Olga - 8

Scritto da , il 2010-07-31, genere incesti

OLGA



8 - MIO FIGLIO ED IL SUO AMICO



Feci installare, nel muro di divisione delle nostre due camere da letto, due grandi specchi e dei microfoni che permettevano, azionando appositi congegni elettronici, di vedere e ascoltare ciò che accadeva nell’altra stanza senza essere visti. In tal modo io potevo vedere la camera di Marco e lui la mia e vedere ciò che accadeva.



Quando tutto fu pronto decidemmo di iniziare i nostri giochi.

Venne il giorno tanto atteso: mi misi nella mia camera seduta sopra una comoda poltrona davanti allo specchio per godermi lo spettacolo che, in cuor mio, speravo essere molto eccitante.



Venne Franco, anche lui 18enne come Marco, e, come al solito, mio figlio lo portò nella sua stanza per studiare.

Come d’accordo dopo un po’ Marco disse a Franco se voleva vedere una rivista porno che aveva trovato per strada. Franco acconsentì con entusiasmo. Presero la rivista e, seduti sul divano, cominciarono a sfogliarla.



Marco, come d’accordo, cominciò a commentare ad alta voce le foto oscene.



“Guarda, Franco, che bella fica tutta aperta che ha questa ragazza... come se la tocca... guarda qui... come se la fa leccare dalla sua amica... e di questa inculata cosa dici... queste foto mi stanno eccitando... e tu?...”



“Anche io sono molto eccitato... sono belle foto...”



“Cazzo... guarda... due ragazzi che si masturbano reciprocamente... dall’espressione del loro viso sembrano godere molto... perché non proviamo anche noi... per vedere cosa si prova...”



“Ma... non so...” - rispose poco convinto Franco.



“Dai, siamo amici, ho sentito che lo fanno in tanti... mica ti vergognerai di me... proviamo, se non ci piace smettiamo...”



In un attimo si tolsero entrambi i pantaloni e gli slip e rimasero tutti nudi dalla vita in giù, con i cazzi dritti come fusi… si misero di nuovo seduti uno accanto all’altro, con la rivista davanti.



“Dai - fece Marco - tocca il mio cazzo che io tocco il tuo...”



Ognuno prese in mano il cazzo del suo amico e cominciarono piano piano a masturbarsi reciprocamente.



La scena che mi si presentava davanti mi mandava il sangue al cervello: vedere questi due adolescenti farsi una reciproca sega mi aveva fatto bagnare la fica, per cui presi a toccarmi la fregna con le cosce spalancate e continuai a godermi la scena.



“Ti piace?” - chiedeva Marco, mentre scappellava il cazzo di franco, ben sapendo che io stavo vedendo e sentendo ogni cosa.



“Si, molto... è un piacere molto più intenso di quando mi masturbo da solo... è più bello farsi fare da un’altra persona... a te non da fastidio toccare il mio cazzo?”



“No, anzi - rispose Marco - è molto eccitante... sentirsi in mano questo palo di carne dura... e poi mi piace perché so che ti sto facendo godere... mi piace molto far godere gli altri... dai, seguitiamo a vedere le foto... oh Dio... guarda questi due ragazzi come si succhiano il cazzo... non sapevo che si facesse anche tra uomini...”



“Ma non fa schifo prendere in bocca il cazzo di un altro uomo?” - esclamò Franco, che comunque seguitava a smanicare il cazzo di Marco.



“Non lo so... se lo fanno tanto schifo non farà... e poi... le donne non si leccano la fica tra loro?... se non fa schifo a loro la fica, perché deve fare schifo a noi il cazzo... anzi... lo sai che ti dico... voglio proprio sapere che sapore ha...”



Cosi dicendo si inchinò e cominciò a leccare la punta del cazzo di Franco… quel porcone di mio figlio sapeva che stavo guardando e voleva dimostrare di essere anche lui alla mia altezza... amante di tutto ciò che era sesso...



“Ma cosa fai, Marco... sei pazzo...- esclamò Franco, che tentò di allontanarlo dal cazzo - fermati... pensa se entrasse tua madre...”



Queste parole mi fecero bagnare ancora di più la fica... che eccitante sorprenderli mentre facevano le porcate... e poi partecipare... ma non era ancora il momento... non potevo rischiare... dovevo essere sicura di Franco.



“Non ti preoccupare di mia madre... pensa a godere... mi piace molto leccare il tuo cazzo... e intanto masturbartelo... e a te piace?... seguita a masturbarmi che mi fai godere...”



“Si, Marco, mi piace molto la tua leccata... mi piace... non mi da fastidio che tu sia un uomo... anzi...forse per questo è anche più eccitante... aspetta... voglio sentire anche io il sapore del cazzo... fammelo prendere in bocca...”



Così dicendo si allungò e prese in bocca il cazzo di Marco: senza rendersene conto avevano iniziato uno splendido 69 omosessuale.



Io non stavo più nella pelle... la mano non mi bastava più per calmare la mia fica... presi uno dei miei adorati cazzi finti e me lo ficcai nella fregna e cominciai a chiavarmi alla grande, mentre vedevo mio figlio che faceva, ricambiato, uno splendido pompino al suo amico.



Sembrava non avessero fatto altro in vita loro: erano due troie eccitate di cazzo.



Ad un tratto Marco si fermò un attimo e disse:



“Franco... immagina se mia madre ci sorprendesse così...”



“Sei pazzo... ci ucciderebbe...”



“Io invece penso sarebbe molto eccitante... il pensiero che mia madre possa vederci mi sta facendo venire... sborrare... dai, svelto Franco... succhia... succhia... Dio mio... sborroooooooooo!!!!!!!...”



Mentre sborrava sul viso di Franco, che si era tolto il cazzo dalla bocca, riprese a spompinarlo furiosamente, finché anche Franco non sborrò: ma Marco non si tolse... conosceva il sapore dello sperma... per cui succhiò tutto con grande godimento di Franco... e mio... che sborrai insieme a loro con il mio cazzo piantato nella fica.



“Perché non ti sei tolto? Non ti ha fatto schifo?” disse Franco dopo aver sborrato.



“No, in quel momento ho sentito il piacere di rimanere con il tuo cazzo in bocca... credimi... ho goduto molto nel sentirmi la bocca piena del tuo sperma... dovresti provare... la prossima volta sborrerò io nella tua bocca.”



Quando Franco andò via, mi precipitai nella stanza di Marco e lo baciai oscenamente: anche io volevo sentire il sapore dello sperma di Franco, ma ormai era rimasto poco sapore...



“Sei stato bravissimo, Marco... gli hai fatto fare ciò che volevi... ormai è nostro... ma dimmi... ti è piaciuto?...”



“Si, è stato molto eccitante... giocare con il cazzo... ma la maggior eccitazione è stato il sapere che mi stavi guardando... e sicuramente... ti sarai toccata la fica...”



“Non solo me la sono toccata per tutto il tempo... ma ho sborrato come una cagna quando ho visto che anche tu sborravi... e bevevi il suo sperma... ma questo è solo l’inizio... adesso devo progettare con calma la prossima mossa... quando entrerò in scena io...”



Dopo aver riflettuto un po’, mettemmo a punto un piano d’azione per farci Franco.



Organizzato il tutto nei minimi particolari, fissammo il giorno… io mi misi nella mia stanza per osservare la situazione.



Arrivato Franco, i due amici si misero nella solita stanza e dopo aver parlato per un po’ del più e del meno Marco affrontò subito il problema.



“Lo sai che ho ripensato molto a ciò che abbiamo fatto, e mi sono masturbato a lungo... mi è piaciuto molto...”



“Anch’io mi sono toccato... è stato molto bello... sento ancora vergogna... se non iniziavi tu a parlarne, io non avrei preso l’argomento...”



“Devi solo sbloccarti... vedi io come ne parlo con naturalezza... vogliamo riprovare?”



Così dicendo Marco aveva messo una mano sul cazzo di Franco, sopra i pantaloni. Franco guardò la mano, ma non si mosse.



“Non nego che mi piacerebbe... ma se poi ci prendiamo l’abitudine?...”



“Sarebbe ancora più bello... potremmo godere quando vogliamo... dai spogliamoci...”



In un attimo furono nudi. Marco prese subito l’iniziativa: fece mettere Franco seduto sul divano, un po’ sdraiato all’indietro con le gambe larghe alzate e le ginocchia piegate.



Marco si mise in ginocchio e cominciò a leccare le palle e il cazzo di Franco, il quale con le sue mani si teneva le gambe larghe. Marco aveva ricoperto di saliva tutto quel ben di Dio e mentre leccava e spompinava cominciò a masturbarsi. Franco cominciò a lamentarsi.



“È bello... mi piace... leccami tutto il cazzo... prendimelo in bocca come l’altra volta... ti prego... sto godendo tanto...”



Io, davanti a quello spettacolo, mi ero già scaldata e decisi di agire… uscii dalla mia stanza e aprii la porta della stanza di Marco come per dirgli qualcosa.



“Senti Marco...”



Davanti a quella scena, gettai un urlo e cominciai a recitare, come d’accordo, fingendo pianti e dolore.



“Cosa vedo... mio figlio un gay... che vergogna... invece di leccare la fica ad una donna, succhia il cazzo del suo migliore amico... non posso credere ai miei occhi...”



Franco si coprì il viso dalla vergogna, mentre Marco seguitava a spompinare tutto eccitato.



“Marco, schifoso, invece di nasconderti dalla vergogna seguiti a spompinare il cazzo di Franco!...”



“Ma mamma, cosa c’è di male!... stiamo giocando... da giovane l’avrai fatto anche tu... non ci trattare così...”



“Spudorato, sei diventato un frocio bocchinaro... e anche il tuo amico è come te... guarda il suo cazzo dritto... sicuramente si eccita solo con gli uomini... le donne gli faranno schifo...”



“Mamma, ti sbagli... credici... siamo normalissimi... la fica ci piace molto, ma ci piace anche molto godere tra di noi... toccarci i cazzi... e leccarceli... ma sicuramente ci piace anche di più se ce lo fa una donna...”



“Non vi credo, sono scuse... siete due frocioni... e tu Franco, taci perché sai che è vero...”



“No, signora, si sbaglia... a me piacciono molto le donne...”



“Davvero?... Allora voglio metterti alla prova!”



Così dicendo, scansai Marco e senza dar tempo a Franco di parlare imboccai tutto il suo cazzo. Andai giù con la testa fino a sentire la cappella arrivarmi in gola e le labbra toccare il pube... lo avevo ingoiato completamente!... cominciai un lento su e giù... infilandomelo sempre tutto intero, mentre con una mano gli massaggiavo le palle.



“Dio, è stupendo... Marco... con te godo... ma questo è diverso... ho tutto il cazzo nella bocca di tua madre... sentissi come me lo succhia... come me lo ha fatto diventare duro... adesso si ricrederà del fatto che non amo le donne...”



Io seguitavo imperterrita... sentirmi quel cazzo giovane che mi riempiva la bocca mi aveva fatto aprire la passera... ero un fuoco Franco teneva gli occhi chiusi mentre godeva... piano piano, senza farmene accorgere, presi una mano di Marco e la misi sulla mia fica... lui cominciò subito a masturbarmi con due dita in fregna, mentre si godeva lo spettacolo della mammina che sbocchinava il suo amichetto... e cominciò anche lui ad incitarmi...



“Dai mammina... fai godere Franco, è la prima volta che conosce la bocca di una donna... fa vedere quanto sei brava... voglio essere orgoglioso di te...”



“Si, signora, la prego... non smetta... sarò il suo giovane schiavo... ma mi faccia godere... Marco... sapessi quanto è brava la tua mammina... dovresti provare anche tu la sua bocca...”



Queste parole mi eccitavano ancora di più... mentre massaggiavo le palle di Franco ogni tanto scendevo con la mano e gli accarezzavo il buchetto del culo, lui a tale carezza fremeva e il suo cazzo si gonfiava ancora di più...al porcellino piaceva farsi toccare il buchetto del culo... lo avrei accontentato presto... mentre spompinavo sputavo la saliva sul cazzo e sulle palle... la saliva colava sul suo culo...io seguitavo a sbocchinare e a titillargli il buchetto...



“Signora, lei è un angelo, non avrei mai creduto... ancora... la prego... signora... sto per venire... sento lo sperma che mi sale sul cazzo... non ce la faccio più ecco... schizzooooooooo!!!!... vengoooooo!!!!... signoraaaaaaa!!!... la amooooooooooo!!!!!!!!!!...”



Mentre diceva queste parole simultaneamente gli infilai tutto d’un colpo un dito nel culo e spinsi la testa per farmi entrare tutto il cazzo fino alla gola.



Urlò come una bestia ferita mentre mi schizzava in gola tutto il suo sperma cremoso e caldo.



“Aaaaaaaaaaaah!!!!!!!!!!!... che sborrata... mi sto vuotando... stupendo... anche nel culo...”



Io cominciai a bere tutto. Marco aveva accelerato il ritmo della masturbazione, ma lo fermai e gli tolsi la mano prima che Franco avesse riaperto gli occhi...non volevo ancora sborrare... c’era tempo...



Dopo qualche minuto Franco ritornò in se. Mi guardò... io gli sorrisi... e sorrise anche lui... era fatta, ormai era mio, ma c’era ancora da lavorare... Marco era rimasto con il cazzo duro e se lo stava menando.



“Bravo Franco, forse mi sono sbagliata, sei un maschio... vedo che le donne ti piacciono... e tu, Marco, vedo che sei ancora eccitato... credevo ti fossi masturbato mentre guardavi...”



“Veramente credevo... che anche a me...”



“Ma che sei pazzo!... sono tua madre, un conto è Franco, ma tu sei mio figlio!...” mentii con falso pudore, sperando in cuor mio che la situazione prendesse la strada che avevo predisposto. Infatti...



“Signora, scusi se mi permetto... Marco è mio amico... lo devo a lui se ho provato tutto questo... la prego... lo faccia provare anche a lui... nessuno lo saprà… anche lui ama le donne... gli faccia sentire la sua bocca...” disse sfacciatamente Franco, che, ovviamente, non sapeva che Marco la mia bocca la conosceva già molto bene. Ma stetti al gioco.



“Ma se si venisse a sapere... non so... ma ditemi... vi piace godere tra voi due?”



Prima che Franco potesse parlare Marco disse:



“Si mamma, ci piace tanto, ma ora ho visto che ci piacerebbe anche farlo con te...”



Mi rivolsi a Franco.



“Ti piacerebbe fare ancora l’amore con me?”



“Da morire, signora, darei qualunque cosa...!”



“Davvero sei disposto a dare qualunque cosa? Bene, allora, visto che vi piace godere tra uomini, godere con me e Franco è pronto a dare qualunque cosa pur di farsi di nuovo spompinare dalla mammina del suo amico, sono pronta... venite...”



Fino a quel momento ero ancora rimasta vestita. Mi tolsi la gonna... ovviamente ero senza mutandine... presi una mano di Franco e me la passai sulla fica bagnata, poi gliela portai alla bocca.



“Comincia a sentire dalla tua mano il sapore della mia fica!...”



Li feci sdraiare con la schiena sul divano uno accanto all’altro, gambe larghe e ginocchia piegate sul petto.



Mi misi in ginocchio davanti al cazzo di Marco e cominciai a spompinarlo per farlo indurire al massimo, mentre con la mano destra alternativamente massaggiavo cazzo e palle di Franco e gli ficcavo le dita nel culo: lui le riceveva senza fiatare, ma non sapeva cosa lo aspettasse.



Dopo un po’ di questo trattamento mi alzai e feci alzare anche Marco. Franco rimase nella stessa posizione con il cazzo dritto ed il culo pienamente disponibile.



Mi misi a cavalcioni del suo viso e gli poggiai la fregna in bocca: comincio’ a leccare avidamente con mio grande godimento... mi piegai in avanti e presi in bocca il suo cazzo... mi circondò la vita con le braccia per attirarmi di piu’ a se... cominciai a spompinarlo di nuovo... e a bagnargli il buco del culo con la saliva... feci cenno a Marco di avvicinarsi... presi in mano il suo cazzo che si trovava alla stessa altezza del culo di Franco e cominciai a strofinare la cappella sul buchetto...



Franco si irrigidì... ma era bloccato dalla mia fica sulla sua bocca e dalla mia bocca intorno al suo cazzo... quando vidi che il buchetto cominciava ad allargarsi appuntai la cappella sul buco del culo e feci cenno a Marco di spingere... la cappella cominciò ad entrare piano piano... sentivo Franco fremere... lo spompinavo con tutta la mia forza per lenire il dolore e seguitavo a sputare sul cazzo di Marco che piano piano stava penetrando completamente nel culo di Franco, il quale smise un attimo di leccare la fregna e disse:



“Piano, vi prego... mi fa un po’ male... ma sento che mi piace... lei, signora, seguiti... che io le divoro la fica... mi pisci in bocca...!”



Non ci vidi più…



“Dai, Marco, inculalo forte, incula questa troia... una troia che mi da il cazzo in bocca... e che tra poco mi sborrerà tutto lo sperma in gola... dai... fotti forte... abbiamo trovato il nostro compagno di giochi... a me leccherà la fica... e il culo... e tu lo inculerai... spingi forte... sfondalo... sento che sta godendo... anche tu figlio mio avrai il piacere di prenderlo nel culo in braccio alla tua mammina... mentre mi chiavi... sarà bellissimo... ma ora pensa a riempire il culo al tuo adorato amichetto...”



Ormai tutto il cazzo era nel culo di Franco, ad ogni colpo il buchetto si allargava di più, i muscoli si dilatavano e il cazzo entrava sempre più profondamente e le palle gli sbattevano sul culo.



“Inculami, Marco, inculami, e lei signora mi succhi il cazzo... fatemi quello che volete... mi state facendo morire... fottimi forte... mi sembra di averlo nello stomaco... sto per venire... Marco, ti prego... non sborrarmi nel culo... questa volta... quando stai per venire... toglilo e mettilo anche tu in bocca a tua madre... insieme al mio... le sborreremo in bocca insieme... tutta la nostra sborra..”



Mi sentii morire... aumentai il ritmo del pompino... Marco aumentava i suoi colpi...



“Forza ragazzi... vi aspetto nella mia bocca... sborrate che sono pronta a ricevervi... questo e solo l’inizio... poi vi avrò entrambi nella fregna... farò in modo di prendervi dentro tutti e due insieme... e poi... uno in fica e uno nel culo... e se non ci bastasse... portate un vostro amico per mettermelo in bocca...”



Queste parole furono la scintilla.



“Signora adorata, sto sborrando!!...



“Mammina vengo... eccomi...”



Aprii la bocca più che potevo... il cazzo di Franco era già dentro... Marco tolse il suo dal culo di Franco e me lo infilò in bocca anche lui... due tremendi schizzi di sperma mi riempirono la bocca quasi a soffocarmi... e poi altri schizzi... misi tutta la mia volontà e libidine per ingoiare tutto... ma era troppo... tanto ne ingoiavo e tanto ne usciva dalla mia bocca e colava sopra i cazzi... ma non lasciai niente... mentre pisciavo nella bocca di Franco tutta la sborra che usciva dalla mia fica, leccai tutto lo sperma rimasto sui due cazzi... orgogliosa di aver bevuto tutta la sborra dei miei ragazzi.





Ero felice. Avevo mio figlio per amante, giovane, con uno splendido cazzo, che, per di più mi adorava… ero la sua adorabile troia e non mi avrebbe scambiato con nessun altra donna, anche se più giovane.



Nell’intimità mi ripeteva all’infinito il desiderio che aveva per me.

Nei momenti di relax, specialmente di sera davanti alla TV sul divano, adoravamo masturbarci, sia reciprocamente che uno di fronte all’altro.

Ci eccitava da morire il pensiero che madre e figlio mostrassero reciprocamente i loro sessi mentre si facevano.



E la nostra eccitazione la manifestavamo scambiandoci frasi oscene che non facevano altro che aumentare il nostro piacere.



Una sera, come il solito, eravamo uno di fronte all’altro ad accarezzarci i sessi.



“Marco, hai un cazzo stupendo… toccatelo… fallo ingrossare bene… lo sai quanto mi piace guardarti mentre lo fai ingrossare piano piano… allarga bene le gambe così posso vedere anche i coglioni… ecco così… adesso scappellalo… bravo… che meravigliosa cappella rossa… per eccitarti di più guardami la fica… guarda come te la apro con entrambe le mani… il clitoride è già duro… guardalo… dimmi… avresti mai pensato di poter gustare la fica di tua madre?…”



“No, mamma, te lo ho detto. Ho sempre sognato e desiderato godere con te, in ogni maniera possibile, anche la più porca, ma non ho mai pensato che tutto ciò potesse avverarsi. Il solo pensiero che questa fica che sto ammirando così aperta e bagnata è la tua fica, la fica di mia madre, che me la offre desiderando che io ci faccia le cose più porche possibili… pensare che posso leccarla… chiavarla… sborrarci dentro… e sopra, tra le labbra aperte… sputarci sopra la mia saliva e poi leccarla… e sborrarti in bocca… e poi baciarti… oh, mamma… al solo pensiero che tutto questo è realtà impazzisco dal piacere… vieni, ti prego… prendimelo in bocca… succhiami il cazzo… succhia il cazzo di tuo figlio…”



Le sue parole mi portarono all’esasperazione… mi alzai, mi inginocchiai di fronte a lui e, fissandolo negli occhi, cominciai a masturbarlo e a strofinargli il cazzo contro il mio seno.



“Marco, amore, ogni giorno che passa ti desidero di più… adoro il nostro amore incestuoso… mi eccita… non potrei più farne a meno… anche quando sono sola il pensiero di essere l’amante di mio figlio, che godiamo insieme nella maniera più oscena… di quando mi inculi… inculi tua madre senza vergogna… oh, figlio mio, mi fa star male dalla eccitazione e non vedo l’ora di starti vicino per godere… oh… che cazzo… fammelo gustare…”



Presi il cazzo in bocca e lo ingoiai completamente: sentii la cappella arrivarmi in gola… rimasi qualche attimo con il cazzo piantato in gola, poi lo tolsi e guardai ancora Marco fisso negli occhi.



“Ogni volta che compio questo gesto sento scorrermi un brivido lungo la schiena: credo che per una donna l’atto più libidinoso ed osceno sia quello di prendere in bocca il cazzo del proprio figlio, succhiarlo, leccarlo fino a farlo sborrare in bocca.



Quando ti spompino penso a quanto sia libidinoso, osceno e depravato ciò che sto facendo ed è proprio questo che mi fa godere ancora di più.



Pensa, tesoro, tua madre che ti succhia il cazzo come una troia…. e quando sento gli schizzi della tua sborra riempirmi la bocca sento una sensazione di grande soddisfazione non solo fisica, ma soprattutto psicologica: in quel momento credo di bere la tua vita, di ingoiare tutto l’amore che sprizzi dal cazzo…”



“Oh, mamma, amante mia, anche io godo moltissimo quando vedo con quanta passione mi succhi il cazzo e bevi il succo del mio amore che ti schizzo in bocca…ti sento la mia troia, la troia che amerò per sempre.

A me, invece, la cosa che mi ti fa sentire completamente mia è quando ti inculo.



Quando ti vedo in ginocchio davanti a me… che ti allarghi completamente le chiappe del culo e mi mostri il tuo buchetto palpitante di desiderio… oh!, si… mamma… quando mi offri il tuo culo aperto, come in segno di sottomissione, e ti infilo il cazzo, ti penetro profondamente fino a riempirti completamente e poi ti pompo con colpi decisi… oh, Dio mio… è già osceno e perverso inculare una donna normale… pensa quanto può essere più osceno, libidinoso, perverso e depravato un figlio che incula sua madre… oh mamma… siamo due porci depravati, ma ci amiamo e ci fa godere ancora di più la nostra depravazione incestuosa… ti amo da morire mamma… vieni… succhiami come piace a te… bevimi tutto…”



Cominciai a pompare, su e giù, mentre con una mano gli accarezzavo i coglioni… alzò e allargò le gambe, portando le ginocchia al petto: il buco del culo era a mia completa disposizione.



Mentre seguitavo a pomparlo iniziai a titillargli il buchetto: sentii il cazzo ingrossarsi ancora di più nella mia bocca.

Mi bagnai la mano con la saliva che colava dal cazzo e gli bagnai il buco del culo. Spinse avanti il culo e sentii il buchetto allargarsi sempre di più.



Pompavo, succhiavo e leccavo il cazzo come una forsennata: unii l’indice e il medio e glieli appuntai sul culo… sentii lo sfintere allargarsi e cominciai a spingere lentamente.



“Oh, Dio Santo… si… inculami mamma… mi piace quando mi tocchi il culo… godo… spero non ti dispiaccia… ma mi piace quando mi lavori il culo… spingi… ficcali dentro… fammeli sentire nel culo mentre mi succhi la sborra…”



Spinsi le dita e gliele ficcai completamente nel culo, mentre ingoiavo il cazzo fino in gola. Emise un grido di godimento.



“Uhmm… è stupendo sentirlo in culo… aaaah!!!!!… mi fai sborrareeeee!!!!… mamma ti amo… le tue dita nel culo mi stanno facendo sborrare…”



Gli spinsi ancora di più le dita nel culo: un getto bollente di sperma mi riempì la gola… bevvi tutto estasiata, mentre muovevo le dita avanti e indietro nel culo, ormai aperto al massimo.



Era arrivato il momento, per Marco di essere inculato da un bel cazzo





Sono molto graditi commenti, proposte e ovviamente critiche per migliorare i racconti. Attendo anche scambi di opinioni sul genere. Chi desidera contattarmi la mia e-mail è pussycock09@email.it

Questo racconto di è stato letto 1 1 2 1 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.