Le foto di Marisa

Scritto da , il 2016-04-28, genere tradimenti

Marisa era patita del fitness, amava curare il suo corpo e la sua mente, dopo il lavoro, la faceva sentire bella e ammirata. Aveva 42 anni, un matrimonio, 2 figli, alti e bassi nella sua vita normale da impiegata.
Aveva dunque un bel fisico ed era sempre curatissima nel vestirsi e nel mostrarsi.
Nella palestra in cui andava ormai da anni nacque l'idea, per la verità non troppo originale, di fare un calendario per l'anno nuovo, con foto dei clienti e degli istruttori. Normali foto in palestra facendo esercizi o comunque svolgendo normalmente la propria attività. Tra le persone a cui venne proposta l'idea ci fu anche Marisa, che si divertì molto nel sentire la proposta. Non si prendeva troppo sul serio, ma le sembrava un'idea simpatica e dopo qualche insistenza accettò senza problemi.
Si trattava di foto normalissime, fatte da un fotografo professionista, che il giorno prestabilito rimase ore a fare foto a tutti. Il risultato finale fu un bel calendario, di quelli però visti migliaia di volte, niente di nuovo, ma le foto erano belle e nel mese di luglio c'era anche Marisa, mentre faticava coi suoi esercizi e sullo sfondo la palestra sfumata.
Un pomeriggio, mentre era ancora a lavoro, Marisa ricevette un messaggio sul cellulare che diceva "Scusa se disturbo, sono Luca, il fotografo del calendario, ricordi?".
Si scambiarono qualche messaggio e poi Luca chiese "Hai mai pensato di fare qualche foto? Sei proprio fotogenica".
Marisa prese la cosa poco sul serio, si mise a ridere e declinò gentilmente l'offerta. Era vanitosa, amava apparire bella e curarsi, ma le sembrava una proposta assurda. Ovviamente fu un colpo positivo per la sua autostima, ricevere complimenti era per lei, e credo per tutti, bellissimo.
Ma Luca ci riprovò, tornò alla carica con Marisa, chiedendole se andava nel suo studio e tranquillizzandola per le sue intenzioni, non c'era niente di strano, solo e soltanto la possibilità di fare qualche foto.
Insomma l'idea solleticò tanto l'ego di Marisa che un giorno, di nascosto dal marito, andò nello studio di Luca.
Luca aveva lo studio aperto al pubblico al piano terra e sopra la sua casa.
Al suo arrivo Luca la accolse con un sorriso enorme
"Finalmente, entra Marisa",
"Bhe eccomi", disse lei.
"Vieni, ti spiego, mi sei rimasta impressa da quelle foto in palestra e pensavo ti potesse interessare fare qualche foto carina. Ti mostro lo stile se vuoi. In ogni caso, stai tranquilla, non c'é niente di strano, tutto alla luce del sole".
Le mostrò foto in bianco e nero, delle belle foto, sempre con donne in penombra, con volti non distinguibili, alcune vestite, altre in intimo, ma sembravano belle foto, niente di volgare.
"Ecco, questo tipo di foto intendo, mi piace giocare con le ombre, con donne e corpi normali. Te la senti ?"
Marisa, guardava le foto, senza nascondere né l'imbarazzo né il fatto che era lusingata dall'idea.
"Ad esempio, noto che hai delle calze, te la senti di senderti su quel divano e sollevare leggermente la gonna in modo da vedere il pizzo delle calze? Sono autoreggenti no?"
"Sì, autoreggenti, dove dovrei andare?".
"Laggiù su quel divano, proviamo ti va?"
Marisa timidamente provò a fare quello che Luca chiedeva, si accomodò, sollevò un po' la gonna fino a mostrare il pizzo e Luca scattò in rapida serie qualche foto, di lato.
"Ecco, così, come ti senti? Non è difficile no? Se vuoi possiamo provare altre posizioni".
Marisa cominciava a non capirci più nulla, se non che le piaceva essere fotografata in quel modo.
"Il viso no, però", disse Marisa, sempre piú a suo agio nel ruolo di modella.
"Certo, solleva un po' la gonna, facciamo qualche foto a letto, tu muoviti spontaneamente".
Marisa ci provò, cercò di essere spontanea.
"Ottimo, Marisa, grazie, ci vediamo fra qualche giorno, così guardiamo assieme le foto?".
Fu così che terminò la sessione, con la promessa che Luca avrebbe avvisato Marisa quando le foto erano pronte.
Marisa si sentì bellissima, per qualche minuto della sua vita normale, si sentì ammirata e valorizzata. Non disse nulla a nessuno, ma il pensiero di quello che aveva fatto era fonte di breve ma intensa felicità, un rifugio momentaneo contro il grigiore della vita fatta di lavoro e poco altro.
"Bellissime, devi venire al più presto", fu il messaggio che Luca inviò a Marisa due giorni dopo.
Erano davvero delle belle foto, curate, per nulla volgari e Marisa stentava a riconoscersi.
"Ma sono proprio io?", disse lei ridendo.
"Sei stupenda, guarda questa", mostrandole una foto in cui la si vedeva da dietro.
"Qui ti si intravede sedere e perizomino", agiunse lui.
"Che ne pensi se le pubblichiamo in un sito di foro e sentiamo cosa dice la gente? Tanto tu non sei riconoscibile".
Marisa accettò curiosa per la sfiga, le sembrava una bella idea, sebbene rischiosa, sottoporsi al giudizio della gente. Sapeva che erano delle belle foto, ma aveva anche un po' paura che qualcuno dicesse delle cattiverie, distruggendo la sua autostima.
Luca le pubblicò immediatamente, in attesa del riscontro della gente.
La notte, in casa, di nascosto, Marisa controllò in quel sito, per leggere se c'erano commenti e fu sorpresa dal fatto che c'erano ben 15 commenti. Tutti abbastanza positivi, alcuni volgari, altri carini, ma la maggior parte chidevano di più. Non solo altre foto, ma foto con meno vestiti addosso.
Rimase nervosa tutta la notte, ripensando al discreto successo delle sue foto, sognò e fantasticò un po' prima di addormentarsi.
I messaggi di Luca arrivavano sempre di pomeriggio e anche quel giorno arrivò puntuale e telegrafico "Li accontentiamo Domani in studio dopo il lavoro?".
Anche se finse di non capire, il messaggio era chiaro: avrebbe accettato di togliere qualche vestito in più?
Ormai il gioco le piaceva, la intrigava, non sapeva come sarebbe finito, ma il giorno dopo si presentò nello studio di Luca.
Si presentò vestita da impiegata, visto che usciva dall'ufficio, ma con delle belle scarpe con tacco e questa volta reggicalze.
Luca chiuse lo studio e fu da lei.
"Oggi togli la gonna, così accontentiamo i tuoi ammiratori?",
Marisa, sorrse e tolse la gonna, rimanendo in camicetta, reggicalze e perizoma.
Cominciarono gli scatti.
"Siediti sul letto e accavalla le gambe", cominciò Luca.
"Sdraiati col sedere all'insù",
"Sbottona la camicetta, ché si intraveda il reggiseno".
Continuarono gli scatti, poi Luca disse "Qualcosa di più osé te la senti? Niente di grave, ho un'idea: stai in piedi, ti abbassi le mutandine, ma io fotografo solo le scarpe con le mutandine alle caviglie".
Marisa accettò ma in quella posizione, si coprì la passerina per pudore.
"Ora levale del tutto, girati e fotografo il culetto incorniciato dal reggicalze".
"Bellissima, queste due foto, sono il massimo".
Marisa, un po' rossa in viso, fece per rimettersi le mutandine, ma Luca la fermò "No, aspetta, qualche altra foto e abbiamo finito, togli anche camicetta e reggiseno e nasconditi sotto le lenzuola. Facciamo foto vedo non vedo, non ti preoccupare".
Ormai Marisa era lì e non riusciva a dire di no a niente, tolse tutto e rimase sotto le lenzuola.
Luca si avvicinò e fece degli scatti sul corpo nudo, ma coperto in parte dalle lenzuola.
"Spettacolare", disse Luca, "vedrai che effetto faranno queste foto in quel sito. Ma tu dimmi, ti piace, ti senti a tuo agio?".
"Sì,-rispose lei, completamente. E' un 'esperienza nuova per me, ma mi piace il tuo modo di lavorare.",
"Pensavi che fossi un maiale e ci volessi provare con te eh?", disse Luca sorridendo.
"No, ma ci mancherebbe", rispose lei ancora nuda sotto le lenzuola.
"Aspetta, ti passo le mutandine, così ti rivesti".
Marisa le prese, si alzò dal letto nuda e infilò il perizomino, mostrando il seno nudo, poi andò a rimettersi camicetta e reggiseno.
Luca osservò sorpreso tutta la scena e non poté fare a meno di dire "Che fisico, Marisa, non avevo notato bene che belle tette che hai".
Marisa si coprì imbarazzata, in mezzo alla stanza con addosso solo perizoma e reggicalze.
"Stai così, stai benissimo", disse Luca alzandosi e ammirandola.
Mentre lei quasi impietrita rimaneva con le mani sul seno, lui si avvicinò, le sfiorò le labbra con una mano, le tolse le mani dal seno e cominciò a baciarlo, si chinò per sfilarle le mutandine, dando un bel bacio passionale alla passerina già calda di Marisa.
"Vai sul letto, sdraiati e comincia ad accarezzarti", disse con tono quasi di ordine Luca, mentre cominciava a spogliarsi.
Marisa eccitatissima si mise sul letto e quando arrivò Luca e vide il suo pene in erezione, cominciò ad ansimare, non riuscì a resistere neppure un secondo e lo afferrò con la mano, spingendoselo in bocca, leccando le palle in modo vorace, con la mano di Luca impegnate a penetrarle la fica.
Poi Marisa aprì per bene le gambe, per ricevere il cazzo di Luca, che entrò facilmente.
"Che fica calda che hai, troia", urlò Luca, mentre Marisa rispondeva solo con gridolini di piacere.
"Da quant'è che non ti scopano come si deve, troia?", continuò Luca eccitatissimo, poi la girò e la prese da dietro, si sentiva il classico rumore quando nella penetrazione dava dei colpi alle chiappe di Marisa.
"Ti schiaffeggio il culo, così tuo marito capirà che si sono chiavati la mogliettina troia".
Luca non era più il gentile e attento fotografo di prima, quando scopava si trasformava, amava lasciarsi andare e amava essere piuttosto deciso. Marisa, no, non era abituata e la novità la sconvolse ma non reagì mai, perchè era talmente eccitata che voleva godersi tutto fino in fondo.
Al sentirsi chiamare troia e al sentire le sculacciate forti di Luca, esplose in un orgasmo fortissimo.
"Brava troia, godi", disse Luca quando se ne accorse, ma non smise mai di montarla.
"Ne vuoi ancora?", continuò lui.
"No, basta, ti prego", disse lei esausta.
"No, non basta, troia, so che ne vuoi ancora, anzi ora lo prendi anche nel culo, tanto ho visto che non è vergine".
"No, nel culo no", rispose lei, quasi spaventata.
"Sì, invece", bastò un po' di salvia e i loro liquidi per preparare il culetto di Marisa, che, nonostante continuasse a dire di no, si prese anche una bella inculata.
"Nel culo no, stronzo", continuava a ripetere lei, ma invece di divincolarsi, si accarezzava la fica, impazzendo dal piacere.
Venne di nuovo, urlando dal piacere e ormai senza alcun freno inibitore si fece sborrare abbondantemente sul viso.
Rimasero così entrambi sul letto, a riprendersi dalla fatica, Marisa spaventata in parte dalla situazione, ma completamente rilassata, sentì che Luca le accarezzava i fianchi.
"Che scopata, Mari, sei un vulcano" e le baciò dolcemente la pancia. Luca era tornato tranquillo e gentile, Marisa si tranquillizzò del tutto e si mise anche un po' a ridere per com'era conciata. Chiese di andare in bagno per pulirsi, lui la accompagnò e la aiutò.
"Dimmi che verrai a farti altre foto tipo queste!", disse lui in tono scherzoso.
Marisa si rivestì da impiegata modello, prese la sua macchina e tornò alla sua vita di sempre.

Questo racconto di è stato letto 8 1 5 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.