Erotici Racconti

Una questione di corna: cap.9 Le avventure di Alessandra 1

Scritto da , il 2014-09-13, genere sadomaso

Alessandra per andare a Vienna prese il treno perché il viaggio in ferrovia tra Villacco e Vienna, che si snodava tra le Alpi passando da Salisburgo e Linz, era meraviglioso. Inoltre la lentezza del viaggio, a differenza di quanto avrebbe fatto con mezzi molto più rapidi, le avrebbe permesso di calarsi con calma nei panni di una viaggiatrice ottocentesca, come faceva sempre quando andava a trovare il suo barone. La bellezza del viaggio la ripagò, come sempre faceva, della scelta. Peccato solo per l’orrendo Eurostar che aveva sostituito il vecchio caro Romulus, degno erede di quell’Orient Express che un secolo prima sferragliava su quelle stesse rotaie tra Venezia e la capitale austroungarica.
Mentre guardava le anse che la ferrovia faceva tra le falde delle Alpi austriache innevate, Alessandra pensò a quella specie di schizofrenia che di tanto in tanto la spingeva a quei viaggi. Theo Maximilian, il suo barone austriaco, l’avrebbe aspettata sulla banchina del treno con un mazzo di fiori ed un facchino a cui avrebbe affidato i suoi bagagli dopo averle offerto il proprio braccio per scendere dal predellino. Tempo permettendo, l’avrebbe portata a casa sua (un intero, lussuoso, ultimo piano di un palazzo interamente di sua proprietà in pieno centro) su una delle carrozze a cavallo che raramente si spingevano fino alla stazione, preferendo aspettare i turisti nelle piazze principali. Così, fin da subito, lei si sarebbe sentita presa tra il fastidio che le dava il modo aristocratico con cui Theo si rivolgeva al facchino e l’emozione infantile che le dava percorrere il ring di Vienna in carrozza. Sperò ardentemente che non piovesse.
Alessandra non aveva idea di quanto fosse bella con il viso raggiante e arrossato dal freddo mentre saliva con una felicità pura da bambina il predellino della carrozza. Per Theo invece vederla così era una delizia che aveva iniziato ad attendere con ansia fin dal loro ultimo incontro ormai 5 mesi prima. Alessandra gli era corsa incontro alla stazione e aveva accolto i fiori con gioia prima di baciarlo a lungo con passione, come se fossero Ilse Lund e Rick Blaine riuniti a Parigi dopo la guerra.

Quando stava con Theo si lasciava andare ad atteggiamenti che altrimenti avrebbe rifiutato. Nei giorni che passava con lui, lei era “sua”. Era la sua donna. Lui decideva il ristorante, lui le apriva la porta e le scostava la sedia, lui ordinava, assaggiava il vino e infine pagava per lei. Theo poteva sembrare freddo ma dietro al suo impeccabile tedesco ed ai suoi modi eleganti, Alessandra sapeva cogliere un fuoco che lo divorava. Tutto quel distacco serviva a lui per dominarla e lei lo lasciava fare come più tardi forse si sarebbe piegata ad ogni suo desiderio, perché in quel momento lei era la “sua” donna. Il segreto furore che bruciava dentro di lui nasceva dalla consapevolezza, per lui inaccettabile, che quella splendida donna, l’unica capace di sconvolgerlo davvero, per quanto si fosse lasciata corteggiare, ammansire e lusingare, per quanto si fosse lasciata legare, sottomettere e possedere, alla fine avrebbe comunque spezzato ogni catena per tornare al suo lavoro, alla sua libreria autogestita, al suo circolo femminista che lui trovava rivoltante.

Verso la fine della cena, si era messa flirtare con il giovane cameriere che stava elencando il menù dei dolci. Niente di che, giusto una battutina ed uno sguardo tanto da far arrossire il ragazzo e sbiancare Theo. Da quel momento in poi, lui si era chiuso in un mutismo assoluto ed anche quando lei gli aveva chiesto di lasciare qualche euro in più della solita precisa mancia del 10%, si era limitato a fissarla gelido prima di accontentarla.
Sul taxi lei si era data alle ciance commentando la bontà del pasto (e del dolce in particolare) mentre lui fissava ostinata fuori dal finestrino, senza aprire bocca. Una volta a destinazione aveva pagato ed era sceso ad aprirle la portiera, le aveva offerto il braccio ed era stato gelidamente educato come solo un crucco sa essere. Solo in casa, non prima di averle fatto togliere il soprabito (“grazie caro”, aveva sussurrato lei perfidamente angelica), l’aveva spinta in malo modo contro un tavolino Nogouchi di vetro, l’aveva costretta a piegarsi in avanti e si era messo a sculacciarla dicendole, ansimando tra una sculacciata e l’altra, che era la solita cagna italiana, che non poteva fare a meno di metterlo in imbarazzo facendo la troia con tutti. Alessandra gemeva forte ad ogni pacca e si sentiva il culo in fiamme. Tuttavia, in modo perverso, sentiva anche il desiderio crescere in lui, sapeva che tra poco l’avrebbe sbattuta con quell’egoismo narcisista che faceva di lui una persona di merda, ma anche un scopatore d’acciaio bollente. Non l’avrebbe mai supplicato di smetterla perché sapeva che alla fine avrebbe ceduto lui. La sua mano si sarebbe arresa di fronte alla seduzione della sua carne morbida, della sua rotonda femminilità, mentre il reggicalze e le mutandine, che già le si stavano appiccicando al sesso, avrebbero fatto il resto. Già sentiva la sua mano arrendersi, nonostante i suoi colpi si facessero più rabbiosi. Alla fine lui cedette, le abbassò freneticamente le mutandine fino a dove il reggicalze lo permetteva, e la prese d’assalto, fino in fondo, iniziando a montarla come uno stallone la sua giumenta. Anche ora non la smetteva di darle della cagna e della donnaccia, e lei gli dava corda, lo incitava a scoparla, a scoparsi la sua serva di letto, la sua schiava, la sua puttana.
Afferrandosi al tavolino, lei sentiva l’uomo trivellarla. Il sedere in fiamme ora era nulla, mentre solo il suo cazzo duro ficcato in lei significava qualcosa. Quell’affare che le raspava da dentro l’anima, facendola urlare di piacere i propri orgasmi. Alla fine lui si sfilò e la sbattè a terra, in ginocchio. Le ficcò il cazzo in bocca e iniziò a sborrarle dentro la sua di anima. Lei non se ne perse una goccia, inghiottì tutto, e da quella posizione lo fissò mentre crollava su una sedia, svuotato. Sempre fissandolo, si leccò dalle labbra una gocciolina di sperma e poi gli rise in faccia, trionfante. Camminò verso di lui sulle ginocchia e le mani, come una cagna. Si fece largo tra le sue gambe e, con la bocca, si riappropriò del cazzo moscio. Non aveva finito con lui. Quella sarebbe stata una lunga notte.

[altri racconti su http://raccontiviola.wordpress.com/]

Questo racconto di è stato letto 5 7 0 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.