Sorellastra inaspettata

Scritto da , il 2022-08-27, genere sentimentali

Avevo 20 anni quanto ho conosciuto Lucrezia una donna più grande di me di 3 anni russa, era la figlia della nuova moglie di mio padre, quindi legalmente la mia nuova sorellastra, appena la vidi fu amore a prima vista, capelli rossi naturale, occhi azzurri, piccole lentigini in faccia, alta 165, un nasino con la punta leggermente all' insù, insooma proprio il tipo di ragazza che mi fa impazzire... Ed io non sono da meno, sono alto 180, ho un fisico molto asciutto e definito, capelli castano all'ombra mentre al sole sembro biondo, mascella squadrata e occhi marroni chiaro. Era venuta a trovare sua madre e visto che c'era a visitare anche l'Italia. Facciamo subito amicizia e parliano entrambi inglese. Io essendo del posto l'ho portata in giro principalmente in mezzo alla natura, avevo notato fin da subito che era quel tipo di ragazza a cui piace la "spiritualità". Dopo qualche giorno uscimmo di sera in giro per il paesello, nell'aria si sentiva qualla attrazione reciproca tra discorsi sinceri e a tratti seri, per poi farci due risate. Dopo aver girato in tondo torniamo a casa quando tutti dormivano la portai sul divano e la avvolsi con il mio braccio finendo con la mano sulla sua spalla lei si avvicinò con la testa al petto, siamo rimasti così per qualche minuto e poi siamo andati a dormire perchè il giorno dopo dovevamo svegliarci presto per andare in giro con mio padre. Da quella sera in poi le situazione diventavano leggermente sempre più piccanti... La situazione era diventata un po' inbarazzante a casa eravamo semplicemente diventati amici e solo quando eravamo soli potevamo esprimerci. Arrivò l'ultima settimana e dopo sarebbe ritornata a casa sua, quindicolsi questo tempo come un' occasione per riuscire a farci sesso, andammo in un fiume vicino di pomeggio e mi sfidò a tuffarci, ovviamente non potevo tirarmi indiietro, quindi ci spogliamo lei rimane in reggiseno e mutandine ed io in boxer. 1, 2, 3 e ci tuffammo nell' acqua, e la prima cosa che ho pensato è stata "Cazzooo, è fottutamente gelata!!" uscii dall' acqua insieme a Lucrezia tutti e due tremolanti dal freddo, allora abbiamo iniziato ad asciugarci e poi a rivestirci, solo che ho duto togliermi i boxer altrimenti non sarei mai riuscito a riscaldarmi a dovere e mettermi i pantaloni siccome vestirci non era bastato la presi tra le mie braccia. Iniziammo a ridere della cazzata che avevamo fatto e dopo le grasse risate ci fermammo a guardarci negli' occhi, le sue pupille erano molto dilatate... spostai la mano dalla sua schina verso la spalla, poi delicatamente continuai a muoverla verso il collo, per arrivare sulla suaguancia e infine con il pollice inizia ad accarezzare le sue labbra da destra verso sinistra e da sinistra verso destra la avvicinai e iniziai con un bacio a stampo, lei ribattè con un vero bacio così ini ziammo a baciarci intensamente, con le mani presi se gambe per metterle intorno alla mia vita sentivo il mio cazzo pulsare e la sua figa che strusciava sopra di esso sù e giù. Dopo pochi istanti si ferma e mi dice "non riuscirò mai più a vederti come un fratellastro", si staccò da me mi prese la mano e iniziò a trascinarmi verso una panchina la vicino mentre io con l'altra mano in tasca coprivo il mio cazzo duro. Arrivati sulla panchina dopo che mi misi comodo si mette sopra di me controlliamo se c'è qualcuno nei paraggi e inizia a farmi una sega, nel mentre le bacio il collo ed inizio a prendere con la bocca vado sul muscolo tra la spalla ed il collo ed inizio a mordicchiarlo usando le mie labbra per coprire i denti, appena faccio scivolare il muscolo nella mia bocca e fuori, lei si avvinghia con le mani sulla mia schiena e sento le sue dita tese premere con intensità. Preso dal momento mi alzo con lei in braccio e la porto in mezzo ad un boschetto, arrivati sul posto stendo il telo mi avvicino a lei le comando "Girati!", le prendo per i capilli e per il collo li appoggio i mio cazzo sul culo baciandola, cie eccitiamo di nuovo e comuncio a tirarle giù i pantaloncini e poi a strusciare le dita sulla sua figa super pagnata, sposto le mutandine mi slaccio i pantaloncini e la penetro un paio di volte poi la metto in ginocchio a pecora e inizio a scoparla. Mentre la scopavo sentivo l' interno della sua figa che spingeva il mio cazzo in fuori e lei che muguliva, non ragionavo più la insulatavo chiamandola BS (gioco di parole Big Sister / Bitch Sister) e la schiaffeggiavo sul culo. Siamo andati avanti così per mezz' ora circa, sentivo che stavo per venire lo tiro fuori la giro e vengo sulla sua faccia e un po' anche in bocca. La scopata più soddisfacente che ho fatto fin' ora.

Dopo questa bella avventura Lucrezia è tornata in russia ci siamo salutati normalmente per non destare sospetti, siamo stati molto bravi a non farci sgamare da nessuno e questo anche perchè ci capivamo con uno sguardo. Fine

Ciao voglio che tu sappai che questa storia è vera adesso ho 26 anni e siamo nel 2022, se ti è piacuta questa breve esperienza della mia vita fammelo sapere qui sotto nei commenti ;)

Questo racconto di è stato letto 3 2 5 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.