Olga - 4 - Seconda parte

Scritto da , il 2010-07-24, genere incesti

OLGA

4 - MIO ZIO – Parte seconda



Il sabato successivo, come d’accordo, io e mia madre andammo a cena nel nostro solito ristorante.

Questo era un locale che aveva delle salette appartate dove ognuno poteva stare in santa pace senza essere disturbato.

Come sempre, durante tutta la cena ci accarezzammo le fiche: ognuna infilava le dita nella fica dell’altra per poi portarle alla bocca, leccarle e succhiarle.

Il sapore e l’odore della fica rendeva la cena particolarmente erotica.

Per di più stavo già immaginando cosa sarebbe accaduto a casa insieme a mio zio.



Ordinammo un piatto di gamberetti arrosto.

Mia madre li assaggiò.



“Buoni, ma sono un po’ troppo secchi.”



La guardai fissa.



“Che ne diresti di bagnarli un po’! Saranno sicuramente più appetitosi!...”



Mammina capì subito. Sorrise.



“Olga, ti amo...”



Mi alzai la gonna, allargai le cosce e mi aprii le labbra della fica con entrambe le mani.

Mammina prese un gamberetto e lo strofinò sulla mia fica, poi lo avvicinò alla bocca, lo succhiò e lo mangiò.



“Uhm, è squisito! Sono una buongustaia, ma non avevo mai mangiato un gamberetto al sapore di fica!”



Ridemmo.



“Mamma, sbrighiamoci! Andiamo a casa, non vedo l’ora di sentire il tu corpo nudo contro il mio!”



Mi baciò.

Sentii il sapore della mia fica sulle sue labbra.

Terminammo di mangiare e andammo a casa.



Appena entrati cominciammo a baciarci e spogliarci reciprocamente.

Ci lasciammo indosso solo le calze: ci eccitava molto vedere le nostre fiche incorniciate dalle calze fumèe.



“Andiamo nella mia stanza” le dissi.



Sapevo che mio zio, da dentro l’armadio, poteva vedere e udire ciò che facevamo, per cui diedi libero sfogo a tutto il mio esibizionismo.



“Vieni, mammina, sono eccitatissima... lecchiamoci un po’ le fiche... vieni... voglio vederti... allarga bene le cosce... hai una fica stupenda...”



Ci mettemmo nella posizione del 69, con lei supina, con la sua fica rivolta verso l’armadio: volevo che mio zio godesse pienamente dello spettacolo che stavo offrendogli.



Allargavo la fica di mia madre, le infilavo le dita dentro la vagina, poi me le portavo alle labbra e le succhiavo.

Tutto questo mentre fissavo l’armadio per far capire a mio zio che tutte quelle oscenità erano dedicate a lui.



Ficcai due dita nella fica di mia madre, cominciai a chiavarla profondamente, mentre ondeggiavo il ventre per strofinarle bene la mia fica sul suo viso.



“Dai, mammina, leccami bene la fica... succhiami le labbra ed il clitoride come sai fare tu... fammi godere... fai godere tua figlia... come io faccio godere te chiavandoti con le mie dita...”



Mentre dicevo questo, seguitavo a fissare l’armadio: immaginavo mio zio che si stava menando il cazzo mentre ci guardava.

Anche io cominciai a leccare la fica di mamma, facendo sempre in modo che mio zio potesse vedere la mia lingua che lavorava la fregna di sua sorella.



Dopo qualche minuto decisi di cambiare.



“Mamma, ferma, adesso chiaviamoci... prendi il doppio cazzo... vienimi sopra... voglio sentirti... il tuo seno contro il mio... e le tue labbra... vieni...”



Mi misi supina, mamma prese il doppio cazzo, me ne infilò la metà profondamente nella fica e quindi si impalò con l’altra metà.

Poi si distese a cavallo sopra di me, con il culo in aria, cominciando a muovere lentamente il bacino, avanti, indietro e a rotazione.



Il cazzo di gomma cominciava a chiavarci, dandoci sensazioni bellissime.



“Oh, mamma, come ti sento bene dentro la fica... chiavami... pensa quanto sarebbe bello se adesso, in questa posizione, un uomo te lo mettesse nel culo... ti piacerebbe?...”



“Oh, Olga, sentirmi la fica e il culo riempiti contemporaneamente da due cazzi mi farebbe godere da pazzi... io già lo ho provato... stare in mezzo a due uomini ... che ti pompano insieme nel culo e nella fica... è stupendo...lo proverai anche tu, tesoro mio...”



Pensai al video porno: immaginai di essere io in mezzo agli uomini. Rabbrividii.



“Mammina, allora sei sempre disponibile a godere insieme a me ed ad altre persone...”



“Si, tesoro, purché siano persone di cui ci si possa fidare...”



Per qualche attimo non dissi nulla. Poi a voce alta le dissi:



“Mammina, ti ho fatto una sorpresa... in questa stanza c’è un uomo... ecco perché ho voluto il buio, affinché tu non possa vederlo... non temere... è molto fidato... tu lo conosci molto bene... ha un grande desiderio di fare l’amore con te... ma ha paura... non vuole che tu lo veda... dimmi, lo facciamo partecipare?”



“Oh, tesoro mio, come lo hai conosciuto?... te lo sei fatto?... ti ha scopato?... dimmi... chi è...”



“No, mammina, non posso dirti chi è... almeno ora... gli ho fatto solo una sega sulla fica... gli ho promesso che se vuole chiavarmi lo deve fare davanti a te... mi piace che tu sia presente quando me lo infilano nella fica... quando saprai chi è godrai ancora di più...”



“Dai, Olga, chiamalo...”



“Vieni... unisciti a noi... facci sentire il tuo cazzo...”



Sentimmo la porta dell’armadio aprirsi.

Dopo qualche istante sentii mia madre sobbalzare.



“Oh, mio Dio, mi sta accarezzando la schiena e il solco del culo... mi da i brividi... sta aiutando il movimento del bacino per chiavarti... ah, Dio mio... mi ha allargato il culo e mi sta passando la lingua lungo tutto il solco... mi piace... si... si... oh, no, si... mi sta leccando il buco del culo... ci ha incollato le labbra... lo sta succhiando... ah... ah... Olga mi fa godere... sentirsi succhiare il buco del culo mentre ci chiaviamo... che gusto...”



Mentre diceva queste parole anche io seguitavo a muovere il bacino per aiutare il movimento del doppio cazzo nelle nostre fiche, mentre la baciavo e strofinavo il mio seno contro il suo.



“Oh, mamma adorata, quanto mi piace sentirti godere... sono felice che la lingua del nostro amico ti faccia godere nel culo mentre noi ci facciamo godere nella fica... ah... si mamma... continua a pomparmi... adesso assaggiamo un po’ del suo cazzo... sentiamo come è... vieni... avvicinati... metti il cazzo tra le nostre bocche...”



Nel buio della stanza vedemmo un’ombra avvicinarsi verso di noi ed in un attimo sentimmo il suo cazzo inserirsi tra i nostri visi: era un gran bel cazzo, grosso e duro, che io già conoscevo.



Cominciammo a leccarlo insieme, alternando i nostri ruoli: se lei succhiava la cappella, io leccavo l’asta, se lei lo imboccava completamente fino in gola, io leccavo e succhiavo le palle, poi scorrevamo insieme con le labbra lungo tutto il cazzo ricoprendolo interamente di saliva.



Con questo trattamento il cazzo di mio zio era diventato un bastone durissimo.

Volevo far godere mia madre, volevo sentirla vibrare tra le mie braccia.



“Basta... adesso inculala... incula mia madre... falla godere...”



L’ombra si staccò da noi.

Mia madre mi baciò, stringendomi di più a se, mentre seguitavamo sempre a muovere il doppio cazzo nelle nostre fiche.

Misi le mie mani sulle sue natiche e le allargai il culo.



“Olga, piccola mia, ti amo... ah... mi ha sputato sul buco del culo e lo sta massaggiando con due dita... oh... oh... mentre mi allarghi il culo mi sta ficcando dentro due dita per aprirlo bene... per facilitare l’ingresso del cazzo... uhmm... ha appuntato la cappella proprio sul buco... sta spingendo... uhm... la cappella è entrata... Olga, è grossa... ah... Dio... sta spingendo tutto il cazzo nel culo... è enorme... mentre entra sento che sfrega il cazzo di gomma che ho nella fica... mi sta impalando... non posso muovere il bacino... il doppio cazzo nella fregna e il suo cazzo nel culo mi hanno inchiodata... ah... ah... lo sta infilando tutto... ho il culo completamente riempito del suo cazzo... Olga, muovilo tu il cazzo nella fica... si, così... così... sento le sue palle contro le natiche... aaah... ci sono riuscita... l’ho preso tutto... me lo ha ficcato tutto nel culo... Dio... impazzisco... uhm... sta cominciando a muoverlo... è grosso... mi piace... godo...”.



Io seguitavo a muovere il bacino.

La tenevo stretta a me: sentivo le vibrazioni del suo corpo ad ogni movimento del cazzo nel culo.

Presi ad incitare mio zio.



“Dai... inculala... falla godere... fai godere mia madre... mi hai confessato che hai sempre desiderato chiavarla e incularla... allora dai... ho esaudito il tuo desiderio... inculala forte... pompala... sento che gode...”



“Olga, tesoro mio, sto godendo da pazzi... mi sta inculando da Dio... mi sta slabbrando il buco del culo... sento che mi arriva allo stomaco... ma ti prego... dimmi chi è... voglio sapere chi mi sta dando tanto godimento...”



Rimasi un attimo in silenzio.



“Hai sentito, mia madre vuole sapere chi sei... vuole sapere chi le procura tanto godimento... vuoi che glielo dica?... non temere... sono certa che ne sarà felice quando saprà chi sei... lo dico?”



Per alcuni secondi nel buio della stanza si sentirono solo i colpi di cazzo nel culo di mia madre ed i suoi gemiti ad ogni colpo.

Poi mio zio disse una sola parola:



“Si!...”, per non far capire ancora chi fosse. Adesso toccava a me.



“Mamma, stringimi forte, goditi questo cazzo nel culo... sto per dirti una cosa a cui forse non crederai... il cazzo che ti sta inculando è quello di tuo fratello... si, di zio Valerio... pensa mammina... è tuo fratello che ti sta inculando...”



Mia madre sobbalzò e gridò.



“Oh... Valerio... fratello mio... proprio tu.... sei proprio tu che mi inculi... è meraviglioso... ah... ah... pompami forte il culo... perché mi hai nascosto i tuoi desideri... avremmo potuto vivere un bellissimo rapporto incestuoso, trasgressivo... come quello meraviglioso che sto vivendo con mia figlia... pensa, di nascosto dei nostri coniugi... un rapporto fatto di complicità e oscenità... ancora... non fermarti... aaaah... come ti sento bene dentro il culo... ti ricordi i nostri giochi sessuali che facevamo da ragazzi... le nostre prime sborrate...”



“Si, Iole... mi sono masturbato spesso ricordando quei momenti... ci davamo il godimento con le mani e con la bocca... quanto rimpiango non essere stato io a sverginarti... a romperti la fica e il culo... quanto tempo abbiamo perduto sorellina... uhm, che bel culo che hai... quante sborrate gli ho dedicato... tieni... te lo do tutto nel culo... prendilo... dimmi che ti piace...”



“Oh, si fratellino mio... mi fai impazzire... ma non venire... me lo hai già pompato parecchio il culo... voglio che mi chiavi... ti voglio sentire anche nella fica... Olga, tesoro, ti dispiace se tolgo il doppio cazzo... desidero farmi chiavare un po’ da mio fratello...”



“Ma no, mammina... non sono mica gelosa... anzi... te lo ho portato apposta zio Valerio... per godertelo in tutti i buchi... dai, vieni, fattelo infilare nella fica...”.



Zio Valerio sfilò il cazzo dal culo di mamma e noi ci alzammo.

Io accesi subito la luce della stanza: appena si videro, mamma e zio si gettarono una nelle braccia dell’altro e si baciarono con passione.



“Oh, Valerio, fratello mio, vieni, mettimelo nella fica... Olga... tu guardaci un pochino mentre mio fratello mi lavora la fica con il suo cazzo...”



Così dicendo mammina si sdraiò supina con le cosce aperte, completamente divaricate: la sua stupenda fica, aperta e umida, era offerta ai nostri occhi.

Mio zio si inginocchiò davanti a lei e le appuntò il cazzo all’inizio della vagina: solo la cappella era dentro.



Con il cazzo così fermo allargò le labbra della fica e cominciò a massaggiare il clitoride con due dita.

Mamma cominciò a mugolare.



“Uhmmm... si... stuzzicami il clitoride... mi fa godere... ma dai... infilami il cazzo... riempimi la fregna... dai... spingilo tutto in fondo... sventrami... Cristo... dammelo tutto... aaaah... ancora in fondo... toccami l’utero con la cappella... si... siiii.... così... fratello mio... fottimi... scopami... chiavami... Olga, guarda come mi chiava mio fratello...”



Mio zio, mentre titillava il clitoride, lentamente, ma senza fermarsi, aveva infilato completamente i suoi abbondanti 20 cm di grosso cazzo dentro il ventre di mia madre.



I ventri dei due fratelli erano a contatto: tutto il cazzo era stato ricevuto dalla vagina di mia madre, con suo grande godimento.

Dopo alcuni attimi mio zio si piegò in avanti, abbracciò mia madre, le incollò le labbra sulla bocca e iniziò la galoppata.



Io mi misi dietro di loro: lo spettacolo che si offriva ai miei occhi era stupendo.

Il cazzo di mio zio entrava e usciva dalla fica di mia madre con veemenza, era enorme, come erano diventate enormi le labbra della fica, gonfiate dallo sfregamento di quel palo di carne.



Mia madre mugolava come una cagna.



“Uhm, uhmmm... così... così mi piace... forte... scuotimi il ventre... ti sento enorme... ti eccita ancora di più sapere che stai chiavando tua sorella, vero?... porco... sbattimi forte... aaaah... aaaaah... quanto sto godendo...”



“Si, Iole... te lo do tutto... prendi... te lo sbatto in fregna... troia... è vero... mi eccita molto di più pensare che sto chiavando mia sorella... che gode nel farsi chiavare dal fratello... puttana... me lo ha detto anche Olga, ma lo sto vedendo anche io... quanto ti piace il cazzo... ho una sorella troia... ma adesso che lo so... mi piaci molto di più... tieni... spero ti piaccia il mio cazzo come a me piace la tua fregna...”



“Oh, si, Valerio, hai un cazzo da favola.... dopo lo faremo provare anche a Olga... anche lei è una gran troietta... se ci siamo ritrovati uno con il cazzo nella fica dell’altra il merito è suo... ancora... spingimelo in fondo... non fermarti...”



Era meraviglioso guardarli.

Si chiavavano con violenza: non so come mia madre potesse reggere quei poderosi colpi di cazzo che mio zio le dava dentro la fica, anzi, dal suo viso era evidente il gran godimento che provava.



Inoltre, non riceveva passiva i colpi del cazzo: anche lei dava forti colpi di ventre verso mio zio, come se avesse voluto farlo entrare nella fica ancora di più.

Io, mentre li guardavo, avevo preso a lavorarmi la fica.



“Valerio, sento che stiamo per godere... facciamo partecipare anche Olga al nostro godimento... vieni tesoro... unisciti a noi... godiamo insieme...”



Mi avvicinai a loro, mi misi a cavallo del viso di mammina, con il corpo girato verso mio zio.

Lui sollevò il busto e si mise dritto, sempre tra le cosce di mammina, con il cazzo piantato nella sua fica.

Eravamo uno di fronte all’altra: io con la fica poggiata sulla bocca di mia madre, che cominciò a succhiarmela con passione, e lui con il cazzo che la chiavava.



Ci abbracciammo e cominciammo a baciarci oscenamente, mentre ondeggiavamo i nostri ventri contro il corpo di mia madre.

Poi mi inchinai in avanti e presi a leccare la fica di mia madre: a pochi cm dai miei occhi vedevo il cazzo di Valerio entrare ed uscire dal suo corpo.



Cominciai a leccare tutto ciò che era a portata della mia lingua: il clitoride, le labbra che circondavano il cazzo, entrambi i pubi, il cazzo quando usciva dalla fica, per poi leccare nuovamente il clitoride quando il cazzo rientrava completamente nel ventre di Iole.

Poi incollai le labbra intorno al clitoride e cominciai a succhiarlo: mia madre non ce la faceva più.



“Aaaah... aaaah... succhiami figlia mia... mentre mio fratello mi chiava... sono felice di essere tra le vostre braccia... sono una donna fortunata... amatemi... la mia fica è vostra... uhmmm... uhmmmmm... Dio... è bellissimo... mio fratello mi fotte la fica mentre mia figlia me la lecca... sono una donna da invidiare... Oddio... sto venendo... non resisto più... aaaaah... spingi il cazzo... succhia il clitoride... Valerio sbattimi... sborrami in fregna... voglio sentire il tuo sperma nella fica... svelto... ancoraaaaa... dai... daiiii... ecco... vengooooo... succhia Olga... succhiami... aaaah... maledetti... schifosi.... vengoooo....”



“Anch’io... ci sono... ti schizzo dentro... la mia sborra... dentro il tuo corpo...”



Vedevo davanti a me il cazzo pulsare mentre sborrava nella fica.

Mio zio seguitava a pompare mentre sborrava.

Dopo qualche attimo lo sperma cominciò a fuoriuscire dalla vagina sotto i colpi del cazzo.

Cominciai a leccare tutto ciò che usciva, me ne riempii la bocca, mi alzai e mi avvicinai al viso di mia madre, la quale, vedendo il mio viso e le labbra sporche di sborra, capì subito e aprì le labbra.



Avvicinai la bocca a qualche cm dalla sua e l’aprii: lo sperma cominciò a colarle in bocca, fino in gola.

Cominciammo a leccarci reciprocamente lo sperma dalle labbra, mentre sentii un tremendo orgasmo afferrarmi il ventre.



Dopo qualche minuto tornammo in noi.

Mia madre e suo fratello si abbracciarono e si baciarono con passione.



“Fratellino, mi hai fatto godere moltissimo! Il tuo cazzo l’ho sentito dentro il corpo, sia nella fica che nel culo, come se avesse fatto parte di me stessa.

Hai veramente un cazzo stupendo, grosso e lungo: me lo sento ancora dentro.”



“Sono felice che ti abbia fatto godere. Spero che questo sia solo l’inizio di un nuovo rapporto intimo tra noi due, senza escludere ovviamente Olga.”



“Sono contenta che tu desideri questo: inizieremo un meraviglioso rapporto a tre. Solo a pensarci mi viene da ridere: i maggiori godimenti della mia vita me li stanno dando mia figlia e mio fratello.

Sono felice! Mi eccitate da morire: solo a guardarvi sento di nuovo la fica bagnarsi!”



Raccontai a mia madre il film porno che avevo visto in albergo e di come ne ero rimasta particolarmente attratta, specialmente per quanto riguardava l’amore tra i due uomini.



“Ah, brutto porco, ti piace vedere i filmetti con gli uomini che si inculano! Non mi dirai mica che....” disse mia madre rivolta al fratello, il quale sorrise.



“Beh... veramente... vista la situazione... tu lesbichi con tua figlia... ti fai inculare e chiavare da tuo fratello... mia nipote mi succhia la sborra... credo che non vi scandalizzerete se vi dico che, benché mi piacciano moltissimo le donne e la fica, ogni tanto mi piace godere anche con gli uomini...”



“Oh, Valerio... il pensiero che tu sia bisex mi ti fa desiderare ancora di più...”



“Zio, dai, raccontaci...”



“È cominciato qualche anno fa. Ho conosciuto un ragazzo bisex, di cui sono diventato amico.

Mi parlava sempre della sua bisessualita’ e di come godesse completamente sia con le donne che con gli uomini. Io, allora, non riuscivo a capire... una sera riuscì a convincermi a provare la sua bocca: fu un pompino fantastico, mi succhiò il cazzo e bevve la mia sborra come la migliore delle troie.

Rimasi sorpreso del piacere che avevo provato.



Mi spompinava spesso, con mio grande godimento, finché non fece del tutto affinché lo inculassi.

Mentre lo inculavo muoveva il culo come un pazzo, lo roteava, lo spingeva contro il mio ventre per farsi infilare sempre più profondamente e stringeva ritmicamente il buco del culo intorno al cazzo come se avesse voluto spremergli tutta la sborra che conteneva.

Fu un’inculata indimenticabile!



Cominciammo a frequentarci periodicamente, ma io avevo sempre una parte attiva, finché, piano piano, non volli provare cosa si provasse a prenderlo in bocca.

Mi piacque moltissimo.

Da li a farmelo mettere nel culo il passo fu breve e, devo essere sincero, ne sono entusiasta.



Da allora la mia sessualità è migliorata moltissimo: godo immensamente sia se scopo una donna, sia se mi incula un uomo.

Mi sento veramente completo.

Dopo di lui ho conosciuto altri uomini, ed è stato sempre molto bello... quando capita l’occasione di conoscere qualcuno che ci sta, non mi tiro indietro, anzi.....”





Sono molto graditi commenti, proposte e ovviamente critiche p

Questo racconto di è stato letto 9 4 2 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.