Olga - 3

Scritto da , il 2010-07-22, genere incesti

OLGA



3 - SUSY



Avevo avuto anche il battesimo del cazzo.

Ormai potevo dire che conoscevo tutto del sesso e di ciò potevo esserne grata a mia madre: mi sentivo veramente completa, sapevo godere sia con le donne che con gli uomini.

E poi mia madre mi aveva insegnato l’arte della seduzione, come eccitare le persone sia con le parole che con gli atteggiamenti per portarli a godere con me.

Nella mia vita non ho mai fallito quando ho deciso di coinvolgere uomini e donne nei miei giochi sessuali.

Forse la natura mi ha dotato di un fluido erotico particolare a cui ho aggiunto sempre un comportamento sfacciato e disinibito.

Sono sempre stata, inoltre, una esibizionista, forse a seguito di tutti gli insegnamenti di mia madre: ho sempre goduto nell’assumere posizioni che permettessero a chiunque, anche estranei, di ammirarmi le cosce, il seno, la fica.

Dopo aver finalmente assaggiato anche il cazzo, mi sentivo ancora più sicura di me stessa: mi sentivo pronta e certamente in grado di godere con chiunque ne avessi avuto desiderio.

La mia prima “vittima” fu una mia compagna di scuola, Susy.

La mamma non sarebbe stata sicuramente gelosa se avessi conosciuto altre fiche, anzi, credo ne avrebbe goduto.

Questa mia amica, anche lei diciottenne come me, abitava nel mio stesso palazzo.

Spesso, frequentando la stessa classe, facevamo i compiti insieme, ma il tempo dedicato allo studio era molto poco rispetto a quello impiegato a parlare dei nostri segreti e delle nostre intimità.

Cosi’ seppi che anche lei si masturbava frequentemente e mi confesso’ che non vedeva l’ora di prendere in bocca un bel pezzo di cazzo: era una cosa che l’aveva fatta sempre impazzire al solo pensiero.

Un giorno stavamo a casa mia a studiare.

Mentre parlavamo del più e del meno, le chiesi all’improvviso:

“Ti sei mai fatta leccare la fica?”

Susy mi guardo’, evidentemente eccitata dalla mia domanda.

“Purtroppo no!” rispose, ”Ma non vedo l’ora che questo accada!”.

Cominciammo a parlare d’amore e di sesso finche’ non ci eccitammo fino ai capelli.

“Susy, non ce la faccio piu’!” dissi, mentre mi toccavo la fica sopra la gonna.

“Nemmeno io!” rispose.

“Susy, perdonami, ma sto impazzendo... io mi masturbo... mi faccio un ditalino...” e cosi’ dicendo mi tolsi la gonna e le mutandine rimanendo solo con il maglione che mi arrivava alla vita

Mi sdraiai sul divano poggiando la testa sul bracciolo, quindi accavallai la gamba sinistra sulla spalliera e poggiai il piede destro a terra: in questo modo tenevo le cosce completamente allargate mostrando cosi’ a Susy la mia fichetta completamente aperta. Quindi, dopo averlo bagnato di saliva, infilai il mio dito medio della mano sinistra tra le grandi labbra e lo introdussi lentamente nella vagina.

Susy era rimasta in piedi impietrita, fissando con uno sguardo pieno di libidine le mie cosce, la mia fica, la mia mano. Vidi la sua mano alzarsi le vesti e nascondersi tra le cosce.

“Susy, spogliati!” le dissi lentamente mentre mi toglievo gli ultimi indumenti rimasti.

“Vieni a godere insieme a me... guarda che bella fica che ho... fammi vedere la tua... masturbiamoci insieme... godiamo, che ne abbiamo tanto bisogno... vieni vicino a me... ti prego...!”

Susy in un attimo fu completamente nuda: le sue mani cominciarono ad accarezzarsi le cosce, il ventre, il seno. I suoi capezzoli, rossi come fragole, spiccavano sopra le sue mammelle dritte e sode.

Lentamente si avvicino’ a me. Quando fu vicino si fermo’ e divarico’ le gambe: la mia mano destra corse tra le sue gambe e cominciai ad accarezzarle la fica. Susy si fletteva lentamente allargando di piu’ le cosce, finche’ non senti’ il mio pollice che le entrava nella vagina. Comincio’ a mugolare di piacere.

Io muovevo contemporaneamente tutte e due le dita, quello nella mia fica e quello nel ventre della mia amica.

Susy soffriva: le sue gambe tremavano, il suo corpo era scosso da lunghi fremiti, le sue mani, non sapendo cosa fare, stringevano il seno e spingevano il ventre. Lei godeva, ma voleva anche collaborare, non voleva rimanere passiva sotto le mie carezze. Per cui, all’improvviso, senza che me ne rendessi conto, mi si getto’ sopra e comincio’ a baciarmi e a leccarmi: il collo, il viso, le mammelle.

Io tolsi le mani dalle nostre fiche e l’abbracciai forte a me: sentii i suoi capezzoli solleticarmi il seno e il pelo del suo pube carezzarmi il ventre: fremetti di piacere.

Incrociai le gambe dietro i suoi reni e girandomi di scatto caddi per terra insieme a Susy.

Ci rotolammo come due troie, mentre le nostre mani scambiavano stupende carezze ai nostri corpi: graffiavano la schiena, entravano nelle nostre fiche, tra le chiappe e nel buco del culo, stringevano le mammelle solleticando i capezzoli, e tutto questo mentre ci scambiavamo baci sulla bocca, sul collo e dietro le orecchie e leccavamo... leccavamo... fino ad avere il corpo completamente viscido di saliva.

Ad un certo punto prendemmo la posizione del 69 e, sempre rotolandoci per terra, cominciammo a leccarci come pazze.

La mia lingua, ormai abbastanza esperta per gli insegnamenti della mia mammina, percorreva ora lentamente ora velocemente ogni cm. di carne di Susy: dal clitoride alla vagina, da questa al buco del culo, quindi ritornava lentamente sul grilletto succhiando e bevendo il liquido vischioso che usciva dal corpo di Susy, insieme alla mia saliva.

Quindi passavo a leccare l’attaccatura delle cosce, mentre con le dita ora titillavo il clitoride, ora penetravo nella vagina e tutto ciò con un veloce movimento.

Nell’infilarle le dita nella fica non trovai ostacoli, anzi, la vagina le riceveva completamente: piu’ spingevo le dita nella fica piu’ sentivo che sarei potuta andare ancora piu’ dentro il suo corpo.

La mia amichetta non era vergine: ne fui felice, avrei potuto infilarla come meglio credevo.

Susy, dal canto suo, si stava facendo molto onore: la sua lingua, benchè ancora inesperta, stava procurando alla mia vulvetta un piacere indescrivibile: sembrava una sanguisuga per come mi succhiava il grilletto, mentre il pollice della sua mano, penetrandomi nel culo, mi dava continui brividi. Cominciai a gridare:

“Ancora sul clitoride... dai Susy... non fermarti... hai visto quanto è bello godere... insieme... desideravi tanto farti leccare la fica?... eccoti accontentata... ora allargami le grandi labbra... dai... dai... dai che sto per venire... sto per sborrare... non ti fermare... uhm... che bello... dolcezza... tesoro... succhiami tutta... la sborra... dai... vengo... schizzo... aaah! ... aiuto... Susy,... muoio... aaah!... che gusto... ancora... ancora!!!...”

“Anch’io sto per sborrare... Olga... nella tua bocca... hai ragione... è stupendo godere insieme... quando si è eccitati si gode anche tra donne... che stupide siamo state a non farlo prima... come lecchi bene!... svelta... svelta che ci sono... piu’ forte... ti prego... non lasciarmi adesso... cosi’... si... sii... aaaah!... dai... dai... zozza... vacca... lecca... Dio... vengo... aaaah!... vengo... uhm... basta... che muoio...”

Due schizzi di sperma riempirono le nostre gole e noi inghiottimmo tutto e leccammo la sborra che era sulle nostre fiche fino all’ultima goccia.



Rimanemmo un po’ abbracciate, poi, piano piano, tornammo in noi.

“Quando ti ho infilato le dita nella fichetta ho sentito che non sei vergine” le dissi.

“Si, è vero. Mi sono sverginata da sola a forza di infilarmi oggetti nella fica per godere.

Prima ho cominciato con le dita, mi è sempre piaciuto sentirmi le pareti della vagina. Poi ho cominciato a desiderare qualcosa che mi desse piu’ piacere, che mi riempisse meglio la fica.

Allora ho cominciato a ficcarmi in fica i manici delle spazzole per i capelli.

A forza di chiavarmi mi sono sverginata.

Adesso sono pronta a prendere il cazzo di un uomo: ce ne è uno che desidererei tanto prendere nella fica e in bocca: è un mio segreto, poi te lo diro’.”

Mi alzai e andai a prendere la valigietta dove mia madre teneva tutti i cazzi finti.

Quando l’aprii Susy sgrano’ gli occhi dalla sorpresa.

“Olga, sono bellissimi... quanti ne hai!... dove li hai presi... fammeli vedere, sembrano cazzi veri, sia per la forma che per il colore...”

Cominciai a descriverglieli.

“Vedi questi, sono cazzi di lattice di diverse dimensioni ed hanno un vibratore incorporato a velocita’ variabile.

Con questi una donna può provare da sola tutti i godimenti che vuole... dopo, se vuoi, possiamo provarne qualcuno.

Questo, invece, è costituito da due cazzi, uno piu’ grande e uno piu’ piccolo, sempre con vibratore, a forma di V per infilarli contemporaneamente nella fica e nel culo.

Mentre questo, come vedi, è un doppio cazzo: con questo due donne si possono chiavare reciprocamente e fare contemporaneamente sia la parte dell’uomo che della donna... credimi è stupendo... si provano godimenti da non credere...”

Susy non credeva ai suoi occhi: li guardava, li toccava, li stringeva con le mani per gustarne la durezza.

“Ma tu li hai provati tutti? Anche questo doppio?”

“Ho provato quelli che posso mettermi nella fica senza farmi male... ce ne sono alcuni che sono ancora troppo grandi per la mia vagina... devo ancora aspettare... si ho provato anche quello doppio... con un’altra donna... è stato stupendo... un godimento eccezionale... li proveremo insieme...”

Susy mi guardava, eccitatissima.

“Si, Olga, ti prego, fammeli provare... come ti ho detto mi piace infilarmi qualcosa nella fica e questi sono stupendi, sembrano proprio cazzi veri... già sto sbrodando al pensiero di sentirmeli dentro... ma dimmi... con chi hai provato il cazzo doppio? ...è una ragazza che conosco?... una delle nostre compagne di classe?...”

Rimasi un attimo in silenzio: ero titubante se confessarle o meno il mio segreto.

“No, Susy, non è una ragazza come noi, è una donna, stupenda, libidinosa e porca, che mi ha iniziato al sesso... oh!... Susy... dovresti vedere quant’è stupendo godere con una donna adulta... leccarle la fica piena di peli... che con la sua esperienza ti fa toccare le vette del paradiso...”

Susy mi guardava affascinata.

“Non puoi dirmi chi è? È un tuo segreto? Se me lo dirai, anche io ti mettero’ a parte di un mio grande segreto: in questo modo diventeremo amiche ancora piu’ intime, ognuna sapra’ i segreti dell’altra.”

La fissai.

“Sai veramente tenere i segreti?”

“Te lo giuro Olga...”

Mi avvicinai al suo orecchio e sussurrai:

“Mia madre... lesbico con mia madre.....”

Susy mi guardo’ allibita.

“Tua madre? La signora Iole? Stai scherzando?”

“No, Susy, è vero. È lei che mi ha iniziato ai piaceri del sesso. È stupenda, credimi. Ormai è parecchio che siamo amanti, ma ogni giorno ci desideriamo di piu’. Con la sua esperienza ti fa provare sensazioni stupende.

Il fatto che sia mia madre, che il nostro sia un rapporto incestuoso non mi blocca, non mi da fastidio, anzi, mi eccita terribilmente: sapere che è mia madre che mi lecca la fica aumenta il mio piacere in maniera indescrivibile.

Dovresti provare, Susy, la sua lingua, ti fa toccare le vette del paradiso e poi, quando ti chiava con tutti questi cazzi, ti fa morire.

Dovresti vedere, poi, quanto gode quando sono io a chiavarla: ti sprona, grida, sborra come una porca.”

“Oh, Olga, da come ne parli tua madre dovrebbe essere una donna e un’amante meravigliosa. Quasi ti invidio.

Non ti nascondo che quanto mi hai confessato mi ha molto eccitato: mi piacerebbe fare delle porcate con una donna adulta, leccarla e farmi leccare.”

“Vorresti godere con mia madre? Ti assicuro che ne sarebbe felicissima, è una gran troia e ama molto le fiche giovani, tanto piu’ se inesperte.

Ed anche io ne godrei moltissimo vederti tra le sue braccia: potremmo fare una splendida lesbicata a tre. Che ne dici?”

Oh, Olga, grazie, voglio amarvi entrambe, organizza tutto, la mia fichetta è a vostra disposizione: fatemi godere!”



Raccontai tutto a mia madre: il pensiero che avevo sedotto la mia amichetta e che le avevo confidato tutto sui nostri rapporti saffici la porto’ al colmo della libidine.

Quando poi le proposi di unire ai nostri giochi la mia amica che aveva espresso il desiderio di godere con una donna adulta, mi abbraccio’ forte, prese una mia mano e se la porto’ sulla fica: era fradicia di godimento.

“Piccola mia, senti quanto sono eccitata. Non vedo l’ora di godere con la tua amichetta: ce la metteremo in mezzo e le insegneremo un po’ di porcate.

Falla venire domani pomeriggio: ce la godremo insieme.”



Il giorno dopo, puntuale, Susy venne a casa. Mamma, come ho detto, già la conosceva.

“Ciao, Susy, accomodati...” disse la mamma.

“Buon giorno, signora...” la saluto’ Susy e, come ogni volta, si avvicino’ a mia madre per darle un bacetto sulla guancia in segno di saluto.

Quando il viso di Susy fu vicino a quello di mia madre, questa con le mani le blocco’ il viso e la bacio’ in bocca con passione.

Susy non se lo aspettava, per cui rimase per qualche istante immobile.

Mammina seguito’ ad accarezzarle il viso e a lavorarle la lingua in bocca.

Susy si lascio’ andare, abbraccio’ forte mia madre e ricambiò con passione il suo bacio.

Iniziarono un libidinoso lingua in bocca reciproco, mentre io le guardavo con ammirazione.

Dopo un po’ di slinguate, mammina si stacco’ dalla sua bocca e le disse:

“Susy, piccola mia, Olga mi ha raccontato tutto di te: so che sei una delle nostre, che sei una porcellina come noi.

Vieni, tesoro, da come hai ricambiato il mio bacio ho capito che mi desideri. Fammi sentire se sei bagnata!”

Cosi’ dicendo le mise una mano sotto la gonna per sentirle la fica.

“Ah, piccola puttanella, sei senza mutandine e sento che hai la fichetta già piena di succo!”

“Si, signora, ho pensato che sarebbe stato piu’ erotico farmi trovare senza mutandine e poi il suo bacio mi ha fatto bagnare: mi piace la sua mano sulla mia fica... ah... mi tocchi un pochino... oh... si... mi piace...”

“Oh, Susy, sei proprio una troietta come piace a noi! Sentimi... anche io ho la fica nuda, senza mutandine... toccamela... senti la differenza tra la mia fica e la tua... la grandezza e la durezza del mio clitoride... le mie labbra gonfie... e la mia vagina: senti quanto è aperta... sapessi quanti cazzi hanno avuto il piacere di penetrarla e sborrarci dentro... potrai infilarci dentro tutte le dita che vuoi... dai... sentila... toccala...”

Erano in piedi una di fronte all’altra.

Anche Susy mise una mano sotto la gonna di mia madre e le cerco’ la fica.

“Oh, Dio mio, quanti peli ha la sua fica, signora, e quanto è grande... la mia mano non riesce a coprirla tutta... masturbiamoci... ah... signora... quanto mi piace... mi baci... come prima...”

Si baciarono e cominciarono a masturbarsi reciprocamente con gridolini e sospiri.

Io mi spogliai nuda.

Mi misi al loro fianco e cominciai a titillare contemporaneamente i loro buchetti del culo.

Dovettero gradirlo molto poiché si accosciarono leggermente ed allargarono il culo per sentire meglio le mie dita.

Dal godimento che stavano provando anche i loro buchetti del culo erano bagnati: le mie dita le penetrarono facilmente.

Mugolarono dal piacere.

Cominciai a muovere le dita lentamente, avanti e indietro, inculandole con passione.

“Troie, masturbatevi la fica mentre vi inculo... siete due lesbiche... fatemi vedere come vi leccate reciprocamente le lingue... puttane... godete, ma non sborrate... non finite troppo presto... fate sentire anche a me le vostre lingue... sputiamoci in bocca... siamo tre porche... e allora comportiamoci da porche...”

Mi avvicinai ai loro visi e unii la mia lingua alle loro: cominciammo a baciarci in tre, ognuna slinguava le lingue delle altre due.

Io cominciai a sputare la mia saliva nelle loro bocche, e fui subito imitata: ci scambiammo le salive sputandoci in bocca reciprocamente.

“Mammina, basta, altrimenti sborrate... adesso fai provare a Susy la tua lingua...”

Si spogliarono anche loro completamente nude: passammo qualche minuto ad ammirarci ed accarezzarci i corpi.

Susy era estasiata dal corpo di mia madre.

“Signora, è splendida... la sua fica, il suo culo, il suo seno... mi fanno impazzire dal desiderio... da grande vorrei avere un corpo come il suo...”

“Susy, anche tu hai un corpo bellissimo... ma ricorda che la donna, piu’ che bella, deve esere erotica, libidinosa, eccitante, tutte qualita’ che sia tu che Olga avete già da ora... e poi ti prego... non chiamarmi signora... dammi del tu... chiamami Iole... mi eccita di piu’”

“Va bene... anche a me piace di piu’... adesso Iole fammi sentire come lecchi la fica...”

Si mise supina, scosciata, ginocchia piegate.

Le mettemmo un cuscino sotto i reni per tenerle sollevato il bacino: in questo modo aveva la fica e il culo completamente disponibili.

Mammina si attacco’ subito alla fica: la sua lingua comincio’ a lavorarle alternativamente il clitoride, lo spacco, le labbra e la vagina.

Susy comincio’ a mugolare.

“Cazzo che lingua hai, Iole... sembra un serpentello che mi percorre la fica... ah... si... si... ficcamela anche dentro... leccami l’interno della vagina... uhm... sembra un cazzetto che mi chiava... oh... che piacere... fammi sentire anche il tuo viso tra le mie cosce... strofinami il viso sulla fica... bagnalo tutto con i miei liquidi di godimento... si... si... cosi’... riempimi la fica con il tuo viso... aaah... quanto godo...”

Mammina aveva allargato le labbra della fica di Susy e ci strofinava sopra ogni parte del viso: la bocca, le guance, il mento, con il quale masturbava anche il clitoride, il naso, che infilava dentro la vagina mentre con la lingua leccava il clitoride.

Tutto il viso era bagnato dei succhi della fica di Susy.

Io la guardavo estasiata.

Il buchetto del culo di Susy era li’, davanti a me, aperto e disponibile.

Tuffai il viso tra le natiche, cominciai a leccare tutto lo spacco e mi fermai sul buchetto: cominciai a leccarlo prima con la punta della lingua, poi con la lingua piatta, poi, quando il buchetto comincio’ a dilatarsi, ci ficcai la lingua dentro piu’ che potevo e cominciai a muoverla avanti e indietro.

Susy comincio’ a gridare.

“Aaaah... siii.... anche il buco del culo... leccami anche il culo... Olga... cosi’... brava... inculami con la lingua... piu’ profonda... fammela sentire bene dentro... oooh... si... cosi’... uhm... cazzo non ce la faccio piu’... la madre mi succhia la fica... la figlia mi lecca il buco del culo... amanti mie... vi adoro...”

Mentre lavoravo il culo di Susy vidi mia madre che smise di strofinare il viso e comincio’ a succhiare il clitoride.

Lo imprigionava tra le labbra, lo succhiava e lo tirava, come se avesse voluto staccarlo dalla fica.

Dopo qualche minuto di questo servizio, il clitoride era diventato durissimo e si ergeva tra le labbra della fica come un piccolo cazzetto.

“Oh, Iole... si... mi piace molto... succhiamelo... fammi in pompino... si... un pompino al clitoride... dai... tiralo... staccalo dalla fica... cosi’... cosi’... spompinami... sto venendo... Olga... succhiami il culo... svelte... tutte e due insieme... succhiatemi... aaaah.... vengo... vengoooo... sborro... troie... aaaah... oooh...”

Mentre veniva, spingeva le nostre teste verso la fica e il culo e contemporaneamente dava colpi di ventre contro le nostre bocche.

Seguitammo a leccarla, mentre lei si lamentava dal piacere.

Mammina le teneva la fica aperta, mentre le dava veloci colpetti di lingua sul clitoride e sull’uretra, quel piccolo buchetto che serve per urinare.

“Iole, ti prego, fermati un pochino... con questi colpettini mi stai stimolando... mi fai fare pipi’... fermati...”

Queste parole non fecero altro che spronare maggiormente mammina, che aumento’ i colpetti di lingua.

Io, ormai, ero invasa dalla libidine: ancora non avevo sborrato e il godimento mi colava dalla fica.

Presi ad incitarle.

“Dai, dai... mammina... svelta... fagliela fare... piu’ forte... fammi vedere il biondo liquido che sprizza dalla sua fica... dai... fattela fare in bocca... Susy... amore... non trattenerti... falla in bocca a mia madre... alla tua Iole... innaffiala della tua pioggia... dai... pisciale in bocca...”



“Ferma Iole... ferma... non riesco a trattenermi... uhm... me la stai facendo fare... aaah... la faccioooooo... ti piscio in bocca... aaaaaah... mi svuoto... è bello... aaah... lurida troia...”

Un getto violento colpi’ il viso e la bocca di mia madre che, beandosi di tutto quel liquido che le inondava il viso, seguito’ a leccare la fica finche’ Susy non smise.

Susy era sfinita, ma mammina ed io ancora non avevamo goduto ed eravamo al colmo dell’eccitazione.

Prendemmo due cazzi finti con il vibratore incorporato, ce li piantammo dentro le fiche, fino in fondo, ci abbracciammo e, mentre ci slinguavamo oscenamente, ognuna comincio’ a muovere il cazzo nella fica dell’altra.

La leccata fatta a Susy ci aveva caricato al massimo: bastarono pochi colpi di cazzo con il vibratore regolato al massimo ed anche le nostre fiche ebbero il loro giusto orgasmo.



Sono molto graditi commenti, proposte e ovviamente critiche per migliorare i racconti. Attendo anche scambi di opinioni sul genere. Chi desidera contattarmi la mia e-mail è pussycock09@email.it

Questo racconto di è stato letto 9 4 3 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.