Diana, mamma ubbidiente. Schiava delle studentesse.

di
genere
dominazione

Din din, sul cellulare di Giulia arriva una serie di video, in cui Diana, la mamma ubbidiente prestata alle studentesse, viene sottomessa ed usata e picchiata dalle 4 ragazze.
Giulia guarda i video, e risponde:”ciao Lorenza, allora la troia si è comportata bene? Vi ha soddisfatto? Guarda che a lei piace molto essere pisciata e umiliata!! A presto, e buon divertimento porche!!!”
Diana legge il messaggio sul cellulare di Lorenza, che le mostra i video e la chat con la figlia/Padrona e poi le dice:”dai andiamo al cesso che ti piscio in bocca, se Giulia lo vuole tu lo fai...giusto, puttana?!?”
Diana si mette nella vasca da bagno e apre le gambe e la bocca, Lorenza le piscia addosso e in bocca, e le altre tre ragazze fanno lo stesso una dopo l’altra, Antonia dice:”toccati zoccola, fatti un ditalino e godi davanti a noi!!” Diana si tocca la figa e il clitoride e gode mentre le ragazze le sputano addosso.

Diana ha goduto, ringrazia le nuove Padrone e chiede cosa deve fare adesso per servirle, le ordinano di lavarsi e di raggiungerle in camera da letto, dormirà sul tappeto scendiletto tra i letti delle due ragazze, in attesa di nuovi ordini.
Diana si sdraia sul tappeto e cerca di dormire, ma prima di prendere sonno si masturba ancora una volta, pensando a Giulia, la figlia Padrona, e a quando tornerà da lei...

La mattina dopo alle 9.00 la colazione è pronta in cucina: caffè latte, pane tostato, burro e marmellata, succhi di frutta, e le 4 arrivano tutte insieme, si siedono a tavola e consumano la loro colazione, Diana è in ginocchio in silenzio; una delle ragazze le mette in bocca le dita sporche di marmellata, Diana lecca e succhia, mugola e geme come una gatta, poggia la testa sulle ginocchia della giovane, che la prende e la fa mettere a 90 gradi sul bordo del tavolo.
Diana è appoggiata al tavolo, culo in aria, Francesca prende un po’ di burro col dito medio e glielo infila nel culo, e poi infila tre dita nell’ano di Diana, e inizia un dentro e fuori, le dita diventano 4 e il culo si apre, Diana fa:”ooohooh ssiiii...mmmmh che bello, ssiiii !”
Angela e Lorenza baciano Diana sulla bocca, le sputano in bocca la marmellata e poi mentre Diana ancora viene fistata nel culo la prendono e si spalmano altra marmellata sulle fiche:”dai zoccola, lecca la marmellata, mangia tutto!!”
Diana lecca, Francesca le sfonda il culo e le mette tutta la mano in culo, le ragazze godono, e Diana gode con loro, gemono e gridano tutte e tre, e Diana sussurra:”le botte, vi prego, sul culo, sulle gambe, sotto i piedi, vi prego datemele forte, vi prego!!” e continua a leccare e a godere.
Le porcelline iniziano le torture: una prende una cintura di cuoio, una un cucchiaio di legno, e le altre due usano le mani, e Diana si prende schiaffi in faccia in grande quantità, frustate su schiena e cosce, e, quel che più le fa male e la eccita, un sacco di colpi sotto le piante dei piedi, forti duri e ritmati...
Diana adora essere sottomessa e presa a schiaffi, insultata e frustata su culo e schiena, ma quello che la eccita e la fa godere come una bestia è sentire i colpi e il dolore sotto i piedi, e gode, urla e gode, si tocca il clitoride, e viene:”aaaaahhah ssiiii cazzo, ssiiii ancora cazzo !! Dai menate forte, massacratemi caazzoooo siiii!!” E viene e gode, e squirta masturbandosi e schizza...
Finito l’orgasmo Lorenza vede il pavimento bagnato e subito urla:”troia, hai pisciato per terra !! Che lurida porca che sei...adesso lecchi tutto e pulisci, subito!!” Diana si mette in ginocchio e lecca il tavolo, il pavimento, pulisce tutto con la lingua, mentre le ragazze fanno video da inviare a Giulia, e non solo a lei.

Diana poi rassetta la cucina, pulisce tutto, e poi fa i mestieri nelle camere da letto, e in bagno, rende la casa perfetta e pulita, dopodiché si rimette in ginocchio in attesa di ordini.
di
scritto il
2024-06-13
2 . 3 K
visite
2 4
voti
valutazione
5.6
il tuo voto
Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.