Una questione di corna: cap.11 Le avventure di Carlo 2

Scritto da , il 2014-11-16, genere orge

Qualche settimana dopo ero finito in uno di quei bar lungo la costa che d’estate si riempiono di ragazzi che a loro volta si riempiono di musica e aperitivi ben oltre l’ora di cena. Avevo vagato tutto il giorno nudo tra la rocce in riva al mare in cerca di qualcosa (qualunque cosa con un minimo di senso) e, fattasi sera, mi ero deciso a tornare a casa a mani vuote. Prima però avevo bisogno di un po’ di alcool e questo spiega perché ero lì, al bancone.
Lei si avvicinò e non la riconobbi subito. Sorrise e disse di essere Enrica, la mia vicina di casa. Un abito sorretto da due spalline sottili, che le lasciavano scoperte delle belle spalle abbronzate, copriva qua e là un corpicino leggero e sveglio. Ci misi un po’ a collegare quel bel viso allegro e ben truccato, con il viso smunto ed il corpo svenuto della ragazza che avevo soccorso qualche settimana prima.
Comunque riemersi dai miei pozzi esistenziali e le sorrisi.
«Ah, ricordo. L’amica di… Michelle, giusto?»«Sì, prof., di lei almeno si ricorda» ammiccò lei con un sorriso.
“Beh, sarebbe il minimo” mi venne da dirle, ma stetti zitto e ripiombai un attimo in me stesso. Mi ripigliai quando lei urlò al barman il suo ordine. Allora la guardai di nuovo.
«Ti vedo in forma» le dissi.
Lei scoppiò a ridere, ma si vedeva che l’argomento l’imbarazzava, visto che continuava a seguire il barman intento a preparare i suoi intrugli.
«Già… ora faccio la brava.»
«Peccato….»
Lei mi guardò un attimo e ricambiò il mio sorrisetto stronzetto. Il barman mise sul bancone le sue alchimie di gin e chissà cos’altro e lei pagò. Quindi afferrò i due bicchieroni e mi salutò con un rituale “Behalloraciao”. Io tornai al mio margarita, che bevvi lentamente, indifferente al caos che mi girava attorno. Me ne stavo andando quando me la rividi davanti. Non lei, l’altra.
«Ciao!»
Era Michelle, in forma smagliante, a dir poco. Si era stirata i capelli e truccata con maestria. Un gran pezzo di figliola in un abito stretto, colorato, ben abbinato alla sua carnagione ed alle sue forme.
«C-ciao» risposi con la solita prontezza di riflessi e arguzia.
«Non sei ubriaco, vero?»
«No, non ancora.»
«Invece il tipo con cui siamo in auto, sì. E pure parecchio.»
«Vi serve un passaggio?»

Mentre salutavano questo e quello, me ne andai alla punto. Accatastai su uno dei sedili posteriori libri e altra robaccia che si era ormai persa in auto. Arrivarono che avevo appena finito. Michelle salì davanti e notai appena le sue lunghe gambe che si stendevano sotto al cruscotto.

«Che canzone è questa?» chiese Enrica, seduta dietro, dopo un paio di chilometri.
La guardai dal retrovisore «Ti piace?»
«Sì.»
Michelle ci guardava incuriosita.
«Si intitola “Burning love”. Davvero non riconoscete il cantante?»
Enrica scosse il capo. Altrettanto fece Michelle, con più disinteresse ma maggior grazia.
«Elvis.»
«Questo è Elvis Presley? E ti piace questa roba?» esclamò Michelle evidentemente scandalizzata dal fatto che dalla mia autoradio uscisse la voce di un morto.
«Veramente questa canzone piaceva anche a voi.»
«Ma sembrava roba moderna» si difese Michelle.
«Appunto: questo pezzo è una cannonata e sembrerà moderno anche ai tuoi nipoti.»
Nel frattempo la canzone era finita ed il lettore scelse a random, tra le circa 130 tracce di quel dvd, “This house is not a motel”. Enrica osservò che non le sembrava quello di prima.
Mi venne da risponderle “grazie al cazzo”, ma lo tenni per me e le spiegai che quel dvd era un raccolta piratata da me, e che la canzone era un pezzo acid rock che con Elvis non c’entrava nulla.
«Ah, acid rock, come quello vecchio di Madonna.»
Per poco non inchiodai. Cercai di risponderle con calma, e naturalmente finì per uscirmi il tono pedante che Alessandra amava sbeffeggiare.
«No. L’album di Madonna s’intitola “Acid Music”. E quando i Love suonavano questa musica, lei aveva forse una decina d’anni. Acid rock, è… ad esempio Jimi Hendrix.»
«Ok, prof. non ti arrabbiare» mi coglionò Michelle. «Non eravamo ancora nate.»
Neanch’io ero nato. Che ci crediate o no sono anche molto più giovane di Madonna, ma se è per questo ascolto pure Mozart.»
«E dai, stavo scherzando. Vogliamo solo divertirci.»
Che tristezza. Da qualche parte, nel Wahalla degli eroi del rock, Jimi e Arthur Lee, stavano armeggiando con un laccio emostatico per insegnare a Wolfgang Amadeus come comporre sotto eroina e queste due manco sapevano chi fossero.
Me ne rimasi zitto e tignoso mentre il random sceglieva “Male di miele” degli Afterhours, “White rabbit” eseguita da Patty Smith e “Sonica” dei Marlene Kunz. Trovai parcheggio sulle note iniziali di “Sister morphine”.

In ascensore, sbandavo ancora tra incazzatura e depressione. Per poco mi sfuggirono i sorrisetti complici che si scambiavano le due donzelle. In un attimo, tra il primo ed il secondo piano, Michelle mi si buttò addosso. Mi infilò la lingua in bocca con irruenza, poi si staccò e mi guardò sorridendo con i suoi occhi da gattina. Prima di capirci qualcosa mi si avvicinò Enrica, più lenta. Mi posò un mano sul fianco, per attirarmi a sé, poi si allungò per cercare le mie labbra. Come Michelle, sapeva di giovinezza, limone e tequila bum bum.
Le mie studentesse, le evitavo. Naturalmente c’erano state delle eccezioni, ma di solito preferivo evitarmi rogne. Quelle due invece, perché no? Alessandra era altrove da qualche giorno, ed a casa sarei rimasto da solo con me stesso. Che non era una gran compagnia. Così mi lasciai trascinare nel loro appartamento, mi lasciai spogliare un po’ da una, un po’ dall’altra anche perché più che essere attratto dai loro corpi giovani, dalla loro pelle abbronzata e liscia, avevo un tremendo bisogno di allegria. Trovai il tempo, mentre Enrica mi sbatteva contro un muro infilandomi la lingua in bocca e Michelle mi si inginocchiava davanti, di pensare che se si fosse aperta da qualche parte una paratia e un condutture televisivo mi avesse informato che si trattava di uno scherzo, avrei comunque trovato il tutto divertente. O almeno più divertente del mio appartamento senza Alessandra.
«Caro prof. Paolussi, la ricordavo più reattivo…» mi canzonò Michelle dabbasso.
In effetti, dovevo ripigliarmi un po’. Era il momento di insegnare qualcosa alla linguista. Sollevai Michelle e la sbattei sul divano. Il vestito le si sollevò sulle cosce fino a rivelare un baleno di mutandine viola. I suoi occhi, padroni quando si trovava a tirare la carretta, ebbero un lampo di timore. Sentii che in fondo era una ragazzina. Ma una ragazzina in un meraviglioso corpo di donna.
Mi avventai sulle sue cosce, le presi con le mani, le mordicchiai facendola ridere con i miei versi di cinghiale, poi però scostai le mutandine con il naso e mi diedi da fare nel suo tesoretto. Era rasata, come purtroppo usa ora, ma per quel che stavo facendo andava più che bene così. Sentii che aveva smesso di ridere, e che lo stupore per quell’attacco aveva lasciato spazio a nuove sensazioni.
«Enrica… tu… non immagini…» la sentii gemere prima di biascicare altre cose in francese che non capii.
Ben presto mi resi conto di una cosa. Quel fiorellino era profumato, sensibile, e stava sbrodolando di brutto mentre lei dimenava le cosce accettando che le mie dita raggiungessero la porticina posteriore, solleticandola senza violarla. Ma ciononostante quel fiorellino profumato era un fiorellino di vergine.
Sentii un primo gridolino, ma non la smisi affatto. Il secondo fu quasi grido in morse, poi la sua mano corse a togliere la mia dal suo sedere, facendomi sfilare il dito che le era accidentalmente scivolato dentro. Mi tirai sù sulle ginocchia, mi leccai i baffi contemplando il campo di battaglia, il suo corpo oscenamente ricoperto dal vestitino stropicciato, le mutandine scostate sul suo fiorellino, le labbra socchiuse, ansimanti, lo sguardo in cui l’appagamento stava lasciando spazio ad una sottile vergogna per essersi abbandonata a quel modo davanti a me e alla coinquilina.
Enrica mi venne di nuovo vicino, con uno sguardo strano. Il trattamento che avevo riservato all’amica doveva averla turbata, per così dire. Prese a baciarmi di nuovo, incurante del fatto che avevo le labbra ed il mento lucidi degli umori di Michelle.
«Vieni» sussurrò prendendomi la mano mentre il vestito le scendeva ai piedi. Le rimasero addosso solo le mutandine nere ed una catenina d’oro.
La seguii in quella che doveva essere la camera delle due ragazze. Enrica era piccolina, anche più di Alessandra, ed esile, ed io sono un uomo che si innamora facilmente. Delle persone, delle situazioni. Mentre mi portava via dalla sala la sua schiena magra mi fece simpatia, le sue mutandine nere dal bel taglio mi fecero sesso. Una volta dentro accostò la porta e mi sussurrò di scoparla. Nei suoi occhi vidi molte di quelle cose che o si capiscono, o non si capiscono.
I nostri corpi si abbracciarono, la presi con la bocca, con le mani, con la pelle, e lei fece altrettanto con me. Entrai dentro di lei con fermezza, poi con impeto. Succhiai i suoi seni, i suoi lobi, le sue dita e le sue spalle ed alla fine la sentii stringere le cosce e invocare più volte la madre di dio. Ebbi il mio daffare per divincolarmi quel tanto da venirle sul pube.

Questo racconto di è stato letto 4 0 6 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.