Il teatro dell'osceno

Scritto da , il 2016-05-10, genere orge


Roberta lavorava da pochi mesi per la prima volta in vita sua nella redazione di un settimanale. Dopo la laurea solo qualche collaborazione sporadica in qualche periodico e neppure il master aveva migliorato le cose, finchè arrivò questa proposta che nonostante non fosse il massimo, era un primo passo importante per fare la giornalista.
Si occupava spesso di arte e spettacoli, anche la sua tesi di laurea era sul teatro.
Arrivò anche il primo servizio importante che le era stato affidato e per sua grande gioia sarebbe dovuta andre a Londra per realizzarlo: stava facendo clamore, soprattutto nel mondo del teatro underground uno spettacolo di un autore inglese. Lo spettacolo si chiamava 'Shadow Porn' e pare fosse molto audace e innovativo.
Roberta conosceva bene l'inglese ed era stata anche a Londra, ci aveva vissuto per un po' tempo prima e fu felice di poterci tornare. Aveva viaggio e spese pagate, non alloggiava certo nel miglior hotel di Londra, ma, essendo forse il suo servizio più importante, era al settimo cielo.
Né la zona in cui si trovava il teatro non era esattamente lussuosa. Ci arrivò in taxi, l'odore acre di vecchio pervadeva il teatro fin dall'ingresso, un odore penetrante tipo i vecchi cinema di 40 anni fa.
Si accomodò in una poltroncina in zona centrale e attese l'inizio dello spettacolo, dopo sarebbe andata dal regista per fargli delle domande. Non c'era molta gente, anzi per come le era stato presentato, sembrava che non avesse grande successo di pubblico. Anche se poi arrivò un po' di gente, il teatro non era pieno. Era la funzione del giovedì e replicava il venerdì e il sabato.
La scenografia era in perfetta armonia col teatro: vecchia, ammuffita, decisamente kitsch.
Lo spettacolo cominciava con un monologo di un attore attempato, stempiato; fu difficile capire il senso di quel che diceva, parlava di respirazione, di corpi, di menti, ma il senso complessivo assomigliava più che altro a un delirio senza senso.
Poi rendendo più prosaico il suo discorso, invitò qualcuno del pubblico a salire sul palco per 'mostrarsi oscenamente al mondo', così diceva letteralmente. Tutti si guardarono intorno e subito una ragazza si alzò e si diresse sulla scena.
L'attore con voce quasi solenne invitò la ragazza e mettersi in una posizione oscena. Lei non capì bene e fu guidata da lui che le fece aprire le gambe e offrire la sua visione al pubblico. Non nuda, vestita con una maglietta e una gonna abbastanza corta, aprì le gambe e rimase in quella posizione. Il vecchio attore invitò chi volesse ad avvicinarsi per toccare la ragazza. Qualsiasi tocco era lecito, purché sopra i vestiti. Si formò una fila di ragazzi che salivano sul palco toccavano in modo osceno la ragazza per qualche secondo e poi tornavano a sedersi. La ragazza sgranava gli occhi ma si lasciava toccare, soprattutto il seno e in mezzo alle gambe, arrivando a essere visibilmente eccitata. Solo a quel punto la scenografia cambiava, la ragazza veniva nascosta da un telo bianco e con un gioco di luci se ne notavano solo le ombre riflesse. Una musica accompagnava la visione. Anche la musica sembrava datata, sembrava musica beat degli anni 70.
Tra le ombre apparve qualcuno e sembrava che spogliasse la ragazza, finché sembrò che quella persona tirasse fuori il suo pene e lei praticasse del sesso orale. Il gioco delle luci faceva vedere chiaramente i contorni, ad un certo punto si videro le sagome di lato di lei che veniva scopata da dietro. I movimenti erano verosimili, la musica copriva qualsiasi altro rumore, finché all'improvviso e per pochi secondi la musica si interruppe lasciando chiaramente sentire i gemiti di lei.
Il contrasto fu forte, ogni movimento e azione uno dopo l'altro si contraddicevano, facendo pensare che fosse tutto simulato, poi che fosse tutto tremendamente vero ma poi tornava il dubbio. La scena finiva con un l'eiaculazione sulla bocca di lei, così almeno sembrava. Si notava l'ombra di lei ripulire il pene dell'altra sagoma e poi lei usciva dalla scena, scendendo dal palco. Tutti gli sguardi finivano su di lei, che aveva lo sguardo basso, come se si vergognasse, prendeva il suo cappotto e usciva dal teatro.
Seguiva un nuovo monologo, sulla falsa riga del primo, vagamente delirante, parlava del concetto di oscenità, sottolineava ambiguamente il ruolo dell'apparenza nel giudicare e nell'essere giudicati. L'ambiguità rimaneva sempre presente, c'erano diversi dettagli che facevano pensare che fosse tutto finto e altri che facevano pensare che la scena fosse stata reale.
Aveva un taccuino per prendere appunti, ma non scrisse quasi nulla, era abbastanza confusa, non capiva bene. Da un lato pensava che fosse tutto molto squallido, ma che in fondo quella era l'idea. Tutta l'ambientazione lo era, quindi c'era una coerenza che finiva col risultare interessante. Poi cercando di andare in profondità le sembrava che non fosse neppure particolarmente originale: creare ambiguità, confondere per concludere che quelle ombre erano una sorta di morale? Le sembrava troppo poco. Altri contenuti non ne aveva trovato, l'oscenità dell'ambiente e della situazione e poco altro.
Era un po' nervosa quando andò a cercare il regista per fargli una piccola intervista.
Le presentazioni furono cordiali, quasi stonavano col tutto, così come stonava il fatto che lui fosse nell'aspetto una persona normale. Se lo aspettava grasso, unto, strano, schifoso. In realtà era addirittura curato e ben vestito.
Gli chiese qualcosa sulla sua biografia, sulla sua vita, sulle sue origini, poi passarono a parlare dell'opera.
-"Il titolo dell'opera Shadow Porn è fin troppo chiarificatore, sono delle ombre porno. L'ambiguità comincia dal titolo?", fu la prima domanda.
Lui la guardò sorpreso e rispose "Pensavo mi chiedesse se le scene di sesso sono vere" e sorrise.
-"Quella è l'ultima domanda", disse lei sorridente. E incalzò "Perché ha scelto questo teatro?".
-"Era l'unico disponibile", disse lui in tono serio.
-"Che definizione di pornografia darebbe?".
-"La pornografia è sbirciare delle persone che scopano, ma la realtà è molto più oscena ed è quello che mi piace".
-"Non è un po' moralista come definizione?".
-"No, per nulla. La pornografia ad esempio è pensare a come lei scopa col suo uomo, lei fa della pornografia ogni giorno. Io amo l'oscenità della realtà. Ad esempio la vedrei bene ora mentre mi fa le domande con un bel cazzo in bocca".
Quelle frasi ricordavano molto i due monologhi dell'opera, definizioni e frasi che sembravano spesso senza senso ma che all'improvviso apparivano chiarissime e logiche, per poi tornare a livello di quasi delirio.
In fondo Roberta aveva paura di quelle frasi, aveva paura dell'oscenità.
"Quella che è salita sul palco era un'attrice?",
"Non lo so, può darsi, di sicuro so che è scesa dal palco con in bocca tutto lo sperma del ragazzo".
"Ogni funzione è uguale all'altra?".
"Torni domani e lo scoprirà", fu la risposta tagliente di lui.
Tornando all'hotel, Roberta, continuava a pensare alle cose viste e alle cose che le aveva detto il regista.
Nella doccia il pensiero ad accarezzarsi dolcemente si scontrava con il ricordo dello squallido acre odore del teatro. Si sentiva sporca, anche dopo la doccia.
Ma il giorno dopo fu proprio quell'odore sgradevole ad attirarla di nuovo in quel teatro. Si accomodò al posto del giorno prima, curiosa di sapere quello che succedeva.
Il monologo iniziale era praticamente identico, poi però sul palco, dal pubblico questa volta salì un ragazzo.
La richiesta di mostrarsi ed essere toccato dal pubblico in modo osceno fu lo stesso. Si abbassò i pantaloni e attese che le persone si avvicinassero, non solo donne ma anche uomini si avvicinavano e toccavano per qualche secondo da sopra i boxer il pene del ragazzo.
Fu quasi d'impeto e senza ragionarci che anche Roberta si alzò e, rossa in viso, toccò il pene del ragazzo. Seguirono le ombre, gli amplessi veri o simulati dietro il telo bianco.
Roberta frastornata aveva ormai dentro di sè l'odore del teatro e sentiva ancora il pene dello sconosciuto sulle sue mani.
Era oscenamente eccitata, ma non poteva ammetterlo, però si presentò nel dietro le quinte per fare altre domande al regista.
-"E' tornata, sarebbe perfetto se questa volta mi intervistasse con un cazzo in bocca",
-"Il suo?", chiese lei sicura.
-"Anche il mio, ma anche quello dell'attore di oggi, non vuole fargli delle domande?".
Certo che voleva e non aveva nessuna scusa, il regista lo aveva capito, lei si trovata lontana da casa, in un improbabile teatro londinese, dentro uno stanzino ammuffito.
Il regista chiamò l'attore dicendogli che una giornalista italiana voleva fare un'intervista.
-"Lei non ha mai fatto un'intervista con un cazzo in bocca, né mai ne farà un'altra".
Turbata ed eccitata accettò. Mentre l'attore rimase col pene di fuori, il regista continuò vestito a rispondere, anzi a chiedere, perché l'intervistata ormai era diventata lei.
-"Lo lecchi per bene e mi guardi".
Totalmente trascinata in un'altra dimensione, Roberta si lasciò andare completamente al cazzo dello sconosciuto attore, dedicandosi completamente a lui. Ben presto anche il regista rimase nudo, offrendo il suo cazzo alla bocca della giornalista.
Non si riconosceva, non era la Roberta di sempre, ma non voleva né poteva cambiare idea, aveva due cazzi con cui divertirsi. Andavano lenti, la bocca di lei non riusciva a stare senza un cazzo dentro, le mani di loro la toccavano ovunque, su una specie di materassino per terra, lei continuò i suoi giochini, mentre da dietro l'attore le sollevò il vestito e le sfilò le mutandine.
Lei era bagnatissima, accennò a sfiorarsi la fica, ma sentì che l'altro giocava coi suoi umori e soprattutto col suo culo, finché senza avviso né autorizzazione, spinse il suo pene dentro il culo di Roberta, senza praticamente trovare opposizione.
Fu oscenamente sodomizzata e urlò dal piacere immersa in quella situazione squallida. Non le era mai successo di fare sesso anale in quel modo, né di essere inondata di sperma in quel modo. Finita l'eccitazione, un'ondata di vergogna la pervase, prese la sua roba e scappò letteralmente via, mentre il regista la salutò dicendole "Ci vediamo domani per la funzione del sabato".
Nella metropolitana qualsiasi contatto la turbava, sempre con quella strana sensazione ambigua tra piacere folle e squallore. Era senza slip e guardando la gente aveva la sensazione che si sarebbe fatta scopare da chiunque.
In hotel, dopo la doccia, guardandosi nuda allo specchio si sentì schifosamente sporca, ma ancora tremendamente eccitata. Quando ripensava a quello che le era capitato il suo cuore batteva forte e tutto il corpo tremava.
Il giorno dopo si presentò di nuovo alla funzione, il giorno dopo sarebbe tornata in Italia.
Arrivò in anticipo e andò nel dietro le quinte, anche per scusarsi del fatto che il giorno prima era andata via di corsa.
La salutò gentilmente il regista, senza far cenno a quello che era successo il giorno prima.
-"Oggi ha voglia di partecipare alla funzione?"
-"Come?", disse lei sorpresa.
-"Le facciamo un cenno, si tenga pronta".
Non se l'aspettava veramente, ma non vedeva l'ora di provare.
Alla solita richiesta di salire sul palco però fu un'altra donna, sulla quarantina a farsi avanti.
Roberta, non capendo, pensava di essersi sbagliata e che ormai avevano scelto un'altra.
Ma subito dopo con un cenno la guardarono e la invitarono a salire sul palco.
A lei e l'altra chiesero di girarsi e di sollevare la gonna e al pubblico il solito invito a venire a toccarle in modo osceno.
Sentì le mani della gente addosso che le toccavano il culo senza ritegno, cosa che la faceva impazzire dall'eccitazione, poi fecero calare il telo bianco.
Il cuore le batteva forte, ora stava per diventare un'ombra per il pubblico. Cominciarono a spogliarla, si unirono due attori, uno era quello che conosceva, l'altro era nuovo, sembrava timido. Si spogliarono e la prima sorpresa fu che fu il secondo attore a fare sesso orale all'altro. Stesero un materassino e piano piano nell'ombra cominciarono a scopare. L'altra che era sicuramente un'attrice era molto intraprendente, mentre Roberta non sapeva come muoversi, lasciava fare.
L'altra, completamente nuda, cominciò a scopare con uno, salendogli sopra e invitando la giornalista a unirsi. Si tolse le mutande e su invito dell'altra si accomodò sul viso di lui, continuando a baciarsi in modo spudorato con l'altra.
L'altro attore se ne stava quasi in disparte nudo, accennava a masturbarsi, cercarono di coinvolgerlo, ma ci riuscirono solo quando anche lui cominciò a succhiare il cazzo del primo attore. Si unì anche il regista in quella che era una vera e propria orgia.
Quando per qualche secondo stopparono la musica, si sentirono i gemiti osceni di piacere dei 5 che scopavano tra loro.
Anche stavolta la nostra giornalista fu inculata per bene. Mai fu scopata nella fica, solo leccata, ma lo prese nel culo sia dall'attore, sia dal regista. Anche l'altro attore, che evidentemente gradiva di più la presenza maschile, fu scopato e fu Roberta ad aiutarlo ad eiaculare subito dopo.
Scrisse un lungo articolo, che giocava a sua volta con l'ambiguità dello spettacolo visto, provò a descrivere l'ambiente nei minimi dettagli, compreso l'odore di legno marcio che pervadeva tutto il teatro e che in quel momento associava in modo diretto al piacere che aveva provato quando fu oscenamente scopata nel culo. Ma questo non poteva scriverlo, dovette far calare il telo bianco e mostrare ai lettori solo le ombre.

Questo racconto di è stato letto 8 0 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.