Le avventure di Roxanne. cap.5: Giselle

Scritto da , il 2014-06-23, genere saffico

Per Roxanne erano stati due giorni estremamente intensi. La primavera giustificava solo in parte i suoi continui arrossamenti e lei lo sapeva. Arrossiva ogni volta che incontrava il Conte e la Contessa, oppure padre Baptiste, per non parlare di quando le capitava di incontrare il Marchese d’Erot con il suo negro. Soprattutto il Marchese pareva essersi accorto dei suoi turbamenti e se la incrociava a passeggio nel giardino delle rose o nei corridoi della Magione, non mancava di salutarla con una delle sue farsesche riverenze, di lodarne l’acconciatura o il cappellino, di sorriderle con il suo sorriso da volpe, ed infine non mancava di rilevare quanto fosse incantevole il suo modo di imporporarsi le guance. Lei non era mai sola, in queste occasioni, ma il Marchese pareva ignorare Giselle, che di solito l’accompagnava, ed avere occhi solo per lei. Giselle, in quel momento pareva sparire, e se Roxanne non fosse stata così assorbita dal proprio imbarazzo, avrebbe forse notato che mentre il Marchese la adulava con il suo fare tra il sarcastico ed il lascivo, il suo negro se ne stava serio e silenzioso, mentre i suoi occhi erano impegnati in una più viscerale schermaglia amorosa con quelli verdi della piccola Giselle, che se ne stava trafitta al suo fianco, sentendosi come nuda tra le spire di un pitone, come la vergine rapita dal drago che aveva visto nell’affresco che decorava la cappella della Magione, dedicata a Saint Georges.

Ora che Roxanne poteva cogliere i sottintesi che sfrecciavano da un lato all’altro del tavolone, i momenti del desinare erano i più strazianti. Il Marchese d’Erot sapeva accennare senza dire, ed ogni suo gesto all’apparenza candido, si rivelava essere in realtà un riferimento scandaloso ad eventi osceni che dovevano essersi svolti al riparo della porta della camera da letto del Conte o chissà dove ed erano sottolineati dalla risata sboccata del Conte, dal lieve arrossire della Contessa, peraltro bravissima nel dissimulare ogni emozione sorseggiando una tazza di tea o mordicchiando un biscottino. Roxanne finì per trovare un doppio senso anche dove non c’era, ad avvampare per un nonnulla, a stringere sotto il tavolo la mano di Giselle.

La sera le due amiche, che condividevano ormai molti segreti e turbamenti, condividevano anche il letto e Giselle in particolare era diventava sempre più abile nel dare piacere all’amica. Sapeva come toccarla e dove farlo. Da tempo Roxanne aveva lasciato che la cugina avvicinasse la sua bocca alla sua. Le loro labbra si erano dischiuse e le loro lingue si erano toccate. Al buio, lo scambio di affetto e comprensione che le due stavano vivendo non impedì ad entrambe di pensare ai baci che immaginavano avrebbero dato loro il Marchese o gli altri uomini che riempivano di desiderio quelle loro notti: il figlio del fattore (“oh, Robert…”) per Roxanne ed il principe negro per Giselle. La notte che aveva seguito la confessione, Roxanne, in un attimo di eccitata ispirazione incosciente, era scesa lungo il corpo di Giselle e, mentre la cugina mugolava dei “siii” che parevano miagolii, l’aveva presa con la bocca come immaginava avesse fatto il negro. Giselle era parsa impazzire e d’un tratto Roxanne l’aveva sentita riempirsi di miele e quasi gridare “Koutou, mon prince…”. Era la prima volta che la cugina le rivelava il suo desiderio segreto.

Riconoscente, Giselle si era avvicinata per sentire dalle sue labbra il sapore strano di quel miele, e poi si era chinata per onorare Roxenne con lo stesso impegno. Fu deliziosa.

[http://raccontiviola.wordpress.com/]

Questo racconto di è stato letto 4 6 0 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.