Una situazione sfuggita di mano

Scritto da , il 2016-04-20, genere tradimenti

Chiara aveva appena 18 anni ed era molto impulsiva, aveva un carattere particolare, si infiammava per qualsiasi scemenza e quando si arrabbiava perdeva il controllo della situazione. Era arrivata a insultare pesantemente un'amica, dopo che tra le due ci fu un malinteso. Poi le passava, ragionava a mente fredda e a volte si pentiva di quel che aveva fatto.
Era una tipa carina Chiara, biondina con dei bei ricci ed occhi chiari, stava da qualche mese con Marco, un ragazzo di 24 anni.
Una sera ricevette una foto via whatsapp da una amica, nella foto c'era Marco con due ragazze, che si abbracciavano e ballavano in discoteca.
Si infuriò e se la prese anche con l'amica per la foto, dicendole che era tutta invidia la sua. E poi si arrabbiò con Marco, le rinfacciò la foto, anche se a dire il vero Marco si dimostrò molto sicuro di sé e non si giustificò in modo approssimativo, ma spiegò che in effetti aveva abbracciato le tipe ma niente di più. Certo la spiegazione era verosimile e Chiara si tranquillizzò.
Ma se anche non era un questione di corna, il suo ego continuò a sentirsi ferito, perché pensava di essere più carina di quelle due e non voleva mostrarsi debole.
Decise di vendicarsi allo stesso modo, dimostrando che anche lei poteva abbracciare altri ragazzi senza problemi.
Una reazione infantile e impulsiva, ma Chiara era giovane.
Aveva il numero di cellulare di un ragazzo carino, molto carino, lo cercò su whatsapp e con una scusa cominciò ad attaccare bottone. Finse infatti di aver sbagliato mandando un messaggio che diceva "che fai? a che ora passi?". Un messaggio che ovviamente ebbe risposta e da lì cominciò a inscenare il finto errore e cominciarono a scambiarsi qualche messaggio.
Lui era più grande, aveva 32 anni ed era di quei ragazzi che sapeva di piacere, di quelli che amano conquistare le loro prede per alimentare il proprio ego. Dopo qualche giorno di messaggi, lui la invitò a prendere qualcosa assieme. L'idea iniziale di Chiara era farsi vedere con un altro e magari mandare una foto a Marco, quindi l'obiettivo era molto vicino.
Durante l'incontro Chiara non riuscì a trovare l'occasione giusta per chiedere di farsi una foto con lui, fargli la richiesta fuori contesto, dal nulla, sembrava poco verosimile, chissà cosa avrebbe pensato.
Si innervosì un po', se sentì un po' scema in quella situazione e reagì come sempre d'impulso.
"Scusa, devo dirti la verità, sono uscita con te per far ingelosire il mio ragazzo", disse lei all'improvviso.
"Ingelosire come?", chiese lui sorpreso.
Lei le spiegò tutta la situazione e lui fu molto divertito.
"Dai andiamo a casa tua e facciamo una foto in camera tua e poi la mandi al tuo ragazzo", propose.
Chiara accettò dopo qualche insistenza, indecisa se era per vendetta o perché le piaceva molto quel ragazzo.
Lei era con la sua solita mini in jeans e un golfino leggero a V, che faceva intravedere le sue belle tette.
In casa erano soli, andarono in camera e lui, tra battutine e scherzi, proponeva possibili pose per la foto.
"Ci possiamo baciare nella foto?", lei rise e disse no.
"Almeno un abbraccio?"
"Va bene, proviamo", accettò lei e lui le mise una mano sui fianchi, provarono a farsi qualche foto amichevole.
"Però poi un bacio me lo dai?", propose lui avvicinandosi al suo viso.
"Non posso", disse lei ritraendosi.
"Non puoi o non vuoi?", incalzò lui.
"Non posso e non voglio", rispose lei, ma qualche istante dopo non riuscì a evitare un bacino sulle labbra.
"Morbide, un altro?", continuò lui, conquistando piano piano qualche cm per avvicinarsi a lei.
I bacini cominciarono a essere vari, mentre lui le chiedeva cosa facesse, cosa studiasse, cosa le piacesse.
Poi i bacini si trasformarono in un bacio vero, profondo.
Le mani di lui cominciarono a vagare ovunque, quelle di lei erano più impegnate a difendere le parti piú private, ma in qualche momento non disdegnarono qualche toccatina furtiva.
Lui piano piano guadagnava terreno, le mani sotto il golfino ormai non erano respinte, riuscí persino a sollevarlo e a dare qualche bacio sulle tette di lei da sopra il reggiseno.
Le sfilò anche il golfino quando a interrompere la situazione intervenne lo squillo del cellulare di lei.
Vide il display: era il suo ragazzo, doveva per forza rispondere.
Lo implorò di fare silenzio, di non farsi sentire assolutamente, di non fare lo scemo.
Lui divertito accettò la disse "ok, ma ti slaccio il reggiseno".
Non aveva molto tempo per negoziare, doveva rispondere e gli disse ok, basta che non si facesse sentire.
"Ciao amore", rispose lei al telefono, cercando di mantenere un certo contegno per non destare sospetti, cosa non facile visto che l'altro nel frattempo l'altro aveva sganciato il reggiseno e si trovò col seno scoperto.
"Che fai, dove sei?"3, chiese Marco.
"Sono in casa, studio un po'", rispose lei facendo uno sforzo immane per mantenere un certo controllo.
"Sei ancora incazzata per quella foto?", chiese lui.
"No", rispose lei in tono strano, quasi come se fosse una risposta meccanica. Era impegnatissima a respingere le avance sempre più hot dell'altro.
"Ti sento strana", disse Marco, sentendola quasi assente o stralunata.
"No, è che sono incasinata, non capisco nulla di quello che sto studiando". In realtà non capiva nulla perché l'altro le stava baciando le tette. Riuscì ad allontanarlo, ma aveva i capezzoli inumiditi dalla saliva di lui e decisamente duri.
"Volevo dirti che stasera non ce la faccio a venire a prenderti, rientro tardi".
"Va bene, solite cazzate", disse lei, finalmente attenta e come al solito incazzata.
"Ma giuro", provò a giustificarsi lui."
"Va bene, mandami un messaggio dopo, ciao", tagliò corto lei, che in mente per quel momento aveva dell'altro.
"Casini?", chiese lui.
"No, niente di grave".
"Che belle tettine, posso continuare ad assaggiare?", proseguì lui, mentre lei ora assorta in altri pensieri, si lasciava ciucciare le tette senza opposizione.
In quella posizione e con quella bella mini in jeans si notavano anche le mutandine bianche, semplici, in cotone.
"Che brava bimba, posso vedere la passerina?" e senza aspettare risposta, con una mano, scosto le mutandine, lasciando intravedere la bella passerina vorace della fidanzatina 18enne.
"Sdraiati un po'", disse lui, al che lei rispose con un 'No', che significava chiaramente sì e si abbandonò all'indietro, lasciando strada libera perché lui assaggiasse quella giovane e dolce fichetta.
Appena sentì la sua lingua, lei fece dei sussulti, si sollevò un po' quasi d'istinto e si allontanò leggermente, al che lui, dovette tenerla ben fissa al letto.
Ben presto le mutandine bianche volarono via, così come jeans e boxer di lui, così seduta nel letto, rimase con le gambe aperte e con la bocca aperta, pronta a contenere il cazzo di lui. Se lo aggiustò per bene nella dolce bocca e lo spompinò con gusto.
Ormai era in estasi, non capiva più nulla, miagolava dal piacere, quasi pronta per essere scopata per bene.
"Volevi cazzo, vero troietta?", cominciò lui, usando tutto il vocabolario di quando era eccitato.
Lei rispondeva di sì, ogni tanto, ma ormai era completamente in balia del cazzo di lui.
La sbatteva forte, come lei non aveva mai provato prima, lei ululava a ritmo dei colpi che prendeva nella fica ed esplose in un gran orgasmo che la fece ansimare e tremare tutta.
Per un po' tolse il cazzo da dentro.
"Ti è piaciuto, troietta?", lei fece cenno di sì, rossa in viso, tutta spettinata, provò ad alzarsi ma tremava ancora.
"Ora ti inculo", disse lui alzandosi minaccioso.
"No, nel culo no", disse lei indietreggiando mentre lui cercò di seguirla, poi la prese, lei si lasciò andare per terra ancora tremante.
Lui le aprì il culetto e notò che era vergine e si limitò a metterle un ditino dentro.
"Però devi promettermi che sarò io a romperti il culo quando sarai pronta", lei annuì ancora visibilmente scossa, lui la sollevò di peso, la rimise nel letto, le sollevò le gambe e la scopò di nuovo e di nuovo con forza.
Lei aveva le gambe in alto mentre si beccava di nuovo il cazzo dentro, senza poter reagire, poteva solo ululare e godere.
Ebbe un altro orgasmo intenso e poi fu lui a esplodere e a riempirla di sborra nelle tette.
Poi si rivestì e se ne andò senza quasi salutare.
Lei, Chiara, che voleva solo far ingelosire il suo ragazzo, ricevette la prima gran scopata della sua vita.
La situazione le era sfuggita di mano.

Questo racconto di è stato letto 9 6 7 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.