Una rivale in casa - 1

Scritto da , il 2010-08-11, genere incesti

UNA RIVALE IN CASA



CAP. 1



Era un po’ di tempo che avevo dei sospetti!

Noi donne per queste cose abbiamo un sesto senso… non lo so… quando stavamo tutti e tre insieme percepivo nell’aria una atmosfera sensuale, un qualcosa di impalpabile, ma che mi faceva pensare….

Mio marito e mia figlia…

Da più di un mese avevo notato un comportamento strano, incomprensibili atteggiamenti tra padre e figlia, sguardi furtivi, fugaci carezze.

Fu proprio da una carezza che si instaurò un tarlo nel mio cervello.

Una sera Carlo, mio marito, e Gina, mia figlia, erano seduti a tavola, in attesa della cena. Io ero in cucina… quando stavo per entrare nella stanza da pranzo con le vivande, vidi mio marito che stava accarezzando la mano di Gina e quando sentì che stavo per entrare ritrasse velocemente la mano da quella della figlia: lì per lì non detti importanza alla cosa, poi, però, cominciai a riflettere.

Se fosse stata solo un innocente gesto affettuoso di un padre verso la figlia, che motivo c’era di togliere frettolosamente la mano?

Peraltro non credo che la carezza sulla mano sia un normale gesto di affetto tra padre e figlia.

Io lo ritengo un gesto altamente sensuale, che lo fa chi ti si vuole scopare… o che ti si è già scopato…

Un’altra cosa che mi fece pensare fu che prima mio marito, almeno una sera si e una no, mi deliziava con splendide ingroppate… mentre ultimamente, con varie scuse, riusciva a interessarsi alla mia fica solo il sabato sera.

Io ero stata sempre un tipo molto caldo e appassionato, da giovane avevo avuto molteplici esperienza di ogni tipo, comprese appaganti relazioni omossessuali… ero una convinta bisex.

All’Università, nella facoltà di Biologia, dove il 90% sono donne, è facile trovare belle fichette che si strusciano, ti toccano e ti fanno capire che le vai a sangue… e la mia natura passionale di profonda porcellina non mi ha mai permesso di rifiutare anche questo tipo di approccio.

In poche parole ho sempre avuto una grande voglia di godere e se invece di un bel cazzo era una esperta lingua di donna a farmi sborrare non faceva differenza… parafrasando una bella canzone “l’importante è… venire…”

Quindi la situazione mi si presentava abbastanza complicata… avevo il forte dubbio che mio marito e mia figlia scopassero come porcelli, e quindi ero molto turbata da quella probabile situazione incestuosa, e nel contempo mi veniva a mancare la mia giusta e desiderata razione di cazzo… in poche parole ero incazzata come una biscia.

Cercavo di riflettere a mente fredda senza farmi accecare dalle apparenze… ma è possibile che un padre si scopi la figlia?... non può essere… queste situazioni sono solo fantasie per racconti erotici… la realtà è senz’altro diversa…

Però… Gina ha 19 anni, è una donna ed è anche una gran bella fica, un bel seno e un culetto a mandolino che certamente attira i desideri degli uomini… ma anche quelli di suo padre?

La goccia che fece trabboccare il vaso fu un pomeriggio.

Ero uscita a fare delle spese e, sapendo che in casa vi erano loro due, non mi portai le chiavi.

Feci prima del previsto e quando suonai al citofono e Gina, dopo un bel po’ di tempo, rispose per aprirmi sentii in sottofondo uno strano trambusto.

Quando entrai in casa vidi Gina rossa come un peperone, un po’ scapigliata e con il respiro affannato.

“Gina, cosa hai fatto?” le chiesi.

“No… niente, mamma… stavo facendo un po’ di ginnastica…”

Se non fossi stata incazzata mi sarebbe venuto da ridere… si… pensai proprio di aver visto giusto… Gina la ginnastica la stava facendo sul cazzo del padre…

Ormai avevo la certezza… mio marito mi metteva le corna con nostra figlia… però era una certezza solo figlia delle mie sensazioni… è vero, erano tanti indizi, ma suffragati da nessuna prova… non avevo certo visto Gina farsi inculare dal padre.

Però le prove io le volevo… poi avrei deciso il da farsi.

Come potevo fare, però, per sbattergli in faccia il loro tradimento?

Ma semplice… Olga… è semplice… un registratore… nel caso è valida anche come prova davanti ad un magistrato.

Cominciai a preparare il piano. Acquistai uno di quei piccoli registratori da tasca che contengono fino a tre ore di registrazione.

Il giorno fatidico, durante il pranzo, tra un discorso e l’altro, me ne uscii…

“Ah! Dimenticavo… oggi pomeriggio devo uscire con una amica, deve acquistare un vestito e mi ha chiesto di accompagnarla per darle un consiglio… starò via un paio d’ore…”

Con la coda dell’occhio vidi i loro sguardi incrociarsi e fissarsi a lungo… questi due figli di puttana stavano già pregustando splendide porcate alle mie spalle… ma così è la vita…

Dovevo decidere dove sistemare il registratore.

Cercai di immedesimarmi in loro.

Avendone la possibilità, avrei preferito scopare sul letto, piuttosto che sul divano, per cui scartai il salotto.

Pensai che forse avrebbero potuto avere un po’ di rispetto a non scopare nel letto matrimoniale… e che cazzo… almeno un po’ di delicatezza nei miei confronti…

Rimaneva la stanza di Gina, nella quale, tra l’altro, vi era un comodo letto da una piazza e mezza.

Prima di uscire, con una scusa, entrai nella sua stanza, accesi il registratore e lo sistemai sotto il letto.

Li salutai… e uscii con l’amica. In verità me ne andai in un cinema, sperando di non pensare… e invece pensavo…

Quando tornai, dopo circa due ore e mezza, vidi Gina che sprizzava gioia da tutti i pori… la scopata con il padre doveva essere stata molto appagante.

La mattina dopo non stavo nella pelle e appena uscirono di casa, Gina per andare all’Università e Carlo al suo studio professionale, andai in camera di mia figlia e recuperai il registratore… il cuore mi batteva forte… volevo ascoltare con calma… mi sdraiai sul divano e accesi il registratore.

Dopo qualche minuto di rumori di sottofondo, sentii il rumore della porta che si apriva… poi sentii le voci… le loro voci…

“Oh!... papà… abbracciami… finalmente due ore tutte per noi…”

“Amore di papà… ho il cazzo che mi scoppia… senti…”

“Dio mio… sei durissimo… ne sono felice… hai voglia della tua piccolina… e oggi la tua piccolina ti spremerà come un limone… non ti voglio lasciare una goccia di sborra nelle tue palle… mi devo rimettere in pari… non ce la faccio più a limitare il nostro rapporto a furtive seghe e ditalini scambiati di nascosto, mentre mamma prepara la cena o si fa la doccia… fare sempre tutto così di corsa invece di placarla aumenta la mia eccitazione… metti una mano, senti come sono ridotta…”

“Tesoro di papà… sei un lago… Dio quanto mi piace quando ti metto una mano tra le cosce e sento che non hai le mutandine…”

“Papà, ti ricordi… è stata la prima cosa che abbiamo deciso… quando sono a casa niente mutandine e niente pantaloni… devo essere sempre pronta e disponibile per improvvise libidinose carezze… ti piace che io sia nuda sotto, vero?”

“Si, tesoro… il pensiero che giri per casa senza mutandine mi tiene sempre in uno stato di grande eccitazione… Madonna, come sei bagnata…”

“Dai, papà… andiamo a letto… non ce la faccio più… la mia fica è impaziente… vuole il tuo cazzo… vuole che la riempi… dai… mettimelo dentro…”

Spensi il registratore. Beh! Ora le prove le avevo… sarebbero state più che sufficienti per rovinare mio marito, chiedere il divorzio e levargli pure le mutande.

Ma in un attimo mi resi conto che non era questo quello che volevo… avevo una sensazione strana… senza rendermene conto mi sentivo fortemente eccitata… il pensiero che mio marito e mia figlia scopassero mi aveva messo il fuoco addosso.

Ripensai a quegli uomini che godono fortemente quando sanno che la propria moglie scopa con un altro… magari un altro addirittura trovato da lui, uno con un super cazzo in grado di far godere la moglie come una troia. Questi uomini vanno fuori di testa quando sanno che, appena usciti da casa, la moglie aspetta l’amante a cosce larghe per farsi scopare a morte.

Mi trovavo nella stessa situazione… mi stava eccitando da morire il pensiero che mio marito si scopasse la figlia… che le infilasse nella fica quel suo stupendo cazzo, che io ben conoscevo, e che le riempisse il ventre di sborra facendola godere come una porca… come faceva godere me quando mi chiavava…

La mia mano si intrufolò tra le cosce… le mutandine erano zuppe… e no!!! Cazzo… me la volevo godere pure io la loro scopata incestuosa…

Chiusi a chiave la porta di casa per evitare visite improvvise… mi spogliai completamente nuda e mi sdraiai sul divano… spalancai le cosce, accavallando una gamba sullo schienale e l’altra poggiata in terra… avevo la fica aperta in spasmodica attesa delle mie carezze, che non tardarono a venire.

Passai la mano lungo tutta la spacca e raccolsi un bel po’ di brodino che cominciava a colare… lo portai alla bocca e ne gustai il sapore… inebriante… era da molto tempo che non leccavo più una fica e ricordavo con nostalgia quando il miele della mia occasionale amante mi riempiva la bocca, mentre la porcellina se ne veniva sotto i colpi della mia appassionata lingua.

Rimisi la mano tra le labbra della fica e cominciai ad accarezzarla, mentre riaccendevo il registratore… il colloquio tra i due adorabili porcellini riprese da dove lo avevo interrotto.

“Si, amore di papà… te lo do tutto… ma prima fammela baciare… allarga le cosce… Dio, Gina… che fica stupenda… uhmmm!!! Più la guardo, più mi fa impazzire… è una fica porca… una fica incestuosa… che prende il cazzo del suo papà… Dio santo… mi fa morire…”

“E a me, papà, eccita tanto fartela guardare… sapessi i fremiti che provo quando, nei momenti che mamma non ci vede, allargo le cosce per fartela ammirare… vedo il tuo sguardo libidinoso fisso su di lei… e desidero il tuo cazzo che la penetri per farla godere… Dio, papà, che gusto farti vedere la mia fica… la fica di tua figlia… ma dimmi sinceramente, papà… anche la fica di mamma è eccitante come la mia?”

“Si, tesoro, sinceramente devo dirti che anche Olga, tua madre, ha una fica stupenda… anche la sua fica è una fica da porcona… una fica da troia… una fica che ha goduto tutti i piaceri sessuali… dovresti vederla tesoro… te ne innamoreresti… grandi labbra, carnose… un grilletto molto sviluppato… quando è eccitata e spunta fuori dal cappuccio, ha le dimensioni della punta della prima falange di un dito… è una delizia sentirselo in bocca…

Ma la cosa che mi manda in estasi è quando gode e se ne viene… dalle labbra della fica esce una quantità indescrivibile di liquido cremoso… sembra quasi che sborri come un uomo… è veramente delizioso leccarle la fica per farsi riempire la bocca da quel nettare… dovresti sentirlo… è un sapore delizioso…”

I complimenti di mio marito sulla mia fica mi mandavano in estasi… e adesso ero nella situazione da lui descritta… ero eccitatissima… il grilletto aveva raggiunto la sua massima dimensione, circa un centimetro e mezzo di carne dura che mi spuntava dalle labbra… conoscevo bene il comportamento della mia fica… quando il clito era in quelle condizioni ero prossima a sborrare… quei due dolci maialini mi stavano mandando fuori di testa dalla eccitazione… ma volevo prolungare il piacere… presi ad accarezzarmi piano per non venire…

La registrazione proseguì.

“Dio Santo, papà… come se non bastasse il tuo cazzo a farmi morire di desiderio, adesso ci mancava anche la fica di mamma… potevi stare zitto… mi hai messo addosso la voglia di farmi riempire la bocca dal suo miele…”

Oh!!! Gina… no!!! Non dirlo… mi fai morire… è stupendo immaginare il tuo viso tra le mie cosce, mentre ti spruzzo in bocca il mio godimento…

“Papà… adesso… dai… ficcamelo… scopami… chissà quando ci ricapiterà un’altra occasione come questa per sentirmi piena del tuo cazzo…”

No, tesoro di mamma, stai tranquilla… te ne darò altre di opportunità per farti scopare da tuo padre… Dio mio… stava per farsi impalare… la vedevo a cosce spalancate… il cazzo del padre a pochi centimetri dalla fica…

Mi presi il grilletto tra il pollice e l’indice e presi a sfregarlo… nooooo!!! Cazzoooo!!! Sentivo che stavo per arrivare…

“Dai, papà… appuntamelo… oh!... siiiii!!... appena sento la cappella appuntata sulla vagina non ragiono più… spingi… oh!... oh!... si… così… così… aaahhh!!! Papà… papà… mi sei dentro… dentro… Dio Santo…”

L’aveva infilata… immaginai il cazzo di mio marito penetrare completamente la fica di nostra figlia… il ventre della mia porcellina stava ospitando il cazzo che l’aveva generata… era troppo… strinsi forte il clito e sborrai… sborrai…

Mentre godevo, dalle mie labbra uscirono dolci frasi di incitamento…

“Siii!!! Carlo… siiii!!! Scopala… scopala… scopa la nostra bambina… falla godere… fa godere nostra figlia…”

Avevo avuto un orgasmo tremendo, ma seguitai a toccarmi… e seguitai a sentire i mugolii, i gemiti, gli incitamenti dei due amanti incestuosi.

Avevo goduto, ma l’eccitazione non si era affatto placata… mi infilai tre dita nella fica, ormai un lago di umori, e presi a fottermi con vigore…

Oh!!!! Nooooooo!!! Questo nooooooo!!! E’ troppooooooo!!!!!!!!!!

Sentivo il cigolio della rete del letto di Gina… mio marito la stava scopando e il letto, sotto i colpi di cazzo di Carlo nella fica della figlia, aveva preso a cigolare…

Un suono che mi estasiava e che mi dava al cervello… ad ogni cigolio immaginavo il cazzo di Carlo che entrava e usciva dalla fica della figlia… stavo impazzendo dal desiderio di essere vicino a loro per poter vedere le loro espressioni di godimento.

Mi stavo martoriando la fica… spingevo le dita con violenza nella vagina… le spingevo in fondo fino a toccare la bocca dell’utero… le tenevo piantate dentro e con la punta delle dita la sfregavo… ad ogni titillamento dei polpastrelli contro la bocca dell’utero sobbalzavo dal piacere.

Lo sentivo… stavo per arrivare ancora… il cigolio della rete seguitava ad accompagnare il movimento delle mie dita nella fica… e i gemiti di Gina erano il più godurioso sottofondo al mio godimento.

“Dai, papà… così… Dio come ti sento dentro… era parecchio che non me lo davi… scopami forte… sventrami papà… si… si… così… forte… sto per venire… ma tu seguita… non lo levare… ti prego… ti voglio nella fica per tutto il tempo… oh! Papà… quanto è bello godere con te… me lo darai sempre il tuo cazzo, vero? Ti prego… la mia fica ha bisogno del tuo cazzo… non glielo devi far mai mancare…

Ti ricordi papà la promessa che ci siamo fatti reciprocamente? Sarò sempre la tua puttanella, la tua troietta, la tua zoccola… per tutta la vita… e tu non farai mai mancare il tuo cazzo e la tua sborra alla fica, al culetto e alla bocca di tua figlia… siiiiiiiiiii!!!!! Papàààààààà… me lo darai sempre… daiiiiii!!!! Dai!!!! Che sborroooo…. Cosìììììììì!!!! Siiiiiiiiiiiiiiiii!!!!!!!!... amore mio… mi stai distruggendo…”

Ero fuori di testa… le parole di mia figlia mi stavano facendo impazzire…

Anche Carlo cominciò a gemere… il suo respiro affannato riusciva a malapena a far sentire le sue parole… era evidente come anche lui stesse per godere…

“Si… si… tesoro mio adorato… te lo darò sempre… quando vorrai… sarai la mia amante segreta… angelo mio, mi hai stregato… non temere… la tua fica, il tuo culetto e la tua bocca ospiteranno il mio cazzo ogni volta ne avrai desiderio… tesoro, quanto ti amo… uhmmmm… amore… anche io sto per godere… abbracciamo forte, amore di papà… tra poco ti vengo dentro… aaaaaahhhhh!! Dio mio… si… stringi la fica… abbraccia il mio cazzo con la tua vagina… strizzamelo… dai… dai amore… tesoro mio… veniamo insieme…”

“Si… si.. papà… dai… fottimi forte… come piace alla tua figlia porca… dai porco mio adorato… dacci dentro nella fica di tua figlia… dai che veniamo insieme…”

Ma non li avrei lasciati soli… volevo unirmi al loro piacere… accelerai il movimento delle dita nella fica… avevo allargato al massimo le cosce… la fica fradicia di umori permetteva il rapido e violento va e vieni delle dita nel suo interno… l’orecchio concentrato sul registratore.

Il cigolio della rete stava aumentando di intesità e di frequenza… mi martellava il cervello… sempre più forte… sempre più veloce… mio marito stava dando fondo a tutta la sua potenza virile per far godere nostra figlia.

Non parlavano più… sentivo solo i loro sospiri appassionati, i loro gemiti, il loro respiro affannato… e la frequenza del loro respiro aumentava con la stessa frequenza del cigolio della rete.

Dio mio… da impazzire… quel cigolio… un rumore sempre più assordante… vedevo nella mente la rete oscillare sotto la furiosa spinta del cazzo di mio marito nel ventre di Gina… li vedevo avvinghiati come due serpenti, bocca a bocca, lui a martellare il ventre della figlia… lei a rispondere colpo su colpo con violente spinte della fica contro il cazzo del padre… entrambi nella spasmodica attesa del simultaneo orgasmo.

Sentivo il clito scoppiarmi tra le labbra della fica… forza ragazzi… non ce la faccio più… sborrate, vi prego… sto impazzendo… ma voglio venire insieme a voi… dai Carlo… finiscila… si, finiscila… falla godere e riempila di sborra… riempile l’utero della tua crema… e non ti preoccupare… eventualmente ci sono io, la sua nonna, ad accudire al bambino… ma falla godere… riempi la fica della nostra bambina e falla godere… lo sento che ci sei… riconosco il tuo respiro…

Le improvvise parole di mio marito confermarono le mie sensazioni.

“Gina… Gina… amore di papà… sono pronto… Dio… sono pronto per te… dimmi quando ci sei tu che veniamo insieme… ti aspetto.. amore mio… ti aspetto…”

“Oh!!!!! Papà… aspettavo le tue parole… ci sono… ooohhh!!! Noooo!!! Ci sonoro!!!... daiiiiiii!!!!!! Schizzami dentroooooo!!... dentrooooo!!! Papààààà!!! Dentrooooooo!!!... che vengoooooooooooooooooooooohhhhhhhhhhhhhh!!!!!!!!!!!!!!!.”

“Ginaaaaaa… amore… allargatiiiiiiiii…. Cosìììììììììì!!!!! Sentimiiiiiiiiiii… come ti godo dentro… dentroooooo!!!”

Spinsi con violenza le dita nella fregna… un coltello rovente mi trafisse il ventre… un orgasmo fino ad allora sconosciuto mi fece quasi svenire, mentre sentivo le mie labbra mormorare:

Non so dopo quanto tempo tornai in me… avevo ancora le mani sulla fica… il registratore non emetteva più alcun suono… ero spossata.

Ripresi il registratore e cercai di trovare il punto in cui si sentivano di nuovo le voci… avevano ripreso a parlare dopo il piacere.

“Papà, questo pomeriggio sarà indimenticabile…”

“Hai ragione, tesoro… è stato stupendo… mi sto rendendo conto che non possiamo più fare a meno uno dell’altro… temo però possano sorgere dei problemi… tu sei fidanzata…”

Gina lo interruppe subito.

“Papà, ti prego… lo hai detto anche tu che non possiamo fare a meno uno dell’altro… ed io non voglio fare a meno di te… non me ne frega un cazzo del mio fidanzato… si, gli voglio bene, forse ci sposeremo, ma non dimenticare le promesse che ti ho fatto, promesse in cui credo con tutta me stessa e quando mi ami e mi abbracci sento che anche per te è la stessa cosa.

Ricordi? Appena laureata verrò a lavorare nel tuo studio professionale, sarò la tua segretaria personale… cosa c’è di più normale di una figlia che fa la segretaria al padre?

Ti accompagnerò ai congressi, camere divise, ma comunicanti, e alle cene di lavoro e approfitteremo di ogni momento per godere uno nelle braccia dell’altro.

Nello studio metteremo un bel divano letto, così nei momenti di relax possiamo dilettarci in splendide porcate… te le ricordi queste promesse papà?”

“Si, Gina, amore, ricordo tutto e non vedo l’ora che tutto si avveri… ci pensi… nessuno sospetterebbe se devi fare straordinari fino a tardi insieme a tuo padre…”

“E questo ancor più se io fossi sposata… mio marito non sospetterebbe certo di mio padre se dovessi assentarmi da casa spesso per questioni di lavoro, anche perché certamente lo stipendio sarebbe interessante… uno stipendio a cui mio marito non potrebbe permettersi di rinunciare, vero?

“Certo amore, come avevamo programmato… una segretaria personale, particolarmente fidata e valida sotto ogni punto di vista deve essere ben retribuita… non sei d’accordo? Sono certo che tuo marito non ti farà cambiare lavoro…”

“Si, papà, lo penso pure io… ma dimmi un po’… facciamo due conti…”

Sentivo Gina ridere… la porcellina aveva qualcosa in mente di spiritoso…

“Senti papà… secondo te ad una segretaria che se lo fa mettere nel culo quanto le daresti?”

Anche Carlo cominciò a ridere…

“Beh! Certamente non meno di 4000 al mese… ma se il culo lo sa far lavorare bene si può anche andare più su…”

“Diciamo se il culo lo fa lavorare come me? Che quando ho il cazzo tutto dentro comincio a rotearlo con grazia e libidine?”

“A questo punto certamente 5000…”

“Bene, molto bene… e se la segretaaria ti facesse anche dei stupendi pompino con l’ingoio, senza sprecare niente?”

“Beh! Sai che ho un debole per i pompini, se è una gran pompinara che ingoia completamente il cazzo, per esempio come sai fare tu, arriverei certamente a 7000…”

“Però, la cosa si fa interessante… ma se la segretaria volesse guadagnare ancora di più?”

“Allora dovrebbe fare qualcosa di veramente fuori dall’ordinario…”

Ci fu qualche istante di silenzio, poi Gina riprese a parlare… questa volta con voce seria.

“Io ce l’ho qualcosa di straordinario… il mio più grande desiderio… che tu ben sai… quando io e mio marito decideremo di avere un figlio, farò in modo ad essere tu ad ingravidarmi… sarà il dolce frutto della nostra passione e del nostro amore…”

Ero allibita… un figlio dal padre… ancora attimi di silenzio… poi ancora Gina che rideva…

“A quanto arriveresti per mettere incinta tua figlia?”

Adesso anche Carlo riprese a ridere.

“Gina, tesoro abbracciami… allora riepiloghiamo… inculate, pompini con ingoio, e sborrate nella fica con conseguente ingravida mento di mia figlia… diciamo 15000 al mese… che ne dici”

Silenzio.

“Papà, spero tu abbia capito che io sto scherzando… con te l’amore lo faccio gratis perché ti amo… io scherzo…”

“Ma io no… con quello stipendio, che ringraziando Dio posso benissimo permettermi, tuo marito, chiunque sia, non ci romperà le palle se per lavoro dobbiamo andare una settimana in viaggio di lavoro, per lui, e di piacere, per noi”

“Allora saremo amanti anche quando sarò sposata?”

“Sempre e solo se tu lo vorrai seguiteremo a darci reciproco godimento anche quando sarai sposata …, altrimenti mi ritiro in buon ordine…”

“Altrochè se lo voglio… poi sinceramente essere sposata e avere come amante il proprio padre è una cosa ancora più intrigante… quindi non sei più titubante?”

“Volevo essere certo dei tuoi desideri…”

“Papà ti amo…”

Tacque per alcuni istanti… io ero attentissima alle loro conversazioni post orgasmiche… poi Gina riprese a parlare…

“A me dispiace tanto solo per mamma… mi sento in colpa perché le voglio un mondo di bene… ma cosa posso farci se sento questa enorme attrazione per te?”

“ Si, amore hai ragione… anche io mi sento in colpa… l’amo moltissimo e so che non merita questo… vi amo tutte e due… non so come fare… non posso rinunciare a nessuna di voi due…”

“Papà, pensi che se la mamma sapesse di noi capirebbe che noi non vogliamo farle del male?”

“Non lo so amore… non so che dirti… so solo che non riesco a risolvere il problema…”

Spensi il registratore… mi alzai e mentre mi stiracchiavo abbozzai un sorriso…

“Tranquilli, amori miei… lo risolvo io il problema…”



Sono molto graditi commenti, proposte e ovviamente critiche per migliorare i racconti. Attendo anche scambi di opinioni sul genere. Chi desidera contattarmi in pvt la mia e-mail è pussycock09@email.it

Questo racconto di è stato letto 1 4 1 0 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.