Le avventure di Roxanne. cap.6: Lo Scudiscio

Scritto da , il 2014-07-24, genere sadomaso

Le notti con la dolce Giselle non potevano certo spegnere il fuoco che aveva iniziato ad arderla, un fuoco che l’aria della Magione e la primavera stessa parevano voler riattizzare ad ogni palpito di cuore. Roxanne aveva preso l’abitudine di cavalcare da sola per la tenuta, visto che Giselle pareva non volersi mai allontanare dalla Magione o dal giardino dove, anche se non l’avrebbe mai ammesso, sperava di imbattersi nel negro del Marchese. Lei invece voleva allontanarsi dalla risata grassa del Conte, dallo sguardo severo di zia Claude e da quello falsamente casto della Contessa, dalle occhiate lubriche del Marchese e da tutti. Eppure, durante queste cavalcate, finiva spesso dalle parti della casupola nel bosco dove le poteva capitare di incontrare il figlio del fattore, il cui nome, Robert (“oh Robert…”) continuava a tormentarla. Fu proprio mentre preparava uno dei cavalli per una di queste cavalcate, che sentì la voce di zia Claude avvicinarsi alla stalla. Non capì cose stesse dicendo, ma dal tono intuì fastidio ostentato e rabbia e pensò che non voleva farsi trovare lì. Si rannicchiò appena in tempo per celarsi dietro la paratia di legno che delimitava il box del cavallo che stava bardando, quando entrò la zia Claude sbraitando contro qualcuno che la seguiva d’appresso. Quel qualcuno era il Marchese Denis d’Erot.

«Oh, insomma, Claude, smettetela!» disse lui raggiungendola e strattonandola per un braccio. Lei per tutta risposta si voltò con un movimento deciso che culminò con un sonoro ceffone. Lui lasciò la presa e si portò la mano alla guancia colpita.

«Ah, è così allora?» esclamò con tono che, se non fosse stato per la situazione, poteva parere quasi meditabondo. Poi all’improvviso si lanciò sulla donna, la spinse contro la paratia del box accanto a quello in cui Roxanne stava Roxanne accovacciata a terra, terrorizzata. La ragazza, da sotto la paratia, non poteva vedere altro che la lunga gonna della zia Claude che che strusciava contro lo strame. Non poté quindi vedere, ma lo intuì, che il Marchese teneva saldamente la donna contro le ruvide assi di legno e, senza tanti riguardi, cercava di baciarla. I “no” della donna parvero strani a Roxanne. Li trovo quasi rituali, sempre più flebili. Finché la gelida Claude parve cedere e concesse all’uomo di violarle la bocca con la sua. Per una attimo davvero Claude soccombette alla passione del Marchese, ma poi una delle sue mani vagò in cerca di un appiglio e trovò l’impugnatura di uno scudiscio. Con un movimento da vipera si sciolse dall’abbraccio dell’uomo, lo spinse via e, come una saetta, la sua mano alzò lo scudiscio e lo abbatte sul volto del Marchese che riuscì a scostarsi quel tanto da evitare un segno più profondo del doloroso livido rossastro che subito gli apparve sulla guancia.

«È questo che vuoi?, non ti è bastata ieri sera?» ghignò l’uomo. Lei sollevò di nuovo il braccio, ma stavolta lui lo intercettò e le strappò di mano lo scudiscio. Roxanne capì che zia Claude veniva di nuovo sbattuta contro la paratia, ma stavolta il Marchese la costrinse a voltarsi. Roxanne sentì la donna gemere “non, bâtard”. “Silence, putain!” fu la risposta. Roxanne, sentì il Marchese che, con un ghigno, strappava le vesti della zia Claude mettendone la schiena a nudo. E poi sentì sibilare lo scudisco e la zia gemere, una, due, tre volte finché perse il conto. D’un trattò il Marchese si fermò.

«E ora sei pronta per la cavalcata, putain!» Spinse la donna a terra in malo modo, costringendola a tenersi sulle ginocchia e la mani. Roxanne vide le mani della zia Claude a terra oltre la paratia, e poi le ginocchia del Marchese posarsi sullo strame tra quelle della donna. L’uomo, senza abbandonare il frustino, si fece largo tra le molte gonne della donna ed alla fine riuscì a denudarne il suo bel deretano candido. “Tiè” disse prima di appiopparle un altro paio di scudisciate tra le morbide carni del fondoschiena. Solo allora fu soddisfatto. Si calò le brache e, con un solo colpo, infilò la donna. Roxanne immaginò l’urlo della donna senza sentirlo. Ma l’urlo non arrivò e solo allora la ragazzina capì che i gemiti della donna, benché osceni e smodati, non erano certo di dolore, anche se vi assomigliavano. Neanche quando lui la scudisciò di nuovo, o mentre la sculacciava: i suoi gemiti tradivano solo una sofferenza strana, più legata al fuoriuscire di un piacere dolorosamente incontenibile, che a banali percosse.

«Bâtard, que faites-vous?» mugugnava lei mentre i gemiti si facevano sempre più palesemente di piacere.

«Je te foutre, putain» rispondeva il Marchese, «et maintenant vous sodomisée».

«Oh! Oui…»

[ci si vede con racconti inediti e alcune foto su http://raccontiviola.wordpress.com/]

Questo racconto di è stato letto 7 4 4 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.