Devo scopare la moglie di mio fratello perché lui scopa la mia.

Scritto da , il 2022-05-18, genere scambio di coppia

Negli ultimi tempi i rapporti con mia moglie erano peggiorati decisamente, i contrasti erano continui ed eravamo arrivati al limite della separazione. Nessuno di noi due riusciva a spiegare i motivi per quella situazione ma insieme non stavamo più bene. Decidemmo di separarci per un periodo per capire cosa non andava. Mio fratello mi ospitò volentieri a casa sua mentre lei rimase a casa.
Mio fratello Carlo e la moglie Marisa non avevano avuto figli ed avevano adottato una bambina giamaicana che ormai però aveva diciotto anni ed era splendida. Di nascosto della ragazza si lamentavano con me perché la ritenevano ingestibile, voleva fare il comodo suo e frequentare chi voleva.
Chiesi a Carlo se fosse il caso che restassi perché già la ragazza dava i problemi e non li volevo creare anch'io. Carlo unitamente a Marisa mi supplicarono di restare e provare a convincere Adma ad un comportamento più civile. Capii che i problemi erano in ogni casa.
Io e Adma avevamo le camere vicine mentre Carlo e Marisa le avevano oltre il salone. Andammo a letto verso le undici e Adma non ancora rincasava, eravamo tutti preoccupati. Dopo dieci minuti rientrò, diede la buonanotte a tutti e senza cena andò direttamente in camera. Verso le due fui svegliato dal pianto della ragazza quindi mi alzai, bussai alla sua porta ed entrai. Era nuda sul letto, un immagine paradisiaca, era bella che di più non si poteva. Richiusi la porta stavo per uscire, lei mi disse di rientrare. "Adma perché piangi"?
Non si coprì minimamente e mi invitò a sedermi sul letto. "Ho litigato col ragazzo" "Cara ragazza con la tua bellezza i ragazzi li trovi a migliaia"
"Ti trovi bene con Carlo e Marisa" "Si mi trovo bene anche se troppo controllata" "In fondo è per il tuo bene" "Bene ora calmati e dormi, domani ne riparliamo" Le diedi un bacio sulla fronte ed uscii. Avevo fatto una fatica del diavolo a tenere il cazzo nascosto, tanto che tornai in camera e mi stavo facendo una splendida sega. Mentre mi segavo sentii dei passi sul corridoio e vidi Marisa nuda che controllava Adma e forse anche me. Accesi la luce all'improvviso scoprendo lei nuda. "Marisa che bella che sei" "Tutti lo capiscono escluso tuo fratello" "Vieni entra fammi vedere lo spettacolo" "Facciamo subito che se si sveglia Carlo sono cazzi" "Vedevo muovere la coperta ti stavi segando per caso"? "Sono eccitato mi manca la figa" "Dai fai subito e vienimi dentro" In piedi alla pecorina la trafissi come uno spiedo e scappò subito in camera. Almeno avevo scaricato la sborra. Mi dispiaceva per mio fratello ma secondo me queste avevano una fame arretrata di cazzo. Il giorno come se non fosse successo nulla, ma l'occhiolino che Marisa mi faceva ogni tanto facevano pensare. Marisa un giorno mi informò che da quando stavo in quella casa Carlo usciva sempre più spesso e pensava che andasse a trovare mia moglie Gabriella. "Benissimo quindi possiamo scopare io e te tranquillamente" "Si ma l'imbecille torna e se ci vede non so cosa cazzo potrebbe fare". Adma mi disse che avevo ragione e che i ragazzi la seguivano. Marisa mi spiegò che Adma è ninfomane scoperebbe sempre.
Detto fatto seguii Carlo in una delle sue uscite e scoprii il motivo dei disaccordi con con la troia che avevo in casa. Riceveva mio fratello, mi sentii sollevato ed autorizzato a scopare Marisa, ed infatti tornai da lei la presi quasi con violenza la portai in camera le strappai i vestiti di dosso e stavamo scopando alla grande perché anche lei si era lasciata andare, quando sulla porta apparve Adma nuda. "Mamma io sono controllata e tu scopi con lo zio"? "Vieni tesoro che ti spiego" Si distese anche lei sul letto e le raccontammo quello che succedeva. Il mio cazzo avendo due fighe a fianco era bello duro e grosso e Marisa aveva ripreso a succhiarmi il cazzo, mi arrotolai su me stesso ed iniziai a leccare la figa di Adma che spalancò le gambe e mi premeva forte la testa. Venne subito Adma che era eccitatissima e mi dedicai interamente a Marisa scopandola selvaggiamente quando vedemmo Carlo sulla porta. Marisa disse "Dai sborrami dentro dai, dai" e venimmo in maniera esagerata. Carlo non disse nulla perché aveva capito ed infatti in pochi giorni si trasferì nella mia casa. Nel cambio ci guadagnai io perché Marisa era molto più bella di Gabriella ed inoltre avevo Adma che partecipava alle nostre scopate.
Adma quando provò il mio cazzo disse che era molto meglio di quello dei ragazzi con cui aveva scopato. Le spiegai che l'uomo con qualche anno in più è molto più bravo dei ragazzi. Si orientò a scegliere tra i suoi spasimanti ed io e Marisa facevamo i selezionatori. Si unì ad un giovane separato che la scopava deliziosamente ed io mi dedicai completamente a Marisa che rinacque letteralmente. Tra fratelli non discutemmo affatto quando ci rendemmo conto della situazione, lui stava meglio con Gabriella ed io avevo la mia Marisa.

Questo racconto di è stato letto 1 1 4 3 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.