanto passa un bus,lo invito a salire e gli dico che lo accompagno io!
Sul bus,pieno come non mai,visto che era anche sciopero quel giorno,siamo pressati come sardine,sono molto a contatto con il tipo Inglese,spesso gli sfioro il pacco,senza volerlo,mi racconta di essere sposato e di avere un bambino,e si era preso una settimana di vacanza,lasciando la famiglia a Londra.
Voleva farsi una settimana romana da single!,la nostra conversazione era molto interessante,lui era simpatico.Belloccio,maniche corte e infradito,per essere a marzo......ma per lui e' estate.
Scendiamo a Largo Chigi e andiamo verso piazza di Spagna,prima pero' entriamo in un bar per un caffe'.giunti a Trinita' dei Monti,mi chiede di fargli una foto con il suo cell. io,indicando via del Babbuino,gli spiego che in fondo c'e' piazza del Popolo.
Prima di salutarci gli lascio il mio numero di cell. invitandolo a chiamarmi se avesse bisogno,e se volesse venire con me il giorno dopo nella mia casa dell'Isola del Giglio.
La sera prima di uscire per andare a cena,mi chiama Robert,lui e' in un albergo vicino al Vaticano,e' solo e mi chiede se voglio cenare con lui.......
lo raggiungo in pochi minuti,Robert mi aspetta davanti al suo albergo,e ben vestito,mi saluta con un stretta di mano,e andiamo a cenare in un ristorante che conosco.
E' strano,un bel ragazzo come lui,a Roma solo,la famiglia a casa....ma il suo sorriso e' troppo bello e voglio godermi la serata.
Robert accetta il mio invito all'Isola del Giglio,partiamo da Roma molto presto,mentre guido spesso lui mi guarda e mi sorride,sembriamo una coppia di innamorati!
Prendiamo il traghetto,lui e' affascinato ,il posto e' molto bello,che rievoca il fantasma del relitto della Costa Concordia
Dopo una bella giornata girando l'isola,Robert si concede una doccia a casa mia,ma quando vedo quel corpo nudo con un cazzo da favola venire verso di me,inizio a tremare dall'emozione,mi abbraccia forte.....Grazie sei un amico,e dal primo minuto che ti o visto ho capito che sei molto sensibile e generoso,sei gay vero?
Si Robert,sono gay,ma credimi che tutto quello che o fatto per te,non a null'altro interesse dalla nostra amicizia,sei molto bello ma so' che non sei gay e quindi ti rispetto e mi piaci come sei!
Robert invece vuole ringraziarmi a modo suo,inizia a togliermi la camicia,poi mi inizia a baciare sul collo,fino a baciarmi in bocca,un lungo bacio ci coinvolge,i nostri cazzi sono di marmo,il suo poi e' nella mia mano,durissimo e grandissimo,lo spompino di brutto,Robert e' talmente eccitato che non resiste e viene sborrandomi in bocca subito,passammo ancora un ora a baciarci e poi andammo a letto,dove il mio boy Inglese vuole approfondire.....!
Due giorni di sesso sfrenato,Robert e' affascinato da questo mondo nuovo per lui,e dalle bellezze dell'isola,ma il sogno finisce quando la moglie lo chiama e lui deve tornare a Londra!
Spero di rivederlo un giorno,magari anche con il suo bambino e sua moglie,miei ospiti al Giglio!

Questo racconto di è stato letto 4 3 0 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.