Una situazione sfuggita di mano - secondo capitolo

Scritto da , il 2016-04-21, genere tradimenti

Chiara da quella volta cambiò, anche il rapporto col suo ragazzo fu diverso, non tanto sessualmente, anzi da quel punto di vista si lasciò andare di più, ma ebbe la sensazione che aveva tante altre alternative e che il suo ragazzo non era l'unico al mondo.
E poi ricordava la scopata con l'altro. se la ricordava benissimo e si eccitava spesso ripensandoci.
Voleva anche risentirlo, chiedergli come stava, ma non ne aveva il coraggio.
Per sua fortuna qualche sera dopo, mentre lei era già a letto ricevette un messaggio sul cellulare, era lui che diceva "che fai? a che ora passi?". Era lo stesso messaggio che lei aveva mandato a lui come scusa. A lei fece molto piacere e rispose con un emticon :)
Dopo i convenevoli, lui cominciò a aumentare il livello dei messaggi.
"Quando scopiamo di nuovo?", cominciò lui.
-"Mai piú"
-"Dai, ma sei hai goduto come una matta"
-"Ma non succederà più"
-"Dai, solo una scopata"
-"No"
-"Comunque scopi da dio, anche col tuo ragazzo scopi così?"
-"Certo"
-"Non ci credo che non vuoi un'altra ripassatina ..."
Lei rimase senza rispondere per qualche minuto, poi mandò l'ultim,o messaggio di quella sera:
"Domani pomeriggio", corredando il messaggio con la foto appena fatta della sua passerina.
La bimba voleva un'altra ripassata, la voleva già dal primo messaggio, ma non voleva ammetterlo. Preso coraggio, si abbassò le mutandine e scottò una foto per lui. Insomma, era un modo elaborato di dire sì.
E il pomeriggio del giorno dopo lui si presentò puntuale all'appuntamento.
Lei si era scalza, con la solita mini svolazzante, magliettina e mutandine. Questa volta un perizomino nero.
Si rinchiusero nella sua camera, lei si prese una bella sculacciata e anche stavolta le mutandine volarono via.
Quasi senza parlare lui era già impegnato a mangiarle la passerina e lei a godersi la situazione.
"Mi piace quando fai la troietta così, quanta voglia hai di cazzo?"
"Tanta", rispose lei eccitata.
"E dimmelo allora"
"Ho voglia di cazzo", disse lei, fiondandosi sui pantaloni di lui e togliendoli.
Ben presto lei finì a cavalcare, su e giú coi suoi gridolini timidi, ogni tanto si inarcava all'indietro per sentirlo meglio dentro.
"Sei la mia troietta e anche oggi ti sbatto e ti faccio godere", la prese da dietro, la girò e cominciò a montarla.
Lei ormai non poteva reagire, era completamente in balia di lui e la cosa la spaventava ma la eccitava da morire.
Continuò a chiavarla, a sculacciarla, a tenerla per i capelli e quando lei ebbe il primo orgasmo, lui continuò, senza pietà.
Dopo l'amplesso, questa volta lui si fermò con lei per un po'.
Si abbandonarono anche a un po' di tenerezza, parlarono un po' delle loro vite, nudi, sul letto, lei appoggiata al suo petto.
"Sei dolcissima, Chiara", le sussurrò lui, in forte contrasto rispetto a qualche minuto prima quando eccitato la sbatteva con decisione dicendole paroline molto hard.
Lei non rispose, ma si sentiva felice, in quella posizione e sentendo quelle parole.
"Dimmi che scoperemo anche altre volte", disse lui
"Sì", rispose sicura lei, senza sprecarsi in parole, come era sua abitudine.
"E come fai col tuo ragazzo?",
"Non lo so, ora non ci voglio pensare".
"Tanto arriverà il momento in cui ti pentirai, dirai che è stato un errore, ti accorgerai che ami solo lui".
Lei scoppiò a ridere e disse "Come sei serio" e poi le prese in mano il pene e lo baciò con passione. Questa volta fu lei a guidare, a salire sopra di lui, che però non riusciva a resistere e amava aumentare il livello.
Mentre lei cavalcava di nuovo felice, lui le mise un ditino nel culetto, che la fece letteralmente alzare e andare via dal letto.
Lui la seguì la prese da dietro e la abbracciò e cominciò a sussurrarle
"Mi hai promesso che mi darai il culetto",
"Non me la sento per ora",
"Ma ti piace quando ti metto il ditino no?"
"Sì, molto" e allora lui ci riprovò e questa volta lei lasciò fare.
Lui voleva possederla del tutto, era ormai il suo pensiero fisso.
"Ma ora non me la sento", ribadì lei che tornò a letto, aprì le gambe, si accarezzò livemente il clitoride e sorridendo disse "Vieni".

Questo racconto di è stato letto 6 7 9 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.