Erotici Racconti

Olga - 2

Scritto da , il 2010-07-20, genere incesti

OLGA





2 - MIO PADRE





Come d’accordo con mia madre, la sera del sabato seguente mi nascosi nel suo vano guardaroba che stava nella camera da letto.

Questo vano era abbastanza ampio e conteneva tutto il vestiario di mia madre ed era chiuso da una porta a soffietto a due ante ricoperta da specchi. Nella stanza vi era un identico vano per il guardaroba di mio padre.



Tenni la porta leggermente scostata in modo da vedere il letto e rimasi in attesa del loro ritorno.

Verso mezzanotte tornarono dalla loro cena ed entrarono in camera da letto.

Mia madre, che sapeva che la stavo guardando, inizio’ a condurre il gioco.



“Svelto, caro, spogliati... questa notte voglio asciugarti tutta la sborra che hai nel cazzo...”



“Ehi, amore, questa sera ti vedo molto eccitata!...”



“Io sono sempre eccitata... ho la fica sempre bagnata... sei tu che non te ne accorgi...”



Mio padre non rispose.

Intanto si era spogliato ed era rimasto nudo: il cazzo, non ancora eccitato, pendeva tra le cosce pronto ad entrare in azione.

Anche mia madre era rimasta nuda, con indosso solo un paio di calze autoreggenti fumée: era eccitantissima.



“Vieni, porco, mentre te lo succhio raccontami chi ti sei scopato questa settimana... le solite ragazze che vengono nel tuo ufficio?... Hai trovato qualcosa di interessante?”



Lui si mise sul letto e mia madre comincio’ a spompinarlo: il cazzo in un attimo divenne duro.

Io ero già al colmo dell’eccitazione: mi misi una mano sulla fica e cominciai a masturbarmi.

Vedere il cazzo di mio padre scomparire completamente nella bocca di mia madre mi metteva il fuoco addosso.



“No, cara, questa settimana non mi sono chiavato nessuna ragazzina, non ce ne era nessuna che mi attirasse... che avesse il viso da puttana come piace a me... comunque qualcosa l’ho fatto... mi sono fatto succhiare il cazzo da un ragazzo... e a dire la verità anche io glielo ho succhiato...”



Non credevo alle mie orecchie: mio padre che godeva non solo con le ragazzine, ma anche con i ragazzi.

Lo strano fu che sentire questo aumento’ la mia eccitazione.

Mia madre si tolse il cazzo dalla bocca.



“Porco, raccontami... era parecchio che non andavi con i ragazzi... dimmi... te lo sei anche inculato?...”



Si rimise il cazzo in bocca e seguito’ a leccarlo mettendo tutta la sua arte per farmi vedere di cosa era capace.



“No, non l’ho inculato... c’era poco tempo... la prossima volta... è successo che sono andato in bagno ed ho trovato quasto ragazzo che si stava masturbando... vedendomi è diventato rosso dalla paura, ma io l’ho tranquillizzato, ho chiuso la porta e gli ho detto di continuare pure a toccarsi che io lo avrei imitato.

Ho tirato fuori il cazzo dai pantaloni ed ho cominciato a masturbarmi davanti al suo viso.

Dopo un po’ ho preso la sua mano e me la sono messa sul mio cazzo, mentre ho cominciato a masturbare il suo.

Per un po’ ci siamo toccati reciprocamente.

Poi io mi sono inginocchiato ed ho cominciato a succhiarlo: sentivo che godeva da pazzi.

Dopo qualche minuto gli ho detto di farlo a me.

Si è attaccato al cazzo come una sanguisuga mentre si masturbava.

Temevo arrivasse qualcuno per cui accelerai la sborrata: La prima schizzata gliela ho mandata in gola, le altre sul viso...anche lui ha sborrato sulla sua mano... è stato piacevole... piano amore... non farmi sborrare...”



“Si, amore, mi fermo... voglio che mi chiavi... il tuo racconto mi ha eccitato... la fregna è fradicia... vieni... infilamelo dentro...”



“Si cara, ma dimmi... tu non hai chiavato con nessuno?... nessun ragazzino... o ragazzina...?”



“Amore, se ti dicessi con chi ho goduto non mi crederesti mai... sappi solo che è stato stupendo...”



Fui presa dalla paura... temevo che mia madre si lasciassa scappare che ero io la persona con cui aveva goduto... rimasi senza fiato...



“Ti prego... non chiedermi chi è... ho tanto goduto... adesso vieni... chiavami...”



Mia madre si sdraio’ sul letto scosciata, con la fica spalancata e umida di piacere, offerta al cazzo di mio padre.

Lui si mise in ginocchio davanti a lei, le strofino’ la punta del cazzo su tutto lo spacco della fregna e poi comincio’ ad infilarlo lentamente finche’ non scomparve tutto dentro al corpo di mia madre.



“Oh, cazzo... è entrato tutto... sento la punta che mi tocca la bocca dell’utero.. dai... chiava porco... è parecchio che non assaggio il tuo cazzo... fammelo sentire... riempimi la fica... dai...”



Mio padre comincio’ a chiavare con lentezza, tirava fuori tutto il cazzo e poi lo rinfilava fino ai coglioni... mia madre per sentirlo meglio allargava sempre di piu’ le cosce... io dalla mia posizione vedevo il cazzo entrare ed uscire dalla fica di mia madre e il culo di mio padre che si contraeva ogni volta che spingeva il cazzo dentro... io mi stavo martoriando la fica... sul clitoride... tra le labbra... il godimento mi colava tra le cosce... credevo di impazzire dall’eccitazione nel vedere mio padre e mia madre chiavare... credevo di essere al massimo del godimento... ma non sapevo che quello era solo l’inizio.



“Bravo, fottimi... ficcamelo tutto dentro... come mi sento troia... e tu sei un porco... che ti chiavi e ti fai bere la sborra da tutte le ragazzine che incontri... oh... quanto vorrei vederti... dovrebbe essere eccitantissimo...”



“Si, amore... è molto eccitante... sapessi quanto godono quelle troiette nel farsi sborrare in bocca da un uomo che potrebbe essere il loro padre...”



“Oh, Franco, quanto mi ecciti... pensa quanto sarebbe meravigliosamente osceno e libidinoso se nostra figlia Olga ci vedesse chiavare... il solo pensiero mi fa venire... ah, maledetto... ho sentito il cazzo sobbalzare nella fica... anche a te eccita l’idea... oh... dai... sbattimi bene...”



“Si, amore... mi eccita il solo pensiero che mia figlia possa vedere il mio cazzo... se poi addirittura mi vedesse mentre sto chiavando e, magari, mentre sborro... ah... ti prego... penso sarebbe meraviglioso... non voglio pensarci altrimenti sborro… ah... uhm... chissà se si masturba la fichetta... ti sei mai accorta di niente?...”



Io ero inebedita nel sentire mio padre parlare cosi’: stavo impazzendo dal piacere...



“Porco... dai... ficca dentro... non ti bastano le tue ragazzine... scommetto che ti piacerebbe scoparti anche tua figlia... e magari sborrargli in bocca come fai con le altre... oh, il tuo cazzo si indurisce sempre di piu’... non mi dire che non ce lo hai mai fatto un pensierino... sarebbe l’apice della tua vita da libertino... farti spompinare da tua figlia...!”



“Ti prego, amore, non mi dire queste cose... ti prego... non mi far dire... ti prego... ah... che gusto... maledetta... mi stai facendo impazzire... il solo pensiero...”



“Che c’è, porco mio adorato, il solo pensiero di incularti Olga ti fa impazzire?... dai, chiava, che sto morendo... vuoi sapere se si masturba... forse speri di sorprenderla con le mani sulla fica... come ti comporteresti... oh.. il tuo cazzo è sempre piu’ duro... la masturberesti tu... ti faresti masturbare... dimmelo... ti prego... mi eccita l’idea...”



“Tesoro, non so... è vero... mi eccita l’idea... mi fa impazzire... mi accontenterei anche solo di masturbarmi davanti a lei... mentre lei si masturba davanti a me... a cosce larghe ... per mostrarmi la sua fichetta... oh... Cristo... sto impazzendo... ma questi sono solo miei sogni... la realtà è diversa... non è detto che anche lei desideri fare delle porcate con me... se ci provassi forse mi odierebbe... pero’... il solo pensiero mi fa sborrare l’anima...”



“Porco... ficca... chiavami... fammi godere... voglio farti morire... pensa di chiavare lei... tua figlia... pensa che lei goda sotto i colpi del tuo cazzo... ti prego... mi eccita... dai!... chiava tua figlia... dimmelo Cristo... vorresti chiavarla... incularla... dimmelo...!”



“Si, maledetta troia, si... non ce la faccio piu’... lo confesso... vorrei chiavarla con tutto me stesso... vorrei farle bere la mia sborra... leccarle la fica e il buchetto del culo... farla godere... godere... Cristo... cosa pagherei perché anche lei desiderasse succhiarmi... vorrei stringerla forte mentre sborra sul mio cazzo... Dio... non so cosa mi prende... sto impazzendo... si... grazie amore... fingi di essere lei... ora non sto chiavando te... ma lei... mia figlia... Cristo... allargami la fica Olga... che tuo padre ti chiava...”



Ero inebedita... credevo di svenire nel sentire mio padre parlare cosi’... il viso di entrambi i miei genitori erano paonazzi dal godimento... mia madre fingeva di esser me... di essere una ragazzina chiavata dal padre... e mio padre sognava di scopare sua figlia... tutto ciò mi mandava al parossismo del piacere.



Mio padre adesso dava colpi tremendi dentro la fica di mia madre, stava impazzendo nel pensiero di chiavare me. Io seguitavo a martoriarmi la fica dal piacere. Stavo quasi per sborrare quando mia madre seguito’ a parlare...e mi fece morire...



“Porco maledetto... vuoi chiavare Cludine... allora basta... non fingiamo piu’... chiavala... lo desidero pure io... voglio vederti mentre le sborri in bocca... vieni Olga... entra... unisciti a noi... non temere... ti desideriamo sia io che tuo padre... esci dal guardaroba... vieni...”



Ero rimasta senza fiato!



Mia madre mi invitava a godere con loro!

Da una parte temevo di entrare, ma dall’altra desideravo follemente di gettarmi tra i loro corpi e godere con loro.



Mio padre alle parole di mia madre si era bloccato, con il cazzo sempre piantato in fica...non credeva a ciò che aveva sentito...si giro’ verso la porta del vano guardaroba per vedere se fosse vero che io ero li...nascosta a spiarlo.

Temevo di entrare, ma mia madre continuo’:



“Vieni, figlia mia adorata... non temere... ti vogliamo... entra... Franco, devi sapere che io e Olga, nostra figlia, siamo amanti da molti mesi... ci lecchiamo le fiche e ci masturbiamo reciprocamente... è stupendo... facciamo tante porcherie insieme... desiderava tanto vedermi fare l’amore con te... l’ho accontentata con entusiasmo invitandola a nascondersi nel vano guardaroba... ma ignorava il mio invito a godere con noi... spero che sia tu che Olga siate contenti di questa mia sorpresa... amore, perché ti sei fermato... continua a fottermi... fai vedere a tua figlia il cazzo che entra e esce dal mio corpo...”



Mio padre ricomincio’ a chiavare lentamente sempre fissando la porta dietro dove io ero nascosta... mi feci coraggio... aprii la porta ed entrai nella stanza... senza rendermene conto avevo ancora la mano sulla fica... mio padre fisso’ prima il mio viso, poi sposto’ lo sguardo sul mio ventre... la mano sempre sulla fica... poi mi fisso’ di nuovo... senza dire parola... continuava a chiavare mia madre... ma guardava me...



Lentamente mi avvicinai a loro: anche mia madre mi fissava, mentre si martoriava entrambi i capezzoli con le mani.



“Vieni, amore, baciami... bacia tua madre... come facciamo quando siamo sole... non temere della presenza di tuo padre... hai sentito quanto anche lui ti desideri... lasciati andare... godiamo tutti insieme...”



Guardai mio padre: mi sorrise, mentre si passava la lingua lentamente sul labbro superiore.

Gettai via il timore che mi aveva preso e tornai me stessa, la troia porca, amante del godimento.



Mi gettai sul viso di mia madre, la baciai ficcandole tutta la lingua in bocca, le leccai le labbra, le sputai la saliva in bocca e la leccai... la sentivo fremere sotto i colpi di mio padre...



Poi mi avvicinai al viso di mio padre... mi fissava... non osava chiedere... ma i suoi occhi imploravano.

Lo baciai con violenza, lingua in bocca: cominciai a muoverla avanti e indietro nella sua bocca, come se stessi scoparlo... lo sentii fremere... ero felice di farlo godere, ma volevo non si dimenticasse tanto facilmente del piacere che ero in grado di dargli.



Mentre seguitavo a slinguarlo in bocca, cominciai ad accarezzargli lo spacco del culo e a titillargli il buchetto: il culo si alzava e si abbassava nell’atto della chiavata e quando si alzava spingeva verso il dito per farsi penetrare.

Mi morse un po’ la lingua e comincio’ a mugolare:



“Troia mia adorata, quanto ti ho desiderato... quanto mi piace questo tuo dito... porca, fammi godere... fai godere tuo padre...”



“Dai Olga... fallo godere... fagli provare ciò che ti ho insegnato io... avvicinami la fica che intanto te la lavoro un po’...”



Mi avvicinai di piu’, alzai la gamba sinistra poggiandola sul letto e allargai le cosce... mi ficco’ due dita in fregna e comincio’ a chiavarmi lentamente.



Io seguitavo a slinguare mio padre e a toccargli il buco del culo... lui chiavava la fica di mia madre... e mi carezzava il seno.



Rimanemmo in questa posizione per qualche minuto, poi mi tolsi, mi misi in ginocchio dietro mio padre, gli allargai il culo e sprofondai il viso tra le natiche e cominciai a leccargli il buco del culo ficcandoci la lingua dentro: emise un grido di godimento:



“Oh... oh... Cristo... brava... ancora... ancora...”



Mia madre non poteva vedere cosa stavo facendo.



“Amore, stai godendo... cosa ti sta facendo quella porca di nostra figlia... dimmelo...”



“Dio... mi sta ficcando la lingua nel buco del culo... tesoro... come l’hai istruita bene... è proprio una gran troia... come te... ah... ah... ficca Olga... ficca... puttana mia...”



“Ti piace caro... glielo ho insegnato io... a ficcarmi la lingua nella fica e nel culo... a lei piace molto... ha imparato bene... amore... sento il tuo cazzo che sta per scoppiare... ma non sborrarmi in fregna... la prima sborra dalla a Olga... se la merita...”



Stavo impazzendo dal piacere.

Diedi un altro paio di slinguate sul buco del culo di mio padre mentre gli accarezzavo i coglioni e poi mi alzai: volevo condurre io il gioco.



Lo feci sdraiare supino, gambe larghe e ginocchia piegate: aveva un cazzo enorme dal godimento.

Poi feci mettere mia madre a cavallo del cazzo, con la schiena verso il petto di mio padre, le infilai io stessa il cazzo nella fica, la feci sdraiare un po’ indietro, a cosce larghe e ginocchia piegate e comincio’ a chiavarsi lentamente.



Mi sdraiai a pancia sotto e avvicinai il viso tra le sue cosce: a pochi centimetri vedevo i coglioni di mio padre, il suo stupendo cazzo che entrava e usciva dalla fica spalancata, con il clitoride e le labbra in sublime offerta.



Mi gettai sui loro sessi e cominciai a leccare come una pazza, passando da un sesso all’altro: i coglioni, il cazzo quando usciva dalla fica, il clitoride quando il cazzo sprofondava dentro, mentre con le mani carezzavo, massaggiavo, graffiavo.



Cominciarono a parlare tra di loro:



“Amore, mi sta leccando i coglioni, uhm... ne ha preso uno in bocca... lo sta succhiando... Dio... oh... oh no... mi ha ficcato la punta del dito nel culo... mi accarezza i coglioni... sta leccando l’asta del cazzo... sta venendo verso di te...”



“Si, tesoro mio, è arrivata sul mio clitoride... oh come lo lecca... ma io ormai la conosco la sua lingua... è sublime... la punta gira intorno al clitoride... poi lo lecca veloce... sulla punta... Cristo... è velocissima... aiuto... muoio... sto sborrandogli in bocca... marito mio... chiava forte... sto venendo... sborro in bocca a nostra figlia... ah... le piscio in bocca tutto il mio godimento... ah... che godimento...”



Strofinai il viso sulla sua fregna e leccavo, bevevo, godevo, mentre mio padre seguitava a chiavare: spinsi di piu’ il dito nel culo, glielo ficcai tutto dentro.



“Maledetta... mi ha ficcato un dito nel culo... anche io sto per venire... Olga... troia mia... ti prego... bevi la mia sborra...”



Mia madre si sollevo’ dal cazzo che, uscendo completamente dalla fica, mi sbatte’ sul viso.

Mi si avvicino’, prese il cazzo di mio padre con la mano destra, mentre con la sinistra mi prese la testa e l’avvicino’ al cazzo.



“Figlia mia, questo momento non te lo devi mai dimenticare... come quel pomeriggio che per la prima volta hai sentito il sapore della mia fica, della fica di tua madre... adesso sentirai il sapore del cazzo di tuo padre... e della sua sborra... dovrai ricordarlo per tutta la vita... intanti fammi toccare la tua fica... voglio che tu goda insieme a lui...”



Ricordando la prima volta con mia madre sentii la fica contrarsi dal piacere.

Mia madre comincio’ a spingermi la testa verso il cazzo, ma non ce ne era bisogno: aprii la bocca e mi gettai sul cazzo con tutta me stessa, sentii quel palo di carne calda, dura, riempirmi la bocca e cominciai a spompinare con tutta la passione che avevo.



Mia madre mi aveva insegnato che agli uomini piace la gola profonda: aprii la bocca piu’ che potevo e spinsi, finche’ non sentii la cappella entrarmi in gola, l’avevo fatto entrare tutto in bocca... un piacere indescrivibile che mi accompagno’ per tutta la vita.



Intanto avevo alzato il culo ed allargato le cosce: mia madre, da dietro, mi aveva infilato due dita nella fica e uno nel culo ed aveva preso a chiavarmi e incularmi nello stesso tempo.



“Dai, Olga, succhia il cazzo di tuo padre... è il primo cazzo che prendi in bocca... ma è il piu’ eccitante... è il cazzo di tuo padre... intanto io ti chiavo la fica e il culo con le dita come piace a te... succhia tesoro mio... mi piace tanto vederti...”



Succhiavo con tutta me stessa, sapevo che tra poco il cazzo mi sarebbe esploso in bocca: un momento che aspettavo da tanto, da quando mia madre mi aveva esaltato il piacere di farsi sborrare in bocca.



“Olga, figlia mia, mi stai succhiando il cazzo in maniera divina... mai nessuna mi ha mai lavorato come stai facendo tu... ti prego... non ti fermare... ficca anche il dito in culo... fatto da te è ancora piu’ eccitante... succhia la cappella... dai... sto per venire... figlia mia... succhia il mio cazzo... nella tua bocca... la mia sborra... nella tua bocca... maledetta... troia... porca... mi hai ucciso... ah... ah... mi stai facendo sborrare l’anima...”



Un tremendo schizzo di sborra mi riempi’ la bocca: era il primo sapore di sperma della mia vita, aspro, denso, avevo la bocca piena, era un piacere osceno.

Cominciai ad inghiottire ma non feci in tempo a berla tutta: arrivarono altri potenti schizzi, uno di seguito all’altro.



Seguitavo a bere, ma molto sperma usci’ dalla mia bocca e colo’ sul suo cazzo.

Quando mia madre vide che mio padre stava sborrando, accelero’ il movimento delle dita spingendo in fondo, finche’ non sborrai: il ventre aveva continue convulsioni per l’orgasmo tremendo che stavo provando.



Il cazzo di mio padre non finiva mai di sborrare: la bocca, le labbra. Il suo cazzo e il suo ventre ne erano pieni.

Chiamai la mamma:



“Vieni, mamma, lecca anche tu lo sperma di papa’... ce ne è tanto... basta per tutte e due...”



Anche lei si avvento’ sul sesso di papa’ e tutte e due insieme leccammo e bevemmo fino all’ultima goccia lo sperma del nostro uomo.

Rimanemmo cosi’, spossati: io e la mamma con i visi poggiati sul ventre di papa’, con il suo cazzo tra le nostre bocche e lui con le mani che ci carezzava i visi.





Il gran godimento mi aveva quasi fatto perdere i sensi.

Stavo piano piano tornando in me e mi chiedevo se ciò che era accaduto era solo frutto della mia fantasia erotica, ma il cazzo di mio padre ancora vicino alla mia bocca e la mano di mia madre nella mia fica testimoniavano che era stato tutto vero.



Ero felice, avevo goduto immensamente e già sognavo altri splendidi momenti di sesso insieme ai miei genitori.

Quella esperienza mi ha toccato per tutta la vita: ho fatto l’amore con tanti uomini e donne, ma il piacere osceno che provo nel fare sesso con persone del mio stesso sangue non lo provo con nessuno.



I corpi nudi di mio padre e mia madre accanto a me mi stavano nuovamente facendo eccitare: volevo ancora divertirmi e ancora godere, godere.

Mio padre era ancora sdraiato: mi alzai, mi misi a cavallo del suo viso, scosciata e poggiai la fica sulla sua bocca.



Comincio’ a leccarmi come impazzito, mi ficcava la lingua nella vagina muovendola su e giù.



“Dai, papa’, esaudisci anche questo tuo desiderio, lecca la fica di tua figlia... bravo... aspetta che te la allargo con le mani, cosi’ mi lecchi meglio... ah... dai... sul clitoride... cosi’... e lungo lo spacco... dentro la vagina... sei bravo... leccamela bene... che dopo mi chiaverai... mammina, comincia a succhiargli il cazzo... preparalo... fallo diventare bello duro... per chiavare sua figlia... pero’, papa’, devo darti una delusione... non sarai tu a sverginarmi... sono stata già sverginata... si... dalla mamma... con i suoi stupendi cazzi di gomma... non potevamo fare tanti bei giochini se ero vergine... ora che mi ha rotto la fica può chiavarmi a suo piacimento... e con il doppio cazzo ci chiaviamo reciprocamente come due troie... è una delizia...



Se tu invece di correre dietro alle tue puttanelle avessi dedicato piu’ tempo alle donne che avevi a casa... beh! mi avresti sverginato tu... comunque sappi, se può farti felice, che il primo cazzo che ho succhiato e la prima sborra che ho bevuto sono tue... e il primo cazzo vero, di uomo, che tra poco mi entrera’ nella fica sara’ il tuo... questo ti eccita, vero... porco... leccami ancora... anche il buchetto del culo... cosi’... ti piace leccarmi il culetto... lo sento... sappi che nel culo sono vergine... al massimo mammina, mentre mi lecca il clitoride, mi ci infila un ditino... stupendo... se saprai meritarlo, ti daro’ il culo... si, ti daro’ la verginita’ del culo... mi ti faro’ inculare... mentre mammina mi lecca la fica... oh, che gusto mi da la tua lingua... fai piano, altrimenti me ne vengo... ora voglio venire con il cazzo nella fica... vieni...”



Mi alzai.

Per tutto il tempo mammina, eccitatissima dalle mie parole, aveva succhiato il cazzo e le palle e mi aveva preparato un paletto di carne inumidito dalla sua saliva, pronto a fottermi.



Mi sdraiai supina e spalancai le cosce, con le ginocchia piegate: ero completamente aperta, con la fica spalancata dal godimento offerta a mio padre, che si mise in ginocchio davanti a me, pronto ad impalarmi, ma lo fermai.



“Fermo, voglio che sia mamma a infilarmi il cazzo nella fica. Tutto il mio piacere lo devo a lei: prima mi ha fatto conoscere il sesso, poi mi ha sverginato, infine, con la sua arte innata della seduzione, ha organizzato tutto affinche’ tu, mio padre, mi chiavassi.

Vieni, mammina, che tu possa essere benedetta per tutta la vita per tutto il piacere che mi hai dato e che, spero ardentemente, mi darai.

Vieni... devi essere tu ad infilarmi nella fica il primo cazzo della mia vita... dai mammina... ti amo... ti giuro che faro’ del tutto per contraccambiare il piacere che mi stai dando nel farmi chiavare da papa’... dai... so che anche tu lo desideri... infilami il cazzo di papa’ dentro la fica...”



Mia madre mi bacio’ appassionatamente, ficcandomi tutta la lingua in bocca, per mostrarmi tutta la sua gratitudine per le parole che le avevo detto.



“Figlia mia adorata, da quando sei nata ho sempre desiderato che fossimo reciprocamente gli oggetti del nostro piacere sessuale... e sono riuscita a rendere realtà tutti i miei sogni.

Il tuo godimento è il mio godimento, come spero che il mio piacere sia il tuo.

Hai ragione... devo essere io ad infilarti il primo cazzo... nella tua vita ne prenderai tanti altri... ma non dimenticherai mai questo momento... il cazzo di tuo padre infilato nella tua fica da tua madre... oh, figlia mia... che piacere che provo...”



Mia madre impugno’ il cazzo e comincio’ a strofinermelo su e giù tra le labbra della fica: la cappella dura e bollente mi mandava in visibilio.

Mio padre quasi tremava dall’eccitazione.



Mamma appunto’ il cazzo al centro della fica: la cappella era ormai dentro la vagina, il resto del cazzo era fuori e mammina comincio’ a masturbarlo.

Sentivo la cappella gonfiarsi dentro di me, mentre mammina comincio’ a succhiarmi il seno: non ce la facevo piu’.



“Basta, Cristo, sto impazzendo... dammelo... lo voglio... ficcamelo dentro... fammi finalmente sentire il cazzo di un uomo... non farmi piu’ soffrire... spingi... spingi... cosi’... dai... in fica... ficcamelo tutto dentro... oh... come lo sento penetrarmi... mi sta riempendo... è bollente... hai un cazzo da Dio... oh... mamma... papa’... mi avete riempito la fica...”



Mia madre mi aveva infilato lentamente tutto il cazzo nella fica… i ventri mio e di mio padre si toccavano, mi sentivo il ventre pieno di cazzo...

Sempre con il cazzo piantato dentro e con i ventri a contatto, mio padre comincio’ a roteare il suo ventre contro il mio: sentivo il cazzo rotearmi nella vagina.

Mamma, intanto, mi leccava il seno, il collo, dietro le orecchie, il viso, le labbra: non avrei resistito molto a questo trattamento.



“Ti prego... chiavami... fottimi... scopami.... spaccami il ventre... non ce la faccio piu’... allargami la fica con il tuo cazzo... su e giù... ti prego... cosi’... colpiscimi la fica... forte... forte... forte... dai... su e giù... dentro... fuori... chiava... non avrei mai immaginato che il primo cazzo della mia vita sarebbe stato quello di mio padre... non levarlo... quando sborri non toglierlo... voglio sentire i tuoi schizzi... riempimi la fica di sperma... porco... maiale... maledetto... fai godere tua figlia... dai... chiava... ficca... ficca... ah... ah... vengooo... vengoo... sborrami in fregna... ti prego...”



Un colpo tremendo di cazzo quasi mi spacco’ la fica: un orgasmo violento mi fece tremare il ventre, anche io davo colpi verso il cazzo mentre un torrente di sperma bollente mi riempiva la fica, facendomi godere come poche volte ho goduto nella mia vita.





Sono molto graditi commenti, proposte e ovviamente critiche per migliorare i racconti. Attendo anche scambi di opinioni sul genere. Chi desidera contattarmi la mia e-mail è pussycock09@email.it

Questo racconto di è stato letto 1 3 3 1 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.