Una questione di corna: cap.10 Le avventure di Carlo 1

Scritto da , il 2014-10-14, genere etero

La prima volta che vidi Michelle, fu per strada, davanti a casa mia. Camminava davanti a me e la cosa che notai furono le sue gambe lunghe, fasciate dalle calze, che spuntavano dal suo trench, e poi i capelli neri e ricci, tra i quali si notavano due piccola corna rosse, laccate. Niente di strano, visto che era periodo di carnevale. Con rammarico, iniziai a frugarmi le tasche in cerca delle chiavi, chiedendomi con quale delle strofe di Les Passantes Georges Brassens avrebbe inquadrato quel nostro incontro (…A celles qu’on connait à peine/Qu’un destin différent entraîne/Et qu’on ne retrouve jamais*…, probabilmente). Inaspettatamente la vidi fermarsi davanti alla porta del mio stesso palazzo e cercare a sua volta le chiavi nella borsetta. Mi accostai, infilai le mie chiavi nella toppa, le dissi “buon giorno”, spinsi la porta e la invitai a precedermi. Il viso della diavoletta non mi deluse affatto. Anzi. Aveva lineamenti afro e la pelle dorata, non molto scura. 20 anni, su per giù. Gli occhi nocciola e le labbra carnose mi sorrisero, mi disse “grazie” con un lievissimo accento francese e poi mi precedette lungo il corridoio dell’ascensore. «Che piano?» mi chiese una volta entrati. “Al tuo” avrei voluto risponderle. Non per altro, ma per la cortesia con cui me lo chiese, così rara nelle ragazzine ingrugnate che mi capita di solito di incontrare. «All’ultimo, grazie». Lei digitò il piano sotto al mio, quello delle studentesse, e l’ascensore si riempì del suo profumo. «Belle corna» dissi per rompere il ghiaccio. Lei sorrise causando uno squarcio nel sistema solare e mi disse “grazie”. «Lei è il professore? Giusto?» «Sì, certo» risposi imbarazzato. «Ci conosciamo?» «No, io faccio la scuola per interpreti. Viviana, una delle ragazze che sta nel nostro appartamento, è stata ad una delle sue conferenze.» «Oh, beh.» L’ascensore si fermò al suo piano. Lei mi salutò e uscì. La porta si rinchiuse inscatolandomi. L’ultimo tratto di ascensore lo feci immerso in quel che restava del suo profumo. La seconda volta che la vidi fu verso le tre di notte. Ero a letto con Alessandra. Era una notte afosa e dormivamo seminudi quando suonò il citofono. Al primo squillo pensai ad uno scherzo, al secondo mi alzai bestemmiando con un saporaccio in bocca, visto che la sera prima era venuta da noi Lara e avevamo fatto tardi e avevamo bevuto e. «Chi è?» Non era il citofono giù in strada. Era il campanello. Aprii la porta ed era Michelle. Non ebbi il tempo di pensare al fatto che ero in boxer e con la faccia mal ridotta. Non lo notò neanche lei, visto che lei era molto agitata. «Mi scusi, non sapevo dove andare…» «Sì, ok, calmati.» «Enrica, sta male, non possiamo chiamare l’ambulanza. Non conosciamo nessuno. La prego…» La guardai meglio. Era in ciabatte, con una maglietta e i pantaloncini. L’odore che aveva addosso lo conoscevo anche se non era lo stesso che aveva lasciato in ascensore. Pareva sul punto di piangere. «Ok, vengo a dare un’occhiata.» Il mio salotto era ancora devastato dalla serata e per fortuna trovai un paio di pantaloni sul divano. Me li infilai e la seguii di sotto. Nell’appartamento, nonostante le finestre spalancate c’era un gran puzzo di marjiuana. Ci aprì una tizia mora, con lo sguardo lucido e incazzato dietro gli occhiali. Quella chiamata Enrica era distesa a terra, in salotto. Molto pallida. «Mirko e Giovanni se la sono battuta. Bei ragazzi che avete» disse quella incazzata, che poi seppi essere Viviana. Michelle stavolta cedette al pianto. Infastidito mi chinai. La ragazza respirava regolarmente. «Tu» ordinai a Michelle, «portami un bicchiere d’acqua e dentro mettici tre quattro cucchiai di zucchero.» Michelle si asciugò le lacrime e sparì in cucina. «Sai dirmi che cazzo hanno combinato?» feci all’altra. «Boh, ero in camera a studiare. Ho sentito un botto e Michelle che gridava. Sono venuta di qua ed erano in panico. Questa era svenuta ed i prodi maschietti pensavano solo che non si potevano chiamare gli sbirri. In tutto il palazzo conosciamo solo lei. Chiamo un’ambulanza?» Mentre parlava con il suo tono da secchiona, avevo preso la ragazza e l’avevo messa sul divano, con i piedi ben in alto. Quando Michelle tornò con il bicchiere d’acqua si era già ripresa. «Che… chi sei…» disse cercando di rialzarsi. «Stai giù e bevi questo.» «Ma che è…» «Acqua e zucchero. Hai fumato e fa un gran caldo: hai avuto un calo di pressione, tutto qui.» «Davvero?» fece Michelle tormentandosi le lunghe dita affusolate. «Beh, lo spero. Ora come stai?» «Sto… bene. Mi sento anche del tutto lucida.» «È l’adrenalina. Però stattene un attimo buona. Avete caramelle alla liquirizia? No. Procuratevele: fanno bene alla pressione.» alzai e mi sedetti su una poltrona. Michelle si accovacciò accanto all’amica e le carezzò i capelli. Era bellissima con la fronte corrucciata e lo sguardo preoccupato. Viviana salutò e se ne tornò in camera. Dopo un po’, visto che Enrica aveva ripreso colore, mi decisi ad andarmene. C’era un pacchetto di cartine lunghe smoking oro. Le stesse che uso io, peraltro. Trovai una penna e ci scrissi sopra due numeri di telefono. «Questo è il mio» dissi a Michelle. «Quest’altro è di un’amica. È medico e abita a 5 minuti da qui. Se serve, sa stare zitta.» Me ne andai, e mi rinfilai a letto. Alessandra si svegliò. «Che fai?» «Salvo donzelle in difficoltà.» «Che caro. Ora però dormi.» «Certo amore.» La terza volta che vidi Michelle, fu il giorno dopo verso le otto. Suonò il campanello e andò ad aprire la mia compagna. «Ciao.» «Buon… giorno.» «Cerchi Carlo?» «Carlo?» «Il professor Paolussi.» «Ah…, sì. Cioè…» «Senti devi scusarmi, io stavo uscendo. Tu accomodati, Carlo si sta svegliando.» Così alcuni minuti dopo, mentre me ne andavo al cesso in mutande grattandomi la pancia sotto la canottiera, mi trovai di fronte quel fiore di ragazza fresca di doccia che spiava la mia libreria. «Uh!» «Ciao, mi ha fatto entrare tua moglie.» «Sì, certo. Dammi due minuti.» Pochi minuti dopo uscì dal bagno non ancora al meglio di me. Ma almeno avevo pisciato, fatto una rapida doccia e soprattutto mi ero lavato i denti. «Michelle, giusto?» «Sì.» «Caffè, Michelle?» «No, grazie. L’ho appena preso.» «Ok. Tea, allora. O latte, wodka, succo d’arancia? Una canna?» proposi dalla cucina mentre trafficavo con la moka e lei si accomodava sul divano. «No grazie» disse sorridendo. «E poi sono venuta a ringraziarti.» «Come sta la coinquilina?» «Enrica sta bene. Non era nulla. Ci ha fatto morire di spavento e poi è bastato un po’ di zucchero.» Quando la moka ebbe il suo orgasmo, versai il caffè nella mia tazzina preferita e andai in salotto. Mi sedetti sulla poltrona, in vestaglia, di fronte al divano. Lei aveva pantaloncini corti bianchi e una maglietta lilla che dava una meravigliosa luce al suo incarnato scuro. Mentre chiacchierava si era sfilata un po’ l’infradito e lo faceva dondolare inarcando l’alluce. Aveva un piedino delizioso. Mentre bevevo il caffè scoprii che lei veniva dalla Martinica, che Enrica studiava farmacia e Viviana, la secchiona, stava scrivendo la tesi in filosofia. Poi mi chiese del mio lavoro e, contrariamente al solito, qualcosa raccontai, anche perché aveva già saputo qualcosa da Viviana, che, a quanto pareva, aveva letto un paio di robe mie. Nonostante io le facessi presente che non erano affari miei, Michelle ci tenne ad informarmi che la sera prima i loro ragazzi, di lei e Enrica, avevano in mente chissà cosa e avevano caricato troppo le canne, per poi farsela sotto quando Enrica era svenuta. Passammo un’oretta piacevole, poi lei si alzò e l’accompagnai alla porta. La sua schiena, il suo portamento, e naturalmente il suo culo erano spettacolari. «Non ti ho ancora ringraziato…» Le sorrisi: «Tra vicini ci si aiuta.» «Beh, allora non te ne avrai a male se faccio qualcosa per te.» Ciò detto, lasciandomi a dir poco stupito, si inginocchiò e mi aprì la vestaglia. «Uh!» dissi mentre si infilava il mio cazzo in bocca. Lo inghiottì barzotto e se lo sfilò di bocca molto lentamente, già piuttosto duro. Alzò gli occhi e mi guardò con uno sguardo che le mancavano solo le corna che le avevo visto addosso quando l’avevo incontrata la prima volta. Mi appoggiai alla porta d’ingresso e lei continuò il suo lavoretto mentre le prendevo la testa tra le mani. I suoi ricciolini erano fantastici, o forse era fantastico quello che mi stava facendo, e come. Pompino entusiasta, da ventenne. Le sue labbra erano carnose, la sua lingua morbida. Più mi eccitavo, più il suo sguardo pareva trionfante. Non ci fu verso di durare molto, e lei non fece il minimo cenno di volersi staccare al momento clou. Iniziò a poppare, anzi, sempre più tronfia. Quando ebbe finito si alzò e si tose con la punta di un dito, ostentatamente, una gocciolina che le era rimasta su un labbro. «Beh, allora ciao.» Ancora addossato alla parete farfugliai un saluto e la guardai uscire. «’ste ragazzine» dissi al gatto di peluche che aveva osservato la scena dal divano con la sua solita espressione buffa.

*…a quelle conosciute appena,
che un destino diverso porta via,
e che non si ritrovano più…

[altri inediti su http://raccontiviola.wordpress.com/]

Questo racconto di è stato letto 3 7 1 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.