La professoressa

Scritto da , il 2016-06-25, genere orge

Adriana, conosciuta da tutti a scuola come la professoressa M., era una quarantacinquenne appariscente, dal fisico prorompente segnato un po' dagli anni.
Era separata da qualche anno, dopo un lungo matrimonio. Il marito la aveva lasciata per un'altra, più giovane e lei ne aveva risentito cadendo in uno stato di lieve depressione, che le fece perdere un po' della sua naturale allegria.
Era sempre stata una donna esuberante, sessualmente molto attiva, appariscente nel vestirsi e nel mettere in mostra le sue forme abbondanti.
Nella scuola oltre a essere conosciuta come insegnante, attirava l'attenzione dei maschietti che fantasticavano spesso sulle sue forme.
Durante una gita scolastica si trovò in una situazione particolare.
Nello stesso hotel in cui era ospitato l'ultimo anno della scuola superiore in cui insegnava, c'era un'altra ultima superiore di un'altra scuola. I ragazzi di questa scuola, o meglio alcuni, notarono la professoressa, cominciarono con le battutine e gli apprezzamenti.
Dopo averla vista e sognata per un po' decisero di provare uno scherzo. Con una banale scusa, la chiamarono e le chiesero se poteva entrare nella loro camera dell'hotel per vedere una cosa. Lo dissero con una certa foga, tanto da allarmare un po' la professoressa che accettò di entrare in camera.
Tra le risatine generali dei ragazzi (erano tre nella camera), due di loro uscirono dalla doccia nudi, dicendo di aver visto qualcosa di strano nella doccia.
La professoressa rimase di stucco quando vide li vide nudi, non se l'aspettava e non poté fare a meno di dare un'occhiatina furtiva al pene dei ragazzi. Disse loro di rivestirsi e di avvisare i loro professori, ma rimase turbata.
Qualcosa dentro di lei si mosse, brividi, sensazioni strane, la vista di bei ragazzi giovani e nudi, la fece tentennare, balbettò qualcosa, ma i ragazzi si resero conto che lo scherzo era andato a segno e aveva sortito effetti che andavano ben oltre quello che si sarebbero potuti aspettare.
Alle risatine subentrò una sorta di imbarazzo generale, rimasero per qualche secondo in totale silenzio davanti a quella scena strana.
"Rimanga un po' con noi, prof", disse un ragazzo prendendo un po' di coraggio.
Lei invece era rossa in viso, non capiva cosa le stesse succedendo, anzi lo capiva, si era eccitata, ma non capiva come potesse esserle accaduto.
"Ma quanti anni avete?", chiese lei e sentì quasi in corso due rispondere '18', mentre il terzo disse '19'.
"Lei è bellissima, lo sa, prof?", disse uno.
"Smettetela, io non dovrei neppure stare qua dentro", cercò di giustificarsi lei.
"Le piace il sesso, prof?",
"Non posso ragazzi, devo andare".
"Cinque minuti, resti un po' con noi".
Si sentì desiderata, come mai le era successo in vita sua, i corpi nudi di due giovani la eccitavano, chiuse gli occhi, guardò la porta chiusa della camera e decise di rimanere.
"Le piace, prof?", disse un ragazzo mostrandole il suo pene.
"Sì, è bello. Anche il tuo", disse rivolgendosi all'altro. Mentre il terzo ragazzo fece anche lui per spogliarsi.
Si sedettero su un letto, la professoressa in mezzo, due al suo fianco, mentre l'altro toglieva pantaloni e boxer.
"Perchè non si spoglia anche lei?".
"Non posso", disse lei, ritraendosi.
In quella posizione, un ragazzo cercò la sua bocca e cominciò a baciarla, senza che lei opponesse la minima resistenza.
Nella passione del bacio, la mano di lei andò a sfiorare il pene del ragazzo e quasi fingendo che non lo facesse di proposito, la sua mano cominciò a tastare le palle, poi il cazzo nella sua lunghezza.
"Ha le autoreggenti?", chiese un ragazzo.
"No", ora no.
"Ma le ha in valigia?".
"Sì, in valigia sì".
"Perchè non se le mette e torna qui?".
"Non posso", ripeté lei, mentre continuava ad accarezzare i bei cazzi giovani dei ragazzi.
Si lasciò toccare il seno abbondante, proseguirono mettendole le mani timidamente ovunque.
Lei ormai in preda a una eccitazione senza via di ritorno, cominciò a tastare con la lingua le palle di un ragazzo, fino ad arrivare alla punta del suo pene, provocando una rapida eiaculazione. Lo stesso fece con gli altri due, fino a soddisfare le loro voglie.
Poi rossa in viso e sconvolta, si alzò, rimise a posto il vestito, spostato dalle tante mani che ricevette addosso e fece per andarsene.
"Perchè non torna domani? Con le autoreggenti però".
Era calda in viso e in tutto il corpo, non aveva voglia di ragionare, l'eccitazione ragionava per lei e accettò l'ardito appuntamento che le avevano proposto.
Si sentiva desiderata, lei assieme a tre giovani inesperti, a cui insegnare le arti maliziose del sesso.
Il giorno dopo non riusciva a togliersi dalla testa quello che era successo e quello che sarebbe potuto succedere ancora.
Era posseduta da un fuoco di passione e di voglia di sesso, non ebbe neppure per un istante la forza di pensare con la propria testa, non vedeva l'ora di infilare le autoreggenti nere e presentarsi all'appuntamento coi tre giovani amanti.
All'appuntamento si presentò puntuale, di notte, dopo aver messo in atto una serie di accorgimenti per non fare notare la cosa, altrimenti sarebbe stata rovinata.
Dentro la camera i tre ragazzi erano imbarazzati, ancora vestiti e fu lei a cercare di sceglierli un po', occupandosi direttamente di spogliarli.
"Mi volete vedere nuda?", chiese lei, ottenendo l'ovvia risposta di assenso da parte loro.
Tolse il vestito, rimanendo in intimo, tolse il reggiseno e il perizoma, rimanendo completamente nuda, ma con addosso le autoreggenti nere.
"Vi piaccio?", disse lei felice, ammirata dai suoi amanti, allegra per quella situazione assurda.
Lei comandava il gioco, lei decideva cosa dovevano fare i suoi amanti.
Si mise sul letto, gambe larghe e chiese a due di baciarle le tette mentre l'altro, inginocchiato le leccava la fica.
Continuava a chiedere 'vi piaccio così?', per compiacersi dell'eccitazione che provocava.
Si inginocchiò di fronte a due, leccando famelicamente i due cazzi. Poi fece inginocchiare anche il terzo ragazzo, invitandolo a sua volta a prendere in bocca i cazzi dei due amici.
Quasi in trance i quattro cominciarono a scatenarsi, lei continuava a dirigere, ma anche i tre giovani cominciarono a prendere iniziative.
Salì sopra i ragazzi ad uno ad uno, cavalcandoli a turno.
Ad un certo punto si interruppe, rimase sdraiata sul letto, fece scendere i tre ragazzi e disse loro "Succhiatevelo fra voi, io guardo".
Sdraiata di lato, con una mano nella sua fica, ebbe un bellissimo orgasmo guardando la scena dei tre ragazzi.
Quasi incazzati per quello che lei aveva indotto a fare, si vendicarono dolcemente, prendendola da dietro, cavalcandola a turno, in modo sempre più forte e vibrante.
Finirono esausti, sporchi di piacere. Lei sorridente, sdraiata su un lato, mostrava felice la sua fica da cui colava lo sperma dei suoi giovani amanti.

Questo racconto di è stato letto 1 4 1 0 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.