A volte ritornano Stephan

Scritto da , il 2017-02-08, genere gay

Piero ad Anselmo, il titolare dell’hotel, aveva chiesto ed ha ottenuto cinque giorni di vacanza proprio a ridosso delle festività di Pasqua e con l’hotel al completo: incredibile !. Il sostituto è arrivato di primo mattino e quando Piero ha finito le ultime consegne l’altro è entrato in servizio; Piero sta attraversando la hall e vede di spalle, al banco, un giovanottone di due metri vestito in modo casual che chiede una camera matrimoniale per due per una settimana ma la risposta che riceve immediatamente è: “ spiacenti ma siamo al completo!”. Il giovanottone si gira su stesso togliendosi gli occhiali e sbuffando “ Non può arrangiarmi una soluzione ?” , “spiacenti no” è la risposta che riceve; è a quel punto che il giovane scorge Piero che sta uscendo e gli corre dietro; “Piero! Signor Piero!” Piero sentendosi chiamare si ferma,si gira e scorge il giovanottone che gli viene incontro: “; Signor Piero non si ricorda più di me? Sono Stephan ! Ottobre dello scorso anno si ricorda?” Piero rimane sorpreso “ Stephan ! cosa fai qui?” “ Io e la mia compagna volevamo fare una settimana di relax ma non c’è posto come faccio? Mi dia una mano Piero!”. “Signor Anselmo sono Piero senta c’è un cliente molto particolare senza camera possiamo dargli quella di emergenza?” “ lo conosci ?” “ certo che lo conosco è stato qui ad ottobre dell’anno scorso con la squadra di basket” ” Va bene fai tutto tu !”. Piero si rivolge a Stephan e gli chiede “ la tua compagna dove è? “ “arriva dopodomani mattina” “ allora si che si può fare perché questa camera sarà pronta solo da dopo domani,ma non posso sistemare te” “ come faccio allora? dormo per strada?” “ sull’autostrada c’è un motel a circa 120 Km da qui puoi provare là “ . Stephan si incupisce e tace mentre Piero se lo guarda con gli occhi che gli cadono per terra ed è in quel momento che Stephan gli chiede “ sei sposato” “ no! perché?” “ semplice se tu dormi in albergo la tua casa è libera ed io posso dormire da te per due notti, naturalmente io ti pagherò le due notti quanto pagherò la camera dell’albergo.” “ No! non è possibile perché io sono in vacanza” “ va bene lo stesso dormo da te cosa cambia!!” . A Piero gli scappa la pipì per l’eccitazione. Piero abita in uno spazioso locale all’interno di un residence composto da una camera da letto, un living, angolo cottura e un funzionale bagno. “ come è stata la cena” chiede Piero rientrando in casa “ buona, molto buona ci torno”risponde Stephan lasciando cadere a terra il borsone, si avvicina a Piero “ Grazie” e lascia partire una pacca sulla spalla; poi avendo avvistato il frigo chiede“ Piero per favore posso avere una birra? Grazie” quindi si stravacca sul divano. È il momento topico per Piero il quale domanda “ come ci organizziamo ?“ la risposta è rapida ed esaltante “non c’è problema dove dormi tu posso dormire anch’io”. Per contenere Stephan ci vorrebbe un letto particolare ma questo gli va bene per un pelo; Piero rientra dal bagno e si va a posizionare al suo posto dopo poco rientra Stephan che si posiziona nudo sotto il piumone, Stephan scalcia rimanendo completamente scoperto “ dai Piero che oggi e domani puoi avermi a disposizione senza limiti “ . Piero non aveva dimenticato lo slavo Stephan con il suo corpo possente da atleta, la sua pelle liscia, i suoi occhi chiari e tutto quel ben di dio che aveva fra le gambe; si china sul suo corpo e comincia a carezzargli il petto, leccargli i capezzoli piccoli , tutto lecca Piero non lascia niente indietro. Arriva all’ombelico e gli fa una specie di succhiotto, gli infila la lingua e vede che Stef ha una brivido,il cazzo è ancora completamente moscio, glielo scappella e lascia venire fuori la cappella grossa di un rosa antico che diventa rossa quando è in piena erezione, la lecca, gli gira intorno alla base, se la lascia entrare in bocca e la stringe, la succhia e da allora comincia a gonfiarsi , la sua lingua assapora il primo precum. Stef gli pone la mano sulla testa e spinge il cazzo in gola ma Piero non è ancora preparato ed ha un conato, Stef lo tira fuori, aspetta che Piero sia pronto e poi glielo spinge di nuovo bene ma questa volta gli tappa il naso in modo che si allarghi bene il passaggio della gola così il cazzo gli scende anche lungo la trachea e le palle gli si appoggiano sulle labbra; fuori! dentro! dentro! fuori gli scuote la testa, gli occhi di Piero sono pieni di lacrime e la bocca perde saliva, lo tira fuori e Piero fa inspirazioni rapide e rumorose appena si sente pronto si fa ingozzare ancora, adesso Stef è pronto lo sta chiavando per venire, i suoi movimenti sono accelerati il cazzo è ormai nella massima erezione quando gli sversa in gola tutto lo sperma accumulato nella palle. Piero si sente al settimo cielo . “Io, dice Stef, non ho mai visto una persona capace come te a fare pompini, tu riesci a fare scendere in gola tutto il mio cazzo: ma sai tu quanto cazzo è il mio cazzo? sono 23/24 cmt ed 18; se qualcuno racconta me questo really I dont belive!!fantastic you emptied my balls Io adesso non più cum !! Piero lo guarda e gli sorride ma non riesce a parlare. È una bella giornata per Piero anche se ha un poco di raucedine e la gola indolenzita. Stef entra in cucina avverte Piero che esce e non sa quando torna al che Piero gli da le chiavi cosi ognuno può rientrare quando vuole. Si ritrovano nel tardo pomeriggio e decidono di cenare fuori ed è durante la cena che Stef gli toglie ogni curiosità: il posto gli piace molto, lo attrae e ha intenzione di prendere una casa per villeggiatura; a questa notizia Piero resta a bocca aperta. Stef gioca al computer mentre Piero va in bagno e poi direttamente a letto ma poiché Stef si attarda al computer lui si addormenta, si sveglia di soprassalto quando sente la mano fredda di Stef sulla sua spalla: “ci vogliamo divertire un po?'” Piero è subito pronto e fa per chinarsi ma viene fermato “NO! bocca solo e sempre culo questa volta”. Non ci vuole molto a far avere l’erezione a Stef il quale dopo essersi incremato tutto il cazzo increma anche il buco di Piero e nel più classico bareback gli infila il cazzo nel culo con due soli colpi nonostante i lamenti ed i contorcimenti; ha lasciato che Piero si assuefacesse e poi comincia il movimento a stantuffo primo lento poi sempre più rapido, non contento glielo tira fuori poi spinge dentro con colpo finale; Stef è una vera sex machine lo mette alla pecorina, a gambe all’aria, se lo fa sedere sul bacino facendogli entrare anche le palle, ma la posizione preferita è: Piero a gambe in aria e lui che lo incula, praticamente una montagna come lui che si solleva e poi si accascia su di lui facendoglielo entrare tutto nel culo . Piero memore dell’altra volta non trattiene i lamenti così che il lato sadico di Stef si eccita ancora di più e lui gode da venire. Sembra che questa inculata non debba finire mai ma ecco che Stef fa stendere Piero sul letto lo incula ancora poi con un colpo secco e gli sbroda tutto dentro. Si sente il mugolio di soddisfazione di Piero. Si alzano e vanno in bagno, Piero si pulisce prima e lascia Stef da solo il quale quando torna lo trova già addormentato. Al mattino Piero ha preparato una sostanziosa colazione per entrambi ed infatti Stef arriva a tempo per gustare il caffè caldo e i croissants ; mentre stanno mangiando Stef chiede notizie della camera dell’albergo ed entrambi vengono a sapere che sul tardo pomeriggio l’alloggio è disponibile e che volendo può anche prendere possesso in serata. A questo punto mentre Piero telefona alla reception e perfeziona la prenotazione. Stef se ne va in camera da letto dove Piero lo raggiunge e lo trova già pronto per fare sesso. “ Stefan tu hai una carica sessuale tremenda! Schianteresti una ninfomane!!!” dice ridendo Piero “Pensa Piero che una volta avevo 13 anni e sono riuscito a masturbarmi nell’arco della giornata 9 volte e mi sono fermato perché mi facevano male le palle . La mia compagna dice che sono tendenzialmente anormale e porco. Cosa posso fare a me fare sesso e sborrare piace e non mi costa fatica, per esempio tu ieri sera ti sei subito addormentato ma se fossi rimasto sveglio io ti avrei montato ancora; dai mettimi alla prova !” Piero va a prendere le sue creme e poi si spoglia e chiede “ il programma?” “ fammi un pompino e svuotami poi voglio il culo e…vedremo”. Ormai Piero sa cosa deve fare, quindi, si mette con la testa leggermente fuori della sponda del letto e Stef lo guarda “ Piero te l’ho già detto nessuno mi ha mai fatto dei pompini come li fai tu”. Stef gli fa aprire la bocca, gli infila il cazzo moscio in bocca e ci piscia dentro al che Piero per poco non soffoca; il cazzo che comincia a gonfiarsi viene cosparso di crema e scende in gola; a Stef piace e lo si vede dalla faccia. Tutte le uscite ed entrate Stef le prova e Piero le subisce con piacere perché viene in abbondanza. Ora Stef gli tira fuori il cazzo e Piero si iperventila e quando è pronto lo riceve tutto compresa la sborra; vorrebbe tenerglielo dentro ancora ma si rende conto che l’altro sta scoppiando e allora libera la gola e la bocca e si lascai cadere esausto sul letto. “ Sei bravo Piero riesci a tirarmi fuori tutto, mi fanno male le palle”. Uno resta svuotato sul letto l’altro si alza e va a preparare un caffè che porta dentro caldo. “Stef spero di farmi capire. Tu mi piaci troppo perché sei maschio puro e non bisex,trisex, curioso,bicurioso, e bla.bla.. tu fai sesso con me per il gusto di fare sesso punto e basta.” Stef lo guarda con quegli occhi azzuro intenso e sorride. Stef è veramente incontenibile sessualmente perché fa mettere Piero supino con le gambe aperte, gli dice di aprire bene le natiche e Piero le apre tanto bene che gli fa vedere anche il buco, l’altro si unge il cazzo poi lascia cadere la crema sul buco e gli affonda dentro due dita, Piero ha un sussulto, le dita si muovono veloci e la crema e scesa tutta dentro, ora sono pronti Stef gli entra dentro deciso e Piero lascia partire un grido ma Stef non si ferma e pompa, gli fa cambiare più volte posizione cercando quella che lo soddisfa di più: Le mani di Piero sono aggrappate al corpo di lui e lo stringono ma lui non vuole “NO! tu mi lasci segni, domani la mia compagna mi chiede cosa sono” Piero si sta godendo quel cazzo che ridotto il suo culo come una figa ed in quella specie culo/figa arriva una bella scarica si sperma caldo. Si Sono sfiancati veramente hanno entrambi bisogno di una pausa che riempiono con un pranzo ordinato al ristorante, si pongono su delle piccole amache poste fuori sul terrazzino. Si addormentano senza parlare. Il primo ad alzarsi è Piero il quale telefona in albergo e presentandosi con il cognome di Stef, vuole sapere quando può essere libera la camera e così viene a sapere che è già disponibile, risolto questo problema si prepara un caffè. Alle sue spalle c’ è Stef che chiede “ posso avere una birra?”, “certo”, dopo averla presa se ne va in bagno, riempie la vasca e ci scivola dentro; quando esce Piero gli riferisce che la camera è pronta da subito e lui decide di andarci subito. Piero lo lascia all’ingresso dell’albergo ma prima di scendere Stef gli stringe la mano gli da un rapido bacio sulla bocca e dice “Grazie Piero”
Il precedente nella Puntata Cose da non credere Andy e Stephan I fatti sono reali la storia descritta è qua e là un poco arricchita

Questo racconto di è stato letto 2 1 8 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.