Inseminazione - parte II

Scritto da , il 2016-11-10, genere dominazione

Non passò molto tempo che Paola rimase incinta, e quando Giulia (la mia sub ginecologa che mi presentò Paola la quale voleva un figlio senza legami) visitandola ritenne consolidata la maternità, emise un certificato per maternità a rischio, consegnandomi così Paola per i prossimi 9 mesi.

L’accordo non prevedeva compensi per l’inseminazione, ma come contropartita completa obbedienza e cessione a me ed altri del suo corpo per i 9 mesi.

Cominciò ad abituarsi a stare sempre e completamente nuda in casa, oppure fuori con solo scarpe ed un vestito indosso. A mostrarsi sempre durante i suoi bisogni fisiologici, alla graduale dilatazione anteriore e posteriore, anche notturna con dildo progressivi bloccati con un perizoma in cuoio per evitarne la fuoruscita.
Il risultato è ora notevole: quando Paola vede che prendo una bottiglietta di coca-cola dal frigorifero, si posiziona a pecorina con spalle a terra per riceverla dentro l’ano, e dopo che l’ho stappata si solleva con gradualità per versarmene il contenuto nel bicchiere che tengo al collo della bottiglietta.
Le punizioni per le dimenticanze sono sempre state adeguate al suo stato, per cui mai su pancia e seni, ma sculacciate, fisting estremo, docce gelate, bevute integrali di urina.

L’aspetto esibizionistico esteriore dato dai vestitini molto leggeri che, complice la stagione estiva, indossa sempre più disinvolta, rigorosamente corti e adattati con spacchi laterali fino al girovita e sopra in modo da contenere appena i suoi seni.

Passammo così l’estate nell’appartamento al mare di una sua amica e probabilmente anche perché fuori dal suo ambiente Paola si adattava bene a quanto imposto compatibilmente con il suo stato.
La spiaggia era praticamente gratuita: il gestore ed uno dei bagnini erano spesso da noi la sera per riempire i 3 buchi di Paola.

A settembre, rientrammo poi a casa sua, la pancia era ormai di 4 mesi. Giulia (un po’ risentita per questi 9 mesi in cui la trascuravo) la vedevo in occasione delle visite ginecologiche di Paola.

In questi ultimi 5 mesi avrei organizzato molti incontri a pagamento, visto l’appetibilità del sesso con una donna incinta, e personalmente apprezzavo questa grande opportunità di poter seppure a termine godere del suo corpo in graduale trasformazione.
Stavo giusto riflettendo su queste cose quando suonarono alla porta.

«Salve, mi chiamo Carlo, è in casa Paola?»
«Si prego entra e accomodati, ora la chiamo»

Paola nuda per contratto stava in camera, mi spiega che Carlo, 17 anni, prende ripetizioni di matematica e quindi è ora venuto per accordarsi. Rifletto, osservo il suo sesso, lei intuisce cosa sto pensando….
«Alberto, è minorenne e poi lui mi ricorda diversa, pudica e non incinta…»
«Sarà lui a decidere…i giovani vanno incoraggiati, anche sessualmente. Ora vado di la, tu metti un vestitino corto e ci raggiungi»

«Carlo, posso offrirti qualcosa? A proposito stupidamente non mi sono presentato, Alberto»
«Prendo dell’acqua, grazie, ma posso tornare più tardi se Paola è impegnata»
«No nessun problema» vado e torno dalla cucina con l’acqua «solo che da quando l’hai vista l’ultima volta ora è un po’ diversa: voleva un bimbo e pertanto la sua ginecologa (e mia amica Giulia) ci ha messo in contatto e cosi…»

Paola ci raggiunge con il suo vestito corto e scollato, con la pancia di 4 mesi in evidenza e guardo Carlo visibilmente colpito dalla trasformazione rispetto alla Paola ultra vestita. Lei si ferma in piedi tra noi due mentre la vista di Carlo si concentra tra la pancia e le cosce nude che ha di fianco. Vistosi osservato, riesce finalmente a dire qualcosa rivolto a me

«Ma tu allora sei il suo…»
Interrompo «il suo nulla, in cambio della sua come dire, inseminazione, Paola solo per questi 9 mesi condividerà tutto con me o altri, il bimbo sarà solo suo e io solo compagno fittizio»
«Allora congratulazioni» Carlo termina di bere, è evidentemente a disagio «se poi dovessi avere del tempo per le mie lezioni ci aggiorniamo, ora vi lascio»
«Ehi che fretta, aspetta, prima parlavo di condivisione e dato che mi sei simpatico decido che Paola condividerà anche con te la sua maternità, non sarà matematica ma pur sempre una bella lezione»

Lo sguardo di Carlo vaga tra me e Paola, lei con una mano solleva il bordo del vestito fino a scoprire tutta la pancia, con l’altra mano prende quella di Carlo per appoggiarla sulla pancia. Carlo nell’osservare che non indossa mutande mi guarda e io sorrido ammiccando. Sciolto il ghiaccio, accarezza la pancia per poi, invitato da Paola, scendere a toccarle la vagina, incredulo di quanto sta accadendo.

Per evitare a Paola di stare a tenersi il vestito sollevato con la mano, intervengo alzandomi, mi porto alle sue spalle per prendere le spalline e lasciare così cadere il vestito a terra mostrandola completamente nuda.

«bella visione eh?» dico massaggiandole i seni. Carlo è passato dall’imbarazzo all’eccitazione, sempre con la mano sul suo sesso, ma siamo solo all’aperitivo.

«Tra poco dobbiamo uscire, Carlo se ti va di venire con noi la lezione continua» e passo a Paola stivali e cappotto da indossare, seguita dalle sue occhiate.
«Come vedi quando usciamo Paola è tenuta ad indossare solo il minimo indispensabile, andiamo»

In auto Carlo guarda da dietro Paola che sul sedile accanto siede come deve a gambe nude e divaricate, spiego a lui che può toccarla dove e quanto vuole, e che abbiamo l’appuntamento per la visita periodica di controllo. Preciso a Carlo, che intanto le sta palpando le tette, che Giulia è anche una delle mie sottoposte, per cui comprenderà senza stupirsi alcuni comportamenti.

Difatti arriviamo in studio ed incrociando il suo ultimo cliente Giulia è tutta per noi, si chiude la porta alle spalle e si toglie il camice sotto il quale è sempre nuda. Tutti ci togliamo tutto quello che indossiamo e anche Carlo si adegua mostrando un bel pene eccitato. Spiegato a Giulia chi è Carlo, Paola si accomoda alla sedia ginecologica per la visita ed il controllo ecografico.
Per Carlo è evidentemente la prima visita ginecologica a cui assiste e annuisce quando gli sussurro «meglio della matematica, eh?»
Giulia termina la sua visita, dicendo che è tutto ok, poi si volta verso Carlo

«Ora tocca a te»
«Ma non sono medico…»
Per tutta risposta, Giulia lo afferra per il pene e lo porta davanti alla fica aperta di Paola «ma lo strumento ce l’hai, facci vedere»

Cosi gradualmente inizia a penetrarla e sempre più a fondo fino a quando è evidentemente appagato dopo esserle venuto dentro. A seguire sono io a scoparla ma non è certo la prima volta.

«Benvenuto in famiglia» gli dice Giulia «ora mangiamo, vi ho preparato uno spuntino»

“Svezzato” Carlo, frequenterà sempre più la nostra casa per lezioni miste, ma anche al mattino quando sale per dare il buongiorno a Paola a modo suo e poi via a scuola.
Questa mattina ad esempio ha scaricato nell’ano di Paola tutta la sua urina notturna, per poi seguirla in bagno mentre lei si liberava davanti e dietro.

Riuscirà anche a creare un bel giro di maschi vogliosi e paganti per intrattenersi con una donna incinta.
Ed anche Giulia che si era sentita trascurata da me, alla sera viene spesso a trovarci per il suo bisogno di sottomissione, a cui provvediamo io e Carlo.

A gennaio, ad un mese dal termine per Paola, Giulia proporrà di festeggiare con uno dei pic-nic nel bosco che tanto lei gradisce, tutti insieme.

Di questo e delle ultime fasi di maternità ne riparleremo.

Questo racconto di è stato letto 6 3 5 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.